Cosa vedere a Matera e dintorni

By | Novembre 17, 2021
Cosa vedere a Matera e dintorni

Cosa vedere e cosa fare a Matera? Questa piccola città, situata nella sconosciuta regione della Basilicata, è una delle città più antiche del mondo, accanto ad Aleppo e Gerico. Matera è una città affascinante, unica, uno scenario affascinante la cui bellezza non vi lascerà indifferenti. Il ritmo frenetico e caotico di città come PalermoNapoli, o le spiagge della Puglia, della Sicilia e della Costiera Amalfitana, spesso oscurano altri luoghi che si distinguono dall’ordinario, come Matera.

È la città dei famosi Sassi e delle grotte, ed ha l’onore di essere il primo luogo dell’Italia meridionale ad essere dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Matera è una città ricca di arte e cultura, designata Capitale Europea della Cultura nel 2019. In questo articolo ti raccontiamo le migliori cose da vedere e da fare a Matera, la città dei Sassi.

Cosa vedere e cosa fare a Matera

1. Sassi di Matera

È uno dei monumenti più visitati d’Italia, la parte più importante da visitare a Matera. È l’antico insediamento di case costruite sulle rocce, dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1993. Questo posto è spettacolare. Vicoli stretti e tortuosi, case adattate alla roccia, chiese rupestri, terrazze e punti panoramici che offrono scorci panoramici unici, cunicoli scavati nella roccia…

I Sassi che si vedono a Matera, perfettamente adattati al terreno, sono uno dei visite imprescindibili che si fanno in un viaggio nel sud Italia. Le grotte rinvenute nei Sassi e nei dintorni sono state abitate fin dal Paleolitico più antico, fino a quando nel Medioevo si cominciarono a costruire case e abitazioni più “moderne”, per ampliare lo spazio interno di queste grotte.

Uno dei momenti più spettacolari di un viaggio a Matera è al tramonto, quando la città inizia ad illuminarsi e crea un’atmosfera da favola. Il paesaggio che si può vedere a Matera è così unico che è servito da ispirazione per le riprese di molti film e produzioni internazionali.

Il centro storico (i Sassi) è diviso in due quartieri: il Sasso Barisano, il più grande, è dove si trovano la stragrande maggioranza degli hotel, ristoranti e negozi che si possono vedere nel centro storico di Matera. C’è poi il Sasso Caveoso, il più antico, quello che più conserva l’aspetto originario e l’aspetto di grotta preistorica. Al centro di entrambi c’è la Civita, una delle zone più antiche da visitare a Matera.

a. Sasso caveoso

Questo quartiere si estende a sud di Civita, il terzo quartiere che insieme ai due Sassi forma il centro storico che si può vedere a Matera. Tra i principali luoghi di interesse che il Sasso Caveoso ospita vi è la Chiesa di San Pietro Caveoso, edificata tra il XIII e il XIV secolo, e la Casa Grotta, luogo imprescindibile da visitare a Matera, dove è esposta come una famiglia contadina viveva decenni fa, in una delle case incastonate nella roccia.

b. Sasso barisano

È il sasso più famoso di tutti, nonché il più edificato e urbanizzato. In essa si possono vedere numerose chiese e case, essendo il primo dei quartieri che compongono il centro storico di Matera ad essere restaurato. Il Sasso Barisano ospita decine di negozi, ristoranti e hotel. In un viaggio in questa zona d’Italia sono tre le tipologie di alloggio, che ovviamente vi consigliamo di provare, in cui potrete vivere un’esperienza unica: dormire in una Masseria in campagna, in un Trullo Hotel ad Alberobello o soggiornare in uno degli hotel Sassi di Matera.

2. Visita la casa grotta di Matera

Il modo migliore per sapere come si viveva nei Sassi di Matera è visitare la casa-grotta di Vico Solitario, situata nel Sasso Caveoso. Questa piccola casa è stata abitata fino al 1957 da una famiglia di 11 persone, a cui vanno aggiunti gli animali, che vivevano anche all’interno di queste pittoresche case. La casa di Vico Solitario ha un unico ambiente, per metà scavato nella roccia e per metà costruito accanto, che fungeva da cucina, camera e bagno, e fungeva anche da stalla per gli animali.

Nella casa grotta si possono vedere i sistemi che usavano per raccogliere il letame animale, che veniva riutilizzato per il riscaldamento, e il sistema con cui convogliavano l’acqua piovana. È il posto migliore da vedere a Matera per vedere com’era la vita nei Sassi . La cosa più sorprendente è che migliaia di materani vivevano in case come questa fino agli anni Cinquanta e in condizioni piuttosto precarie.

3. Punti panoramici e terrazze

Una delle cose essenziali da vedere a Matera sono i suoi belvedere e le sue terrazze, che offrono viste incredibili sui Sassi e sul Parco Naturale della Murgia Materana. Uno dei belvedere più famosi è quello che si può visitare accanto alla Cattedrale di Matera, in Piazza Duomo, con fantastiche vedute del Sasso Barisano dalla parte più alta della città.

Altro punto panoramico imprescindibile da visitare a Matera, sia di giorno che di notte, è il belvedere di Monterrone, situato accanto alla Chiesa di Santa Maria di Idris. Avrai le migliori viste del centro storico. Da Piazza San Pietro Caveoso avrete le migliori viste del torrente Gravina e del Parco della Murgia Materana. Il belvedere della Murgia Timone si trova dall’altra parte della Gravina, nel Parco della Murgia, e offre una vista panoramica su Matera e sul Sasso Caveoso.

4. Vedi la Cattedrale di Matera

Situato nella parte più alta della città, dalla terrazza del Duomo de Matera godrete di una fantastica vista del Sasso Barisano. La sua costruzione risale al XIII secolo ed è l’edificio principale, religioso o civile, visitabile a Matera. Fu edificato sui resti di un antico monastero benedettino, nel punto che divide il Sasso Barisano dal Sasso Caveoso. È dedicato alla Vergine Maria (Madonna della Bruna) e a Sant’Eustachio.

La facciata principale è stata progettata in stile romanico pugliese e il suo campanile, alto 52 metri, è visibile praticamente da qualsiasi punto della città. Se guardi da vicino, nelle immagini più popolari di Matera vedrai all’orizzonte il campanile della cattedrale, che si staglia sul resto degli edifici. L’interno che si può vedere nella Cattedrale di Matera ha subito numerose modifiche nel corso della storia, la principale è di epoca barocca. Anche solo per i panorami che offre, è una visita imprescindibile da fare a Matera.

5. Vedere il Palombaro di Matera

Per secoli le case dei Sassi di Matera hanno ospitato numerosi sistemi sotterranei, canali e cisterne dove raccoglievano e conservavano l’acqua, indispensabile per lo sviluppo della comunità. Alcune di queste cisterne o serbatoi erano più grandi, consentendo la fornitura di acqua a varie abitazioni. Il Palombaro Largo è la grande cisterna che si può vedere a Matera, scavata sotto Piazza Vittorio Veneto.

Fu costruita nel 1846 e aveva la capacità di contenere circa 15 milioni di litri d’acqua. La struttura di questo meccanismo è stata modificata in numerose occasioni, per essere finalmente interrata sotto la piazza. La visita guidata a Palombaro è una cosa altamente consigliata da fare a Matera. Permette di esplorarne le viscere e conoscere il suo complesso sistema di raccolta e distribuzione di quell’acqua, attraverso cisterne, cunicoli e canali, tra i Sassi di Matera.

6. Parco della Murgia Materana

Questo parco naturale è una visita imprescindibile da fare a Matera e nei suoi dintorni. Sull’altopiano della Murgia si trovano i resti di antichi villaggi neolitici. Dai belvedere, dai terrazzi e dai balconi del centro storico di Matera (Sassi) è possibile vedere parte di questo fantastico scenario naturale. Un ponte sospeso sulla Gravina permette di accedere a questa zona di sentieri e panorami mozzafiato.

Nonostante questo ponte sospeso sia stato momentaneamente chiuso per motivi di sicurezza, spero che durante il vostro viaggio a Matera sia di nuovo operativo. Vicinissimo al ponte si trova anche il belvedere della Murgia Timone, da dove si possono vedere Matera e i suoi Sassi da una prospettiva unica. In tutta l’area del parco, oltre a godere della natura, troverete numerosi resti di antiche grotte e chiese rupestri, autentiche gemme archeologiche.

7. Vedi le chiese rupestri di Matera

Le chiese rupestri che si possono vedere a Matera risalgono al Medioevo, quando monaci benedettini e bizantini iniziarono ad insediarsi nelle grotte intorno alla Gravina, trasformandole in centri di preghiera. Oggi queste chiese sono diventate una delle visite più importanti da fare a Matera. Sparsi tra le case dei Sassi, nella Gravina e sull’altopiano murgiano sono più di 150 eremi, basiliche, cripte e santuari.

Questi pittoreschi edifici, così come i dipinti e le decorazioni all’interno, fanno parte del più importante patrimonio storico e architettonico della regione. Tra le chiese rupestri che si possono vedere a Matera ci sono chiese ortodosse e latine.

Cosa vedere nei dintorni di Matera

Altamura

Situato in Puglia, a soli 20 chilometri di distanza, si trova il piccolo comune di Altamura. Si trova nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia. È noto per il suo patrimonio archeologico e per il suo affascinante centro storico. Della parte archeologica spicca l’Uomo di Altamura, uno dei reperti archeologici più importanti della regione.

Si tratta di un fossile umano rinvenuto nella grotta di Lamalunga e la cui datazione è ancora in corso. L’edificio principale da vedere nel centro storico di Altamura è la sua cattedrale romanica, dedicata all’Assunta e costruita nel 1232. Ma se Altamura è nota per qualcosa, è per il suo prodotto più tipico, il pane, che ha ricevuto la Denominazione di Origine Protetta nel 2005. Altamura è una visita altamente consigliata da fare se ti trovi a Matera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *