Cosa vedere a Micene

Durante il nostro tour della Grecia abbiamo avuto l’opportunità di ammirare luoghi speciali come le rovine di Micene, situate a 130 km da Atene. Questo sito archeologico, insieme a quello di Tirinto, è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1999 ed è oggi una delle attrazioni turistiche più popolari della Grecia. In questo post vi raccontiamo tutto quello che dovete sapere per preparare la vostra visita.

Breve storia di Micene

La cultura micenea si sviluppò durante il periodo tardo-ellenico (1550-1050 a.C.) in diverse aree della Grecia moderna, ma soprattutto nella regione dell’Argolide, nella penisola del Peloponneso. Non si sa con certezza se ci fosse una capitale o un vero e proprio centro di potere, ma a Micene viene spesso attribuito un ruolo di primo piano in quella civiltà. Deve gran parte della sua fama all’Iliade, che è una delle poche fonti in cui viene menzionata. Secondo Omero, Micene era la patria del mitico eroe Agamennone, capo degli Achei nella guerra di Troia. È menzionato anche dallo storico e viaggiatore del II secolo Pausania, che racconta il mito della sua fondazione da parte di Perseo. La verità è che quel poco che si sa di Micene e della sua cultura proviene da alcuni testi molto posteriori alla sua esistenza, dai resti archeologici e dalle tavolette di scrittura Lineare B decifrate nel 1952.

I primi resti ritrovati a Micene indicano che potrebbe essere stata abitata già nel XVII secolo a.C., anche se il suo periodo di massimo splendore fu tra il 1350 e il 1200 a.C. Nel 1150 a.C. la cittadella era parzialmente distrutta (invasioni doriche, catastrofi naturali, crollo del sistema economico…) e nel 1100 a.C. fu abbandonata. Micene si riprese timidamente nei periodi successivi, ma si sa che nel II secolo a.C. era già in rovina. I resti di Micene erano noti da secoli, ma non furono effettuati scavi veri e propri fino al 1841, quando Kyriakos Pittakis restaurò la Porta dei Leoni. Nel 1876 il famoso archeologo Heinrich Schliemann scoprì il “Circolo delle tombe A”, dove credeva di aver trovato i resti di Agamennone. Studi moderni hanno dimostrato che questi resti erano molto più antichi, ma in ogni caso i numerosi tesori trovati da Schliemann hanno oggi un valore incalcolabile.

Cosa vedere a Micene

Il sito archeologico di Micene è uno dei monumenti antichi più straordinari d’Europa. Situata a soli 120 chilometri da Atene, facilmente raggiungibile in autostrada, è una delle mete più importanti di un viaggio turistico in Grecia. La sua importanza storica e la magnificenza dei suoi resti materiali, che comprendono alcune delle strutture più suggestive e affascinanti di tutta la Grecia, insieme alla facilità di accesso dalla capitale, ne fanno una delle tappe principali di un tour del Peloponneso. Le rovine di Micene si estendono su una piccola collina ai piedi di due montagne più alte. Con un unico biglietto è possibile visitare tre siti: il Tesoro di Atreo, la cittadella e il Museo Archeologico di Micene. Si consiglia di prenotare un minimo di 2 ore per l’intera visita.

1. Tesoro di Atreo

Situata a circa 500 metri a sud della cittadella di Micene, questa enorme tomba o tholos fu costruita tra il 1350 e il 1250 a.C. Per il suo aspetto monumentale e le sue dimensioni, si ritiene che sia stata il luogo di sepoltura di grandi sovrani. Il Tesoro di Atreo è noto anche come “Tomba di Agamennone”, anche se non ci sono prove che lui o suo padre siano stati sepolti lì. Comunque sia, oggi il Tesoro di Atreo è uno dei più importanti monumenti micenei. Scavata direttamente su una collina, la Tomba di Agamennone si distingue a prima vista per l’ampio corridoio d’ingresso e per le dimensioni delle pietre utilizzate per la sua costruzione, come l’architrave, che pesa 120 tonnellate. Ma forse la caratteristica più impressionante è la volta interna, alta più di 13 metri. Per quanto riguarda la decorazione, tutto ciò che si è conservato è stato trasferito al British Museum all’inizio del XIX secolo.

2. La cittadella micenea

La parte centrale del sito corrisponde ai confini dell’antica acropoli di Micene, circondata da mura ciclopiche, con diverse rovine nelle immediate vicinanze. C’è un solo ingresso e il percorso di visita è segnalato da grandi cartelli con la posizione e la descrizione dei siti di interesse (in greco e in inglese). La prima e più importante è la famosa Porta dei Leoni, costruita intorno al 1250 a.C.. Conservata per secoli in bella vista, questa porta era l’ingresso principale di Micene a partire dal XIII secolo a.C., quando la città conobbe la sua maggiore espansione. L’elemento più caratteristico della porta è il rilievo di due leonesse la cui testa non è sopravvissuta al passare del tempo. Dopo averla attraversata, ci si trova subito sul lato destro del Circolo delle Tombe A, un altro sito estremamente importante.

In questa antica necropoli, riservata ai reali, Schliemann credeva di aver trovato i resti di Agamennone, compresa la sua famosa maschera funeraria. Tuttavia, in seguito è emerso che gli scheletri e i corredi funerari rinvenuti nel Circolo A appartenevano al XVI secolo a.C., molto prima della nascita del mitico re. Molti di questi tesori, tra cui la maschera, si trovano oggi al Museo Archeologico Nazionale di Atene. Proseguendo lungo il percorso si possono vedere gli scarsi resti di alcuni templi, il palazzo con i propilei, il centro di culto e altri edifici dell’acropoli. Di loro rimane ben poco e ci vuole molta immaginazione, ma la cisterna e parte dell’ancestrale sistema di conduzione dell’acqua, un’impresa ingegneristica per l’epoca, sono conservati un po’ meglio.

3. Museo archeologico di Micene

Al termine della visita alle rovine, alcuni cartelli vi inviteranno a camminare intorno alla cittadella verso l’uscita. Lungo il percorso, incontrerete il Museo Archeologico di Micene, che ospita nelle sue tre sale un gran numero di tesori: vasi, maschere e stele funerarie, gioielli, figure votive e persino frammenti di un affresco del 1250 a.C.

4. Palazzo degli Atridi a Micene

Si sale poi al Palazzo degli Atridi, costruito su una serie di terrazze artificiali e che occupa il centro dell’acropoli. Ecco le informazioni sui migliori tour ed escursioni per visitare Micene, a cui è possibile partecipare da Atene, comprese le visite ad altri eccezionali siti archeologici. Lo scalone conduce alla Sala del Trono. Questa parte era chiusa durante la nostra ultima visita. Salite a sinistra verso i Propilei per raggiungere il Portico Nord, la porta secondaria nel muro. È imponente anche se, ovviamente, non può essere paragonato al Lions’ Gate.

5. Cisterna sotterranea a Micene

In quest’area, cercate l’ingresso della cisterna sotterranea. È possibile scendere di qualche metro attraverso questa struttura che è una delle grandi realizzazioni dell’architettura micenea. Questa cisterna garantiva l’approvvigionamento idrico in caso di assedio. Da questa parte superiore della cittadella si gode di una buona vista sul paesaggio circostante, con una serie di gole a nord e dolci pendii a sud. È il momento di iniziare il viaggio di ritorno, che può essere fatto uscendo dalla Cisterna Nord e seguendo un sentiero che porta al museo o, meglio ancora, tornando a uscire dalla Porta dei Leoni. Cercate poi le tombe di Egisto, Clitennestra e del Cerchio B sulla sinistra. I primi due hanno la caratteristica forma di tholos. La cupola di Egisto risale al XV secolo a.C. ed è anch’essa crollata; la cupola di Clitennestra, risalente al XIV secolo a.C., è molto ben conservata; la Sala Circolare è stata perfettamente restaurata ed è alta 13 metri. Sebbene questa antica tomba sia spettacolare, il meglio resta da vedere.

Orari di visita di Micene in Grecia

Gli orari di visita di Micene, nel Peloponneso greco, sono tutti i giorni dell’anno a partire dalle 8 del mattino. L’orario di chiusura varia durante l’anno a seconda dell’ora del tramonto e viene anticipato gradualmente dalle 20.00 in estate. Il biglietto d’ingresso per visitare Micene è di 6 euro. Se non si viaggia con un tour organizzato, il modo più comodo per esplorare la zona è quello di noleggiare un’auto. Accanto all’ingresso si trova un parcheggio gratuito. In ogni caso, il sito è accessibile anche con i mezzi pubblici. Per visitare il sito, il museo e il Tesoro di Atreo è necessario prevedere un tempo minimo di due o tre ore. Non c’è ombra qui, quindi in estate è necessario portare molta acqua e protezione solare. È essenziale indossare calzature comode e resistenti.

Consigli per visitare Micene

  1. Se venite con un’auto a noleggio, vedrete che, avvicinandovi al sito archeologico, su un lato della strada c’è un parcheggio. Non rimanete in questo parcheggio, perché è quello per l’ingresso al Tesoro di Atreo, mentre il parcheggio per la visita di Micene si trova pochi metri più avanti ed è quello allestito per il sito archeologico.
  2. Come abbiamo detto nel post sui consigli per i viaggi in Grecia, nella maggior parte dei siti archeologici c’è sempre un posto dove comprare acqua, bibite o qualcosa da mangiare, oltre ad alcuni negozi. A Micene si trova un piccolo bar, dove vi consigliamo di gustare un buon frappé, lo fanno davvero bene.
  3. Il prezzo per la visita di Micene è di 12 euro, e l’ingresso al Tesoro di Atreo è incluso nel prezzo, che è anche altamente raccomandato e può essere pagato con carta di credito, come la maggior parte dei siti archeologici in Grecia.
  4. Gli orari di apertura per visitare Micene sono dalle 8.00 alle 20.00. Verificare gli orari di apertura in inverno.
  5. Se la visita avviene nella stagione calda, è consigliabile arrivare al mattino presto, se possibile, perché ci sono pochi punti d’ombra e la visita può essere un po’ difficile nella stagione calda.
  6. La visita a Micene dura circa due ore, con calma e aggiungendo una visita al Tesoro di Atreo, che dista circa 200 metri.
  7. Potete visitare l’antica Micene perfettamente da soli, anche se se non volete noleggiare un’auto in Grecia, soggiornate ad Atene e volete saperne di più sul luogo, una buona opzione è quella di prenotare questa escursione a Corinto, Micene ed Epidauro con una guida di lingua inglese.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento