Lugo

Lugo, nel cuore della verde provincia della Galizia, nel nord-ovest della Spagna, potrebbe essere una città piuttosto piccola di appena 100.000 abitanti. Tuttavia, è l’unica città al mondo interamente circondata da mura romane intatte, un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Se questo da solo non è abbastanza per ispirare una visita, ci sono molte altre cose da fare e da vedere come la cattedrale; bei parchi con il fiore nazionale della Galizia, la camelia: i ponti; cibo allettante; o una gita in barca lungo il Minho. Come Santiago de Compostela, Lugo è stata meta di pellegrinaggio durante il Medioevo. Il cosiddetto Camino Primitivo, che fa parte del Camino de Santiago (Cammino di Santiago), inizia a Oviedo, poi porta a Lugo e a sud a Santiago de Compostela. Questo percorso è diventato molto popolare negli ultimi anni perché è molto meno affollato rispetto alle altre vie.

Leggi anche: 10 migliori cose da fare a Cáceres

1. Cammina lungo le mura romane

Per darvi un’idea delle dimensioni di questa enorme cinta muraria romana del III secolo, ecco alcune figure: È un circuito completo di quasi 7.000 piedi, che consiste di 85 torri esterne, mura fino a 30 piedi, 10 porte, quattro scale, e due bastioni. La leggenda narra che i romani costruirono la cinta muraria non per proteggere la città ma un bosco sacro, Lucus Augusti, da cui deriva il nome Lugo. Che sia vero o no, puoi sentire la magia prendendo il tuo tempo per salire attraverso uno dei cancelli e camminare lungo il muro, godendoti panorami favolosi che si estendono per miglia, sul paesaggio urbano o fino alla regione della Ribeira Sacra.

2. Attraversa il ponte romano

Conquistata dai Celti nel XIII secolo aC dai romani, Lugo divenne la città più importante della Hispania Tarraconensis, anche per le sue ricche miniere d’oro, molto attive in epoca romana. Durante i loro molti secoli di governo, i romani hanno lasciato monumenti famosi, tra cui il ponte sul fiume Minho, che scorre attraverso la città. Riparati e restaurati più volte, i sei eleganti archi attraversano ancora il fiume e sono particolarmente belli se illuminati dal basso di notte.

3. Annusa le camelie nel Parco Rosalia de Castro

Non lontano dalle mura e dal centro cittadino, si può ammirare il parco più grande di Lugo, intitolato a Rosalia de Castro, la poetessa più famosa della Galizia. Il suo fiore preferito era la camelia, che è anche il fiore nazionale della Galizia. Il parco copre 61 acri, con un grazioso laghetto nel mezzo. Passerelle, vedette sul fiume, un’area giochi per bambini e molti fiori e alberi come conifere di sequoia, magnolie e camelie costituiscono una pausa tranquilla da tutte le visite turistiche e le passeggiate.

Leggi anche: 10 migliori cose da fare a Cartagena

4. Lasciati stupire dalla Domus Oceani

Per uno scorcio sul lusso e sullo splendore in cui vivevano i ricchi romani, dirigiti verso il centro della Città Vecchia e visita i resti sotterranei di un’antica villa, nota come la Domus Oceani, o la Casa dei Mosaici. I mosaici colorati che ricoprono pavimento e pareti sono freschi e intatti. Un video alla fine mostra una ricostruzione di come poteva essere originariamente la casa.

5. Accendi una candela nella cattedrale di Lugo

Situata all’interno delle mura romane e raggiungibile scendendo una rampa di scale, si giunge alla Cattedrale di Santa Maria di Lugo, imponente chiesa dai molteplici stili. La parte più antica risale al 1129, ma i due slanciati campanili, i lati e la facciata combinano rinascimento, barocco e neoclassico, rendendo la chiesa particolarmente pittoresca. Nel cortile si trova il Palazzo Vescovile barocco risalente al 1738. L’interno è riccamente decorato e la cattedrale ha il privilegio di esporre permanentemente il Santissimo Sacramento, non solo durante la messa.

6. Deliziatevi con la cucina di Lugo

Una parte essenziale di ogni viaggio è assaggiare le prelibatezze locali e, a Lugo, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Dal pulpo ai gustosi cocidos, dalle empanadas ai formaggi, la cucina galiziana è ricca di sapori (e calorie), il tutto innaffiato dagli eccezionali vini locali. Le empanadas sono pasticcini salati ripieni di qualsiasi cosa, da spinaci e formaggio a pesce salato, carne macinata o verdure. Ci sono anche festival empanada in Galizia. I cocidos, particolarmente buoni in inverno, sono stufati a base di carote, cipolle, ceci, patate, parti di pollo, maiale e salsiccia, bolliti insieme, poi mangiati separatamente, prima il brodo, poi gli altri ingredienti. Per dessert, prova una fetta di Tarta de Santiago a base di mandorle, limone e cannella o, se preferisci, uno dei deliziosi formaggi della regione.

Leggi anche: Essaouira, città storica con spiagge spettacolari

7. Dai uno sguardo al passato nel Museo Provinciale di Lugo

Ospitato nell’ex convento di San Francisco, questo museo è suddiviso in diverse sezioni, ciascuna dedicata a un aspetto diverso dell’arte e della storia della Galizia nel corso dei secoli. Dall’arte sacra a una vasta collezione di manufatti romani in oro e argento, a cose come i banali utensili da cucina tradizionali galiziani ai migliori esempi di ceramiche della Galizia, chiamati sargadelos, troverai qualcosa in questo museo eclettico che catturerà la tua attenzione.

8. Galleggia lungo il fiume Minho

Il fiume più lungo della Galizia, il Minho, funge anche da confine naturale tra Spagna e Portogallo. È anche il corso d’acqua principale di Lugo, dove è attraversato dal suddetto ponte romano. Una gita in barca a Lugo è un ottimo modo per trascorrere un pomeriggio.

9. Avventurati nella regione della Ribeira Sacra

Facilmente raggiungibile da Lugo e a sud, si trova una delle più belle regioni dell’entroterra della Galizia, ricca di boschi, prati, vigneti e gole. Una gita di un giorno a Ribeira Sacra è altamente raccomandata per vivere un lato molto diverso della Galizia e un altro candidato al Patrimonio dell’Umanità.

Leggi anche: Marocco, 13 luoghi da favola

10. Unisciti ai Pellegrini sul Camino Primitivo

Se hai pensato di percorrere un giorno il Pellegrinaggio di San Giacomo ma non hai il tempo o la resistenza per percorrere l’intera lunghezza, hai la possibilità di vivere una parte, percorrendo il ramo chiamato Camino Primitivo che porta oltre Lugo. Lugo, insieme a Santiago de Compostela, fu meta di pellegrini durante il Medioevo. Il percorso di St. James ha molte diramazioni che iniziano in Francia o in Portogallo, e il cosiddetto Camino Primitivo inizia a Oviedo, poi corre a Lugo e a sud fino a Santiago. Negli ultimi anni questo sentiero è diventato popolare perché molto meno affollato rispetto agli altri percorsi, quindi perché non diventare un pellegrino per un giorno in visita a Lugo? Il Cammino Primitivo è anche da molti considerato l’originale percorso di pellegrinaggio.

11. Incontra i “romani” all’Arde Lucas Festival

La Galizia, in generale, e Lugo, in particolare, non sono a corto di festival. Uno dei più spettacolari, celebrato ogni anno dal 25 al 28 giugno, è il Festival Arde Lucas, che rievoca il passato romano e si è tenuto per la prima volta nel 2000 per celebrare la dichiarazione delle mura romane come patrimonio mondiale dell’UNESCO. Se ti capita di visitare in quel periodo dell’anno, mescolati con soldati romani e legionari mentre sfilano per le strade in abiti colorati, guarda i carri allegorici, le rievocazioni di battaglie, mangia e bevi con la gente del posto.

12. Passeggia nel centro storico di Lugo

All’interno delle mura romane, puoi esplorare il centro storico a tuo piacimento. Nonostante sia una città piuttosto compatta, Lugo ha una sensazione di spazio, principalmente a causa delle piazze e dei parchi all’interno del centro storico. I punti di riferimento più importanti sono la Plaza Mayor con il municipio barocco e la Plaza Santo Domingo. Ci sono molti caffè e negozi dove acquistare le specialità di Lugo da portare a casa con te, così come altre chiese oltre alla cattedrale, come la chiesa di San Domenico.

Leggi anche: Cosa vedere a Maiorca, 23 luoghi

13. Ammira le terme romane

Ovunque nel mondo i romani andassero a fare conquiste, si assicuravano di avere i loro “essenziali”, tra cui i loro bagni. Fermi credenti nei poteri curativi delle sorgenti termali, le Terme Romane di Lugo, poco distanti dal ponte, si trovano oggi all’interno del complesso dell’Hotel Balneario de Lugo. Contatta la reception e potrai, gratuitamente, scendere e vedere archi, bagni e spogliatoi.

14. Evviva il Santo Patrono Froilan

Il santo patrono di Lugo è San Froilan e ogni ottobre dal 1754 il paese organizza una festa in suo onore. San Froilan è venerato come il protettore dei poveri e la sua statua e le sue reliquie si trovano nella cattedrale. È un’ottima occasione per vedere il folclore della Galizia sotto forma di danze tradizionali, costumi e suonatori di cornamuse. Tutti mangiano pulpo a feira nelle numerose bancarelle che vengono erette tra la Cattedrale e il Parco Rosalia de Castro. Questo piatto di calamari non viene fritto, ma bollito in enormi pentole di rame, tagliato a pezzi con le forbici, quindi servito su crostini di pane, cosparso di paprika e aceto.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento