Riviera Maya

Spiagge paradisiache, isole incantevoli, incredibili cenotes, fiumi sotterranei, rovine Maya da film e molto altro ancora. Guida completa con i migliori luoghi da visitare in Riviera Maya e tanti consigli per i neofiti. Chi non ha mai sentito parlare della Riviera Maya? O meglio, chi non vuole godersi spiagge caraibiche da cartolina, immergersi in un cenote cristallino o visitare alcune delle rovine Maya più impressionanti del mondo. Questo elenco di cosa visitare a Riviera Maya vi aiuterà a preparare il vostro viaggio e ad assicurarvi di non perdere nulla di importante in una delle città con il mare più bello dell’Europa. Se siete alla ricerca di una fuga dal caos e dalla frenesia della vita quotidiana, allora dovete recarvi a Riviera Maya. Questa splendida città ospita alcuni dei paesaggi più belli del Messico, vediamo cosa vedere a Riviera Maya.

Questa lista di cose da fare a Riviera Maya vi aiuterà a organizzare il vostro itinerario in questa isola con un mare bellissimo e spiagge straordinarie. Bene, preparatevi perché ho preparato una guida completa con i migliori luoghi da vedere in Riviera Maya e molte informazioni pratiche per organizzare il vostro viaggio in poco tempo. Questo articolo si basa sulla mia esperienza personale dopo due viaggi nella Riviera Maya. Vi racconterò cioè le mie impressioni non filtrate su ciascuno dei luoghi. Il bene e il male. Vi dirò che ci sono stati alcuni luoghi che mi hanno fatto innamorare fino al midollo e altri che mi hanno deluso. Ma la mia opinione generale è che si tratta di una bellissima destinazione, facile da percorrere da soli e che vale la pena visitare. Cominciamo?

14 luoghi fantastici da visitare in Riviera Maya, Mexico

L’ordine delle destinazioni in questo elenco è in ordine geografico. Inizierò dal nord della Riviera Maya e mi dirigerò verso sud attraverso lo Stato di Quintana Roo, facendo qualche incursione nello Stato dello Yucatan. Attenzione, però, per visitare tutte queste destinazioni sono necessarie un paio di settimane intere. Ecco un elenco delle migliori cose da vedere e da fare in Riviera Maya. In questa guida su cosa visitare in Riviera Maya condivideremo un itinerario dettagliato, che si concentra sui punti di riferimento più importanti e sulle attrazioni più importanti da non perdere. Ecco una lista delle cose da visitare in Riviera Maya.

1. Cancun, la grande città turistica

Sebbene la capitale dello Stato di Quintana Roo sia Chetumal, Cancun è la città più popolata e la porta d’ingresso per la stragrande maggioranza dei viaggiatori internazionali grazie agli ottimi collegamenti offerti dal suo aeroporto internazionale. È una città abbastanza grande, ricca di hotel per tutte le tasche, con spiagge meravigliose e acque turchesi, e un ottimo punto di partenza per escursioni nei dintorni o per un viaggio in auto. Se posso dire la mia, Cancun non è una bella città. Come ho detto, è abbastanza buono se volete usarlo come base operativa per fare escursioni ai migliori luoghi da vedere nella Riviera Maya e anche per godervi i suoi oltre 20 chilometri di spiagge caraibiche. In quest’ultimo caso, vi consiglio di cercare una sistemazione nella cosiddetta zona alberghiera, una sottile ed estesa striscia di terra con chilometri ininterrotti di sabbia bianca affiancata da una moltitudine di hotel e complessi di appartamenti. Se avete intenzione di fare un percorso con auto a noleggio, penso che sia una destinazione non necessaria. Potrebbe essere una buona base per i giorni di visita a Isla Mujeres e Isla Contoy, o anche per godersi l’ultimo giorno di viaggio prima di prendere il volo di ritorno.

2. Isla Mujeres, spiagge e fascino

A mezz’ora di navigazione dalla città di Cancun, Isla Mujeres offre i vantaggi di un’isola piccola e maneggevole con tutti i servizi disponibili (hotel, ristoranti, negozi…). Ha spiagge di sabbia bianca e acque cristalline belle come quelle di Playa Norte, molta atmosfera e angoli incantevoli per passeggiare. Essendo un’isola con una lunghezza totale di 7 chilometri e una larghezza di 500 metri, il modo migliore per spostarsi da soli è in una delle tante golf cart che vengono noleggiate in tutta l’isola. È un mezzo di trasporto alla moda e i prezzi sono cari. Un’altra alternativa più economica è quella di noleggiare una bicicletta. È un’isola completamente piatta che si può girare in bicicletta senza troppa fatica. L’ho fatto e ho avuto una buona esperienza. Ma non aspettatevi un’isola selvaggia con spiagge solitarie. Non aspettatevi un’isola selvaggia di spiagge solitarie, perché quella nave è salpata molto tempo fa. Oggi, oltre alla grande Playa Norte, bella ma molto affollata, si trovano alcune spiagge pubbliche di varie dimensioni e bellezza come Playa Lancheros o Playa La Joya, un buon numero di beach club con spiagge private e molte costruzioni alberghiere. Tuttavia, ritengo che sia una destinazione degna di nota.

3. Isla Contoy, un paradiso naturale

Che meraviglia! Prendete nota di questo nome perché Isla Contoy è un luogo imperdibile da visitare nella Riviera Maya, un’isola paradisiaca e totalmente incontaminata dove la natura non ha ancora ceduto ai capricci dell’uomo. Un’isola paradisiaca e totalmente incontaminata, dove la natura non ha ancora ceduto ai capricci dell’uomo. Esistono davvero destinazioni come questa in questa parte del Messico? Sì, e Contoy è uno dei più spettacolari. In realtà si tratta di una piccola isola disabitata situata a pochi chilometri a nord di Isla Mujeres e nominata Parco Nazionale nel 1998. Sopra l’acqua, Contoy è diventato un rifugio per decine di specie di uccelli. Sotto il mare, la sua grande barriera corallina ci permette di godere di un’incredibile biodiversità marina, con le tartarughe protagoniste della scena. E se a tutto questo aggiungiamo una spiaggia mozzafiato degna della migliore cartolina caraibica, abbiamo il mix perfetto.

4. L’isola di Holbox, il mio posto preferito da vedere in Riviera Maya

Se Contoy mi sembra un piano imperdibile, Holbox mi ha talmente fatto innamorare che posso dire senza esitazione che è uno dei miei luoghi preferiti della Riviera Maya. Ha tutto. Si tratta di un villaggio tranquillo e molto affascinante, con strade sabbiose e piccole case con murales colorati, dove si può godere di spiagge meravigliose, alcune completamente selvagge e altre con tutti i servizi che si possono chiedere. Cosa si può chiedere di più? Da non perdere la spiaggia di Punta Cocos, Playa Grande e l’impressionante Punta Mosquitos con i suoi enormi banchi di sabbia. Holbox offre anche l’opportunità di nuotare di notte in una baia di plancton bioluminescente – altamente raccomandato! Ma dimenticate l’immagine popolare delle altalene e delle amache nell’acqua: sono scomparse da tempo. Se non avete molto tempo a disposizione nella zona e dovete scegliere tra Cozumel, Isla Mujeres o Holbox, sceglierei Holbox senza battere ciglio. Detto questo, si tratta di un’opinione del tutto personale.

5. Il trambusto di Playa del Carmen

Insieme a Cancun, Playa del Carmen è un altro dei centri turistici più importanti della Riviera Maya. Situata a circa 55 chilometri a sud dell’aeroporto internazionale, a cui è collegata da numerosi autobus ADO durante tutta la giornata, questa piccola città è diventata una delle località più visitate dello Stato di Quintana Roo. Se non avete voglia di noleggiare un’auto, Playa del Carmen è una destinazione molto comoda in cui fare base. Lo dico per esperienza personale. Non si tratta di una bella città, ma è costeggiata da bellissime spiagge e la sua posizione la rende un punto di partenza ideale per le escursioni nella zona. Infatti, è proprio dal porto di Playa del Carmen che partono le barche per l’isola di Cozumel. Il suo più grande vantaggio rispetto a Cancun, oltre all’offerta di alloggi con un miglior rapporto qualità-prezzo, è che le spiagge, la zona alberghiera e le strade del centro sono concentrate in un’area relativamente piccola, facile da percorrere a piedi. Il suo centro nevralgico è Quinta Avenida, una vivace strada pedonale fiancheggiata da negozi, locali notturni e ristoranti.

6. L’isola di Cozumel e la sua grande barriera corallina

La sua lettera di presentazione è spettacolare. Cozumel è l’isola più grande e più popolata dei Caraibi messicani. Bagnata da acque turchesi, è proprio nelle profondità marine che si trova il vero gioiello dell’isola: sapevate che qui si trova la seconda barriera corallina più grande del mondo, solo dopo la Grande Barriera Corallina australiana? Sì, non lo sapevo nemmeno io. Ovviamente, un tour di snorkeling intorno alle barriere Palancar, Cielo e Cielito è una delle attività principali che Cozumel può offrire, ma non è l’unica. Consiglio anche di noleggiare un’auto e di percorrere la strada che circonda gran parte del perimetro costiero. Questo è l’unico modo per godere della sua vera essenza e dei suoi paesaggi vergini, dove la vegetazione della giungla muore direttamente accanto a paradisiache spiagge di sabbia bianca. La città principale, San Miguel de Cozumel, manca di fascino. È sovraffollata di alberghi e turismo che, durante l’alta stagione, è sovraffollata di navi da crociera.

7. Mondi sotterranei a Rio Secreto

Vicinissimo a Playa del Carmen e nelle profondità della terra si nasconde un angolo di natura molto speciale. Sebbene il nome stesso ci dia un buon indizio su ciò che troveremo, nulla ci prepara alle sensazioni provate in quella che non esiterei a definire una vera e propria cattedrale sotterranea. Il Rio Secreto è proprio questo, un fiume sotterraneo dalle intense tonalità di blu nascosto a diversi metri di profondità e ornato da impressionanti stalattiti, stalacmiti e altre formazioni geologiche lungo gallerie apparentemente infinite. La visita guidata, adatta ai bambini dai 4 anni in su, è lunga poco meno di un chilometro. In alcune occasioni l’acqua è profonda appena fino al ginocchio, mentre in altre il giubbotto di salvataggio vi permetterà di galleggiare e di godervi il paesaggio in tutta tranquillità. Un vero piacere!

8. Riserva delle tartarughe di Akumal

La baia di Akumal, situata tra le città di Playa del Carmen e Tulum, è diventata una delle grandi attrazioni della Riviera Maya. Lo chiamano il santuario delle tartarughe. Il fatto è che la concentrazione di diverse specie di tartarughe marine sui suoi fondali oceanici, pieni di erba e cibo, è impressionante. A causa del sovraffollamento turistico, dal 2019 è stato chiuso il libero accesso alla spiaggia, è stata delimitata l’area con la più alta concentrazione di tartarughe e l’accesso all’interno è possibile solo noleggiando un tour con una guida accreditata con una capacità massima di 1440 persone al giorno.

9. Rovine e spiagge a Tulum

Non c’è dubbio che Tulum sia uno dei luoghi migliori da visitare nella Riviera Maya per diversi motivi. Forse le più evidenti sono le bellissime rovine Maya che si ergono esili accanto al Mar dei Caraibi. Un’immagine bellissima, difficile da dimenticare. Tuttavia, Tulum offre anche chilometri di spiagge di sabbia bianca e acque blu intenso che invitano a rilassarsi per ore. Una delle migliori (e gratuita) è Playa Paraiso. Un’altra cosa interessante da fare nei dintorni di Tulum è visitare i cenotes. Alcuni dei migliori sono il Cenote Dos Ojos, il Gran Cenote e il Cenote Carwash. Come Cancun e Playa del Carmen, Tulum è molto apprezzata per la qualità delle sue spiagge e dei suoi hotel, il che la rende un’ottima scelta come base per le escursioni.

10. Valladolid, una città spettacolare

Sebbene ci stiamo allontanando dalla costa e stiamo entrando nello stato dello Yucatan, lo facciamo per un’ottima ragione. Visiteremo la bellissima città di Valladolid. Pura bellezza coloniale con colori intensi e monumenti spettacolari come la Chiesa di San Servacio o il Convento francescano di San Bernardino de Siena. La cosa migliore da fare in questa città è passeggiare per le sue strade e godersi la bella atmosfera. Ha un’ampia gamma di hotel, una grande varietà di ristoranti dove gustare la cucina locale e, come vedremo più avanti, un ambiente ricco di attrazioni naturali e patrimoniali. Sono andata con poche aspettative e questa città ha saputo conquistarmi al primo momento.

11. Cenote nei dintorni di Valladolid

Una visita a Valladolid non sarebbe completa senza una nuotata in almeno un paio di cenote. Ma cos’è un cenote? Si tratta di pozzi sotterranei naturali alimentati dalla filtrazione dell’acqua piovana e dei fiumi sotterranei. Ne esistono diversi tipi, completamente chiusi, semi-aperti, aperti e antichi. Le stime del numero totale di cenotes nella penisola dello Yucatan non sono molto chiare, ma le cifre variano da 7.000 a 10.000. Incredibile, vero? Ma se ci sono così tanti cenotes in tutta la penisola, perché quelli più vicini a Valladolid sono i più famosi? La concentrazione di cenotes belli e visitabili in questa zona è enorme, quindi bisogna approfittare del viaggio. Ma, come vi ho già mostrato a Tulum, sono ovunque. Nella maggior parte di essi dovrete pagare un biglietto d’ingresso e un supplemento per il giubbotto di salvataggio, che di solito è obbligatorio. In altri casi, il giubbotto di salvataggio è incluso nel biglietto d’ingresso. Sia come sia, i più famosi sono un po’ costosi ma sono luoghi così incredibili che, a mio parere, ne vale sempre la pena. Cercate di alzarvi presto perché tendono ad essere molto affollati. Io ne ho visitati tre: i cenotes Samulá e Xquequen, che si trovano insieme e possono essere visitati pagando un unico biglietto d’ingresso, e il cenote Oxmán, che ha un intero complesso dove è possibile mangiare o semplicemente rilassarsi nelle sue strutture. Altri cenotes altamente raccomandati sono il famosissimo Cenote Suytun, il Cenote Saamal, il Cenote Ik Kil e il Cenote Palomitas, tra i tanti.

12. Chichen Itza, la nuova meraviglia del mondo

Chichen Itza non ha bisogno di presentazioni, vero? Non solo è uno dei siti imperdibili della Riviera Maya, ma stiamo parlando di uno dei siti archeologici più famosi al mondo, insieme a Teotihuacan. Uno di quei grandi sogni di viaggio che non vedevo l’ora di realizzare, e posso dire che non mi delude. Che cosa rende Chichén Izá così speciale? È considerata una delle 7 meraviglie del mondo moderno ed è Patrimonio dell’Umanità dal 1988: niente di che! Sebbene l’immagine più famosa sia la Piramide di Chichén Itzá, nota anche come El Castillo, si tratta di un sito archeologico molto grande che può richiedere dalle 2 alle 3 ore di visita. Tuttavia, devo avvertirvi che il biglietto d’ingresso è piuttosto costoso e, se decidete di fare la visita guidata (ne vale la pena), finirà per costarvi molto. Tuttavia, non esitate. Non si può lasciare la Riviera Maya senza aver visitato questo meraviglioso gioiello archeologico.

13. Piramide di Coba

E a proposito di rovine maya, tra le città di Valladolid e Tulum si trova un altro complesso archeologico che vale la pena visitare. È la città maya di Cobá. L’immagine più riprodotta è quella di una piramide alta 42 metri inghiottita dalla giungla. Ma c’è di più, molto, molto di più. Questa città divenne una delle più importanti del mondo Maya, raggiungendo un’impressionante estensione di 70 chilometri quadrati. Oggi possiamo visitare solo una percentuale irrisoria della sua vera dimensione e, nonostante ciò, è talmente immenso che è consigliabile noleggiare una bicicletta per muoversi nei sentieri autorizzati. Data la sua posizione, se viaggiate da soli, vi consiglio di visitarla prima o dopo esservi diretti a Valladolid. In caso contrario, come ho appena detto parlando di Tulum, di solito offrono escursioni organizzate che combinano la visita di Tulum e Coba nello stesso giorno. L’ho fatto in questo modo e, anche se mi è rimasta la voglia di esplorare Coba in modo più approfondito, mi è piaciuto molto.

14. La Laguna di Bacalar e i suoi 7 colori

Non potete immaginare quanto fossi impaziente di visitare Bacalar e vedere con i miei occhi se tutte le meraviglie di cui avevo sentito parlare erano vere. E giuro che dal primo momento alla fine non c’è stato il minimo accenno di delusione. Che paradiso naturale e che colori. No, non c’è photoshop qui. Non ho esagerato con la saturazione dell’immagine, è così straordinaria. Una visita completa alla Laguna di Bacalar comprende solitamente una gita in barca intorno ai punti più suggestivi del lago, con soste per un bagno. Si consiglia inoltre di visitare il Cenote Nero, il Forte di San Felipe e, se si ha tempo a sufficienza, alcuni dei centri termali situati nelle zone più suggestive di Bacalar. Bacalar si trova nell’estremo sud di Quintana Roo, molto vicino a Chetumal e al confine con il Belize. È il più remoto di tutti i luoghi che ho evidenziato in questo articolo. Quindi, anche se può essere visitato in un solo giorno con un tour organizzato, è un viaggio piuttosto impegnativo. L’ideale sarebbe trascorrervi almeno una notte e dedicargli il tempo che merita. Io non sono stato così fortunato e l’ho visitato con una visita guidata da Playa del Carmen.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento