Cosa vedere a Granada

Nella nostra sezione cosa vedere a Granada, parleremo dei principali monumenti, musei e gallerie della città, dei parchi dove rilassarsi, di tutto ciò che secondo noi sono luoghi da non perdere durante la vostra visita nella città. Questo elenco di cosa visitare a Granada vi aiuterà a preparare il vostro viaggio e ad assicurarvi di non perdere nulla di importante in una delle città più belle del mondo. Dopo aver visitato Granada, si capisce perché la città fu l’ultima a essere riconquistata nel 1492 dagli eserciti castigliani comandati dai Re Cattolici. L’ultimo insediamento musulmano nella penisola iberica è una città fatta di bellezza. L’arte e l’architettura nazarí trovano la loro massima espressione a Granada, motivo per cui la risposta alla domanda su cosa vedere a Granada è infinita. Non stiamo parlando solo dell’Alhambra, l’ottava meraviglia del mondo, ma anche di altri monumenti andalusi, di strade fiabesche e di palazzi moreschi con fontane e piscine.

Come se non bastasse, dopo la riconquista, i monarchi cattolici e i re cristiani che si sono succeduti si sono impegnati a creare vere e proprie opere d’arte per far capire che la città non era più musulmana ma cristiana, il cui miglior esempio è la magnifica Cattedrale di Granada. Cercheremo di lasciare da parte la poesia, che senza dubbio viene in mente quando si parla di Granada, e saremo il più sintetici possibile in modo che possiate avere un elenco dettagliato delle cose più interessanti da fare a Granada e una mappa che vi aiuti a pianificare la vostra visita a Granada. Ci sono molte cose da fare a Granada, indipendentemente dai vostri interessi. Se siete appassionati di arte e cultura, potete visitare uno dei tanti musei o gallerie d’arte della città. Per chi ama lo shopping, ci sono molti negozi e boutique di alto livello da esplorare. E se siete alla ricerca di un po’ di emozioni, potete dare un’occhiata ai locali notturni e ai bar della città. Non importa cosa stiate cercando, troverete sicuramente tante cose da fare a Granada. Uscite quindi ed esplorate tutto ciò che questa straordinaria città ha da offrire!

Cosa vedere a Granada

Guida completa su cosa visitare a Granada e tanti consigli per i neofiti. Questo indice di cosa visitare a Granada vi aiuterà a preparare il viaggio in modo impeccabile e ad assicurarvi di non perdervi niente di questa bellissima città. Questa città è sede di alcuni dei paesaggi più belli della Spagna, vediamo cosa vedere a Granada.

1. Alhambra di Granada

La stella della città. Il luogo da vedere a Granada se vi trovate nella capitale andalusa solo per poche ore. L’ottava meraviglia del mondo. Tutti gli aggettivi non bastano per descrivere l’opera più importante del Regno Nazarí. L’Alhambra è onnipresente in tutta Granada. Lo si vede da ogni parte. Ha punti panoramici incredibili come quello di San Nicolás, ma si può ammirare da qualsiasi tetto, ristorante, strada o giardino. Il complesso di giardini e palazzi fu costruito sotto il re nazarì Muhammad Ben al-Ahmar nel 1238. I suoi edifici più belli risalgono al periodo moresco. Dopo la riconquista cristiana nel 1492, vennero apportate riforme e modifiche, la più importante delle quali fu il Palazzo di Carlo V. La visita all’Alhambra comprende i Palazzi Nasridi (compreso il cortile dei leoni), i Giardini del Generalife, il Partal, l’Alcazaba e il Palazzo Carlo V, oltre a passeggiate attraverso altri giardini, mura e porte. Lasciare trascorrere circa tre ore.

Se visitate la città in estate, vi consigliamo di andare al mattino presto (8:30) per evitare il caldo della giornata e per poter visitare la città con il minor numero di persone possibile. Il complesso può essere visitato al proprio ritmo, in totale libertà, ad eccezione dei Palazzi Nasridi. Qui c’è un orario di visita che dovete rispettare, perché dopo questo orario non potrete entrare. Il Patio de los Leones si trova alla fine del percorso. Noi, un po’ furbescamente, siamo andati direttamente lì e abbiamo potuto scattare foto senza nessuno intorno a noi. È stato magico. In teoria non è possibile tornare sui propri passi e visitare le stanze precedenti, ma se ci si muove di nascosto si può vedere tutto. La foto qui sotto è stata scattata una domenica di agosto.

Lasciati i palazzi, si arriva al Partal, un luogo di straordinaria bellezza dove spiccano la Torre de las Damas (Torre delle Dame) e la sua civettuola piscina. Possiamo assicurarvi che è un luogo bellissimo e fotogenico. Dopo il Partal, si prosegue verso i Jardines del Generalife, l’antica residenza dei sultani dell’Alhambra. È possibile passeggiare nei suoi splendidi giardini ispano-musulmani, ascoltando l’acqua dei canali di irrigazione e delle fontane e attraversare i portici di un palazzo arabo con una fantastica vista sull’Alhambra. Tornando sui nostri passi, accanto ai Palazzi Nazarí, l’imperatore Carlo V fece costruire la sua residenza estiva a Granada, un regale e imponente edificio rinascimentale a pianta quadrata con una bella anatra circolare al centro. Il Palazzo Carlo V è la visita più rapida di tutti quelli dell’Alhambra.

Infine, prima di concludere la visita all’Alhambra, dobbiamo fare un’altra sosta lungo il percorso all’Alcazaba, l’antica fortezza difensiva dell’Alhambra. La sua origine è quasi certamente più antica degli stessi Palazzi Nasridi. Oggi, dopo varie modifiche e alterazioni nel corso della storia, è costituito da diverse imponenti torri e imponenti mura con una vista aerea mozzafiato di Granada.

2. L’Albaicín

Il quartiere più antico e tradizionale di Granada si trova sulla collina di San Cristobal, proprio di fronte all’Alhambra e situato tra la Carrera del Darro, Calle Elvira e il quartiere del Sacromonte. Per arrivarci bisogna salire su una ripida collina dove, nei mesi di agosto, si vedono molti turisti sull’orlo dello svenimento. Il proprietario del nostro appartamento ci ha consigliato il minibus (1,5€ a tratta) o meglio ancora il taxi (solo 5€), e quando ci si trova nei dintorni della Cattedrale in un giorno di agosto alle due del pomeriggio, si è felici di pagare 5€. Il quartiere è un insieme di strade strette con negozi tradizionali, case imbiancate a calce, balconi fioriti, piccoli palazzi, bar di tapas e molti dei monumenti da vedere a Granada. L’Albayzín è una città a sé stante, dove si può apprezzare l’identità di Granada.

3. Il Mirador de San Nicolás

Situato nel cuore dell’Albaicín, è il punto panoramico più famoso di Granada e da qui si gode di una fantastica vista sull’Alhambra. Non vi diremo quali sono i migliori, ma vi sveleremo alcuni segreti e vi consiglieremo altri luoghi meno affollati. Al tramonto e alle prime luci dell’alba, il punto panoramico è molto affollato. Ci sono molti turisti ed è un po’ opprimente trovare un posto per scattare una foto, almeno in agosto). Accanto al Il Mirador de San Nicolás si trova la Chiesa di San Nicolás, costruita nel XVI secolo in stile mudéjar.

4. Mezquita Mayor de Granada e i suoi giardini

Proprio accanto al belvedere di San Nicolás si trova Mezquita Mayor de Granada, dove si pratica il culto islamico. Ci sono giardini da cui si gode di una vista impareggiabile dell’Alhambra sotto lo sguardo imponente delle cime della Sierra Nevada, la stessa del famoso belvedere, ma con molta meno gente.

5. Sacromonte

Scendendo per la Cuesta del Chapiz possiamo girare a sinistra ed entrare nel quartiere del Sacromonte, situato sulla collina di San Miguel e caratterizzato da case-grotta, per lo più di proprietà della comunità gitana. Questa parte della città è anche nota per essere il luogo di nascita del flamenco e infatti troverete diversi locali dove potrete ammirare una serata di flamenco. In cima al quartiere si trova il belvedere di San Miguel Alto, con una delle migliori viste di Granada.

6. Casa del Chapiz, uno dei luoghi più belli da vedere a Granada

Sulla stessa strada che porta al Sacromonte si trovano le due case moresche più importanti della città, una più bella dell’altra. Il primo si distingue per il bellissimo laghetto circondato da colonne doriche e archi che conducono alle stanze. La seconda casa non può essere visitata, ma i suoi giardini sono una vera meraviglia con ninfee incluse e con una delle migliori viste dell’Alhambra e quasi nessuno in giro. L’ingresso è di 5€, ma la domenica è gratuito!

7. Carmen de la Victoria, le migliori viste dell’Alhambra

I cármenes sono un tipo di abitazione tipica dell’Albaycín, caratterizzata da giardini e frutteti con stagni e fontane in stile arabo. Proprio di fronte alle Casas del Chapiz si trova il Carmen de la Victoria, un luogo che funge da residenza universitaria. In agosto ci sono pochi studenti universitari, quindi passeggiare nei suoi giardini pieni di alberi da frutto, siepi e piccole fontane è una vera delizia e una tregua dall’opprimente caldo estivo. In cima, in un viale di cipressi, si può contemplare quella che per noi è la migliore vista dell’Alhambra di Granada. Da qui si può ammirare l’ottava meraviglia del mondo e la lussureggiante e frondosa valle di Darro senza che vi sia anima viva intorno a voi.

8. Casa árabe de Horno del Oro

Un’altra visita di un quarto d’ora, per godere della bellezza di un’antica casa palatina del XV secolo. Rimarrete stupiti dal suo cortile rettangolare e dalla piscina al centro. È un altro dei monumenti andalusi di Granada che sono gratuiti la domenica.

9. Casa de Zafra

Proseguiamo in discesa e incontriamo un’altra casa in stile decisamente andaluso, un tempo di proprietà di una famiglia nobile della città. Come casa nazarì, si distingue per il cortile e la piscina. Gratuito la domenica.

10. El Bañuelo

Molto vicino al precedente abbiamo trovato uno dei migliori posti da vedere a Granada, o almeno a noi è piaciuto molto. I bagni arabi di Granada, costruiti sopra i primitivi bagni romani, sono costituiti da tre sale: fredda, calda e tiepida. Ci hanno stupito gli archi e le colonne e i soffitti con fori a forma di stelle attraverso i quali filtrava la luce del sole. Una visita praticamente da soli in pieno agosto e, come tutti i monumenti andalusi, gratuita la domenica.

11. Paseo de los Tristes e Carrera del Darro

Queste due strade, che in realtà sono una sola, attraversano la parte bassa dell’Albaycín e sono fiancheggiate da un lato dal fiume Darro e dall’onnipresente Alhambra e dall’altro da chiese, palazzi moreschi e altri monumenti come quelli descritti sopra. È un luogo vivace e animato che diventa ancora più bello al tramonto, quando le luci fioche illuminano le facciate e i muri. Gli elementi di spicco sono la Chiesa di San Pedro e San Pablo e le continue vedute dell’Alhambra.

12. Cattedrale di Granada

Questo capolavoro del Rinascimento spagnolo fu sponsorizzato da Isabella la Cattolica, che ne ordinò la costruzione nel 1505, anche se l’inizio dei lavori richiese qualche anno in più, poiché la regina morì prima.

13. Royal Chapel of Granada

Curiosamente, fu costruita prima della Cattedrale per ospitare le spoglie del monarca più importante della storia della Spagna. Qui sono sepolti anche il marito, re Ferdinando, e i figli Juana la Loca e Felipe el Hermoso. È inoltre possibile visitare il Museo e Tesoro della Cappella Reale, che comprende capi d’abbigliamento indossati dai monarchi cattolici e una selezione molto preziosa dei loro oggetti personali e della loro collezione di dipinti. Se siete intenditori d’arte non potete perdervi questa visita. Potete prenotare la vostra visita combinata alla Cattedrale e alla Cappella Reale qui.

14. Alcaicería, l’antico souk moresco di Granada

Forse non ha il valore artistico della Cappella Reale, ma vi assicuro che mia moglie si è divertita molto in queste strade che circondano la Cattedrale, che un tempo erano l’antico souk arabo di Granada. Oggi si possono trovare molti negozi che vendono souvenir, gioielli e oggetti di artigianato granadino. Molti foulard giganti e lampade arabe riempiono l’atmosfera di luce e colore.

15. Prendete un tè nei negozi di tè di via Calderería Nueva

Gli abitanti di Granada conoscono questa strada come la piccola Marrakesh, e non c’è da stupirsi, visto che ospita molti ristoranti arabi e negozi di tè dove ci si può sedere in stile moresco a bere una tazza di tè. Ce n’è uno bellissimo chiamato Diwan e se volete una vista fantastica dell’Alhambra potete salire ad Abaco Té, anche se la decorazione non è moresca come quella precedente.

16. El Corral del Carbón

Nella parte più nuova di Granada si trova un altro monumento andaluso, l’Alhóndiga, che offriva alloggio a viaggiatori e commercianti, oltre a un luogo dove conservare le loro merci. Anche se non è il monumento più bello di Granada, vale la pena visitarlo perché è l’unico “hotel arabo” sopravvissuto in Spagna.

17. Tapas in EntreBrasas

Mangiare tapas a Granada è una tradizione. Nell’Albaicín ci sono piazze incantevoli e molti bar dove si possono gustare le famose tapas. Nella parte bassa di Granada, intorno alla Cattedrale, ci sono vere e proprie istituzioni come Los Manueles o Los Diamantes, ma se ce n’è una che spicca è Entrebrasas. Non è necessario essere Einstein per sapere che la loro specialità è la carne alla griglia. Hanno di tutto, ma se volete solo mangiare delle tapas, avrete molta carne. Sono squisiti e accompagnati da un Tinto de Verano che non potete nemmeno immaginare.

18. Palacio de Dar-Al-Horra a Granada

Questo palazzo era di proprietà della sultana Aixa ed è costruito attorno a un bellissimo cortile centrale. È possibile salire alle stanze superiori, da cui si gode di una splendida vista sul cortile stesso e su una parte della città di Granada. Come potete vedere, ci sono molte cose da vedere a Granada. Siamo sicuri che ci sono luoghi che non avete ancora scoperto. Lasciateci un commento e aiutateci a scoprire nuovi luoghi affascinanti di Granada.

Granada cosa vedere – Mappa

 

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento