Borgo di Bard: Tesori medievali e panorama mozzafiato

By | Dicembre 2, 2023
Borgo di Bard

Il Borgo di Bard, situato nel comune omonimo, è un’antica località che trae il suo nome dal termine celtico “bar”, che indica una rocca o un luogo fortificato, e non ha alcuna connessione con la parola francese “bar” che si riferisce a un pesce d’acqua dolce chiamato barbo, presente nello stemma comunale. Questo borgo è stato a lungo sotto il dominio dei signori di Bard, che estendevano la loro autorità su tutta la valle circostante di Champorcher.


Il Borgo medievale di Bard si trova ai piedi del Forte e rappresenta uno dei luoghi più suggestivi e ben conservati dell’intera regione della Valle d’Aosta. Grazie alla sua posizione strategica, ha sempre svolto il ruolo di una roccaforte sicura contro le invasioni. Ancora oggi, conserva l’architettura caratteristica con archi e finestre crociate. Nel borgo, si possono ammirare delle straordinarie Case Monumentali, come la Casa del Vescovo, la Casa della Meridiana, la Casa Valperga, la Casa Challant, la Casa Ciucca e l’elegante palazzo dei nobili Nicole, gli ultimi conti di Bard. Oltre a ciò, numerose attività commerciali, botteghe, bar, ristoranti e hotel animano il borgo, offrendo un’esperienza completa ai visitatori.

Nelle immediate vicinanze del forte si trova un importante sito archeologico, arricchito da incisioni rupestri e uno straordinario “scivolo delle donne”. All’interno del forte, invece, si trova il principale polo museale di Bard, che ospita esposizioni multimediali interessanti come il Museo delle Alpi e le Alpi dei Ragazzi. Questa imponente fortezza, risorta dalle sue ceneri, è oggi il fulcro principale per la diffusione della cultura alpina e offre un’opportunità unica di apprendere e comprendere la storia e l’ambiente montano.

Da Bard, inoltre, transita il percorso della famosa Via Francigena, un’antica via di pellegrinaggio che attraversa la valle provenendo da Arnad e Hône. Dopo aver attraversato il ponte sulla Dora Baltea, la Via Francigena prosegue in direzione di Donnas e Pont-Saint-Martin, offrendo un’esperienza indimenticabile ai viaggiatori in cerca di avventura e spiritualità. 11 borghi della Toscana da visitare

Cosa vedere al Forte di Bard

La visita al suggestivo Borgo di Bard è un’esperienza che offre molto più di una semplice passeggiata. Mentre ci si inerpica lungo la strada tortuosa che conduce alla fortezza, ci si immerge in un’atmosfera di antica grandiosità e storia. Tuttavia, le meraviglie di questa zona non si limitano al forte stesso.

Una piacevole escursione conduce a Mabec, dove è possibile ammirare le “marmitte di giganti”, incredibili formazioni rocciose scolpite nel corso dei millenni dalla furia delle acque. Questo luogo affascinante è raggiungibile con facilità e aggiunge un tocco di mistero a un viaggio già ricco di fascino.

Sulle alture che sovrastano il borgo, si celano due piccoli villaggi che meritano di essere scoperti. Dal borghetto di Jacquemet, è possibile raggiungere a piedi uno di essi, Albard. Qui, tra abitazioni medievali e la graziosa cappella del XVIII secolo, si respira l’atmosfera di un tempo lontano. Se preferite, potete anche raggiungere questi villaggi in auto da Albard di Donnas.

Un’altra perla nascosta è Crous, un pittoresco insieme di poche case in pietra immerse tra i maestosi castagni. Passeggiare per queste strade tranquille è come fare un salto nel passato e immergersi nella vita semplice e autentica di un tempo.

Ma le meraviglie di questa regione non si esauriscono qui. Da Bard, è possibile raggiungere facilmente la storica strada romana di Donnas, che si snoda nella roccia creando un’atmosfera suggestiva e affascinante. Invece, partendo dalla frazione di Albard, un sentiero incantato tra boschi di castagni e faggi conduce alla Tête de Cou, una cima panoramica che regala una vista mozzafiato sulla valle sottostante.

Per gli avventurosi che vogliono spingersi oltre, il territorio circostante offre una moltitudine di opportunità. Da Gressoney-La-Trinité a Champorcher, si estende un ambiente alpino variegato e affascinante, che abbraccia il maestoso massiccio del Monte Rosa fino alla magnifica Rosa dei Banchi. Questa regione è un tesoro di vestigia storiche e rinomati vigneti, e offre un’esperienza unica in cui si passa da freschi boschi di castagni a foreste di conifere punteggiate da ruscelli incantevoli, da praterie d’alta quota a ghiacciai imponenti e pareti rocciose imponenti.

Lasciatevi trasportare da questa regione straordinaria, dove la storia si intreccia con la natura e la bellezza è presente ad ogni angolo. Il Borgo Medievale di Bard è solo l’inizio di un viaggio indimenticabile alla scoperta delle meraviglie nascoste della valle. Visitare la Galleria Borghese a Roma, orari e prezzi

Il Borgo Medievale di Bard: Una Storia di Resilienza e Riedificazione

Il Borgo di Bard, situato nel comune di Bard, vanta una posizione strategica che ha attirato l’attenzione di numerosi signori nel corso dei secoli. Tra queste mura, oggi conosciute come Forte di Bard, la storia si intreccia con la maestosità di una fortezza che ha visto il susseguirsi di eventi epocali.


Le origini di questo imponente castello risalgono a tempi antichi, presumibilmente in epoca pre-romana. Tuttavia, la prima menzione documentata di una fortezza a Bard risale al 1034, quando i discendenti del visconte di Aosta governavano queste terre. Fu solo nel XIII secolo che il castello passò sotto il dominio dei Savoia, dopo essere stato espugnato nel 1242 da Amedeo IV di Savoia. Già in quel periodo, la fortezza si presentava come un complesso di edifici racchiusi da una doppia cinta muraria, arricchita da torri di guardia.

Tuttavia, il destino del Borgo di Bard subì un cambiamento significativo nel corso del XVII secolo. Nel 1661, il duca Carlo Emanuele II decise di trasformare Bard nel principale presidio del Ducato di Savoia nella Valle d’Aosta. Fu in questo periodo che furono effettuati diversi interventi volti ad ampliare e potenziare le strutture difensive della fortezza. La determinazione dei difensori di Bard fu messa alla prova nel corso della guerra di successione spagnola nel 1704, quando l’esercito francese cercò di conquistare la fortezza. Tuttavia, Bard resistette con coraggio e si oppose fieramente alle truppe nemiche.

Il destino del Borgo di Bard subì una nuova svolta nel corso del XIX secolo, quando Napoleone Bonaparte fece la sua comparsa sulla scena. Nel 1800, le truppe di Napoleone valicarono il Gran San Bernardo e assediarono la Fortezza di Bard. Sperando in una rapida conquista, Napoleone rimase sconcertato dalla strenua resistenza dei difensori e, frustrato, ordinò che la fortezza fosse rasa al suolo. Tuttavia, la storia del Borgo di Bard non finì qui.


Fu Carlo Felice, sovrano del Regno di Sardegna, a intraprendere il processo di riedificazione della fortezza nel 1827. Con l’aiuto dell’ingegnere militare Francesco Antonio Olivero, fu realizzato un nuovo progetto che vide la luce nel 1838. Questa riedificazione rappresentò non solo un’opera di ricostruzione fisica, ma anche un simbolo di determinazione e resistenza della comunità di Bard.

Oggi, il Borgo Medievale di Bard, con il suo maestoso Forte, è un luogo di grande interesse storico e culturale. Oltre alle imponenti strutture difensive, offre ai visitatori la possibilità di immergersi nella storia, di ammirare antichi manufatti e di apprezzare l’atmosfera unica di un tempo passato. Attraverso le sue mura, il Borgo di Bard ci ricorda che la forza e la resilienza possono superare anche le avversità più difficili.

Pertanto, se vi trovate a visitare la Valle d’Aosta, non lasciatevi sfuggire l’opportunità di esplorare il Borgo Medievale di Bard e di scoprire la sua affascinante storia. Da antiche origini a una riedificazione audace, il Borgo di Bard è una testimonianza vivente dell’abilità umana di adattarsi e superare le sfide che la storia ci pone di fronte. Cosa vedere a Erice, un borgo medievale con splendidi panorami


Cosa sapere su il Forte di Bard

Il Borgo di Bard, situato nel comune di Bard, è una località affascinante che custodisce uno dei tesori più significativi del patrimonio storico italiano: il Forte di Bard. Questa maestosa fortezza rappresenta un’eccezionale testimonianza dell’architettura di difesa dell’era napoleonica. Il complesso si sviluppa su tre corpi di fabbrica, stratificati su diverse altitudini del pendio montuoso.

L’Opera Ferdinando, la struttura inferiore, assume la forma di una tenaglia e si compone di due corpi di fabbrica distinti: l’Opera Ferdinando Inferiore e l’Opera Ferdinando Superiore. All’interno di quest’ultima, è ospitato il Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere, che offre una ricca testimonianza della storia militare della regione.

L’Opera Vittorio, invece, è sede di un percorso educativo dedicato ai giovani alpinisti chiamato “Le Alpi dei Ragazzi”. Questa esperienza coinvolgente introduce i più giovani al mondo dell’alpinismo, offrendo una panoramica delle montagne e delle loro sfide.

La cima del Forte di Bard è dominata da una cinta muraria, su cui poggiano tutti gli edifici principali. Questa cinta racchiude l’Opera di Gola sul versante sud, completata da un cortile, e l’Opera Carlo Alberto, che si affaccia sulla grande Piazza d’Armi, caratterizzata da un ampio cortile quadrangolare. All’interno dell’Opera Carlo Alberto si trova il Museo delle Alpi, situato al primo piano, mentre il piano terreno ospita spazi destinati ad affascinanti mostre temporanee.

Nel cuore dell’Opera Carlo Alberto, si possono anche visitare le Prigioni, un complesso di 24 piccole celle che, nonostante le loro dimensioni ridotte, riuscivano a contenere un gran numero di prigionieri. Questo spazio evocativo racconta storie di prigionia e sottomissione, offrendo un’immersione nel passato oscuro ma importante della fortezza.

Il Borgo di Bard e il suo maestoso Forte rappresentano un’attrazione imperdibile per chi desidera scoprire la storia e l’architettura di difesa dell’epoca napoleonica. Immerso in un paesaggio incantevole, questo complesso storico offre ai visitatori un’esperienza unica, arricchita dalla bellezza delle Alpi circostanti. Che tu sia un appassionato di storia, un amante dell’architettura o semplicemente un curioso viaggiatore, il Forte di Bard ti accoglierà con la sua imponenza e ti stupirà con la sua ricchezza culturale. Dalla montagna al mare: itinerario in Abruzzo tra tradizioni tipiche e borghi storici

Come arrivare al Forte Bard Valle D’Aosta

Sei pronto per un’avventura nel suggestivo Borgo di Bard e nel suo magnifico Forte? Ecco come raggiungere questa meta imperdibile situata all’imbocco della Valle d’Aosta. Esploreremo insieme le diverse opzioni di trasporto disponibili, sia che tu preferisca guidare, prendere il treno o volare.

Iniziamo con le strade. Se hai deciso di affrontare un viaggio in auto, segui la SS26 della Valle d’Aosta o prendi l’autostrada A5. Se scegli l’autostrada, puoi uscire ai caselli di Pont-Saint-Martin a sud o di Verrès a nord. Questi caselli si trovano rispettivamente a soli 6 e 9 chilometri di distanza dalla maestosa fortezza di Bard. Prepara la tua playlist preferita e goditi un panoramico viaggio attraverso le strade pittoresche che conducono a questa meraviglia medievale.

Se, invece, preferisci viaggiare in treno, la stazione di riferimento è la Stazione Hône-Bard, situata a soli 600 metri dal Forte. Scegli un comodo treno locale per immergerti nella bellezza del paesaggio circostante mentre ti avvicini al tuo destino. I binari ti condurranno a pochi passi dalla magnificenza del Borgo di Bard, pronto ad accoglierti con la sua atmosfera senza tempo.

Per coloro che prediligono il trasporto aereo, l’aeroporto più comodo è l’Aeroporto Internazionale di Torino Caselle “Sandro Pertini”. Questo aeroporto dista circa 60 chilometri da Bard, offrendoti una soluzione pratica se provieni da lontano. Una volta atterrato, sarai a un passo dal tuo viaggio nel tempo verso il Borgo Medievale di Bard e il suo imponente forte.

Arrivare al Borgo di Bard non sarà mai stato così semplice. Scegli la modalità di trasporto che più ti si addice e preparati a immergerti nella storia e nella bellezza di questo affascinante borgo medievale. Che tu sia un amante dell’architettura, un appassionato di storia o un semplice viaggiatore curioso, il Borgo di Bard e il Forte sapranno incantarti con la loro grandiosità e il loro fascino senza tempo.

Ricorda, sia che tu preferisca guidare, prendere il treno o volare, il Borgo Medievale di Bard ti attende con le sue porte aperte, pronto a offrirti un’esperienza indimenticabile. Itinerari Puglia, masserie, trulli e borghi autentici

Informazioni sul Borgo di Bard

Il Borgo di Bard, situato nella provincia di Aosta, è un comune incantevole che incarna l’autenticità e il fascino del Medioevo. Posto a un’altitudine di 381 metri sul livello del mare, questo borgo storico è abitato da soli 140 residenti, ma la sua importanza culturale e turistica supera di gran lunga le sue dimensioni.

Al centro dell’attenzione si trova il celebre Forte di Bard, un imponente complesso fortificato che si erge maestoso sulla collina sovrastante il borgo. Oltre ad essere un’opera architettonica straordinaria, il Forte di Bard è anche un polo museale e culturale di rilevanza internazionale. Attraverso le sue sale e gallerie, i visitatori possono immergersi in un viaggio attraverso la storia e l’arte, scoprendo la ricchezza del patrimonio culturale della regione. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il Forte di Bard al numero di telefono 0125 833811 o visitare il sito web www.lovevda.it.

Il Comune di Bard, situato in Piazza Cavour, 4, rappresenta il cuore pulsante di questo borgo affascinante. Al di là delle sue dimensioni modeste, il comune gioca un ruolo cruciale nel preservare l’identità e il carattere unico del Borgo di Bard. Per informazioni e assistenza, è possibile contattare il Comune di Bard al numero di telefono 0125 80 31 34 o visitare il sito web www.comune.bard.ao.it.

Immerso in un paesaggio pittoresco, il Borgo di Bard offre un’esperienza turistica completa. Oltre alla visita al Forte di Bard e alla scoperta del patrimonio storico e artistico, i visitatori possono godere di passeggiate incantevoli lungo le stradine lastricate, ammirare gli edifici medievali ben conservati e assaporare la cucina tradizionale della regione. Inoltre, la posizione strategica del Borgo di Bard lo rende un punto di partenza ideale per esplorare le bellezze naturali circostanti, come le maestose vette delle Alpi valdostane.

In conclusione, il Borgo di Bard rappresenta una destinazione imperdibile per gli amanti della storia, dell’arte e della cultura. Il suo forte imponente, i suoi stretti vicoli e la sua atmosfera autentica catturano l’immaginazione di coloro che lo visitano. Attraverso il suo patrimonio storico e la sua bellezza paesaggistica, il Borgo di Bard ci offre un viaggio emozionante nel cuore del Medioevo. Non perdete l’opportunità di visitare questa gemma nascosta nel cuore della provincia di Aosta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *