monumenti di roma

Anche se non siete mai stati a Roma prima d’ora, conoscerete le sue bellezze grazie a film e letteratura. Niente di tutto questo, però, vi preparerà alla meraviglia di vedere monumenti di Roma che ancora oggi incantano, anche se sono l’ombra del loro antico splendore. Dal Colosseo al Pantheon, da Villa Borghese alla Fontana di Trevi, Roma è piena di delizie architettoniche e artistiche. Non è possibile vedere tutto di Roma se non rimanendo in città per almeno una settimana. Che sia la prima volta che venite a Roma o la 50esima, c’è sempre qualcosa da imparare sulla sua storia. E, anche senza archeologi che scavano nuovi tesori ogni giorno, ci sarà sempre qualcosa di nuovo da vedere. Ecco alcuni dei monumenti di Roma assolutamente da visitare.

Leggi anche: 13 piatti imperdibili dello street food Roma

18 famosi monumenti di Roma da visitare

1. Il Colosseo. L’Italia è nota per i monumenti di Roma, in particolare per il Colosseo. Questo anfiteatro ovale è il più grande mai costruito e può ospitare fino a 80.000 spettatori. Risale al 72 d.C. e fu teatro di combattimenti tra gladiatori e di importanti eventi pubblici. Vasti spazi sotterranei contenevano le centinaia di animali e oggetti di scena utilizzati in questi spettacoli. Tuttavia, la loro costruzione ha impedito di allagare l’arena per le finte battaglie navali. Per quanto il Colosseo sia imponente, gran parte della sua struttura in pietra è stata rimossa per costruire altre strutture della città. Anche il metallo che teneva insieme le pietre è stato saccheggiato nel corso dei secoli.

2. Castel Sant’Angelo. Questa storica torre circolare fu costruita nel 139 d.C. come mausoleo dell’imperatore Adriano, colui che costruì le famose mura in Inghilterra. I romani la chiamano ancora “il Mole Adriano”, ovvero l’edificio di Adriano. Nel 401 fu trasformato in una fortezza militare, un punto di forza per il rafforzamento delle mura di Roma contro i barbari. In seguito divenne un castello papale per i periodi di assedio (il Passetto di Borgo lo collega alla Basilica di San Pietro), e oggi è un museo. Un tempo l’edificio più alto della città, Castel Sant’Angelo vale ancora la pena di fermarsi solo per ammirare la vista dalla merlatura. Gli amanti della musica classica vorranno anche vedere la torre da cui la tragica Tosca si gettò verso la morte nell’opera di Puccini.

3. Foro Romano. Nato come mercato, il foro fu poi il centro religioso, legale, politico e sociale dell’antica Roma. In un’epoca in cui “tutte le strade portano a Roma”, è qui che convergono. Qui ci sono i monumenti più importanti di Roma, la Curia (Senato), i principali templi e i Rostra, una piattaforma per i discorsi pubblici. Nei secoli successivi, gran parte della pietra e del marmo si sono rivelati una risorsa troppo allettante per i costruttori delle chiese e delle altre grandi strutture di Roma. Fortunatamente, il Tempio di Vesta, la Basilica di Massenzio e il Tempio di Saturno rimangono per dare un’impressione vivida di ciò che è andato perduto. Non ci vuole troppa immaginazione per riportare la mente indietro e ripopolarli con i romani di un tempo.

4. Il Pantheon. Il Pantheon ha la cupola più grande mai costruita prima dei tempi moderni. Nessuno sa esattamente come sia stata realizzata questa impresa ingegneristica all’inizio del II secolo. Era un tempio dedicato a tutti gli dei (pan in greco significa “tutti” e theos “dio”). Nel 609 fu ridedicata a chiesa, con il nome di Santa Maria Rotonda. Thomas Jefferson, insieme a molti altri architetti di tutto il mondo, si è ispirato a questo famoso simbolo europeo. La sua influenza è visibile nel Campidoglio degli Stati Uniti, nel Jefferson Memorial e nella National Gallery di Washington.

Leggi anche: Cosa mangiare a Roma

5. Fontana di Trevi. Questo bellissimo monumento barocco è alto 85 metri e largo 160, e sembra ancora più grande quando lo si incontra attraverso le strette strade circostanti. Costruito nel punto finale dell’acquedotto Aqua Virgo, è realizzato con la stessa pietra di travertino utilizzata per il Colosseo. La statua centrale è Oceano, il dio del fiume Oceanus che avvolge la Terra e fornisce tutta l’acqua dolce. Il suo carro a forma di conchiglia è sorretto da due cavallucci marini, uno mansueto e uno selvaggio, che simboleggiano gli umori dell’acqua. Una tradizione vuole che gettare una moneta nella fontana porti fortuna e garantisca il ritorno a Roma. Le monete vengono regolarmente raccolte e utilizzate per sostenere vari enti di beneficenza per i poveri della città.

6. Piazza Navona. Quando vi trovate in Piazza Navona, vi trovate nell’ex Stadio di Domiziano, un’area per l’atletica leggera risalente al I secolo. Le sue terrazze sorgevano dove oggi si trovano gli edifici circostanti, molti dei quali costruiti con le pietre originali. L’attuale piazza fu sistemata nel XV secolo e il suo nome è una corruzione di Agonalis, ovvero “competizione”, dal suo uso precedente. L’elemento centrale è la Fontana dei Quattro Fiumi del Bernini, aggiunta nel 1651. Il rifacimento del XVII secolo ha lasciato alla piazza l’attuale architettura barocca, in particolare le chiese. Altre due fontane, la Fontana del Moro e la Fontana del Nettuno, sono anch’esse una vetrina dell’arte barocca. L’intera piazza è fiancheggiata da caffè e ristoranti all’aperto ed è un popolare luogo di incontro.

7. Arco di Costantino. Costruito nel 315, questo arco risale a un’epoca in cui Roma era in grande trasformazione. Costantino fu l’imperatore che depenalizzò il cristianesimo e l’arco celebra la sua vittoria nella battaglia di Ponte Milvio del 312 d.C., che lo rese unico sovrano dell’Impero Romano. È un’imponente struttura di 70 piedi di altezza, realizzata in calcestruzzo rivestito in marmo. Gran parte della scultura decorativa è stata riciclata da opere precedenti del II secolo. Ciò potrebbe essere avvenuto per motivi di economia o per mostrare la continuità dell’Impero Romano in tempi di cambiamento.

8. Piazza di Spagna. Questi gradini furono originariamente concepiti per celebrare il trattato di pace del 1559 tra Francia e Spagna. Purtroppo la guerra scoppiò di nuovo prima dell’inizio dei lavori e si dovette attendere fino al 1726 per costruirli. I gradini levigati collegano la chiesa francese di Trinità dei Monti a Piazza di Spagna, in fondo. Piazza di Spagna ospita l’Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede, la più antica ambasciata del mondo. I 138 gradini di marmo sono uno dei monumenti a Roma più fotografati, resi celebri da artisti e registi. La loro fama eclissa un po’ la straordinaria Fontana della Barcaccia, una fontana progettata da Pietro Bernini, padre dello scultore barocco.

9. Villa Borghese. Villa Borghese fu costruita da Scipione Borghese (1577-1633), mecenate del pittore Caravaggio e dello scultore Bernini. Un tempo era una villa alla periferia di Roma (un palazzo è una villa all’interno della città), ma da allora è stata inghiottita. La sua straordinaria collezione d’arte è oggi esposta nella Galleria Borghese. Vi si trovano meraviglie come il David con la testa di Golia di Caravaggio. Anche i giardini all’italiana sono aperti al pubblico e costituiscono uno dei più grandi parchi urbani d’Europa. Ricchi di sculture e fontane, la loro ombra è una gradita pausa dal caldo di Roma in estate. Non sorprende che sia un luogo popolare per i picnic.

10. Via Appia. La Via Appia, lunga 350 miglia, è stata la prima superstrada del mondo, che collegava Roma all’importante porto meridionale di Brindisi. Iniziata nel 312 a.C., sopravvive oggi come Via Appia Antica. I primi chilometri fuori Roma sono ora un parco archeologico, costeggiato dalle famose Catacombe e da altri monumenti importanti di Roma. Alcune parti sono ancora aperte al traffico locale (tranne la domenica), ma è possibile percorrerle a piedi o in bicicletta sull’antico selciato. I cipressi ombreggiano questi tratti dove si possono ancora vedere i binari percorsi da antichi carri. Un’attrazione è la chiesa “Domine Quo Vadis?”, nel luogo in cui San Pietro ebbe una visione di Gesù Cristo.

11. Terme di Caracalla. Ispirate all’originale Pennsylvania Station di New York, le Terme di Caracalla sorgono vicino al Circo Massimo. Alte più di 120 metri, sono state spogliate del loro sfarzoso arredamento nel corso dei secoli, ma sono ancora uno dei luoghi migliori per esplorare Roma al di fuori dei sentieri battuti. Costruite nel 216, le terme avevano due biblioteche, una palestra e una spa. Seneca il Giovane descriveva “i bagnanti che amano fare grandi spruzzi quando saltano in piscina”. Per quanto impressionanti siano in superficie, al di sotto ci sono gallerie abbastanza larghe da permettere a due carri di legna da ardere di passare l’uno accanto all’altro. Le terme potevano ospitare 1.600 persone, ma la struttura era grande la metà delle Terme di Diocleziano, che oggi ospitano la chiesa di Santa Maria degli Angeli.

Leggi anche: Le 5 spiagge più belle di Roma

12. Santa Maria Maggiore Basilica. La Basilica di Santa Maria Maggiore è un’altra chiesa costruita su un tempio, questa volta dedicato alla dea madre Cibele. È la più grande (da cui “maggiore”) delle 26 chiese di Roma intitolate alla Vergine Maria. Il design e l’arredamento sono un interessante mix di stili, dal cristiano al barocco. Colonne romane, mosaici medievali, soffitti rinascimentali e decorazioni barocche si combinano in qualche modo in un insieme coerente. Se avete una buona guida, la chiesa è un esempio di architettura e arte cristiana attraverso i secoli. Vi faranno notare anche dettagli come il soffitto ricoperto d’oro che Colombo portò con sé dal “Nuovo Mondo”.

13. Teatro Marcello. Il Teatro di Marcello, il cui ultimo piano è stato trasformato in appartamenti privati, era un tempo il più grande dell’Impero Romano. Costruito nel 13 a.C., poteva contenere circa 20.000 spettatori. Costruito su un terreno dissodato da Giulio Cesare, il teatro fu terminato dall’imperatore Augusto e intitolato al nipote, morto all’età di 19 anni. Costruito in calcestruzzo e rivestito in travertino bianco, il teatro si distingue anche per il primo utilizzo conosciuto di mattoni cotti a Roma. Augusto prese in prestito questo elemento costruttivo dai Greci, che ne avevano scoperto i numerosi vantaggi rispetto al mattone essiccato al sole.

14. Santa Maria in Cosmedin. Gregory Peck ha contribuito a rendere famosa questa chiesa quando ha “perso” la mano nella Bocca della Verità. Facendo divertire Audrey Hepburn, diede il via a un boom turistico che dura tuttora. La massiccia maschera del dio del mare Oceano si trova nel portico, ma all’interno la chiesa è molto più tranquilla. Custodisce il teschio di San Valentino, un santo romano del III secolo meglio conosciuto oggi per il suo sostegno all’industria dei fiori e dei biglietti d’auguri. Santa Maria fu costruita su un tempio dedicato a Ercole Invictus e gran parte del suo marmo fu riutilizzato nel pavimento e nei pilastri. Cosmedin significa “ornato”, un indizio della bellezza del risultato.

15. Ostia Antica. L’ex porto di Roma alla foce del Tevere è incredibilmente ben conservato. A differenza di Pompei o Ercolano, non è mai stato distrutto da eventi naturali, ma è stato abbandonato con il declino di Roma. Due terzi del sito devono ancora essere scavati, ma ciò che è già stato rivelato è notevole. Magazzini e condomini a due piani sono ancora in piedi e i pavimenti a mosaico pubblicizzano ancora le compagnie di navigazione. Il Bagno di Nettuno è un bagno romano completo, con il suo Tempio di Mitra più tardi una chiesa cristiana del IV secolo. Una villa presenta affreschi di squadre di corridori di bighe nei loro colori rosso, bianco, verde e blu.

16. Parco degli Acquedotti. Il Parco degli Acquedotti si trova ai margini di Roma, vicino alla via Appia, e conserva i resti di sette degli 11 acquedotti storici. Alcuni trasportano ancora acqua da fonti distanti fino a 60 miglia. L’Acqua Felice, risalente al XVI secolo, fu costruita sopra l’Aqua Marcio, che risale al 144 a.C. L’acquedotto più antico fu rotto dai Goti nell’assedio del 537 d.C., l’inizio della fine di Roma antica. La più imponente è l’Aqua Claudia, terminata nel 52 d.C. La maggior parte dei suoi 43 chilometri era sotterranea, ma qui è possibile vedere un lungo tratto sopraelevato, alcune parti del quale raggiungevano i 30 metri di altezza.

17. San Nicola in Carcere. San Nicola in Carcere è costruito sui resti di tre antichi templi, parte dei quali sono ancora chiaramente visibili nelle sue mura. Si trova in quello che un tempo era il Foro Olitorio, il mercato ortofrutticolo dell’antica Roma. Il suo interno ornato vale la pena di essere visitato da chiunque ami le chiese. Si notino le 14 diverse colonne che rivestono le tre navate, tutte recuperate dai templi. Nella sua cripta si trovano il Tempio di Giano, del 260 a.C., e il Tempio di Giunone, del 195 a.C. Trasformata in chiesa intorno al XIII secolo, fu dedicata a San Nicola dalla comunità greca locale, ma il perché “in carcere” rimane un mistero.

Leggi anche: Le più belle attrazioni turistiche di Roma

18. Monumento a Vittorio Emanuele II.  Forse uno dei monumenti di Roma meno amati della capitale, ma comunque imponente, il Monumento Nazionale a Vittorio Emanuele II è rivestito in marmo bresciano, di un bianco abbagliante. Questo contrasta nettamente con il travertino color miele utilizzato per gli edifici antichi di Roma. Anche il suo stile rinascimentale non si adatta ai suoi vicini classici; è soprannominata “La torta nuziale” e “La macchina da scrivere” dagli abitanti del luogo. I romani hanno un rapporto difficile con questo “Altare della Patria“. Ma prendendo l’ascensore di vetro che porta al caffè sul tetto, potrete godere di uno dei migliori panorami di Roma.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento