Cosa fare a Napoli, cosa mangiare e dove alloggiare

Cosa fare a Napoli

Cosa fare a Napoli, cosa mangiare e dove alloggiare

Se siete alla ricerca di cosa fare a Napoli, ci sono molte opzioni tra cui scegliere. Potreste visitare uno dei tanti musei e chiese famose della città, come il Museo Archeologico Nazionale o il Duomo di Napoli. Oppure potete esplorare la ricca storia di Napoli visitando gli scavi di Pompei e gli scavi di Ercolano. Se vi sentite attivi, potreste anche fare una passeggiata o un giro in bicicletta per le bellissime strade della città. Qualunque cosa decidiate di fare, sicuramente passerete una bella giornata a Napoli! Non c’è nulla di sottovalutato a Napoli. Questa città voluttuosa, colonizzata dai Greci nel I millennio a.C., è un’ode all’eccesso in tutti i settori, e ora sta godendo di una nuova vita. Aspettatevi un’ospitalità effusiva, palazzi barocchi sontuosi, una scena gastronomica indulgente – questa è la culla della pizza, dopo tutto – e una posizione da urlo nel caldo sud, con il Vesuvio che incombe alla vostra sinistra e il blu del Golfo di Napoli di fronte. Per avere un’idea dei piaceri sensuali della città, un giro a piedi lungo Spaccanapoli (l’arteria principale del centro storico) offre un mix pazzesco di chiese in stile rinascimentale, gotico e barocco (San Domenico Maggiore è una meraviglia di stucchi e dorature); palazzi ornati, fatiscenti ai bordi e per questo ancora più belli; scorci di cortili un tempo graziosi ora vistosamente tappezzati di panni; gli odori del cibo di strada fritto e del più scuro degli espressi; e il ronzio ininterrotto delle Vespe tutt’intorno. Qui i visitatori possono godere di un ricco patrimonio e anche del brivido di un passato oscuro. Leggete il nostro elenco di cosa fare a Napoli e preparatevi ad innamorarvi della città più eccitante d’Europa.


Cosa vedere a Napoli

Questo elenco di cosa fare a Napoli vi aiuterà a organizzare il vostro itinerario in una città ricca di tesori, con gallerie d’arte di livello mondiale e gioielli architettonici. Nella nostra sezione cosa vedere a Napoli, parleremo dei principali monumenti, musei e gallerie della città, dei parchi dove rilassarsi, di tutto ciò che secondo noi sono luoghi da non perdere durante la vostra visita nella città. Non visitate Napoli senza aver prima assaporato l’arte sopraffina dei suoi luoghi di culto. Iniziate dal Duomo, la folle cattedrale della città, un decadente mosaico di neogotico e barocco. Qui, in un’opulenta cappella laterale in argento, i napoletani rendono omaggio al sangue di San Gennaro, il loro santo patrono. Il mosaico a 18 carati della Vergine di Lello da Orvieto è un’altra meraviglia da visitare.

Sulla strada per Santa Chiara si può ammirare l’eccentrico obelisco della Guglia dell’Immacolata e la chiesa di Gesù Nuovo (dietro la severa facciata in pietra lavica, è un tripudio di dorature gesuitiche). Qui si può saltare la chiesa e dirigersi verso il chiostro trecentesco: i suoi giardini ombrosi, con archi antichi e maioliche dipinte a mano dai ceramisti Donato e Giuseppe Massa a metà del ‘700, sono un paradiso. Immergetevi nella città sotterranea attraverso le porte di San Lorenzo Maggiore*. Neapolis è stata fondata dai Greci nel 470 a.C. e poi ristrutturata dai Romani: negli interminabili cunicoli si incontrano antiche cantine, panetterie e sale da mercato.

Se scegliete di noleggiare un’auto, fate una gita di un giorno a Pompei e camminate sulle orme dei cittadini per i quali il tempo si è fermato quasi due millenni fa, con l’eruzione del Vesuvio. Visitate le loro case e le loro botteghe, ammirate i loro graffiti e gli attrezzi da giardinaggio e i calchi dei loro corpi contorti dalla morte. Oppure dirigetevi più a sud verso la Costiera Amalfitana – raggiungibile anche dalla stazione ferroviaria di Napoli Centrale – per visitare le città di Sorrento, Positano e Ravello. A Napoli, il Museo Archeologico è il luogo in cui sono finite tutte le opere d’arte di Pompei. Il Gabinetto Segreto è uno strano pezzo di esoterica: un deposito di erotismo romano, dalle lampade falliche ai seni votivi, offerti agli dei. Avete l’imbarazzo della scelta? Vi piacerà spuntare dalla lista dei posti da vedere a Napoli. È la patria del cibo, dell’arte e della pizza più buona del mondo

Cosa visitare a Napoli

Ci sono molte cose da fare a Napoli, indipendentemente dai vostri interessi. Se siete appassionati di arte e cultura, potete visitare uno dei tanti musei o gallerie d’arte della città. Per chi ama lo shopping, ci sono molti negozi e boutique di alto livello da esplorare. E se siete alla ricerca di un po’ di emozioni, potete dare un’occhiata ai locali notturni e ai bar della città. Non importa cosa stiate cercando, troverete sicuramente tante cose da fare a Napoli. Uscite quindi ed esplorate tutto ciò che questa straordinaria città ha da offrire! Scoprite la nostra selezione di cosa fare a Napoli e preparatevi ad innamorarvi della città più eccitante d’Europa.

1. Sali sul Vesuvio

Tra i posti da visitare a Napoli non possiamo non salire sulle pendici del vulcano più attivo d’Europa, il Vesuvio, domina l’orizzonte e il paesaggio che circonda Napoli ed è un leggendario vulcano che scoppiò notoriamente nel 79 d.C. e causò la distruzione e la sepoltura di Pompei ed Ercolano. Il Vesuvio è l’unico vulcano dell’Europa continentale che è scoppiato negli ultimi 100 anni. È considerato estremamente pericoloso a causa della quantità di insediamenti umani che si trovano nella sua zona rossa. Oggi puoi fare un tour in autobus da Napoli per visitare questo magnifico fenomeno naturale e arrampicarti sulle sue pendici per scrutare nel cratere. Un’escursione dura tra i 20 e i 30 minuti ed è considerata non troppo impegnativa. I panorami dall’alto in una giornata limpida sono semplicemente fantastici e anche la caldera e il cratere sono estremamente interessanti. Una giornata al Parco Nazionale del Vesuvio

2. Visita gli scavi di Pompei

Tra le cose da vedere a Napoli non puù mancare Pompei. Era un’antica città che si trovava all’ombra dell’iconico Vesuvio. Questo insediamento era molto avanzato ed esteso e fu distrutto al suo apice durante la devastante eruzione del vulcano nel 79 d.C. Nonostante la causa della devastazione e la quantità di lava che si è riversata sulla città, Pompei si trova oggi in condizioni fantastiche – Ciò è dovuto all’enorme strato di cenere che si è depositato sulle rovine, fungendo quindi da conservatore. Oggi è possibile visitare Pompei e passeggiare tra le vaste rovine – Luoghi di particolare interesse includono l’Anfiteatro, la cassa del Fauno, il Tempio di Apollo e il Tempio di Giove. Inoltre è possibile trovare calchi in gesso di molte delle sfortunate vittime che sono state sepolte sotto la cenere e rimangono rinchiuse nella loro posa di morte per un’eternità. Visita a Pompei. Guida Completa!


3. Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Ospitato in un bell’edificio decorato che è stato creato nel 1750, il museo funzionava come una caserma militare e di cavalleria e negli anni successivi è stato trasformato in un museo. Il museo si trova a nord del porto ma c’è una stazione della metropolitana proprio accanto all’edificio. All’interno puoi trovare una vasta collezione che include una vasta gamma di manufatti romani e greci oltre a una selezione di opere sia di Pompei che di Ercolano. Questa collezione include una selezione di statue in marmo raffiguranti scene della mitologia antica, splendidi mosaici delle rovine di Pompei e una vasta collezione di oggetti dell’antico Egitto come resti mummificati e maschere mortuarie. Chiunque sia interessato alla storia antica e all’archeologia troverà questo museo un luogo infinitamente interessante da visitare. I 10 musei più importanti di Napoli

4. Catacombe di San Gennaro

Hai mai desiderato esplorare un mondo sotterraneo segreto che contiene un’enorme quantità di dettagli e passaggi? Questo è esattamente ciò che offrono le Catacombe di San Gennaro e puoi trovare l’ingresso a questo luogo ultraterreno vicino alla Basilica dell’Incoronata, nella parte settentrionale di Napoli. Una volta sottoterra, troverai una rete di tunnel e passaggi fiancheggiati da tombe e cripte risalenti alla storia antica. Distribuito su due livelli, il piano inferiore contiene oltre 3000 sepolture ed è scarsamente illuminato per mantenere la spettrale sensazione sotterranea. Il livello superiore è più spazioso ma altrettanto interessante e contiene molti affreschi dettagliati e opere d’arte. Una visita guidata alle catacombe fornirà un’esperienza memorabile e una vera visione della storia di Napoli.

5. Visita gli scavi di Ercolano

Un’altra città che fu devastata dopo l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. fu Ercolano – Questa città è la controparte meno conosciuta di Pompei ma è altrettanto interessante e uno spettacolo fantastico da visitare. Sebbene la città fosse situata più lontano dal Vesuvio rispetto a Pompei, fu comunque completamente distrutta. Ercolano è in realtà considerato un esempio meglio conservato di Pompei e ha ancora intatte alcune delle sue strutture in legno, cornici e coperture. I luoghi interessanti all’interno del complesso includono la Villa dei Papiri e la Casa di Argo che contengono entrambi bellissimi affreschi e pitture murali. Inoltre c’è anche una serie di resti scheletrici che mostrano la scomparsa di questo sfortunato gruppo di persone. Se visiti Pompei, assicurati di visitare anche Ercolano per una visione dettagliata di un antico periodo di tempo. Scavi di Ercolano, vita, distruzione e morte senza misura

6. Castel Nuovo

Il Castel Nuovo spicca come elemento principale nello skyline di Napoli ed è uno dei primi luoghi che vedranno le persone che entrano con le navi da crociera. Situato nelle immediate vicinanze della famosa Piazza del Plebiscito il castello è facilmente accessibile ed è uno dei principali siti storici di Napoli. Creato nel 1282, il castello presenta 5 torri circolari merlate e un fantastico arco trionfale aggiunto in un secondo momento. Fai un giro del castello e ammira le bellissime torri, entra nel cortile centrale, ammira il soffitto dipinto della Sala del Barone e sali sui bastioni del castello per una vista mozzafiato di Napoli e del porto.

7. Cappella Sansevero

Ci sono molte cappelle e chiese nel cuore di Napoli e la Cappella Sansevero è un ottimo esempio. Creata nel 1590, la cappella era un tempo un edificio privato del Duca di Torremaggoire e poi fungeva da cappella funeraria di famiglia dal 1613. Situata nel centro di Napoli, la cappella non è lontana dal porto e dal Castel Nuovo. Sebbene questa cappella sia abbastanza semplice e senza pretese dall’esterno, è l’interno che è piuttosto spettacolare ed è il vero punto forte. La cappella contiene un’enorme quantità di opere d’arte e diverse famose sculture. Un dettagliato e magnifico affresco adorna il soffitto e molte statue di marmo fanno la guardia a ciascuno dei pilastri. Al centro di questo fantastico spettacolo c’è la bellissima statua del Cristo Velato creata da Giuseppe Sanmartino.

8. Castel dell’Ovo

Appena entrati nel porto di Napoli vedrai senza dubbio questo splendido castello legato al mare. Un tempo isola, il terreno su cui sorge il castello è ora collegato alla terraferma ed è accessibile tramite un sentiero e una strada. Essendo la più antica fortificazione rimasta a Napoli, il Castel dell’Ovo fu costruito all’inizio del VI secolo a.C. e da allora è rimasta qualche forma di struttura difensiva. Il castello è aperto al pubblico ed è una struttura fantastica da esplorare – Cammina attraverso i passaggi e gli archi e guarda il Mar Mediterraneo. È inoltre possibile trovare numerose mostre d’arte e mostre sulla storia del castello.


9. Porto di Napoli

Napoli è un porto estremamente trafficato e il commercio marittimo è la principale fonte di economia della città. La rete dei porti è suddivisa in banchine separate ed è un vero e proprio alveare di attività in ogni momento della giornata. Allungandoti da Castel Nuovo a Piazza San Giovanni Battista potresti facilmente passare ore a passeggiare tra le banchine e i porti e osservare gli intriganti affari che si svolgono qui. Inoltre, se prosegui verso ovest, troverai il Porto di Mergellina che è pieno di ristoranti e caffè alla moda e ha una grande atmosfera vibrante. Vieni qui per assaggiare la vita locale e ammirare i diversi yacht che attraccano al porto.

10. Piazza del Plebiscito

Indubbiamente la piazza principale di Napoli, Piazza del Plebiscito ospita il Palazzo Reale e la Basilica Reale ed è un posto davvero fantastico da visitare. Questo vasto spazio aperto è pieno di importanti edifici e statue e, oltre alle strutture sopra menzionate, contiene anche il Palazzo Salerno, il Palazzo della Prefettura e una statua dedicata a Carlo III di Spagna. I colonnati semicircolari della Basilica Reale si allungano e incorniciano magnificamente la piazza. Usa questo luogo come punto di partenza per il tuo tour di Napoli e assicurati di visitare gli splendidi edifici storici che si trovano qui.

11. San Domenico Maggiore

Un’altra delle chiese splendidamente decorate di Napoli, la San Domenico Maggiore fu fondata dai frati domenicani e fu costruita nel 1324. La chiesa si trova nel centro della città vecchia di Napoli, vicino all’università e alla fermata della metropolitana Dante. Sebbene l’esterno della struttura non sia particolarmente impressionante, l’interno è la vera chicca. Ricca di opere d’arte, sculture e decorazioni rinascimentali, la chiesa è estremamente opulenta – Il soffitto a cassettoni è dorato con oro e anche l’altare maggiore è un capolavoro straordinario. Inoltre, c’è anche una “camera del tesoro” che contiene una pletora di manufatti religiosi, abbigliamento, accessori e altri ninnoli.

12. Duomo di Napoli

Risalente al XIII secolo, la Cattedrale del Duomo è una magnifica struttura e si erge come la chiesa principale di Napoli e in effetti nell’Italia meridionale. Situata in Via Duomo, la cattedrale è accessibile tramite la fermata della metropolitana Museo ma ha anche un regolare servizio di autobus che passa davanti alla facciata. Questo edificio religioso combina una miriade di stili tra cui gotico, rinascimentale e barocco – Ciò è dovuto ai restauri e alle modifiche apportate dalla sua creazione. All’esterno, la facciata anteriore presenta una grande torre centrale e molte sculture ornate e lavori in pietra. All’interno, il fante principale è incorniciato da una serie di enormi colonne e la decorazione è semplicemente bellissima. Non dimenticare di visitare la cappella di San Gennaro, perfettamente decorata, che presenta un altare finemente decorato e due vasi contenenti il ​​sangue dei santi.

13. Gira per il quartiere di Borgo Santa Lucia

Per vivere veramente Napoli da una prospettiva locale e immergerti nella cultura, dirigiti verso il quartiere di Santa Lucia. Situato a ovest di Piazza del Plebiscito, questo quartiere ha una miriade di stradine acciottolate che si snodano fino al mare e offrono una serie di negozi di artigianato, ristoranti, caffè e negozi. Qui puoi vivere al meglio la vita napoletana: la gente del posto camminerà per le strade facendo i suoi affari quotidiani, i vestiti stesi sulle stendibiancheria e i bambini giocano senza pensare ai problemi del mondo.

14. Palazzo Reale

Questo splendido Palazzo Reale è al centro dell’attenzione in Piazza del Plebiscito e si trova di fronte alla Basilica Reale. La facciata anteriore di questo edificio presenta una serie simmetrica di cornici nere, intonaci marroni e molte finestre per creare un aspetto ufficiale e imponente. Inoltre alla base del palazzo si trovano 12 statue dettagliate dei re di Napoli del passato, da Ruggero di Sicilia a Federico II del Sacro Romano Impero. All’interno di questo sontuoso edificio si trova una straordinaria serie di stanze conservate piene di decorazioni ornate: il corridoio iniziale e la scala sono incredibilmente opulenti e la sala del trono e il teatro di stato sono altrettanto fantastici. Un tour degli interni e delle camere è d’obbligo e completerà la vostra visita di questo meraviglioso edificio storico. Cosa vedere a Napoli in un giorno, iniziamo con caffè e sfogliatella


15. Prendi una barca e vai a Capri

Capri è una piccola isola abitata nota per i suoi paesaggi spettacolari, la costa frastagliata punteggiata da bellissime grotte e i suoi pittoreschi e affascinanti villaggi italiani. Una gita in barca dal porto di Napoli dura poco meno di due ore e ci sono traghetti regolari che viaggiano tra l’isola e la terraferma e la vicina Sorrento. Passeggia per la meravigliosa Marina Grande, ammira le barche nel porto e poi parti alla scoperta dell’isola. Non dimenticare di fare una gita per vedere la famosa Grotta Azzurra, la Grotta Marina o il panorama dalla cima del Monte Solaro.

Dove alloggiare a Napoli

Volete vivere come un abitante del luogo nel Rione Sanita, godervi la vista sul mare in una delle grandes dames d’altri tempi di Santa Lucia o stare vicino all’azione in un palazzo ristrutturato a Spaccanapoli? Optando per il Lungomare, con le merlature del Castel dell’Ovo di fronte, avrete un posto in prima fila per la passeggiata, l’antico rituale serale in cui gli italiani si presentano in tutta la loro bellezza: alta moda e alto volume. È geniale. Alla Sanità, la scena è diversa: la nascente comunità di artisti e B&B qui è fresca, tranquilla e sobria, mentre il centro storico porta il brusio 24 ore su 24 di una città che non dorme mai. Le verdi colline di Posillipo e del Vomero offrono un rifugio civile, mentre Chiaia è un quartiere chic.

Cosa mangiare a Napoli

Napoli è la patria della pizza verace, tanto venerata da avere un proprio marchio: cercate l’adesivo Verace Pizza Napoletana. La questione di chi produce la migliore in città (e quindi, per estensione, nel mondo) è controversa, ma i locali Di Matteo (fondato nel 1936) e Da Michele (1930), entrambi nel centro storico, sono forti contendenti. I giovani Ciro Olivo di Concettina ai Tre Santi, nel Rione Sanità, e Gino Sorbillo, il cui padre era uno dei 21 fratelli, tutti pizzaioli, sono però alle loro calcagna. Tutti valgono le code del fine settimana. Il modo migliore per iniziare una giornata a Napoli è con un piatto di sfogliatelle di Scaturchio, pasta sfoglia ripiena di ricotta dolce e cannella. Questa pasticceria di alto livello le serve ai napoletani nella deliziosa Piazza San Domenico Maggiore dal 1905. Concludete con un espresso al Gambrinus (ovviamente al bar), il caffè in stile Liberty più sgargiante della città. L’ora dell’aperitivo si gusta al meglio nel dedalo di stradine della Chiaia alta. La sera i bar si animano di gente alla moda nel triangolo sacro tra Vico Belledonne a Chiaia, Via Bisignano e Via Poerio. Cool L’Antiquario, in un ex negozio di antiquariato, è stato recentemente nominato miglior cocktail bar d’Italia. Cosa mangiare a Napoli

Lascia un commento