monumenti greci

Si dice che in alcune zone della Grecia sia impossibile scavare senza trovare antichi monumenti della Grecia. In effetti, la costruzione della metropolitana di Atene, ora imponente, è stata ritardata per molti anni perché gli operai continuavano a fare importanti ritrovamenti. Non c’è quindi da stupirsi se il Paese ospita forse la più incredibile collezione di monumenti antichi del mondo. Il periodo ellenistico si estende per oltre 16.000 anni, dal XII secolo a.C. al 600 d.C. circa, regalando al mondo la filosofia, la matematica, la medicina e molto altro ancora. Composto da un insieme di città-stato legate da una lingua e una cultura comuni, diede vita agli imperi minoico, miceneo e macedone e diffuse la conoscenza in lungo e in largo nella regione eurasiatica. Le ripercussioni dell’Antica Grecia rimangono intorno a noi. Ecco 13 dei più impressionanti monumenti greci da visitare.

Leggi anche: Mare in Grecia, le spiagge e le isole più belle

13 monumenti greci assolutamente da visitare

1. Acropoli, Atene. Costruita nel V secolo a.C. e dedicata ad Atena, la dea della saggezza, l’Acropoli è uno dei monumenti greci più importanti da vedere quando si visita Atene. Il suo iconico tempio del Partenone – probabilmente il sito antico più riconoscibile al mondo – si trova in cima a una collina nel centro della città e la sua maestosità può essere ammirata da qualsiasi punto. Il punto di riferimento greco ospita una serie di importanti monumenti in Grecia, tra cui il Tempio di Atena Nike, l’Eretteo e i Propilei, la porta monumentale del sito. Dalla strada si raggiunge la vetta con una breve camminata e, mentre la vista sulla metropoli moderna e la brezza spesso vi accolgono, il sole che si riflette sui monumenti antica Grecia di marmo chiaro può essere abbagliante, quindi preparatevi. Uno dei migliori musei d’Europa, il Museo dell’Acropoli si trova ai piedi dell’Acropoli stessa. Il museo racconta l’incredibile storia di questo luogo iconico e presenta spazi lasciati vuoti nella speranza che i controversi Marmi di Elgin vengano un giorno restituiti dal British Museum di Londra.

2. Cnosso, Creta. Estesa su circa sei miglia quadrate e occupata fin dal neolitico, Cnosso a Creta non è solo il sito dell’Età del Bronzo più esteso della Grecia, ma si pensa anche che sia la città più antica d’Europa. Il sito principale comprende il vasto palazzo risalente al 2000 a.C. circa, che costituiva l’epicentro della civiltà minoica e si estende per circa cinque ettari. All’epoca, rappresentava un’incredibile dimostrazione di ricchezza per un impero che si estendeva fino ad Atene e oltre. La pianta del palazzo potrebbe essere l’ispirazione per uno dei miti più duraturi della Grecia, la leggenda del Minotauro, una bestia feroce a cui ogni anno venivano sacrificati sette ragazzi e ragazze ateniesi, finché non fu sconfitto dall’eroe ateniese Teseo. Cosa fare e vedere a Creta

3. Tempio di Poseidone, Sounio. Sulla punta meridionale della penisola ateniese, a circa 30 miglia dal centro della città, il Tempio di Poseidone sorge su una collina che si affaccia sullo scintillante Mar Egeo. Il tempio risale al 400 a.C. circa, anche se si pensa che altri abbiano preceduto l’attuale struttura sullo stesso sito. Dedicata al Dio del mare, delle tempeste e dei terremoti, anch’essa ha un ruolo nella storia del Minotauro. Il padre di Teseo, il re ateniese Egeo, attendeva il ritorno della barca del figlio da Creta, aspettandosi di vedere vele bianche se Teseo avesse sconfitto il minotauro, e nere se fosse morto nella sua impresa. Nella gioia della vittoria, Teseo dimenticò di ammainare le vele nere ed Egeo, addolorato per la scomparsa del figlio, si gettò in mare, dandogli il nome di Egeo. Molti greci ritengono che gli incredibili tramonti che si vedono qui ogni giorno siano una testimonianza della sua memoria. Il tempio è probabilmente una delle più belle rovine greche di oggi, grazie alla sua posizione e alla sua elegante semplicità.

4. Sito archeologico di Olympia. Situata in una valle alla confluenza di due fiumi, l’antica Olimpia è il luogo leggendario che ha dato vita ai Giochi Olimpici originali, una celebrazione di antiche culture ed eventi sportivi durante i quali tutti i conflitti venivano interrotti. I giochi moderni sono solo una delle eredità di questo luogo. Nel suo periodo di massimo splendore (tra il X secolo a.C. e il IV secolo d.C.), i suoi templi, come l’Altis, il santuario degli dei, influenzarono simili imprese architettoniche in tutto il mondo ellenistico. La statua di Zeus, che si dice risiedesse qui, è stata annoverata tra le sette meraviglie del mondo antico. Una visita oggi rivela un luogo in gran parte sonnolento, con le colline e le valli circostanti poco cambiate rispetto ai tempi antichi. Molte strutture sono ancora al loro posto e non è difficile immaginare di essere trasportati indietro nel tempo, quando Olimpia era una delle città più importanti del suo tempo.

5. Acropoli di Lindos, Rodi. La parola Acropoli non è esclusiva della cittadella magnificamente conservata di Atene: tradotta dal greco antico, significa “città sul bordo”. Esistono molti insediamenti di questo tipo in tutto il Paese, un retaggio dei centri abitati che si mantengono in cima a una collina per individuare tempestivamente i pericoli. Uno dei migliori esempi è il magnifico complesso che sovrasta l’attuale località turistica di Lindos, sull’isola di Rodi. Risalente al IV secolo a.C., il sito è composto da templi, un teatro, una stoa (un magnifico passaggio coperto) e cimiteri. Come per la sua controparte ad Atene, è una camminata impegnativa fino ai 400 metri della cima, quindi è bene essere preparati con acqua e qualche forma di ombra. Guida turistica di Rodi, Grecia

6. Sito archeologico di Delos. Questa piccola isola rocciosa al largo di Mykonos è uno dei monumenti greci più importanti, un museo vivente dove gli scavi si svolgono tutt’intorno a voi. Si dice che sia stata il luogo di nascita degli dei gemelli Apollo e Artemide, ma la remota isola ha avuto una storia travagliata, passando da luogo di culto in cui non era permesso a nessuno di nascere o morire, a vivace porto in epoca romana, fino all’abbandono nell’ottavo secolo, quando la popolazione diminuì. Oggi il risultato è un sito pieno di meraviglie, dove i punti salienti sono i templi, i mercati e i mosaici, oltre alla Terrazza dei Leoni, una passerella di sette bestie ringhiose (si pensa che all’epoca della costruzione fossero 12) costruita in onore di Apollo. Un museo informativo racconta la storia dell’isola.

7. Antica Corinto. Conosciuta dai cristiani attraverso le prime due lettere di San Paolo del Nuovo Testamento, Corinto era una delle città più grandi e significative dell’antica Grecia. Situata a metà strada tra Atene e Sparta, sull’istmo di Corinto (una stretta striscia di terra che separa il Peloponneso dalla terraferma greca), si trova a circa tre miglia a sud della città moderna che porta lo stesso nome. La posizione strategica di Corinto la rendeva un punto nevralgico per il commercio e si pensa che al suo apice, nel 400 a.C., la popolazione raggiungesse quasi 90.000 persone, una cifra sbalorditiva per gli standard dell’antichità. Furono costruiti templi, fori, fontane e terme, i cui resti sono visibili oggi negli scavi che si estendono dalla città antica fino alla collina dell’Acrocorinto, una cittadella nello stile dell’Acropoli.

8. L’antica Micene, vicino a Nauplia. Il mondo deve ringraziare l’archeologo dilettante del XIX secolo Heinrich Schliemann. Non solo ha scoperto l’antica Troia nell’attuale Turchia quando nessuno se lo aspettava, ma ha ripetuto l’impresa a Micene nel 1876. Fino ad allora, Micene era considerata una leggenda. Presente nell’Odissea e nell’Iliade di Omero, si sosteneva che fosse la patria di Agamennone, il re che comandò i greci durante la guerra di Troia. Le scoperte di Schliemann hanno portato l’antico sito sulla mappa. Situato su una collina tra vaste catene montuose greche, ospita il Palazzo di Agamennone, varie tombe e tombe, una scenografica porta dei leoni e un piccolo museo molto istruttivo.

9. Arco di Adriano e Tempio di Zeus Olimpico, Atene. Chiamato così in onore dell’antico imperatore romano e costruito intorno al 131 d.C., l’Arco di Adriano è una magnifica porta in marmo pentelico nel centro di Atene. Sormontato da colonne corinzie, un tempo era l’ingresso di un’antica strada che conduceva al vicino Tempio di Zeus Olimpico. È interessante notare che la parte inferiore dell’arco presenta iscrizioni contrastanti a seconda del lato in cui ci si trova. Sul lato rivolto verso l’Acropoli si legge: “Questa è Atene, l’antica città di Teseo”, mentre l’iscrizione rivolta verso l’Olimpo recita “Questa è la città di Adriano, e non di Teseo”. A pochi passi di distanza si trova il Tempio di Zeus Olimpico, uno dei progetti di costruzione più ambiziosi e duraturi del mondo antico. I lavori del tempio iniziarono nel VI secolo a.C., ma furono completati solo 628 anni dopo. Con la caduta dell’Impero Romano, i suoi magnifici marmi furono saccheggiati ed estratti e il sito cadde in rovina poco più di 100 anni dopo il suo completamento. Nonostante ciò, 16 delle 104 gigantesche colonne originali sono rimaste e dominano questa parte dello skyline ateniese.

10. Teatro di Epidauro. L’antico Teatro di Epidauro è a dir poco miracoloso. Capace di ospitare 16.000 persone e costruito nel IV secolo a.C. sulle lussureggianti colline del Peloponneso, la sua acustica è ancora oggi incredibile. Mandate un amico nell’ultima fila di poltrone di marmo e sussurrate qualcosa sul palco: se il teatro non è pieno di altri visitatori, riuscirà a sentirvi. L’ambientazione è così magnifica che ancora oggi si tiene un festival annuale di spettacoli, mentre c’è molto da vedere anche al di fuori del teatro stesso, grazie alla sua collocazione all’interno del Santuario di Asclepio, dedicato all’antico dio greco della medicina, ricco di templi, bagni e aree di cura.

11. Sito archeologico di Aigai, Vergina. Ai piedi dei Monti Pieri, a un’ora di auto a sud-ovest di Salonicco, si trova il villaggio di Vergina, in gran parte senza pretese, che ospita un altro dei più grandi reperti greci: l’antica capitale reale della Macedonia, risalente al IV secolo a.C. Aigai era la sede della dinastia reale di re Filippo e di suo figlio e successore, Alessandro Magno. Nel giro di dieci anni, dopo aver preso il posto del padre, il giovane Alessandro aveva creato uno dei più grandi imperi della storia, che si estendeva dalla Grecia all’India, rimanendo imbattuto nelle numerose battaglie che aveva combattuto. Il sito è stato scoperto nel XIX secolo, ma solo a metà degli anni ’70 è stato veramente scavato per rivelare tombe reali, cimiteri, templi, un teatro e un’acropoli. Oggi è possibile visitare le tombe sotterranee, ammirare i monumenti greci in marmo e ammirare alcuni degli incredibili tesori recuperati dalle tombe nel museo associato.

12. Panathenaic Stadium, Atene. Questo magnifico stadio, costruito originariamente nel 330 a.C., è conosciuto localmente come Kallimarmaro (“bel marmo”), poiché è l’unico stadio al mondo costruito interamente in marmo. Questo grazie alla ricostruzione del 144 d.C. ad opera del senatore greco-romano Erode Attico. In seguito abbandonata per molti anni, fu scavata e ristrutturata per ospitare le prime Olimpiadi moderne nel 1896 ed è ancora oggi utilizzata come punto di arrivo dell’annuale Maratona di Atene e per altri eventi sportivi e culturali. In grado di ospitare fino a 80.000 persone, lo stadio è un’opera davvero sbalorditiva, con le file di sedili in marmo che abbracciano da vicino la moderna pista che oggi circonda il campo centrale. Lo stadio si trova a pochi passi dagli altri monumenti greci di Atene e costituisce quindi un’ottima aggiunta o una visita a sé stante.

13. Uno dei monumenti greci assolutamente da visitare Akrotiri di Thera, Santorini. Sulla splendida isola vulcanica di Santorini si trova un altro magnifico sito minoico, Akrotiri. Si pensa che l’insediamento dell’Età del Bronzo sia stato uno dei centri urbani più popolosi della civiltà minoica, con grandi ricchezze grazie al suo ampio porto. Tutto questo si interruppe bruscamente nel XVII secolo quando, come Pompei, Akrotiri fu ricoperta di cenere vulcanica e rimase tale per oltre 3.700 anni. Nel 1967 sono iniziati gli scavi moderni. La caduta di cenere fa sì che il sito sia splendidamente conservato ed è facile capire perché molti abitanti del luogo ritengono che Akrotiri sia stata l’ispirazione per la leggenda di Atlantide di Platone. L’antico insediamento è protetto da un tetto bioclimatico e i visitatori camminano su passerelle sospese mentre l’antica città si sviluppa a pochi metri sotto di loro in modo ipnotico.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento