Cosa vedere ad Alicante: 20 posti da non perdere

By | Novembre 29, 2021
Cosa vedere ad Alicante

Quando pensiamo ad Alicante, la prima cosa che ci viene in mente sono le sue spiagge spettacolari e la deliziosa cucina. Ma dietro tutto questo c’è una provincia con paesi e città assolutamente da visitare, un insieme variegato di spiagge e calette dove il relax è assicurato, e un’offerta della natura adatta anche ai più sportivi.

Continua a leggere perché ti diremo tutto quello che devi vedere ad Alicante, i luoghi essenziali che devi visitare e quegli angoli pieni di magia di cui poche persone parlano.

Alicante città, una piccola ma completa capitale

La capitale Alicante non ha la reputazione di essere monumentale, ma offre una grande qualità della vita. Quando la visiti, vedrai che ha cose interessanti da vedere e che, certamente, è una città dove le persone vivono in modo fenomenale. Tra i luoghi essenziali di Alicante ci sono il castello di Santa Barbara, sul monte Benacantil, e il quartiere di Santa Cruz, che concentra luoghi come la cattedrale di San Nicolás o l’eremo di Santa Cruz. Continua la passeggiata culturale al Museo Archeologico e fermati al Mercato Centrale per un aperitivo. E infine ti lasceremo andare all’Esplanade of Spain per rinfrescarti con un’horchata prima di continuare la giornata sulla spiaggia di Postiguet o sulla spiaggia di San Juan.

Benidorm, turismo tutto l’anno

Se c’è una destinazione che non passa di moda, è Benidorm. Per le molte battute che si sentono sui pensionati in questa città, la verità è che ha un’offerta turistica che è riuscita a non diminuire per decenni. Cosa offre Benidorm per avere utenti così fedeli? Un clima piacevole quasi tutto l’anno, spiagge, una vivace vita notturna, luoghi per lo shopping, ristoranti con una gastronomia varia e possibilità di escursioni nei dintorni. Alcune attività extra che consigliamo sono quelle legate al mare, andare in barca a vela o fare immersioni subacquee, ma anche arrampicarsi e giocare a golf.

Denia, rilassati sulla costa

La città costiera di Denia ha un affascinante centro storico che può essere percorso in poche ore, quindi percorri lentamente le sue strade, visita il castello e la chiesa di Nuestra Señora de la Asunción. Da non perdere il quartiere dei pescatori di Baix la Mar o il mercato di Denia, dove è possibile acquistare pesce fresco e crostacei nel mercato del pesce.

Per completare la visita, puoi passeggiare lungo la spiaggia di Les Marines, lunga 3 chilometri, che inizia a Baix la Mar e termina alla spiaggia di Les Bovetes. E se c’è ancora energia e tempo, ti aspettano la Denia Greenway – che corre lungo la vecchia linea FEVE, che collegava Denia con Carcaixent – e il Parco Naturale del Montgó.

Calpe, passeggiate in riva al mare

Con la roccia di Ifach come guardiano permanente di Calpe, niente può andare storto. In questa città tutto sembra riprendere il suo ritmo. La città è ideale da esplorare a piedi mentre emergono le sue mura del XV secolo, la torre Peça o il Museo di Storia e Archeologia. Ma vi suggeriamo anche di prolungare le vostre visite al mercato del pesce, dove potrete assistere ad un’asta; alle Salinas, che ospita fenicotteri e uccelli migratori; e i Baños de la Reina, che si trovano accanto alle saline e si trovano in alcune rovine romane.

Jávea, spiaggia ed escursioni

Non possiamo nascondere che amiamo Jávea (o Xàbia), una piccola città costiera che invita a passeggiare per il suo centro storico e percorrere il suo labirinto di strade. Lungo il percorso troverete il mercato alimentare, la chiesa di San Bartolomé o il suo municipio, in un edificio del XVIII secolo. Inoltre, nei suoi dintorni ci sono anche alcune cose da vedere che è un peccato perdersi come la Torre del Gerro del XVI secolo, Capo San Antonio, il faro di Nao e la sorprendente fila di mulini a Jávea. Non dimentichiamo inoltre il piacere di un bagno in questo Mediterraneo dalle acque calde e cristalline, e vi consigliamo di andare alla spiaggia dell’Arenal.

Altea, case imbiancate di fronte al mare

Non è facile mettersi d’accordo sulla bellezza quando si hanno legami sentimentali con un certo luogo, e questo succede a noi con Altea. Non abbiamo trovato un solo difetto. Ti invitiamo a visitare il suo affascinante centro storico e a prestare attenzione alla bellissima chiesa di Nuestra Señora del Consuelo, molto riconoscibile perché ha due cupole ricoperte di piastrelle blu. Una delle viste panoramiche più belle si ottiene dal belvedere Los Cronistas (o il Muro), da dove si possono vedere la città, il porto e le scogliere della Sierra Helada. Altri luoghi interessanti sono il lungomare, il mercato e le spiagge di La Roda, Espigó e La Olla.

Guadalest, nascosto tra le montagne

È sufficiente spostarsi all’interno della provincia per visualizzare uno dei luoghi che devono essere visitati sì o sì ad Alicante. Guadalest, tra i borghi più belli della Spagna, sorprende con il suo piccolo, appartato ma affascinante centro storico che appare dopo aver attraversato un tunnel di pietra. Quasi dietro ogni angolo troverai un monumento, un museo (ne ha otto) o un angolo dove puoi scattare una foto.

Percorri anche la strada del Calvario che parte dal centro storico e offre splendidi panorami e fai un percorso circolare attraverso il bacino idrico del Guadalest.

Villajoyosa, allegra e marinara

Villajoyosa, a circa 30 chilometri da Alicante, offre al visitatore una proposta molto completa. La Vila Joisa (come viene chiamata in valenciano) è un valore sicuro per godersi una vacanza dove le passeggiate, i monumenti o la spiaggia non mancano. Pur continuando a mantenere parte della sua filosofia di pesca, oggi è principalmente dedita al turismo, quindi non mancano proposte gastronomiche o attività organizzate nel paese.

Annota le seguenti visite nella tua agenda di viaggio: le mura, la Chiesa di Nostra Signora dell’Assunta, il quartiere dell’Arsenale – con le sue case colorate – Vilamuseu e la Casa Museo La Barberá dels Aragonés. E, naturalmente, non dimenticare di visitare i musei del cioccolato e le spiagge della città.

Visita le spiagge più belle di Alicante

Il litorale di Alicante ha spiagge imprescindibili per un viaggio ad Alicante e altre che, anche se lo sono, sono così belle che vale la pena ammirarle passeggiando o navigando in barca lungo la costa. Metti questo elenco di spiagge nella tua agenda.

Spiaggia di Postiguet, vicino ad Alicante

Situata vicino al porto e ai piedi del castello di San Bárbara, la spiaggia di Postiguet è un’area sabbiosa urbana nella capitale di Alicante. Ha una superficie di poco meno di un chilometro ed è una delle mete preferite dalle famiglie con bambini viste le sue acque calme e cristalline. La sua posizione vicino al lungomare (Paseo de la Explanada) è ideale per combinare il bagno nel Mediterraneo con una visita a una terrazza, un ristorante o il porto turistico di Alicante.

Playa de San Juan, la spiaggia di tutti

La spiaggia di San Juan, a circa 8 chilometri da Alicante, è un luogo ideale per rilassarsi con la sua sabbia dorata e le acque limpide. Nei suoi 3 chilometri di estensione avrete la possibilità di passeggiare e godere di tutti i comfort che offre, noleggiando amache o materiale per praticare qualche sport in acqua. Nel suo lungo viaggio troverete anche numerosi ristoranti dove poter rendere omaggio e diverse aree per bambini. Se il tuo viaggio coincide con la notte di San Juan avrai l’opportunità di vedere i tradizionali falò sulla spiaggia.

Cala Granadella, un piccolo sogno

La Cala Granadella, è una spiaggia a forma di baia che è uno degli angoli più affascinanti della costa di Jávea. Molto riparata dal vento e dalle onde, rappresenta una cala ideale per osservare i fondali mentre si fa snorkeling o immersioni. Essendo piccola, dista solo 200 metri circa, in alta stagione può essere un po’ opprimente. Lì troverai servizi essenziali per il bagnante, come docce, servizi igienici, bagnini e ristoranti dove poter mangiare senza dover viaggiare.

Cala de Moraig, selvaggia e nascosta

Sulla costa di Alicante troverai spettacolari aree sabbiose ideali per il nuoto, e anche insenature molto speciali come Cala de Moraig, che si trova a Benitatxell, tra Xàbia e Moraira. In questo caso la particolarità di questa cala risiede nelle formazioni rocciose che la circondano. C’è la grotta degli Archi, in cui il mare entra attraverso i suoi tre archi. È possibile visitare la grotta, sempre con cautela, e anche tuffarsi nelle sue gallerie.

Spiaggia Albir, accessibile e piacevole

La spiaggia di Albir è formata in parte da sabbia e in parte da ciottoli e sassi, si trova nel comune di Alfaz del Pi e racchiude tutto (o quasi) che il turismo può desiderare, poiché si trova a ridosso del centro urbano e l’accesso è diretto. Inoltre nei suoi 550 metri troverai zone profonde e altre più adatte se viaggi con bambini. Dispone inoltre di tutti i tipi di servizi per l’utente, docce, sorveglianza, servizi igienici, noleggio di attrezzature sportive per l’acqua, ecc. E un’altra buona notizia è che raramente è affollata.

Cosa vedere ad Alicante

Sicuramente ti sarai chiesto cosa puoi vedere ad Alicante o nei dintorni oltre ad andare in spiaggia o in città, la risposta è che c’è molto da fare in questa provincia. Qui abbiamo selezionato alcuni ambienti naturali, che sono considerati luoghi di interesse, ma ti suggeriamo di provare a fare attività nell’ambiente naturale per goderne ancora di più.

Percorsi nel Parco Naturale del Montgó

Questo parco protetto sulla costa di Alicante è l’area naturale più sorprendente della costa. Si trova tra Denia e Jávea – intorno al massiccio del Montgó – e la sua rilevanza storica e naturale è fuori dubbio.

Il modo migliore per conoscere il Parco Naturale del Montgó, una delle visite imprescindibili di Alicante, è fare alcuni percorsi escursionistici. Tra i più conosciuti c’è il Percorso Cova de L’Aigua-Racó del Bou, lungo 3,5 chilometri e di media difficoltà. Un po’ più facile è la Ruta Camí de Colonia-Cova del Gamell, lunga 5 chilometri. Assicurati di chiedere la guida del percorso al centro di interpretazione del parco per sicurezza.

Cabo de la Nao e i suoi segreti

Potresti pensare che una caratteristica geografica, un promontorio in questo caso, non sia di grande interesse, ma aspetta di camminare intorno a Cabo de la Nao. Questo punto è il primo a salutare il sole ogni giorno nella penisola iberica e nasconde anche belle sorprese sotto forma di spiagge e calette. Il modo migliore per apprezzarne la sagoma è dal mare, a bordo di una barca, che permette anche di accedere ad alcune delle sue spiagge più remote, fare immersioni o visitare grotte sottomarine. Se non ti piace navigare, un’altra opzione è quella di fare un percorso attraverso i suoi punti panoramici.

Cova Tallada, una visita sorprendente

Situato nel Parco Naturale del Montgó, Cova Tallada è un’area protetta situata sulle scogliere di Capo San Antonio. È un’escursione ideale da Denia, ma va notato che non è un posto dove andare con parei e infradito. Il percorso per arrivarci, anche se può essere considerato semplice, richiede calzature da montagna e molta cautela nella zona della falesia. Detto questo, vi consigliamo di visitarla ma nel rispetto dell’ambiente. La grotta si trova a livello del mare, ed è alta circa 15 metri e larga circa 75. Puoi fare snorkeling e kayak.

Isola di Tabarca, l’unica abitata della regione

L’isola di Tabarca è l’unica isola abitata della Comunità Valenciana. Si trova di fronte alla città di Alicante, a circa 11 miglia nautiche di distanza, e ha una storia lunga e interessante. Fu a lungo rifugio dei pirati berberi, fino a quando il re Carlo III, nel XVIII secolo, decise di fortificarlo. Le sue mura, infatti, sono state dichiarate Sito Storico-Artistico e Bene di Interesse Culturale. Il più comune è fare una visita di un giorno in barca dal porto di Alicante. Una volta lì, la solita cosa è godersi la spiaggia, visitare il porto e mangiare un calderone, che è il piatto tipico dell’isola.

Fuentes del Algar, un bagno naturale

A soli 16 chilometri da Benidorm c’è uno dei paesaggi più belli di Alicante, uno di quei posti che devi vedere in provincia. Le cosiddette Fontane d’Algar (Fonts d’Algar), a Callosa d’en Sarrià, sono un gruppo di cascate collegate a diversi fiumi che formano bellissime piscine naturali. Il nostro consiglio è di provare ad andarci negli orari in cui ci sono meno persone, come prima cosa al mattino o durante la settimana.

Peñón de Ifach, il vertice vigile

Conosciamo solo il promontorio di Calpe come la roccia di Ifach, ma intorno ad esso c’è un’intera area protetta, chiamata Parco Naturale del Peñón de Ifach, che si presta ad essere esplorata. Un’attività ideale per conoscerla è percorrere un itinerario lungo il sentiero segnalato che porta alla sua sommità. Nei suoi quasi 5 chilometri ci sono tratti semplici, all’inizio, e più difficili alla fine. Ne vale la pena perché quello che ti aspetta sopra è un panorama spettacolare.

Serra Gelada, la Sierra de Benidorm

Serra Gelada, o Parco Naturale della Sierra Helada, è un’area protetta che si estende attraverso diversi comuni (Benidorm, Alfaz del Pi e Altea) e nel suo territorio ha un po’ di tutto, dalle riserve floristiche, alle falesie e alle dune fossili. Tutta questa zona può quindi essere vista attraverso percorsi escursionistici o dal mare, poiché la bellezza delle sue scogliere si percepisce meglio da una barca. Infine, se sei un appassionato di immersioni, in questa riserva marina troverai un buon numero di luoghi in cui immergerti come l’isola di Mitjana, l’isola di La Llosa, la grotta dell’elefante, la grotta di Enanito e la zona di Los Arcos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *