Cosa vedere a Gran Canaria

By | Dicembre 23, 2022
Cosa vedere a Gran Canaria

Gran Canaria è molto di più delle sue note dune, delle affollate spiagge del sud o della sua imponente capitale. Quest’isola custodisce veri e propri tesori ancora in gran parte sconosciuti. Villaggi incantevoli, paesaggi vulcanici, ma anche paesaggi verdi e verdeggianti, spiagge nascoste, punti panoramici mozzafiato e molto altro ancora… Volete scoprire cosa vedere a Gran Canaria? Ve lo assicuro. Provate, perché le sorprese sono garantite. Questa lista di cose da fare a Gran Canaria vi aiuterà a organizzare il vostro itinerario in questa isola con un mare bellissimo e spiagge straordinarie. Questo elenco di cosa fare a Gran Canaria vi aiuterà a preparare il vostro viaggio e ad assicurarvi di non perdere nulla di importante in una delle isole con il mare più bello del mondo.


Se siete alla ricerca di una fuga dal caos e dalla frenesia della vita quotidiana, allora dovete recarvi a Gran Canaria. Questa splendida città ospita alcuni dei paesaggi più belli del mondo, vediamo cosa vedere a Gran Canaria. Nell’articolo sulle spiagge più belle di Gran Canaria vi ho detto che avevo alcuni pregiudizi. Idee che sono svanite pochi minuti dopo aver messo piede sull’isola. È il terzo più grande e anche il più alto dell’arcipelago. È anche la seconda isola più popolata (solo dopo Tenerife) e la sua capitale, Las Palmas de Gran Canaria, è il centro abitato più grande delle Canarie.

Cosa vedere a Gran Canaria

In questa occasione, ho deciso di rendervi le cose più semplici. Per spiegare in dettaglio l’itinerario da seguire per scoprire i migliori luoghi da vedere a Gran Canaria. E, che ci crediate o no, in una settimana avrete il tempo di scoprire solo alcune delle sfaccettature che quest’isola ha da offrire. Gran Canaria ha molto da offrire. Molto, direi. Infatti, sto già pensando di tornare il prima possibile. Questo elenco di cose da fare a Gran Canaria insieme alla lista delle spiagge più belle, vi aiuterà a non perdere nulla di questa magica isola che riunisce tutto ciò che un viaggiatore può sognare a livello naturale, oltre a un incredibile mix che combina un’infinita offerta di svago e visite culturali.

In questa guida su cosa visitare a Gran Canaria condivideremo un itinerario dettagliato, che si concentra sui punti di riferimento più importanti e sulle attrazioni più importanti da non perdere. Ecco una lista delle cose da visitare a Gran Canaria. Ovviamente, non tutti hanno a disposizione una settimana intera. L’aspetto positivo di questo articolo è che potete scegliere gli itinerari che più vi motivano e organizzare il vostro viaggio a Gran Canaria in 3 giorni, 4 giorni o 5 giorni. Tuttavia, 3 giorni sull’isola mi sembrano troppo pochi. A mio parere, non ne vale la pena. Ma questa è un’opinione del tutto personale. Questo elenco di cosa vedere a Gran Canaria vi aiuterà a preparare il vostro viaggio e ad assicurarvi di non perdere nulla di importante in una delle isole più belle del mondo.

1. Las Palmas de Gran Canaria

Gran Canaria luoghi di interesse. Las Palmas de Gran Canaria è la capitale dell’isola e una delle città più grandi dell’arcipelago (370.000 abitanti). Inoltre, possiede uno dei porti più importanti non solo della Spagna, ma di tutta l’Europa. Con queste cifre si può immaginare il trambusto, la vitalità e la buona atmosfera di questa città. Inoltre, ha molto da offrire, molti luoghi che vi incanteranno. L’ideale è dedicargli almeno un’intera giornata. I vostri passi dovrebbero portarvi prima al distretto di Vegueta. Questo è il centro storico e il seme fondante della città. Qui si possono ammirare grandi monumenti come la Cattedrale di Santa Ana e la sua omonima piazza, la Casa de Colón e magnifici esempi di case coloniali che riempiono di colore le strette vie del quartiere. Nelle vicinanze si trova un altro bellissimo quartiere storico, Triana. E qui scambiamo l’architettura coloniale con splendidi edifici modernisti. Non perdetevi la bella atmosfera della Calle Mayor de Triana.

Ci allontaniamo dal centro storico in direzione di una delle più belle spiagge dell’isola. La spiaggia di Las Canteras è un’impressionante distesa di sabbia lunga 3 chilometri. Si dice infatti che sia una delle migliori spiagge urbane del mondo. È bello all’esterno ma soprattutto all’interno. Las Canteras si distingue per i suoi fondali bassi, ricchi di vita marina. Una delle attività principali è quella di fare un tour guidato di snorkeling a Las Canteras e ammirare la fauna che vive a pochi metri dalla riva. Se tutto questo non vi basta, nelle immediate vicinanze della capitale potrete visitare l’impressionante Giardino Botanico Canario Viera y Clavijo e la Caldera de Bandama.

2. Nord di Gran Canaria

L’itinerario dei migliori luoghi da visitare a Gran Canaria prosegue nel nord dell’isola. La nostra prima tappa è un luogo davvero speciale. Si tratta del Cenobio de Valerón, uno spettacolare sito archeologico che risale all’epoca degli aborigeni canari. L’itinerario prosegue nella città di Gáldar. Oltre ad avere un centro storico piuttosto affascinante, c’è un’altra visita essenziale nel Parco Archeologico della Cueva Pintada. Insieme al Cenobio, questi sono i resti archeologici aborigeni più importanti di Gran Canaria. Io l’ho trovato chiuso, spero che tu abbia più fortuna. Ci stiamo dirigendo verso uno dei miei luoghi preferiti. All’estremità nord-occidentale della penisola si trova una penisola brulla e frastagliata, la penisola di Sardina. Dove la strada termina a Puerto Sardina troviamo bellissime spiagge di sabbia nera e acqua cristallina. Molto famosa per le immersioni. Per non parlare del paesaggio lunare accanto al faro di Punta Sardina e della splendida piscina naturale di Los Espejos. Questa penisola è una bellezza che di solito passa inosservata alla maggior parte dei turisti.

Il percorso ci porta ora in uno dei luoghi più turistici di Gran Canaria. Sicuramente avrete già sentito parlare di Puerto de las Nieves e del famoso Dedo de Dios, non è vero? Ebbene sì, è spettacolare come sembra e molto di più. Un piccolo villaggio di casette bianche in perfetta armonia con un paesaggio vulcanico ricco di scogliere e spiagge scure. Ma non finisce qui. A pochi minuti di auto, vi consiglio di visitare anche il centro del villaggio di Agaete. E se siete ancora in vena di resti archeologici, non perdetevi la Necropoli di Maipez. Una giornata molto intensa, vero? Probabilmente ci sarà chi preferisce riposare, godersi il momento e concludere la giornata qui. Tuttavia, se vi siete alzati presto e avete ancora qualche ora di luce, vi consiglio di continuare a percorrere una delle strade panoramiche più mozzafiato dell’isola, la GC-200. Centinaia di curve, continui saliscendi, ripidi dirupi e punti di vista da un altro pianeta. Vale la pena di godersi il viaggio e il panorama fino a raggiungere il Mirador del Balcón, vicino al villaggio di Aldea de San Nicolás. Un bellissimo paesino costiero con un’atmosfera locale molto piacevole.

3. Spiagge di Gran Canaria del sud

Benvenuti a Guirilandia…hahaha. Sì, il sud dell’isola è pieno di spiagge infinite, ma anche di complessi turistici, vere e proprie aberrazioni urbane e migliaia di stranieri desiderosi di un po’ di sole e di spiaggia. Poco invitante, vero? Ebbene, continuate a leggere perché, nonostante abbia trovato luoghi che non mi sono piaciuti affatto, ne ho scoperti altri che ho trovato meravigliosi. Questa lista con le migliori spiagge di Gran Canaria vi aiuterà a organizzare il vostro viaggio. Scegliere le spiagge più belle di Gran Canaria può essere un compito molto difficile, noi vogliamo aiutarvi proprio in questo, a scegliere tra le bellissime spiaggie spagnole. Quale spiaggia scegliere? Oggi, con la nostra guida alle spiagge di Gran Canaria vedremo quali sono le spiagge più belle di Gran Canaria, dove si trovano e scoprirete, in base alle vostre esigenze, quale spiaggia farà al caso vostro durante la vostra vacanza sull’isola più bella del mondo. Questo paese offre molti chilometri di spiagge incantevoli, tuttavia, non è famosa solo per le spiagge. Abbiamo iniziato la giornata con stile. Sì, in uno dei villaggi più belli da vedere a Gran Canaria. Stiamo parlando di Puerto de Mogán. Un quartiere di mare che oggi ha un’immagine da cartolina. Casette con cornici colorate, grandi palme, un porto dalle acque cristalline, fiori che adornano ogni vicolo, canali e… chi può fare di meglio…?

La giornata continua e sono sicuro che non vedete l’ora di fare un tuffo, vero? Beh, vi propongo una spiaggia super cool e poco conosciuta. Si tratta della spiaggia di Tiritaña, raggiungibile a piedi dopo aver sceso un piccolo burrone in circa 15-20 minuti. Si tratta di una piccola spiaggia con acque cristalline, solitamente frequentata da campeggiatori. A me personalmente è piaciuto molto. L’itinerario attraverso le spiagge del sud di Gran Canaria ci porta ora a due spiagge che sembrano più uscite da un’isola caraibica che da Gran Canaria. Mi riferisco alla spiaggia di Amadadores e alla spiaggia di Anfi del Mar. Entrambi vantano sabbia bianca (artificiale) e acque cristalline e turchesi. L’aspetto negativo è che queste spiagge sono circondate da orribili insediamenti turistici. L’ambiente ne sminuisce il fascino. Tuttavia, è innegabile che le spiagge siano molto belle. Se volete godervi un po’ di pace e tranquillità, soggiornerei ad Amadores per la sua grande estensione.

Da una spiaggia all’altra, e correrò il rischio. È il momento dell’ultima tappa della giornata. Un luogo da assaporare con calma. Il grande emblema dell’isola e uno spazio naturale incomparabile. Mi riferisco alle Dune di Maspalomas. Un gigantesco campo di dune di sabbia dorata che termina direttamente nelle acque del Mar Atlantico. Nel pomeriggio e con l’avvicinarsi del tramonto, i colori diventano più intensi. Una vera meraviglia della natura. Vi mancano alcune delle spiagge più famose del sud di Gran Canaria? Sì, è così. Non ho menzionato Playa del Inglés o Playa de San Agustín, tra le altre. Onestamente, non credo valga la pena di perdere tempo con loro. Di solito sono sovraffollate e vicine ai complessi urbani più grandi e aberranti del sud.

4. Persi in una spiaggia nascosta

Oggi è il momento di rilassarsi su una delle migliori spiagge Gran Canaria. Non so se sia il più bello, ma io l’ho trovato fantastico. È la spiaggia di Güi Güi. Una distesa chilometrica di sabbia completamente vergine, con acque cristalline, scarsa occupazione e un accesso via terra un po’ complicato. Si dice che per raggiungere il paradiso bisogna soffrire un po’, non è vero? Niente che non premi una giornata di relax in uno dei luoghi più remoti e selvaggi dell’isola. Il sentiero inizia nel piccolo villaggio di Tasártico. Anche se non è tecnicamente difficile, devo avvertirvi della forte pendenza che dovrete superare. Non è una passeggiata e bisogna esserne consapevoli. Due ore e mezza (solo andata) di salite e discese attraverso un terreno arido di indescrivibile bellezza. A tratti, dà la sensazione di essere stato trasportato nel West americano. BRUTALE!


Se non ve la sentite di affrontare l’escursione, avete un’altra possibilità. Güi Güi è raggiungibile anche via mare da Puerto de Mogan o da altri porti della zona. L’ideale sarebbe cercare di contrattare un taxi d’acqua (non so se partono tutti i giorni) o noleggiare un tour organizzato in anticipo. A questo link è possibile prenotare un’escursione che, oltre allo sbarco a Güi Güi Güi, prevede anche la navigazione in mare aperto per vedere i delfini. A chi sceglie di fare il percorso a piedi, consiglio di alzarsi molto presto al mattino per evitare di camminare nelle ore più calde e godersi un’intera giornata di sole, spiaggia e solitudine. Sulla via del ritorno, se avete ancora un po’ di tempo a disposizione, potete raggiungere la vicina spiaggia di Aneas a Tasarte. Sulla spiaggia c’è un piccolo bar da cui si può godere di un bellissimo tramonto con vista sul Teide.

5. Visitiamo l’interno dell’isola

Questo è uno dei miei itinerari preferiti a Gran Canaria. Forse per la scarsa conoscenza che avevo dell’interno dell’isola, o per i paesaggi unici e straordinari. Non lo so, ma ho trovato l’interno dell’isola bellissimo. Uno scenario senza sosta, strade panoramiche e, ancora una volta, molte sorprese. Consiglio di partire presto. Anche in questo caso, la giornata è ricca di tappe interessanti e si consiglia di sfruttarle al massimo. La prima meta della giornata è la diga di Soria, che raggiungeremo da sud sulla strada GC-505. La strada è un premio in sé. Ogni curva vi offrirà una meravigliosa prospettiva di un paesaggio che cambia con il passare dei chilometri. La stessa diga di Soria, incastonata in una profonda gola e tra dolci montagne, non è da meno.

Proseguiamo verso l’interno, percorrendo centinaia di curve e centinaia di punti panoramici, come la Cruz de San Antonio. Il prossimo obiettivo è la diga di Las Niñas. Personalmente, non mi ha colpito come il primo, ma la sua bellezza è indiscutibile. Infatti, alcuni osano definirla la piccola Svizzera delle Isole Canarie. La strada prosegue dritta verso le grandi vette dell’isola, ma questa volta ce le lasciamo alle spalle per scoprire una vera e propria oasi sul cammino. Un piccolo villaggio di casette bianche adagiato in fondo a una valle piena di palme. È Fataga e vi assicuro che ne vale la pena al 100%. Una delle più belle e sorprendenti dell’isola. Prendetevela con calma. Perdetevi nelle stradine, godetevi l’architettura tradizionale e immergetevi nella bellezza di una valle sorprendente.


Ormai sarete stupiti dalle sorprese che riserva l’interno di Gran Canaria. Ma c’è ancora il piatto principale. Forse il luogo che mi ha sorpreso di più durante l’intera settimana a Gran Canaria. A causa della mia mancanza di conoscenza e anche a causa del paesaggio irreale. Si tratta della diga di Sorrueda. Posso assicurarvi che è incredibile. Questo bacino occupa una valle anch’essa ricca di palme e con le grandi cime vulcaniche come sfondo. E non c’era nessuno. È un luogo dove pochi turisti vengono e non riesco ancora a spiegarmelo. È molto probabile che abbiate già avuto la vostra giornata. Ma se vi rimane ancora un po’ di tempo, avete due opzioni più che valide per concludere la giornata. O potete fare un’escursione attraverso la Gola di Vacas e rimanere stupiti dalla sua ragionevole somiglianza con l’Antelope Canyon (distanza a parte 😉 ). Oppure attraversate la spettacolare gola di Guayadeque e godetevi gli ultimi raggi di sole dal singolare quartiere delle case-grotta delle Canarie.

6. Tra cime e punti panoramici

Torniamo all’interno dell’isola per scoprire le sue cime più emblematiche. Lasciamo da parte i luoghi sconosciuti, per salire sui punti più alti e godere dei migliori punti di vista. Tenetevi forte, ci sono curve davanti a voi, letteralmente, e un tramonto indimenticabile. La salita inizia inesorabile e il cambiamento di scenario diventa più che evidente man mano che si guadagna quota. La strada stessa vi offrirà punti panoramici naturali dove potrete fermarvi e assaporare il paesaggio a vostro piacimento. Altri, come il belvedere della Caldera de los Marteles, offrono una prospettiva più impressionante dell’origine vulcanica di Gran Canaria. Dopo aver ammirato questi panorami, rimane solo un breve tratto di strada per raggiungere finalmente il punto più alto del Pico de las Nieves. Uno splendido punto panoramico a 1.949 metri di altitudine che, nelle giornate limpide, offre una vista panoramica indimenticabile su tutta l’isola e anche sulla vicina Tenerife.

Il viaggio prosegue ad alta quota su una strada a scorrimento veloce che non smette di sorprendere. Il punto panoramico successivo è Degollada Becerra, seguito da una sosta più tranquilla alla Cruz de Tejeda. A questo incrocio si trova il Parador de Cruz de Tejeda, i cui patii esterni (dove si può passeggiare senza problemi) godono di una vista privilegiata sul profilo di cime e rocce vulcaniche. È il momento di godersi due villaggi incantevoli. Il primo, Artenara, si distingue per la sua posizione. Una posizione che le ha conferito una rete di punti panoramici naturali, tra cui spicca il belvedere di Unamuno. Il secondo, Tejeda, è considerato il villaggio più bello dell’isola. La verità è che non manca di concorrenti, ma devo ammettere che Tejeda è una di quelle città in cui è un vero piacere passeggiare e perdersi tra le sue strette strade acciottolate e le case imbiancate a calce. Senza dubbio, è un luogo essenziale da visitare a Gran Canaria.


Recuperate le forze e preparate la macchina fotografica. È il momento di visitare un altro dei grandi simboli di Gran Canaria: il Roque Nublo. Una gigantesca roccia naturale, alta 80 metri, con una vista davvero pazzesca. Roque Nublo era un luogo di culto per gli aborigeni e non c’è da stupirsi. È senza dubbio uno dei luoghi più spettacolari di Gran Canaria. Per arrivarci bisogna superare un piccolo percorso escursionistico. Non preoccupatevi. Si tratta di un percorso breve e facile (3 chilometri andata e ritorno). Infine, vi consiglio di tornare al punto di partenza, al belvedere del Pico de las Nieves, per godervi un tramonto che non dimenticherete mai. Dal punto panoramico stesso parte un brevissimo sentiero che conduce a un punto chiamato Ventana del Morro. Un arco naturale che incornicia le rocce Nublo e La Rana e la stessa vetta del Teide in lontananza.

7. I villaggi più carini di Gran Canaria

Era un’altra di quelle cose che non conoscevo e che mi hanno piacevolmente sorpreso. Gran Canaria ha molti villaggi molto belli. Con quel fascino che non ci si aspetta di trovare in un’isola remota dell’Atlantico. Ne abbiamo già visitati alcuni, come Tejeda, Artenara, Fataga, Puerto de Mogán o Puerto de las Nieves. Ma la lista è lunga e abbiamo ancora una buona manciata di bellezze. La prima tappa della giornata sarà la città di Telde, la seconda città più popolata di Gran Canaria. In particolare, ci dirigiamo verso il quartiere storico di San Francisco. La sensazione è molto speciale. Anche se siamo in città, quando entriamo nel quartiere è come se fossimo stati trasportati nel cuore di un piccolo villaggio.

Dopo aver lasciato il villaggio (o prima di visitarlo) vi consiglio di fare una breve deviazione verso la costa che non vi porterà via troppo tempo. Siamo molto vicini a due luoghi che non potevo perdere: Bufadero de La Garita e Playa de Tufia. Vi assicuro che ne vale la pena. Ripartiamo alla ricerca di villaggi incantevoli. La tappa successiva è la cittadina di Teror e posso dire con certezza che, insieme a Tejeda e Fataga, è una delle più spettacolari e complete dell’isola. O, almeno, questa è la mia opinione. A Teror possiamo ammirare i migliori esempi di architettura tipica delle Canarie, con i suoi balconi in legno e la bellissima Basilica di Nuestra Señora del Pino.

È ora di concludere la giornata ad Arucas, luogo di nascita del famoso marchio di rum, ma anche di un bellissimo centro storico. Un’esplosione di colori, architettura tradizionale e monumenti imponenti come la Chiesa di San Juan Bautista. Vale la pena di passeggiare per le vie principali e nei giardini del Parco Municipale. Non ho avuto tempo di approfondire, ma consigliano anche una visita alla città di Firgas. Soprattutto il Paseo de Gran Canaria e la sua curiosa cascata di pietra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *