Nördlingen

Per qualche strana ragione, Nördlingen non è una delle tappe turistiche più popolari della Strada Romantica, il “mitico” itinerario che attraversa la Germania meridionale. Non è certo perché manchi di fascino: il suo centro storico medievale cinto da mura è oro puro. Un centro storico che, all’arrivo, scopriamo essere stato costruito su un cratere! Ma non il cratere di un vulcano. No, uno formato dall’impatto di un meteorite 15 milioni di anni fa. Stiamo parlando del cratere Ries, uno dei crateri da impatto meglio conservati al mondo, dichiarato geoparco. Un luogo in cui si sono allenati anche astronauti della NASA e dell’Agenzia Spaziale Europea. È tutto piuttosto folle, non è vero? Così come è pazzesco che quello stesso impatto abbia causato la formazione di una pietra chiamata suevite, che è punteggiata da piccoli pezzi di diamante. Le mura e gli edifici della città sono stati costruiti con questa pietra. Infatti, secondo un’indagine geologica, ci sono circa 72.000 tonnellate di diamanti incastonati nelle pareti di Nördlingen! Diamanti molto piccoli, non credo che si possa farne un anello… In breve: un centro storico murato perfettamente conservato, senza turismo di massa, costruito sul cratere di un meteorite e con pareti fatte di diamanti. È difficile da credere, vero? Beh, esiste e si trova in Baviera, nel sud della Germania. Vi raccontiamo tutto quello che c’è da vedere a Noerdlingen, che sia fatto di diamanti o meno.

Leggi anche: L’Isola dei Musei, le meraviglie di Berlino

La prima cosa da vedere a Nördlingen: il panorama dalla Daniel Tower

La prima cosa da vedere a Nördlingen è.… tutta Nördlingen. Come si fa? Acquisendo una prospettiva. E come si acquisisce una prospettiva? Salendo i gradini. Per l’esattezza, 350 – da qualche parte abbiamo letto che sono 365, ma la verità è che non ci fermiamo a contarli… -. È il prezzo da pagare per arrivare in cima alla Daniel Tower. La torre della chiesa di San Giorgio, risalente al XV secolo e alta 90 metri. C’è anche un “prezzo-prezzo”: costa 3,5 euro. La cosa divertente è che si deve pagare quando si arriva in cima. Quindi, non dimenticate i soldi se non volete un doppio corso di glutei e gambe! Entrambi i “prezzi” valgono la pena: la vista della cinta muraria di Nördlingen, con le sue porte e le sue torri, che abbraccia la città vecchia e le sue case con i tetti a punta, è impareggiabile. A proposito, date un’occhiata al nido di cicogna sul tetto del primo edificio della Marktplatz: c’è anche una webcam che lo sorveglia. Dalla cima della torre capirete, quasi più che dalla strada, quanto sia speciale il centro storico di Nördlingen.

Il “So Gsell so!

Se di giorno bisogna salire sulla torre – è aperta da marzo a ottobre dalle 10 alle 18 e il resto dell’anno fino alle 17 – di notte bisogna vederla dall’esterno. Più che vederla… “ascoltarla”. Ogni notte, ogni mezz’ora dalle dieci a mezzanotte, un guardiano segue un’antica tradizione medievale. Si affaccia da una delle finestre e chiama: “So Gsell so! Un’espressione che, nella vecchia lingua locale, significa qualcosa come “tutto va bene, ragazzi, tutto va bene”. Nel Medioevo, i guardiani delle altre torri della città rispondevano con lo stesso messaggio per assicurarsi che tutti fossero ai loro posti e che non ci fossero problemi. Oggi sono i turisti a sentirlo, e non sono molti: quando siamo andati noi, c’era solo un’altra persona! Se avete la possibilità di andarci, non perdetela.

Chiesa di San Giorgio

Abbiamo già detto che la Torre Daniel è la torre della Chiesa di San Giorgio. Ecco un altro luogo da visitare a Nördlingen: non dimenticate di visitarlo dopo essere scesi dalla torre – è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 da aprile a ottobre e il resto dell’anno fino alle 16.00. Inoltre, l’ingresso è gratuito e si trova al livello del suolo. Infatti, abbiamo colto l’occasione per riposare un po’ sulle sue panchine mentre ammiravamo l’interno: la sua “foresta” di esili pilastri e le sue volte reticolate. Dopo il riposo, naturalmente, è il momento di fare una passeggiata. La chiesa è gotica, del XV-XVI secolo, e conserva parte della decorazione di quel periodo: il pulpito, il fonte battesimale, gli stalli del coro e i suoi due capolavori. Da non perdere: il gruppo della Crocifissione sull’altare e il tabernacolo in pietra nel deambulatorio. Quando uscite, notate come la sua pietra brilla al sole. Sai… i diamanti!

Il Municipio di Nördlingen, il Rathaus

In ogni città europea che si rispetti, una visita alla chiesa e al municipio è d’obbligo. Nördlingen non fa eccezione: l’edificio del Rathaus è un’altra tappa obbligata. Questo edificio è stato utilizzato ininterrottamente come municipio per più di sei secoli. Costruito all’inizio del XIV secolo, è la sede del potere della città di Nördlingen dal 1382. Anche se la caratteristica più preziosa è piuttosto “recente”, è stata aggiunta nel 1618. Stiamo parlando della scala esterna in pietra sveva, con i suoi rilievi rinascimentali.

Una passeggiata lungo una delle mura cittadine meglio conservate della Germania

Se ci sono solo due cose da fare a Nördlingen, dovrebbero essere salire sulla Torre Daniel e camminare lungo il camminamento del bastione. Basta raggiungere una delle cinque porte, ad esempio la Reimlingen Tor, la più antica, o la Löpsingen Tor, la porta della leggenda e oggi anche museo delle mura cittadine: ve le mostriamo tutte sulla mappa. Da lì, basta salire e il gioco è fatto. È possibile percorrere l’intera circonferenza: 2,7 km. La cinta muraria di Nördlingen è una delle tre cinte murarie medievali della Germania che si è conservata praticamente intatta. È l’unico in cui si può percorrere l’intero camminamento di ronda senza dover scendere una volta. Sebbene sia stata adattata nel tempo a nuove armi e tecnologie, l’attuale cinta muraria è fondamentalmente la stessa costruita da Ludovico IV di Baviera nel 1327 per difendere la libera città imperiale. Fu questo stesso muro che, nel 1634, protesse la città nella”Battaglia di Nördlingen”, la battaglia decisiva della Guerra dei Trent’anni tra l’esercito svedese-protestante da una parte e il vittorioso esercito imperiale-spagnolo dall’altra.

Il quartiere dei conciatori

All’inizio del XVI secolo a Nördlingen c’erano 152 maestri conciatori, che hanno continuato ad esistere fino al 1961, quando l’ultima conceria ha chiuso. Quando pensiamo ai conciatori, non ci viene in mente nulla di affascinante, ma a quanto pare era un mestiere molto ricercato e la corporazione era la più ricca della città. I conciatori avevano il loro quartiere intorno al fiume Eger – il quartiere dei conciatori, Gerberviertel -con le sue officine, i mulini, l’ospedale, la chiesa… Oggi Gerberviertel è uno dei più grandi quartieri di conciatori in Germania e uno dei più antichi edifici conservati. Un’altra tappa obbligata a Nördlingen. Cosa non si può perdere nel quartiere dei conciatori? Il nuovo mulino, Neumühle; la vista delle case dei conciatori sulla Vordere Gerbergasse; la Moserhaus, una delle più belle case del quartiere – del XVI secolo – e il complesso dell’ex ospedale di Santo Spirito del XIII secolo. Uno degli edifici annessi all’ex ospedale ospita il museo della città, lo Stadtmuseum, e il Rieskrater Museum nel suo ex granaio. Il primo racconta la storia della città, con un diorama della battaglia di Nördlingen del 1634 con 6.000 soldati di stagno! La seconda si concentra sulla caduta del meteorite che ha creato il cratere di Ries su cui è costruita la città. C’è anche una roccia lunare, dono della NASA, che ha preparato qui i suoi astronauti per due missioni Apollo.

Altri angoli della Città Vecchia

Il centro storico di Nördlingen, con il quartiere dei conciatori, la piazza principale e le mura cittadine, è ricco di angoli suggestivi. Se avete tempo, passeggiate per le stradine, perché dietro ogni angolo c’è un edificio ricco di storia. Ecco alcuni dei nostri luoghi preferiti.

  1. Le grandi case dell’Hafenmarkt, in particolare quella a graticcio, con i muri storti e la pianta irregolare. Vicino all’Hafenmarkt si trova un monastero del XIII secolo, il Klösterle, oggi ristorante e hotel NH, l’NH Klösterle Nördlingen. Si noti la porta decorata con i falegnami che hanno lavorato all’edificio.
  2. La Winter’sches Haus, un’altra grande casa a graticcio con una porta intagliata e un angolo decorato con un’aquila imperiale, poiché il proprietario era un notaio del Sacro Romano Impero. Ai piedi della strada, nello stesso angolo, si trova una curiosa pietra nota come “chupa-perros” (succhia-cane), che tira fuori la lingua.
  3. Le Seelhäuser – letteralmente “case sul mare” – le case popolari costruite nel XV secolo per i poveri e i soldati in tempo di guerra. Queste case basse e bifamiliari sono sopravvissute fino ad oggi. Nelle vicinanze, nella Bräugasse e nei dintorni, le vecchie case degli artigiani con le loro piccole porte.
  4. Concludiamo con l’edificio a graticcio del 1668 in Baldingerstrasse 10, con le sue incisioni molto “visive” dei peccati…

Leggi anche: Visita alla cupola del Reichstag di Berlino

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento