Gran Canaria

L’isola di Gran Canaria attira ogni anno più di quattro milioni di viaggiatori desiderosi di sentire la sua natura impressionante, di esplorare i suoi oltre 60 chilometri di spiagge, di praticare sport e di assaporare una ricca gastronomia a base di prodotti locali. In questo angolo dell’arcipelago delle Canarie, che accompagna le isole di TenerifeLanzarote e Fuerteventura, tutti i segmenti sono i benvenuti, dalle coppie, ai gruppi di amici o alle famiglie, ognuno di loro trova attività adatte ai propri gusti e interessi.

Gran Canaria è senza dubbio un’opzione di successo durante tutto l’anno, e questo grazie a un clima mite che ti permette di goderti tutte le stagioni come se fossero una vacanza permanente. Scopri di seguito quei luoghi che consideriamo imperdibili a Gran Canaria per la loro rilevanza naturale, storica o divertente.

Spazi naturali essenziali

La varietà degli spazi naturali di Gran Canaria consente di trovare punti di riferimento geografici diversi come una roccia, un insieme di dune che sembrano un deserto, una caldera o un burrone in un territorio limitato. Percorrere quest’isola è ricevere ad ogni passo una lezione di orografia e di storia insulare. Alcune visite essenziali legate alla natura che devi vedere a Gran Canaria sono le seguenti.

Roque Nublo, luogo di culto

Roque Nublo, è la roccia vulcanica più identificabile di Gran Canaria. Con i suoi 80 metri di altezza, questa massa si eleva a 1.813 metri sul livello del mare. La sua origine è dovuta ad una delle eruzioni vulcaniche che hanno forgiato l’arcipelago milioni di anni fa. La cosa più curiosa di Roque Nublo è il suo legame con un luogo sacro, luogo di culto degli antichi aborigeni. Questo è uno dei posti che devi visitare sì o sì sull’isola.

Dune di Maspalomas, il piccolo deserto

Se non hai una foto delle Dune di Maspalomas, non sei stato a Gran Canaria. Questo deserto del Sahara in miniatura è uno dei paesaggi più impressionanti che devi visitare sull’isola. Passeggia tra le sue dune, goditi le viste panoramiche e termina facendo un bagno nelle acque blu dell’Atlantico.

Parco Naturale Tamadaba, costa e interno

Il Parco Naturale di Tamadaba è una pineta delle Canarie, scogliere e burroni. Tutto questo forma questo spazio naturale che arriva dall’interno di Gran Canaria per baciare l’oceano. Percorri questo parco di 7.500 ettari attraverso uno dei suoi sentieri e non perdere la bellezza che si apre al visitatore negli osservatori come il belvedere Balcón.

Monumento Naturale Barranco de Guayadeque

Il Barranco de Guayadeque non è uno dei luoghi più conosciuti di Gran Canaria ma è una visita altamente consigliata. Questa gola scoscesa si snoda per 15 chilometri dall’interno fino alla costa. Lungo la strada scopri parte del passato aborigeno di Gran Canaria, case rupestri, vegetazione autoctona (più di 80 specie endemiche) e persino hotel e ristoranti.

Ha decine di percorsi escursionistici che si prestano alla scoperta dei suoi segreti più nascosti, quindi metti le scarpe da trekking e vai a fare una passeggiata!

Cenobio di Valerón

Più di 300 cavità di diverse dimensioni nel monte Gallego formano il Cenobio de Valerón, un progetto originale degli aborigeni delle Canarie per conservare tutto ciò che veniva raccolto durante i raccolti. In questo modo si proteggeva dagli animali, dalle tempeste e dagli amici degli altri. Questa zona è stata dichiarata Bene di Interesse Culturale nel 1974 ed è uno dei luoghi più curiosi da vedere nell’arcipelago delle Canarie.

La Caldera de Bandama

La Caldera Bandama, è uno di quei luoghi sorprendenti e insoliti del pianeta. Ha avuto origine dopo un’eruzione e il successivo sprofondamento di un vulcano sopra la sua camera magmatica. L’intero ambiente è stato tutelato come Monumento Nazionale nel 1994. Questa grande conca è di forma praticamente circolare, con un perimetro di 3 chilometri e profonda circa 200 metri. Si consiglia di salire sulla vetta più alta della caldera, Bandama, poiché i panorami dall’alto sono bellissimi.

Una curiosità riguardo al suo nome è che la caldera fu acquistata da un belga, Daniel Van Damme, con l’intenzione di impiantare dei vigneti.

Grotta dipinta di Gáldar, testimonianza aborigena

La Cueva Pintada de Gáldar, è uno dei tesori archeologici di Gran Canaria e la testimonianza vivente dell’uso che gli aborigeni facevano delle grotte e dei tubi vulcanici. Nell’acropoli di Gáldar sono state ritrovate circa 60 case, che avrebbero potuto accogliere più di 200 persone, oltre ad altre cavità che servivano come camere funerarie o centri di incontro. Nel caso della Grotta Dipinta, scoperta nel XIX secolo, sono stati rinvenuti cadaveri e oggetti domestici. Dopo un grande adattamento, il Museo e Parco Archeologico Cueva Pintada è stato situato qui. Oggi è possibile effettuare visite guidate.

Visita i borghi più belli di Gran Canaria

A Gran Canaria, le città si alternano a popolazioni di tutte le dimensioni e con caratteristiche diverse a seconda della loro posizione. Fate un giro della capitale e perdetevi anche voi nei borghi più belli dell’entroterra o sulla costa, a volte situati in luoghi improbabili dove molti stranieri decidono di restare e vivere per sempre.

Las Palmas de Gran Canaria, l’orgogliosa capitale

La capitale; Las Palmas de Gran Canaria, vanta di essere la più cosmopolita dell’isola, una città dinamica dove si possono godere angoli pittoreschi, buoni ristoranti e bellissime spiagge.

Alcune visite essenziali a Las Palmas sono il Castillo de la Luz, la Cattedrale-Basilica di Santa Ana (conosciuta come la cattedrale delle Isole Canarie) e il mercato di Vegueta. Gli amanti della cultura dovrebbero inserire nella loro agenda anche la Casa de Colón, un’istituzione in cui si studia la storia delle Isole Canarie e il suo rapporto con la Scoperta, e anche l’auditorium Alfredo Kraus, uno spazio moderno che ospita grandi eventi internazionali.

Dovresti anche riservare del tempo per fare shopping in Calle Mayor de Triana, che oltre ad essere commerciale è una strada affascinante, e per andare alla spiaggia di Las Canteras, la spiaggia urbana più importante delle Isole Canarie.

Teror e la sua Vergine dei Pini

Teror si trova a soli 20 chilometri dalla capitale, cittadina devota alla Virgen de los Pinos che accoglie ogni anno migliaia di pellegrini. Passeggiare per le sue strade piene di case dalle facciate colorate con bei balconi in legno del XV secolo è un grande piacere per il viaggiatore. Se il suo nome vi suona familiare, non dovrebbe sorprendervi poiché la fama lo precede grazie all’acqua in bottiglia ‘Aguas de Teror’.

Le visite alla città per vedere la basilica di Nuestra Señora del Pino, il monastero cistercense, il palazzo episcopale e le sue piazze e fontane dovrebbero essere combinate con un’escursione al Parco Naturale di Doramas, con i suoi imponenti burroni di Azuaje e Moya.

E non dimenticare che se la tua visita coincide con la domenica ci sarà un mercato al mattino. È un posto eccezionale per fare acquisti di artigianato e prodotti locali freschi.

Agaete, una cittadina pittoresca

Il fascino della cittadina di Agaete, distante solo una trentina di chilometri da Las Palmas, non risiede solo nel suo centro storico di case bianche, o nel suo interessante passato, che è stato rintracciato nella necropoli di Maipés, ma in alcuni vicini molto amichevoli che forniscono sempre una chiacchierata e un sorriso al visitatore.

Durante una passeggiata attraverso Agaete scoprirai luoghi come la chiesa della Concepción, il Museo Etnografico La Rama o l’affascinante Huerto de las Flores. Ma è anche consigliabile lasciare l’area urbana per fare un bagno nelle piscine naturali delle Salinas de Agaete che hanno anche un bar e strutture di ogni genere.

Arguineguín, la città più attraente

Questa città con una tradizione di pesca, che fa parte del comune di Mogán, si trova nel sud di Gran CanariaArguineguín, considerata una delle città più belle dell’isola, offre al viaggiatore un’esperienza completa, poiché offre un affascinante centro storico, un porto dove è possibile osservare i marinai partire o iniziare una gita in barca, un mercato colorato e bellissime spiagge.

Anche se in un giorno di visita non c’è tempo per tutto, bisogna sempre riservarsi del tempo per assaporare la cucina tradizionale servita nei suoi ristoranti.

Puerto de Mogán, il più fotogenico

Quello noto come Puerto de Mogán si trova nel comune di Mogán ed è uno di quegli angoli irresistibili per la macchina fotografica. Le vecchie case dei pescatori con le buganvillee che pendono dalle facciate bianche, le persiane colorate, i piccoli canali che collegano la marina e il porto peschereccio… tutto è una grande tentazione.

Immergiti nella tradizione passeggiando lungo le banchine mentre i pescatori riparano le reti, navigano per osservare i cetacei o siedono su una terrazza sul lungomare senza fare nulla, a volte la contemplazione è l’attività migliore in posti meravigliosi come questo.

Arucas, la capitale del rum

Se si potessero scegliere solo due motivi per visitare Arucas, questi sarebbero visitare la chiesa di San Juan Bautista e passeggiare nella culla del rum Arehucas, il più famoso delle Isole Canarie. La prima icona religiosa, conosciuta anche come Cattedrale di Arucas, ha dimensioni e architettura che sorprendono in una cittadina di 35.000 abitanti. Fu eretto nel luogo in cui si trovava un antico eremo, ma l’edificio neogotico che si può vedere ora, completato nel 1977, non ha nulla a che vedere con il precedente.

La nostra seconda ragione per consigliare una visita ad Arucas è molto diversa, ma altrettanto giustificabile. Qui è nata la più antica cantina di rum d’Europa. La coltivazione della canna da zucchero in questa zona di Gran Canaria aveva senza dubbio molto a che fare con questo.

Telde, passato e presente

Se la città di Telde trasmette la storia, aspetta di esplorare i dintorni. L’ordine della visita dipende da te, ma non dimenticare di passeggiare per il quartiere di San Juan, dove sorse il nucleo della popolazione, con la sua bella chiesa di San Juan, o quella di San Francisco, le cui strade riservano sempre sorprese intorno ogni curva. E prima di goderti i suoi 10 chilometri di costa, o l’immagine delle sue barche che dondolano nell’acqua, visita siti incredibili come Cendro, Tara, Baladero, Tufia e Montaña de las Cuatro Puertas (grotte abitate in passato dagli aborigeni).

Approfondimenti:

Scopri le migliori spiagge di Gran Canaria

A Gran Canaria la gamma di spiagge è ampia quasi quanto quella delle città o degli spazi naturali. Decidi ogni giorno cosa ti piace di più, una spiaggia urbana con tutti i servizi, una caletta vergine di difficile accesso o un’area sabbiosa artificiale dove trascorrere una giornata caraibica. Se rimani qualche giorno, puoi provare tutte le opzioni. Per ora, ecco alcune delle migliori spiagge che puoi visitare a Gran Canaria.

Anfi del Mar, i piccoli Caraibi

Non possiamo assicurarvi che Anfi del Mar sia la spiaggia più spettacolare di Gran Canaria perché ce ne sono molte eccellenti sull’isola, ma è quella con la storia più curiosa. Per parlare della sua unicità bisogna risalire agli anni ’90, quando un uomo d’affari norvegese decise che sarebbe stato interessante ricreare in questa zona l’atmosfera caraibica. Né basso né pigro, porta migliaia di tonnellate di sabbia dalle Bahamas e costruisci la spiaggia dei tuoi sogni. Se a questo si aggiungono alcune palme e l’acqua turchese, il quadro non può essere più “caraibica”. È una spiaggia ideale per le famiglie per le sue acque calme, ma anche per chi vuole trascorrere la giornata sdraiato su un’amaca all’ombra di una palma e con visite intermittenti ai bar.

Per conoscere questo Eden, devi andare nel comune di Mogán, tra le città di Puerto Rico e Arguineguín.

Spiaggia di Amadores, una giornata in famiglia

Riparata dalle correnti grazie alla sua forma a conchiglia, questa spiaggia di amadores offre al visitatore un luogo tranquillo dove trascorrere la giornata senza spaventi, praticare snorkeling e altri sport acquatici. Nei suoi quasi 500 metri di sabbia dorata, molte famiglie sono solitamente attratte dalle sue acque calme come quelle di una piscina. Nelle vicinanze ci sono un gran numero di ristoranti, bazar e attività ricreative, quindi è un luogo ideale per andare in qualsiasi momento della giornata.

Playa del Inglés, ideale per tutti

Situata nel sud di Gran Canaria, Playa del Inglés è una delle più turistiche dell’isola. E questo perché concentra un buon numero di attrazioni nei suoi 3 chilometri di lunghezza. La sua posizione, tra il centro turistico di Playa del Inglés e Punta de Maspalomas, lo rende molto accessibile, e il bagnante può trovare bar sulla spiaggia, docce, servizi igienici e noleggio di amache. Le sue acque calme e la possibilità di praticare sport lo rendono ideale anche per famiglie con bambini.

La spiaggia di Las Canteras, il rifugio della capitale

La Playa de las Canteras, è la spiaggia urbana di Las Palmas, la capitale dell’isola, ma non è più un bel spazio adatto alla ricreazione. Uno dei grandi vantaggi di questa zona sabbiosa è che si trova nel centro storico della città quindi, in qualsiasi momento, puoi andare a passeggiare lungo i suoi 2 chilometri di spiaggia o sederti su un’amaca di fronte al mare. Dispone inoltre di accessi speciali per persone con mobilità ridotta e l’offerta di ristoranti nei dintorni è molto ampia. Senza dubbio, è uno dei luoghi imperdibili di Gran Canaria.

La spiaggia di Las Meloneras, sempre vivace

Nel comune di San Bartolomé si trova Playa de las Meloneras, lunga 500 metri e con buoni servizi per i bagnanti. La sua sabbia dorata e il facile accesso la rendono una spiaggia frequentata da famiglie e da chi vuole avere tutto a portata di mano: una passeggiata per passeggiare, ristoranti, gelaterie, negozi di souvenir e persino centri termali.

Nei suoi dintorni ci sono luoghi che meritano una visita, il faro di Maspalomas, che si trova ad un’estremità della spiaggia, il sito archeologico di Punta Mujeres, e la Riserva Naturale Speciale delle Dune di Maspalomas, dove si può vivere un piccolo deserto Esperienza.

La spiaggia di Güi Güi, la più inaccessibile

A ovest dell’isola, nell’Aldea de San Nicolás, si trova la spiaggia di Güi Güi o Güigüi, una delle poche rimaste intatte a Gran Canaria. E questo perché il suo accesso non è adatto a tutti i pubblici. Per arrivarci bisogna recarsi nel paese di Tasartico, lasciare l’auto e percorrere sentieri sterrati per circa 5 chilometri (solo andata, e altri 5 ritorno). Ne vale la pena l’escursione? Sì, e molto, anche se se non ti senti preparato ad affrontare i dislivelli puoi scegliere di accedervi in ​​barca.

Una volta lì, vi aspetta una caletta quasi deserta (prendere acqua e uno spuntino) con grossi ciottoli dove è consentito praticare il nudismo.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento