Basilica di Santa Maria della Salute: Come e cosa visitare

By | Settembre 15, 2023
Basilica di Santa Maria della Salute

Quando si parla del panorama veneziano, una delle prime immagini che ci viene in mente è la dominante cupola della Basilica di Santa Maria della Salute. Da oltre tre secoli, questa struttura imponente si erge sul bacino di San Marco, come un faro che guida e ispira. Questo edificio, conosciuto anche come la “Chiesa della salute”, non è solo un esempio emblematico dell’architettura del Seicento, ma rappresenta anche un momento storico di profonda devozione e spiritualità. La storia della Basilica di Santa Maria della Salute di Venezia è strettamente legata ad un periodo oscuro nella storia della città: la devastante peste del XVII secolo. La Serenissima, in un gesto di profonda fede e speranza, decise di dedicare questo maestoso edificio alla Vergine Madre di Dio. Non solo come un simbolo di preghiera, ma anche come un gesto di profondo ringraziamento per aver preservato Venezia da ulteriori calamità.


Per comprendere meglio, immaginate una città terrorizzata e impotente di fronte ad una malattia mortale. La decisione di costruire la Basilica era come un patto, una promessa di rinnovato impegno verso la fede in cambio della protezione divina. La costruzione della Chiesa della Madonna della Salute di Venezia ebbe inizio con la posa della prima pietra il 1 aprile 1631. Questo processo, che durò più di mezzo secolo, vide la sua culminazione nella solenne consacrazione avvenuta il 9 novembre 1687, ad opera del Patriarca Alvise Sagredo. È interessante notare che, anche se la basilica fu ufficialmente consacrata in questa data, era già stata usata per celebrare la Santa Messa anni prima.

Esterno della Basilica di Santa Maria della Salute

La Basilica di Santa Maria della Salute, che si erge in modo maestoso all’ingresso del Canal Grande a Venezia, è una testimonianza di devozione, arte e architettura senza pari.

L’Accesso alla Basilica: Una Porta d’Acqua

La posizione privilegiata della Basilica di Santa Maria della Salute di Venezia è accentuata dalla sua grandiosa scalinata. Questa affascinante struttura, che sembra quasi nascere direttamente dalle acque veneziane, guida i visitatori direttamente alle porte del santuario. Immaginatevi di avvicinarvi, con lo scintillio dell’acqua che riflette l’elegante architettura della basilica: è come se la città stessa vi invitasse a entrare in questo luogo sacro.

Le Due Cupole: Simboli di Fede e Devozione

La Basilica della Salute è facilmente riconoscibile grazie alla sua doppia cupola. La cupola maggiore, ispirata alla Corona del Rosario, serve come un promemoria visivo della dedica della chiesa. Allo stesso modo, la cupola minore, agisce come un santuario in miniatura, proteggendo e custodendo ciò che è sacro. Ad ornare la cupola maggiore, possiamo ammirare la scultura della Vergine, che sorvegliando Venezia, tiene il bastone di Capitana de mar.

Una Celebrazione Scultorea della Vergine Maria

La ricchezza artistica della chiesa della salute non si ferma alle sue cupole. Gli esterni dell’edificio sono ornati da una serie di statue che esaltano e glorificano Maria. Sopra il timpano centrale, l’immagine toccante della Madonna della Salute Venezia con il bambino si erge come un simbolo potente e amorevole. Ad essa si uniscono le statue dei profeti dell’Antico Testamento, come Davide e Isaia, e altre figure mariane. Queste sculture servono non solo come decorazioni ma come rappresentazioni tangibili del messaggio spirituale e della storia della Basilica di Santa Maria della SaluteI ponti di Venezia più famosi

Interno della Basilica di Santa Maria della Salute

La Basilica di Santa Maria della Salute di Venezia, spesso chiamata semplicemente “chiesa della salute”, è una delle gemme architettoniche più affascinanti dell’Italia. Profondamente radicata nella storia e nella spiritualità veneziana, questa basilica offre ai suoi visitatori una panoramica incantevole della devozione religiosa e dell’arte.

L’Interno Radiante della Basilica della Salute

L’interiorità vasta e luminosa della Basilica si manifesta nella sua cupola centrale, attorno alla quale si dispiegano sei cappelle laterali. Queste cappelle, eleganti e solenni, conducono i visitatori in un viaggio attraverso diversi momenti della vita della Madonna, con altari dedicati alla sua natività, alla sua assunzione e alla sua presentazione al Tempio. Immaginiamo, per esempio, entrando dalla porta principale, di girarsi a destra e trovarci di fronte all’altare della Natività della Madonna; un’esperienza davvero toccante per chiunque.

La Rotonda Minore: Il Cuore del Santuario

Nelle visioni progettuali di Longhena, la rotonda minore era intesa come la cappella principale o il presbiterio del santuario. Questo spazio, di forma ellissoidale, è progettato come un palcoscenico, con un altare centrale che attira l’attenzione del devoto. Questo altare della Madonna della Salute Venezia – la Mesopanditissa – è un punto di riferimento spirituale per chiunque metta piede in basilica.

L’Altare Maggiore e la Sua Storia

L’altare maggiore è imponente, ma ciò che davvero cattura l’attenzione è l’opera marmorea di Le Court che troneggia sopra di esso. Questa scultura ritrae la Vergine, regale e maestosa con il Bambino Gesù tra le braccia, sospesa su una nube e circondata da angeli. Particolarmente evocativa è la rappresentazione di un angelo che scaccia la peste, e di una figura femminile che rappresenta la città di Venezia in preghiera ai piedi della Madonna.

Al centro dell’altare, l’immagine della Madonna con il Bambino, la Mesopanditissa, si distingue per il suo volto intenso e per gli occhi profondi. Questa immagine ha una storia intrigante: è stata portata a Venezia dall’isola di Candia come dono da Morosini al termine della guerra di Candia nel novembre del 1670. Chiunque si avvicini a questa immagine sarà sicuramente affascinato dalla sua bellezza e dalla profondità dello sguardo che accoglie i fedeli. Isola di Pellestrina: la bellezza autentica della laguna veneziana

Visita della Basilica: Tutto Ciò Che Devi Sapere

La Basilica di Venezia: una porta aperta per i devoti e i viaggiatori La Basilica di Venezia, una gemma architettonica nel cuore della città, si erge non solo come un luogo di preghiera per i devoti ma anche come una destinazione must-visit per turisti e ospiti. Immagina di camminare lungo le calli di Venezia e di imbatterti in questa maestosa struttura, resa ancora più imponente dal suo significato storico e spirituale. Se stai pianificando una visita, è essenziale conoscere gli orari.


Orari di Apertura per Anno

  • L’Ingresso Principale della Basilica: La porta principale della Basilica, conosciuta come la rotonda maggiore, è sempre aperta ai visitatori senza la necessità di un biglietto o di fare un’offerta. È come se la città di Venezia ti invitasse a entrare, scoprire e riflettere.
  • La Rotonda Minore: Questa sezione, più intima e riservata, è dedicata alla preghiera personale e alle cerimonie liturgiche. È un luogo dove i fedeli possono connettersi in modo più profondo con il divino.

ORARIO ESTIVO (1 aprile – 31 ottobre)

Basilica:

  • 9.00-12.00
  • 15.00-17.30

Sacrestia:


  • Lunedì e Martedì mattina: CHIUSO
  • Martedì pomeriggio: 14.00-15.30 / 16.40-17.30
  • Da Mercoledì a Venerdì: 10.00-12.30 / 14.00-15.30 / 16.40-17.30
  • Sabato: 10.00-12.30 / 14.00-17.30
  • Domenica: 10.00-10.30 / 14.00-17.30

ORARIO INVERNALE (1 novembre – 31 marzo)

Basilica:

  • 9.30-12.30
  • 15.00-17.30

Sacrestia:

  • Lunedì – Venerdì: 10.00-12.00 / 15.00-15.30 / 16.40-17.30
  • Sabato: 10.00-12.00 / 14.00-17.30
  • Domenica: 10.00-10.30 / 14.00-17.30

Note Importanti: Occasionalmente, la Basilica o la Sacrestia potrebbero chiudere temporaneamente per specifiche cerimonie liturgiche, lavori di manutenzione o necessità di servizio. Assicurati sempre di controllare in anticipo, per evitare delusioni. Cosa vedere e spiagge di Lido di Venezia


FAQ sulla Basilica di Santa Maria della Salute

  1. Cos’è la Basilica della Salute?
    • La Basilica di Santa Maria della Salute è una chiesa di Venezia situata all’ingresso del Canal Grande. È uno dei principali simboli della città ed è stata eretta come ex voto per la protezione della città durante una pestilenza nel 17° secolo.
  2. Dove si trova esattamente?
    • Si trova nel sestiere di Dorsoduro, all’ingresso del Canal Grande, vicino alla Punta della Dogana. È facilmente riconoscibile grazie alla sua imponente cupola.
  3. Perché è stata costruita?
    • La basilica è stata costruita come voto alla Madonna per ringraziarla di aver salvato la città da un’epidemia di peste che colpì Venezia nel 1630.
  4. Chi è stato l’architetto?
    • L’architetto che ha progettato la Chiesa della Salute è Baldassare Longhena. Il suo progetto riflette lo stile barocco, ma con influenze veneziane.
  5. È possibile visitare l’interno?
    • Sì, la basilica è aperta ai visitatori. All’interno, si possono ammirare magnifici dipinti, opere d’arte e la grandiosa cupola. Si consiglia di controllare gli orari di apertura prima di pianificare una visita.
  6. Ci sono opere d’arte famose all’interno?
    • Sì, all’interno della basilica ci sono diverse opere d’arte di noti artisti, tra cui Tiziano e Tintoretto. Le tele e gli affreschi raffigurano episodi religiosi e momenti legati alla storia di Venezia.
  7. C’è un ingresso a pagamento?
    • L’ingresso alla basilica è gratuito, ma alcune aree speciali o mostre temporanee potrebbero richiedere un biglietto d’ingresso. Le donazioni sono sempre apprezzate per contribuire al mantenimento del luogo.
  8. Come si può raggiungere la basilica?
    • Si può raggiungere facilmente in vaporetto. La fermata più vicina è “Salute”. Dalla fermata, è una breve camminata fino all’entrata della basilica.
  9. Ci sono eventi o celebrazioni particolari legate alla basilica?
    • Ogni anno, il 21 novembre, si celebra la Festa della Madonna della Salute, una tradizione veneziana per ringraziare la Vergine Maria per aver salvato la città dalla peste. Durante la festa, viene allestito un ponte temporaneo sul Canal Grande e molti fedeli attraversano il ponte per visitare la basilica.
  10. È accessibile ai visitatori con disabilità?
  • La basilica ha fatto sforzi per essere accessibile, ma a causa della sua antica costruzione, potrebbero esserci alcune limitazioni. È consigliabile contattare la basilica in anticipo se si hanno esigenze particolari.

Speriamo che questa FAQ ti aiuti a conoscere meglio la Chiesa Santa Maria della Salute. Se hai altre domande, ti consigliamo di contattare direttamente la basilica o l’ufficio turistico di VeneziaPalazzo Ducale di Venezia: Come e cosa visitare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *