cosa vedere a cefalù

Dire che Cefalù è uno dei borghi più belli della Sicilia è poco. Infatti, questo piccolo villaggio di pescatori nel nord dell’isola è uno di quei luoghi da non perdere. A Cefalù ci sono davvero molte cose interessanti da vedere, ma ciò che colpisce di più sono le stradine strette, fiancheggiate da negozi, ristoranti e palazzi, che conducono a un mare azzurro al quale, se il clima è caldo, è difficile resistere. Parlando di mare, non c’è dubbio che una delle immagini più associate alla Sicilia sia quella dell ‘antico porto di Cefalù, con le sue case e i suoi balconi che si affacciano sul mare, con la Rocca sullo sfondo a dominare l’intero paesaggio su cui sorge. Cosa fare a Cefalù? Come potete immaginare, in estate la città è piena di gente del posto e di turisti. Le sue spiagge meritano una visita, ma non solo, c’è di più. Per esempio, c’è una ricca gastronomia e bei ristoranti dove si possono gustare le piadine siciliane. Le spiagge di Cefalù invitano a fare un bagno rinfrescante, vediamo cosa vedere a Cefalù, sei luoghi straordinari.

Leggi anche: Riserva Naturale dello Zingaro, spiagge e cosa vedere

Cosa vedere a Cefalù

Sebbene non ci siano molte cose da fare a Cefalù, consigliamo una visita di un giorno. Se il tempo è caldo, si può fare un bagno nel Mar Tirreno o una piacevole salita alla Rocca, una formazione rocciosa che probabilmente ha dato il nome alla città “Kefalù” (testa) o “cefas” (pietra). Ci siamo divisi e mentre alcuni di noi facevano le loro cose sulla spiaggia del porto vecchio, altri si sono arrampicati sulla Rocca sotto il sole di mezzogiorno (meglio evitarlo se si visita in piena estate). A Cefalù troverete bellissime strade acciottolate che condividerete con i turisti e gli abitanti del luogo, alcuni lavatoi medievali, una cattedrale in stile normanno (Patrimonio dell’Umanità) la cui facciata e il cui interno sono una meraviglia, e angoli e scorci in cui fermarsi per digerire la bellezza della città. Naturalmente, il modo migliore per avere un’idea più precisa della struttura di questo villaggio di pescatori è salire in cima alla Rocca. Cosa vedere a Cefalù …

Corso Ruggiero e Via Vittorio Emanuele

Il percorso inizia inevitabilmente entrando nel centro storico di Cefalù lungo via Vittorio Emanuele. Questa strada assorbe il maggior numero di passanti, così come Corso Ruggiero, che le corre parallelo ed è l’arteria principale della città. Forse vi consigliamo di percorrere via Vittorio Emanuele, quella più vicina al mare, perché non solo la via è molto bella (lo sarebbe ancora di più se non passassero le auto di tanto in tanto) ma anche perché troverete facilmente il lavatoio medievale e, alla fine della strada, il vecchio porto.

Il lavatoio medievale di Cefalù

Imboccando via Vittorio Emanuele e poco prima di raggiungere il porto vecchio, sulla sinistra, ci si imbatte in un antico lavatoio medievale (XVI secolo) che, sfruttando le acque di un fiume sotterraneo, serviva a lavare i panni in una delle 8 vasche rimaste di quel periodo e ancora in uso fino a poco tempo fa. L’accesso al lavatoio avviene scendendo alcuni gradini dalla strada principale ed è costituito da tre diversi livelli. Al livello più alto si raccoglieva l’acqua pulita, quello successivo veniva usato per lavarsi e il terzo fungeva da scarico verso il mare, dove si può sentire la freschezza e l’umidità fornite dall’acqua che vi scorre da secoli. Tra l’altro, l’ingresso è completamente gratuito.

Leggi anche: Le più belle spiagge di Favignana

Il porto vecchio di Cefalù (la Porta Pescara e la sua spiaggia)

Il modo romantico per raggiungere il porto vecchio è attraversare la Porta Pescara, ma se si prosegue qualche metro più avanti si avrà un accesso più comodo a quello che un tempo era il porticciolo di Cefalù. Per una migliore vista panoramica e per scattare foto, il nostro consiglio è di avvicinarsi alla fine del molo da dove si possono inquadrare il porto vecchio, la spiaggia, le case e la Rocca sullo sfondo. Questa spiaggia è comoda per andare con la famiglia (c’è una doccia a disposizione) e sia la sabbia che il mare sono abbastanza puliti (trattandosi di un porto avevamo qualche dubbio). Ci siamo davvero divertiti, il sole splendeva e abbiamo scelto bene dove mangiare a Cefalù, gustando una deliziosa piadina siciliana e una picada in stile argentino (o era il contrario?).

Cattedrale di Cefalù

È una delle chiese normanne più importanti della Sicilia e la sua facciata è davvero impressionante. Costruita nel XII secolo, è dedicata al Salvatore e alla Trasfigurazione di Gesù. Ha due torri, una navata centrale e un’abside all’interno della quale si trova il famoso Cristo Pantocratore evangelizzatore, realizzato con mosaici bizantini. Seguendo i consigli, abbiamo deciso di visitare prima Cefalù e poi Monreale, perché si dice che se si vede prima l’interno del duomo di Monreale, quello di Cefalù non è così affascinante. Siamo d’accordo. L’interno di questa cattedrale era un antipasto di quella che avremmo visitato qualche giorno dopo.

La Rocca di Cefalù

È senza dubbio l’icona di Cefalù. La Rocca ha un valore che va oltre il paesaggio. La sua storia è un fattore determinante nella regione e non va presa alla leggera, poiché su di essa fu costruita una cittadella araba, poi sostituita da un castello normanno. In cima è possibile visitare siti importanti come il Tempio di Diana (IX secolo a.C.) o il castello normanno che corona il sito. La Rocca è segnalata all’ingresso del paese. La sua altitudine (268 metri) permette di vedere tutta la costa a est e a ovest, godendo della tranquillità di un luogo in cui non abbiamo trovato troppa gente (eravamo forse 10 in tutto). L’accesso costa 4 euro e se visitate il villaggio nei giorni di pioggia potreste trovare l’accesso alla Rocca chiuso per motivi di sicurezza. Per salire sulla Rocca non solo bisogna pagare, ma anche prepararsi a una salita a metà strada tra gradini (all’ombra dei pini) e un sentiero (a cielo aperto) che a volte lascia senza fiato, soprattutto se si cammina sotto il sole di mezzogiorno. In ogni caso, non è un grosso problema e chiunque può scalarlo in tutta tranquillità. Lungo il percorso troviamo dei bivi, uno verso il Tempio di Diana, l’altro verso il Castello. Abbiamo scelto il castello perché è il punto più alto e si può vedere tutta Cefalù ai propri piedi. Durante la discesa passiamo davanti al Tempio di Diana. La passeggiata totale dura circa un’ora e mezza. Altamente raccomandato.

Leggi anche: Cosa fare in un giorno all’isola di Levanzo

Come arrivare a Cefalù

La città di Cefalù si trova nel nord della Sicilia e dista circa 70 km da Palermo, quindi se viaggiate sull’isola la soluzione migliore è includerla come escursione giornaliera dalla città di Palermo. Apprezzerete la possibilità di fuggire per qualche ora dalla frenesia del traffico per godervi il suono e l’odore del mare. Ci sono diverse opzioni per arrivare a Cefalù da Palermo (da Catania sono più di 2 ore di strada): l’auto a noleggio è la scelta migliore, seguita dal treno. In questa occasione abbiamo scartato l’autobus.

  • Auto a noleggio > ci vogliono circa 45 minuti e c’è un pedaggio per arrivare a Cefalù (0,90 euro). Lo svantaggio di questa opzione è che bisogna cercare un parcheggio, ma questo può essere risolto se si va direttamente al parcheggio Dafne nel centro storico. L’alternativa è un grande spiazzo di fronte alla spiaggia dove si può parcheggiare per 8 euro per tutto il giorno.
  • Treno > Se non avete un’auto, la migliore alternativa è il treno. I treni da Palermo Centrale a Cefalù partono ogni ora e costano 5,60 euro per adulto (poco meno di un’ora di viaggio, a seconda del numero di fermate del treno). Potete prenotare il vostro posto direttamente sul sito web di Trenitalia o recarvi alla stazione di Palermo 30 minuti prima della partenza.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento