Alhambra granada

L’Alhambra è una delle attrazioni storiche più visitate della Spagna. Lo splendido Palazzo dell’Alhambra si trova su un altopiano sopra la città storica di Granada ed è un luogo da visitare assolutamente in Spagna. L’Alhambra de Granada è un palazzo reale, una fortezza e un castello tutto in uno. Vanta giardini colorati e uno spettacolare hotel Parador dove i visitatori possono soggiornare per assaporare l’atmosfera che questo sito unico al mondo offre. E se volete conoscere l’affascinante storia del Palazzo dell’Alhambra e dei Giardini di Generalise, potete scegliere tra numerose visite guidate a prezzi ragionevoli.

Leggi anche: Alcúdia – centro termale con centro storico medievale

Storia dell’Alhambra

L’Alhambra di Granada, in arabo “Qal’at al-Hamra”, significa fortezza rossa, fu costruita dalla dinastia Nasride tra il XIII e il XV secolo. Un tempo era una fortezza che fu trasformata in palazzo da Muhammad ibn Yusuf ibn Nasr, detto Mohamed I, nel 1232. Seguì la costruzione del grande complesso di corte. Dopo la conquista dei Mori nel 1492 da parte di Carlo V, gran parte degli interni del palazzo furono rimossi o rovinati e alcune parti furono completamente distrutte per far posto a nuovi palazzi reali cristiani. Nel 1812, alcune delle torri furono distrutte durante la guerra d’indipendenza peninsulare tra francesi e spagnoli. Intorno al 1828 l’architetto José Contreras intraprese ampi lavori di ricostruzione, riparazione e ristrutturazione per ordine di Ferdinando VII. Dopo la morte di José Contreras, i lavori sono stati portati avanti dai suoi quattro figli e i progetti di costruzione sono continuati e continuano tuttora.

Fortezza, palazzi, giardini e aree verdi

L’Alhambra Granada è un sito di grandi dimensioni che comprende quattro aree principali e molte cose da vedere, tra cui il Forte Alcazaba, la Casa Reale, il Palazzo Comares, il Palazzo Partal o Portico, il Palazzo dei Leoni e i giardini del Generalife.

L’Alcazaba

L’Alcazaba è la parte della fortezza del complesso e fu costruita nelXIII secolo. Si compone di una Piazza dell’Armeria, del Giardino dei Bastioni, risalente alXVII secolo, della Torre delle Polveri, del Campanile della Vela e della Porta delle Armi principale. Le vedute dai bastioni che dominano Granada e il complesso dell’Alhambra sono semplicemente spettacolari, è qui che la gente viene a meravigliarsi dei panorami e a guardare il tramonto.

Palazzo di Comares – Palacio de los Comares

Questo palazzo è considerato una delle parti più belle di El Alhambra. Dalla facciata si accede a un patio coperto che circonda un ampio cortile con un grazioso laghetto, detto Patio dei Mirti perché fiancheggiato da siepi di mirto. L’elaborata facciata è stata costruita su una piattaforma a tre gradini e si pensa che sia stata utilizzata come palcoscenico all’aperto per il re moresco in carica. I motivi ornamentali intagliati a mano sulle pareti lasciano a bocca aperta, così come la vista su Granada dalle finestre a doppio arco.

Il Patio dei Leoni ( Patio de Los Leones )

Il Patio dei Leoni si trova accanto al Palazzo di Comares e, sebbene in origine fossero due strutture separate, furono collegate durante il dominio dei Re Cristiani. Un luogo popolare all’interno del Palazzo dei Leoni è il cortile con un’elaborata fontana costituita da una vasca di marmo con 12 leoni scolpiti, situata all’incrocio di due canali d’acqua. Il Palazzo dei Leoni è composto da patii ad arco, la Camera dei Muqarnas, il Patio dei Leoni, la Sala dei Re, la Sala delle Due Sorelle e la grande Sala degli Ambasciatori. Qui potrete ammirare alti soffitti a volta, sottili pilastri ornati, sculture in stucco, alcove multiple, grandi cupole e motivi a stella.

Palazzo Carlos V

Questo grandioso palazzo costruito per l’imperatore Carlo V è uno dei migliori esempi di architettura rinascimentale. La costruzione del palazzo è iniziata nel 1527 e non è stata completata fino alla metà del XX secolo a causa di problemi di finanziamento, guerra e altro. La facciata del palazzo misura 63 metri di larghezza per 17 metri di altezza, con un grande cortile centrale circolare.

Giardini del Generalife

Il Generalife è stato costruito dai governanti mori come rifugio rilassante e accogliente dai palazzi principali e si trova appena fuori dalle mura. Generalife deriva dalla parola araba Jannat al-Arifa. Qui si trovano giardini pittoreschi, fontane decorate e canali d’acqua. Il fulcro dei giardini del Generalife è un patio lungo e stretto con un canale d’acqua e due file di fontane.

Fatti interessanti sull’Alhambra

  1. L’Alhambra prende il nome dal colore delle sue mura, che sono rossastre. La parola in arabo è al-qal’a al-hamra.
  2. Nel 1492 i Re Cattolici spagnoli conclusero una guerra di 10 anni conquistando Granada e istituendo una Corte Cattolica all’interno del Palazzo dell’Alhambra.
  3. Il palazzo de La Alhambra de Granada ospita un intricato sistema di irrigazione che alimenta le fontane e i canali d’acqua che percorrono tutto il complesso.
  4. Il Palazzo di Carlo V fu costruito nel 1527 dall’imperatore Carlo V.
  5. Molti degli edifici dell’Alhambra Granada erano originariamente dipinti di bianco, ma con il tempo il calore del sole li ha resi di colore rossastro.
  6. Il castello dell’Alhambra Granada fa parte dei bastioni della città dal IX secolo.
  7. L’Alhambra è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1984.
  8. L’Alhambra si trova sulla collina di Al-Sabiki, a ovest della città.
  9. Il complesso si estende per circa 26 acri.
  10. Molti dei restauri moderni sono stati eseguiti a partire dal 1828 dall’architetto Jose Contreras, seguito dai suoi figli e da un nipote.
  11. L’Alhambra Granada è la seconda attrazione più visitata in Spagna dopo la Sagrada Familia di Barcellona.
  12. Nel 1829, lo scrittore americano Washington Irving si stabilì all’Alhambra dove scrisse “Racconti dell’Alhambra”.

Dove si trova Alhambra

Indirizzo: Calle Real de la Alhambra, s/n, 18009 Granada, “Visualizza su Google Maps“.

Leggi anche: Spiaggia di Camp de Mar a Maiorca

Orari di apertura e biglietti d’ingresso

Visite generali di un giorno.

  • Dal 1° aprile al 14 ottobre: Dal lunedì alla domenica: 8.30-20.00. Biglietteria: dalle 8.00 alle 20.00.
  • Dal 15 ottobre al 31 marzo: Dal lunedì alla domenica: dalle 8.30 alle 18.00. Biglietteria: dalle 8.00 alle 18.00.

Visite di un giorno ai Giardini del Generalife

  • Dal 1° aprile al 14 ottobre: dal lunedì alla domenica: 8.30-20.00. Biglietteria: dalle 8.00 alle 20.00.
  • Dal 15 ottobre al 31 marzo: Dal lunedì alla domenica: dalle 8.30 alle 18.00. Biglietteria: dalle 8.00 alle 18.00.

Visite notturne ai palazzi nazarì

  • Dal 1° aprile al 14 ottobre: dal martedì al sabato: dalle 22.00 alle 23.30. Biglietteria: dalle 21.00 alle 22.45.
  • Dal 15 ottobre al 31 marzo: venerdì e sabato: dalle 20.00 alle 21.30. Biglietteria: dalle 19.00 alle 20.45.

Visite notturne ai Giardini del Generalife

  • Dal 1° aprile al 31 maggio: dal martedì al sabato: dalle 22.00 alle 23.30. Biglietteria: dalle 21.00 alle 22.45.
  • Dal 1° settembre al 14 ottobre: Da martedì a sabato: dalle 22.00 alle 23.30. Biglietteria: dalle 21.00 alle 22.45.
  • Dal 15 ottobre al 14 novembre: venerdì e sabato: dalle 20.00 alle 21.30. Biglietteria: dalle 19.00 alle 20.45.

L’Alhambra è chiusa il 25 dicembre e il 1° gennaio.

Informazioni importanti per i visitatori

  • L’ingresso ai Palazzi Nasridi è limitato alla fascia oraria indicata sul biglietto.
  • L’ingresso ai Palazzi terminerà un’ora prima dell’orario di chiusura.
  • Tutti i visitatori saranno invitati ad andarsene prontamente all’orario di chiusura.
  • I biglietti per l’Alhambra possono essere acquistati online via Internet.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento