cosa fare a zante

Zante, nota anche come Zacinto, è una piccola isola del gruppo delle isole ioniche in Grecia, con montagne verdi e spiagge blu. L’isola è lunga solo 40 chilometri e larga 20, quindi non sono necessari molti giorni per esplorarne ogni angolo. Il tramonto qui è particolarmente interessante. Volete scoprire cosa vedere a Gran Canaria? Ve lo assicuro. Provate, perché le sorprese sono garantite. Questa lista di cose da fare a Zante vi aiuterà a organizzare il vostro itinerario in questa isola con un mare bellissimo e spiagge straordinarie. Questo elenco di cosa fare a Zante vi aiuterà a preparare il vostro viaggio e ad assicurarvi di non perdere nulla di importante in una delle isole con il mare più bello del mondo.

Se siete alla ricerca di una fuga dal caos e dalla frenesia della vita quotidiana, allora dovete recarvi a Zante. Questa splendida isola ospita alcuni dei paesaggi più belli del mondo, vediamo cosa vedere a Zante. Uno dei punti di forza dell’isola di Zante, che la differenzia dalle altre isole ioniche, è l’esistenza di tartarughe marine della specie Caretta Caretta, che possono misurare fino a 1,5 m di lunghezza e che hanno scelto le spiagge sabbiose di quest’isola come luogo ideale per la nidificazione. È abbastanza facile vederne una, semplicemente facendo snorkeling, ma soprattutto dobbiamo essere consapevoli che si tratta di una specie protetta e che disturbarli può causare loro molto stress; non dobbiamo avvicinarci troppo e tanto meno toccarle. Nella nostra sezione cosa vedere a Zante, parleremo delle più belle spiagge, delle grotte blu e della spiaggia di Navagio e di tutto ciò che secondo noi sono luoghi da non perdere durante la vostra visita nella città.

Cosa fare a Zante (Zakynthos) in Grecia

Questo elenco di cosa fare a Zante insieme alla lista delle spiagge più belle, vi aiuterà a non perdere nulla di questa magica isola che riunisce tutto ciò che un viaggiatore può sognare a livello naturale, oltre a un incredibile mix che combina un’infinita offerta di svago e visite culturali. Nonostante sia una delle isole greche meno conosciute e una piccola isola, Zante offre spiagge e paesaggi mozzafiato. Ecco un elenco delle migliori cose da vedere e da fare sull’isola. In questa guida su cosa visitare a Zante condivideremo un itinerario dettagliato, che si concentra sui punti di riferimento più importanti e sulle attrazioni più importanti da non perdere. Ecco una lista delle cose da visitare a Zante.

1. Le grotte blu, il più grande spettacolo naturale da vedere a Zante

Da Agios Nikolaos partono le barche per l’escursione alla Spiaggia dei Naufraghi e alle Grotte Azzurre al costo di 15 euro. Si consiglia di effettuare l’escursione al mattino prima delle 15:00 poiché le grotte azzurre richiedono la luce diretta del sole per vedere l’effetto dell’acqua blu, simile a quello della Grotta Azzurra di Capri. Esistono anche altre opzioni per escursioni molto più complete, che oltre alla Shipwreck Beach e alle Blue Caves, comprendono la visita ad altri luoghi dell’isola. Tra Agios Nikolaos e Capo Skinari, si può raggiungere in auto un piccolo e grazioso mulino chiamato Potamitis Windmill, dove si trova un punto panoramico e si possono scendere alcuni gradini per raggiungere la parte costiera dove si trovano le grotte. Il mulino a vento è bello e la vista è piacevole, ma non aspettatevi di vedere le grotte da qui. Un’altra opzione per visitare le grotte è il kayak (con kayak), forse l’opzione migliore e sicuramente la più divertente. Scoprite la nostra selezione di cosa fare a Zante e preparatevi ad innamorarvi dell’isola più bella della Grecia.

2. Spiaggia Navagio a Zante (Spiaggia del Naufragio)

Tra tutte le cose da vedere a Zante, il luogo più conosciuto e visitato dell’isola è la spiaggia di Navagio (spiaggia del relitto). È una spiaggia abbracciata da pareti a strapiombo, con sabbia bianca e l’acqua più blu che abbiamo mai visto. E come se non bastasse, nella sabbia si trovano i resti di una nave chiamata Panagiotis.

Storia di Panagiotis

Una delle storie che si raccontano sulla Panagiotis è che si trattava di una barca di contrabbandieri, che nel 1980 lasciò la Turchia trasportando sigarette di contrabbando per la mafia italiana. La marina greca li inseguì e, a causa di un temporale, la nave si arenò in un’insenatura poco profonda al largo della costa occidentale di Zante (a nord di Porto Vromi); l’equipaggio abbandonò la nave per sfuggire all’inseguimento della marina e oggi il relitto rimane in questo luogo chiamato “Navagio” (naufragio). È considerata una delle spiagge più belle del mondo e non c’è da stupirsi: per noi è uno dei luoghi più suggestivi che abbiamo mai visto e, senza dubbio, uno dei posti da visitare in Europa prima di morire, ma ha alcuni “ma”: in primo luogo, bisogna essere consapevoli che in alta stagione sarà piena di gente, anche se, dopo tutto, questo è ciò che accade in tutti i luoghi belli, che perdono un po’ del loro fascino quando sono invasi dai visitatori.

Come raggiungere la spiaggia di Naufragio

La spiaggia dei relitti è accessibile solo via mare, prenotando un’escursione dal porto di Zante, da Porto Vromi o dal porto di Agios Nikolaos. E per accedere alla spiaggia, tutte le imbarcazioni devono fare i turni, per cui si hanno a disposizione solo 45 minuti. Per i nostri gusti, un tempo più che sufficiente per vedere Panagiotis e fare un tuffo nelle sue acque blu. Per evitare la folla, è consigliabile alzarsi presto e prendere il tour con il primo battello della giornata. Siamo andati direttamente al porto per prenotare l’escursione per il giorno successivo e siamo stati fortunati. Se la permanenza sull’isola è breve, è consigliabile prenotare in anticipo per non rimanere senza posti. Potete farlo qualche giorno prima al porto o online qui.

I migliori panorami sulla baia di Navagio

La cosa più bella di questa spiaggia è il panorama che si gode dalla cima delle scogliere. La vista della Shipwreck Beach dalla montagna è incredibile e le foto, per quanto si possa essere pessimi fotografi, sono da cartolina. Per raggiungere il punto panoramico, recarsi a Volimes e seguire le indicazioni. In questa zona occorre prestare la massima cautela perché il pericolo è reale e, soprattutto, evitare di andarci con bambini piccoli.

3. Le più belle spiagge di Zante

Questo elenco con le spiagge di Zante più belle vi aiuterà a non perdere nulla di questa magica isola che riunisce tutto ciò che un viaggiatore può sognare a livello naturale, oltre a un incredibile mix che combina un’infinita offerta di svago e visite culturali. In questa guida spiagge Zante condivideremo un itinerario dettagliato, che si concentra sulle spiagge Zante più importanti e sulle attrazioni più importanti da non perdere. Ecco la lista con le spiagge di Zante più belle.

1. Playa Xigia

La spiaggia di Xigia è una piccola spiaggia molto pittoresca con parcheggio, ombrelloni, lettini e mensa. Ha un odore molto caratteristico di zolfo, proveniente dalle grotte vicine. A causa del contenuto di zolfo dell’acqua, il colore blu dell’acqua si schiarisce, diventando meno intenso e un po’ biancastro. La spiaggia è così unica che fa dimenticare lo sgradevole odore di uova marce.

2. Porto Limnionas Beach

Una piscina naturale non ancora molto conosciuta dai turisti. Non c’è descrizione migliore per questo luogo. È una spiaggia senza sabbia, con rocce, ideale per saltare, nuotare, fare snorkeling e godersi le sue acque turchesi. Se vi piace stare in acqua più che sulla sabbia, questa è la spiaggia che fa per voi. Non esitate perché non potete perdervela!

3. Bahía de Laganas

L’area della baia di Laganas è un Parco Marino Nazionale perché è il luogo di nascita della specie di tartaruga Caretta caretta (o loggerhead). Zante è l’isola con la più alta densità di nidi di questa specie che, purtroppo, nidifica durante l’alta stagione turistica (da luglio a ottobre), causando il disorientamento delle tartarughe. A quanto pare, il governo sta iniziando a porre alcune restrizioni all’accesso ad alcune spiagge in determinati orari (dal tramonto e durante la notte). Durante il giorno è ancora possibile visitare le spiagge e godersi un bagno nelle acque cristalline. La spiaggia di Laganas è la più lunga della zona e una delle più lunghe della Grecia, ma è piuttosto affollata durante il giorno.

4. Playa Daphne

La spiaggia di Daphne, invece, a causa del suo accesso più difficile, non è così affollata. È anche una spiaggia di riproduzione e molto più tranquilla. I ristoranti sulla spiaggia offrono parcheggio e lettini gratuiti, poiché è vietato sdraiarsi sulla sabbia con gli asciugamani.

5. Playa Gerakas

Di notte c’è la possibilità di vedere le tartarughe che si avvicinano alla sabbia per deporre le uova, ma dato che è così buio bisogna usare le torce e questo le disorienterebbe perché sono guidate dal bagliore del mare per tornare in acqua. Meglio sperare nella fortuna durante le ore diurne.

6. Spiaggia di Gerakas. La spiaggia ideale per andare con i bambini a Zante

È la spiaggia ideale per i più piccoli perché non sprofonda veloce. Una lunghissima spiaggia di sabbia, ideale per chi preferisce trascorrere più tempo sulla sabbia che in acqua e per chi ama camminare. Non andate su questa spiaggia pensando di fare snorkeling perché non è questo il posto, anche se l’acqua è cristallina. Prima dell’accesso alla spiaggia si trova un piccolo centro per la cura e la protezione delle tartarughe, dove è possibile scoprire tutto sulle tartarughe.

4. Vedere le tartarughe a Zante

Da Limni Keriou vengono offerte gite in barca con il fondo di vetro per vedere le tartarughe, anche se, da quanto ci hanno detto alcuni abitanti del posto, le barche devono avvicinarsi molto alle tartarughe per poterle osservare bene e questo le stressa, quindi abbiamo deciso di non fare la gita. Se prenotate un tour nella baia di Laganas, non scegliete un operatore che vi garantisce l’avvistamento delle tartarughe con la promessa di restituirvi i soldi in caso contrario: questo incoraggia le imbarcazioni a molestare le tartarughe e a contribuire lentamente alla loro estinzione. Vi consigliamo di fare delle gite in barca per esplorare l’isola, che è molto bella, e potreste avere la fortuna di vederne una. Se il tempo è buono, le altre opzioni sono:

1. Isola di Cameo. Alta possibilità di vedere una tartaruga.

L’isola di Cameo è un’isola molto piccola situata ad Agios Sostis. Per arrivarci, bisogna attraversare una lunga e stretta passerella di legno. L’isola in sé non ha molto da offrire: una piccola spiaggia con un bar (con una bevanda obbligatoria) e poco altro, ma c’è qualcosa di interessante che vorrete sapere: è possibile vedere le tartarughe semplicemente facendo snorkeling intorno a loro. Questo è un aspetto che non pubblicizzano molto perché sono interessati solo a vendervi il tour in barca a Zante. A sinistra del ponte, prima di arrivare a Cameo Island, c’è una buona possibilità di vedere una tartaruga, ma osservatela sempre da lontano.

2. Visita a Marathonisi, l’isola delle tartarughe

Quest’isola è chiamata isola delle tartarughe. È possibile raggiungerla in barca da Agios Sostis, acquistando un biglietto presso uno dei numerosi stand per le escursioni. L’isola è un rifugio per la Caretta Caretta ed è un’area protetta, quindi è molto sorvegliata: è consentito stare sulla sabbia solo molto vicino al punto in cui si infrangono le onde o in acqua. L’area è delimitata in modo che nessuno possa allontanarsi.

3. Capo Keri

Un altro luogo con viste incredibili è Capo Keri, con le sue enormi scogliere e luogo ideale per ammirare il tramonto, dove si trova anche un’enorme bandiera greca, che si dice sia la più grande della Grecia. A un chilometro a sud del faro, a circa 15 minuti di cammino, si trova un punto panoramico con una vista mozzafiato.

5. Città di Zante

Interessante è anche la visita alla città di Zante, la capitale, dove si può passeggiare nel porto principale dell’isola (dove il traghetto ci ha lasciato) e nella sua strada parallela fiancheggiata da ristoranti e bar. La città ha un aspetto un po’ decadente, ma passeggiare per le strade è piacevole. Vale la pena fare una gita al quartiere di Bochali per godere di una bella vista panoramica della città dal suo punto di osservazione. Molto vicino al punto panoramico, si trova una piccola fortezza che offre anch’essa un bel panorama. Nel 1953 l’isola fu colpita da un terremoto che danneggiò gravemente gli edifici, ma si decise di ricostruirli tutti in modo identico. Il nome Zante deriva da Ζάκυνθος, la trascrizione greca moderna del nome, ma è conosciuta anche con il nome italiano: Zante.

I musei di Zante

1. The Byzantine Museum

Situato sulla piazza principale della città di Zante, il Museo Bizantino copre 3 sezioni con collezioni che includono icone, sculture in legno, affreschi, dipinti, foto che mostrano Zante prima del terremoto e abiti ecclesiastici.

2. National Marine Park Exhibition Centre

Scopri le tartarughe marine caretta in via di estinzione che nidificano su molte delle spiagge di Zante e altre specie che si trovano sull’isola e intorno all’isola, sia la fauna che la flora. Un luogo interessante per gli amanti della natura per saperne di più e allo stesso tempo insegnare ai bambini il nostro ambiente.

3. Milanio Naval Museum

Scopri la storia navale di Zante dal 17° secolo fino ai giorni nostri. Situato a Tsilivi, il museo navale mostra l’evoluzione della storia marittima in una collezione di acquerelli e con una collezione di modelli di navi bizantine, fotografie, uniformi e altri cimeli.

4. Helmi’s Natural History Museum

Questo museo abbastanza nuovo, situato nel villaggio di Agia Marina, aiuta i visitatori a capire quanto sia unica Zante con la sua ampia varietà di flora e fauna (sono rappresentati 1.500 esemplari e specie) che è supportata da una varietà di ecosistemi che vanno dalle spiagge sabbiose al foreste verdi.

5. Cultural and Agricultural Museum di Zante

Torna indietro nel tempo e guarda come si facevano le cose a Zante e nella Grecia rurale nel suo insieme. Situato nel villaggio di Pigadakia, questo museo è la ricostruzione di una fattoria tradizionale. Muoviti tra le stanze della casa con mobili, oggetti e artigianato tradizionali prima di uscire all’aperto per vedere i vecchi macchinari utilizzati per la spremitura dell’uva e delle olive insieme ad attrezzi risalenti al 16° secolo.

I siti storici

1. Venetian Castle

Completata dai veneziani nel 1646, questa imponente fortificazione situata in cima alla collina di Bohali nella città di Zante proteggeva la gente del posto dagli attacchi dei pirati e dai successivi attacchi dei turchi. Goditi la vista sulla città mentre cammini per i giardini ripercorrendo la storia fino alla Zante medievale, ricordando che l’attuale forte fu costruito sul sito di un’acropoli molto più antica. La chiesa bizantina di Sotira aka Pantokratoras del 12° secolo e la chiesa di Aghios Frangiskos del 14° secolo sono solo 2 dei luoghi da vedere all’interno del parco.

2. Roma Family Mansion

Risalente al 1660 questa villa aristocratica nella città di Zante (appartenente alla famiglia Roma) è uno dei pochi edifici sopravvissuti al terremoto del 1953. È stato restaurato in modo che i visitatori possano ammirare gli interni sontuosi con mobili tradizionali, dipinti, libri e altri oggetti.

3. Stranis Hill

È qui che lo scrittore e poeta Dionysos Solomos ha scritto i testi dell’inno nazionale greco e del poema Eleftheri Poliorkimeni che si traduce come “libero assediato”. Goditi la vista su Tsilivi, rendi omaggio al monumento.

4. Argassi Bridge and Vrysakia Aqueduct

A pochi passi dagli hotel turistici troverai il Ponte Argassi, i resti di un ponte veneziano semisommerso. Risalente al 1885 era un tempo la principale strada costiera dell’isola prima che la costa fosse erosa fino alla sua posizione attuale. C’è anche un acquedotto nascosto alla periferia di Argassi, i resti parziali sono veneziani e si trovano in tranquilla solitudine, per lo più dimenticati e visitati da pochi.

Chiese e monasteri

1. Agios Nikolaos Chapel aka The Church on the Sea

Questa piccola ma bellissima cappella bianca con porte e finestre rosso vivo apre le sue porte solo per i matrimoni, ma puoi ancora ammirarla dall’esterno: è molto fotogenica con la sua posizione costiera sulla penisola.

2. St George Krimnon Monastery

Con la sua splendida vista sul mare, il monastero di San Giorgio Krimnon in stile veneziano è disposto intorno a un pittoresco cortile con le residenze dei monaci da un lato, la torre di avvistamento circolare in rovina al centro (costruita per difendere il monastero dagli attacchi) e la chiesa dall’altro lato.

3. St Nicholas Church

Questa è l’unica chiesa rimasta costruita in stile veneziano. E’ stata restaurata dopo il terremoto del 1953 ma risale al 17° secolo, la parte principale della chiesa costruita in stile rinascimentale con il campanile costruito in stile bizantino.

4. Virgin Anafonitria Monastery

Questo monastero era il luogo dove si rifugiò San Dionisio. Contiene una torre del XV secolo in parte diroccata, originariamente costruita come torre di avvistamento ma ora utilizzata come campanile. All’interno della chiesa si possono ammirare numerosi affreschi e una pregevole icona quattrocentesca della Vergine Maria.

5. St Dionysios Church

Costruita nel 1948 (e resistendo al terremoto del 1953), questa è la chiesa più grande dell’isola di Zante. Vedrai il suo campanile svettante sulla città (una delizia di notte quando è illuminato), ma assicurati di entrare durante il giorno per vedere gli affreschi greco-ortodossi.

6. Eleftheotria Monastery

Situato vicino al villaggio di Lagopodo, non puoi perderti questo suggestivo monastero rosso e bianco che sembra più un castello! Oggi è la residenza delle monache, visita l’interno per ammirarne l’architettura, i panorami sull’altopiano, così come lo stile di vita più semplice.

Altre cose da fare a Zante

1. Zakynthos Water Park

Urla di gioia mentre ti godi l’unico parco acquatico pubblico dell’isola; Zante Water Village che è anche uno dei parchi acquatici più grandi di tutta la Grecia. Con le 9 attrazioni puoi eccitare i tuoi sensi mentre viaggi lungo l’innovativo giro in tubo Boomebowl, in caduta libera dalla kamikaze Thrill Tower ad alta velocità, galleggia lungo il fiume Lazy lungo 300 m, sguazza con gli Aqua Spray Games o semplicemente rilassati la vasca idromassaggio.

2. Notte greca

Non puoi visitare la Grecia senza alzare i piedi in aria e gridare oopa! Goditi una serata di cucina greca, vino locale, musica e balli in un ambiente adatto alle famiglie presso la tradizionale taverna con cucina casalinga situata nel pittoresco villaggio di Agios Dimitris.

3. Askos Park

Visita questo parco adatto alle famiglie con un piccolo zoo di animali per vedere cervi, pavoni, procioni, tartarughe, asini, capre, galline e altri animali. È possibile dare da mangiare agli animali e ci sono guide a portata di mano per dirti come nutrire gli animali (nessuno vuole tornare a casa con le dita mancanti!) e farti conoscere meglio gli animali. Potrai anche vedere alcune delle 200.000 piante che coprono i 500 acri.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento