Sagunto

Risalente al V secolo, Sagunto è un insediamento iberico sulla costa orientale della Spagna. La città è dominata da un vasto castello in cima a una collina, visibile da miglia di distanza. A causa della sua posizione strategica, Sagunto fu aspramente contesa da molte civiltà, in particolare dai Cartaginesi sotto Annibale che conquistarono la città nel 219 aC, portando con sé i suoi elefanti. Sette anni e dopo la seconda guerra punica, i romani si ripresero la città, seguiti per molti secoli dai visigoti e, successivamente, dagli arabi, fino a quando furono espulsi dalla Spagna dai re cristiani. Tutte queste influenze hanno lasciato monumenti storici che è un piacere esplorare seguendo le strette strade di ciottoli di Sagunto. Per un breve periodo, all’inizio del ‘900, Sagunto divenne un centro di produzione siderurgica e i massicci forni di acciaio e alcuni magazzini presso la piana sotto il castello e presso il porto di Sagunto sono stati trasformati in un museo a cielo aperto e attrazione turistica, che documenta la vera rivoluzione industriale di Sagunto. A solo un’ora di autobus o treno da Valencia, Sagunto è anche un luogo ideale per una piacevole gita di un giorno.

Leggi anche: 14 migliori cose da fare a Lugo, Spagna

1. Salite al Castello di Sagunto

Risalente agli Iberi che per primi costruirono vaste mura fortificate in cima a una collina dalla sommità piatta, il castello di Sagunto riflette al meglio gli alti e bassi storici accaduti nel corso di 2000 anni. La salita non è facile ma può essere resa più comoda prendendo un trenino turistico dal centro del paese. Il complesso del castello è diviso in sette sezioni, ognuna con la propria storia. L’intero mezzo miglio del muro può essere percorso con splendide viste sulla città da un lato e sul Mar Mediterraneo dall’altro. Portare acqua e un cappello per il sole, poiché c’è poca ombra e nessun chiosco di ristoro.

2. Applausi al Teatro Romano

Scendi lentamente dalla collina del castello lungo sentieri piuttosto scivolosi ma attraverso ombrosi pini fino al Teatro Romano. Inizialmente aveva una capacità di 8.000 spettatori. Gran parte del teatro è in rovina, ma è stato restaurato alla fine del 20° secolo, incorporando le restanti caratteristiche storiche. Si entra attraverso un vasto arco e si può passeggiare, salendo sul palco. Il teatro è oggi utilizzato per spettacoli e concerti di grande attrattiva, in particolare il Sagunto Summer Stage Festival.

3. Esplora il quartiere ebraico

All’inizio del XV secolo, Sagunto aveva una fiorente comunità ebraica. Il quartiere ebraico, compreso il cimitero di Sagunto, è uno dei meglio conservati di tutta la Spagna. L’ingresso è contrassegnato da un arco e da una targa e lo troverete facilmente scendendo dal castello oltre il teatro. Proprio all’interno troverai una minuscola apertura in uno spesso muro che, secondo la guida, è la finestra più piccola del mondo. Puoi esplorare da solo o fare una visita guidata. Se pernotti, puoi anche goderti un tour notturno.

Leggi anche: 12 migliori destinazioni per vacanze al mare in Spagna

4. Plaza de Armas

La più famosa delle sette sezioni del complesso del castello è la Plaza de Armas, raggiungibile attraverso un arco moresco vicino al centro. Qui ci si trova nella parte più antica del castello con resti di un foro romano, edifici pubblici dell’epoca, cisterne scavate nella roccia e persino resti di botteghe.

5. Osserva Via del Pórtico

Scoperta nel 1991 quando furono gettate le fondamenta di due condomini, Via del Pórtico offre uno spaccato della vita romana nel I secolo a.C. Il fulcro della scoperta è una strada lunga 60 metri completa di antiche lastre di pietra e solchi fatti da carri, che si pensa faccia parte dell’originaria Via Augusta. Lungo la strada, ora ben protetta da vetrate con camminamenti da cui guardare in basso, si trovano fondamenta di case e terme romane oltre ad alcuni originali oggetti per la casa.

6. Informati a Casa dels Berenguer

Plaza Mayor è, come indica il nome, la piazza principale di Sagunto. A pochi passi troverai la Casa dels Berenguer, un notevole palazzo gotico con caratteristiche rinascimentali che è anche un centro di informazioni sulla storia di Sagunto tramite display e video interattivi.

Leggi anche: Viaggiare in Spagna con il cane

7. Scendi sulla spiaggia del porto di Sagunto

Se hai in programma più di una gita di un giorno, vorrai goderti un tuffo in mare sulle incantevoli spiagge bianche vicino al porto di Sagunto, a circa otto chilometri dal centro del paese e facilmente raggiungibili con l’autobus locale. Dirigetevi verso Marina Canet e verso nord verso la spiaggia di Malvarossa, una lunga distesa di sabbia bianca e finissima e dune. La spiaggia non è quasi mai affollata, fatta eccezione per le vacanze estive di agosto. A sud di Canet si trova la spiaggia più urbana ma ugualmente bianca di Sagunto con un lungomare, bar, caffetterie e ristoranti.

8. Acquista un souvenir

Una nave tradizionale per il trasporto dell’acqua da parte di contadini e camminatori, che si trova solo a Sagunto, è chiamata colcho. È realizzata in sughero e tela, rinforzato con ottone riccamente goffrato. Oggi questi gingilli sono ancora fatti a mano ma sono prodotti da persone con disabilità presso il Centro di Occupazione San Cristobal. È un souvenir decorativo e l’acquisto serve anche una buona causa.

9. Dai uno sguardo al passato industriale

Sulla strada per la spiaggia, scendi dall’autobus non appena scorgi un monumentale edificio industriale alla tua destra: Alto Horno n. 2 è l’ultimo rimasto di tre enormi fornaci dell’era di breve durata della produzione dell’acciaio a Sagunto. L’imponente forno è stato restaurato e può essere visitato durante le visite guidate, salendo su una scala esterna di piattaforma in piattaforma. Attigua ad essa ci sono magazzini e diverse strade con le case ben conservate degli operai, compresi i bar e i pub che frequentavano. È un tipo di storia molto diverso in una città che ne è ricca.

Leggi anche: 10 migliori cose da fare a Cáceres

10. Accendi una candela nella Chiesa di Santa Maria

Su un lato di Plaza Mayor si erge la chiesa gotica di Santa Maria con facciata barocca. (Il campanile è anche un buon punto di riferimento durante la navigazione per le strade della città.) Accanto alla chiesa c’è un muro lungo e alto che, a prima vista, sembra insignificante finché non si sa che contiene parte di quello che nell’antichità era il tempio della dea Diana. 

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento