cosa vedere a maiorca

Questo elenco di cosa vedere a Maiorca vi aiuterà a non perdere nulla di questa magica isola che riunisce tutto ciò che un viaggiatore può sognare a livello naturale, oltre a un incredibile mix che combina un’infinita offerta di svago con visite più culturali. Maiorca, l’isola più grande delle Baleari, non è solo una destinazione estiva dove godere di spiagge dalle acque cristalline e di una vivace vita notturna, ma è anche sinonimo di un grande patrimonio culturale e storico, di antichi e affascinanti villaggi di pescatori, di paesaggi naturali mozzafiato e di una gastronomia a base di frutti di mare e pesce fresco, che delizia qualsiasi palato, senza dimenticare ovviamente altre chicche come l’ensaimada e la sobrasada, che hanno trasformato quest’isola in un paradiso per ogni amante della gastronomia.

Sebbene bastano pochi giorni per visitare Maiorca, il modo migliore per conoscere tutte le sue attrazioni turistiche è quello di fare un itinerario di almeno 7 giorni in auto, poiché questo vi permetterà di fermarvi liberamente in villaggi e punti panoramici che non sono raggiunti dai mezzi pubblici o che non lo sono molto spesso.

Pur essendo un’isola di grandi dimensioni, quasi tutti i punti di interesse si trovano a un’ora di macchina dalla capitale, quindi potete fare base a Palma o Alcudía e conoscere l’isola con brevi escursioni giornaliere se non volete fare un itinerario circolare.

Uno dei migliori consigli per visitare Maiorca è tra maggio e ottobre, quando si hanno più ore di luce e la temperatura è piacevole, anche se è importante tenere presente che in alta stagione (luglio e agosto) i prezzi degli alloggi diventano molto cari e l’isola diventa sovraffollata.

Sulla base dell’esperienza del nostro tour di 7 giorni a Maiorca, abbiamo compilato questo elenco di cosa vedere a Maiorca, questi sono 16 luoghi imperdibili da visitare. Iniziamo!

1. Palma de Mallorca

Passeggiare per le strette vie del centro storico di Palma e scoprire gli splendidi cortili interni delle antiche case padronali è senza dubbio una delle cose migliori da fare a Maiorca. Oltre alla parte più antica della città, dove spicca l’imponente cattedrale gotica, la capitale vanta castelli, palazzi reali, porti, spiagge dove rilassarsi e pasticcerie dove acquistare e gustare la famosa ensaimada, come Ca’n Joan de s’Aigo.

La città offre anche una vasta gamma di attività per il tempo libero che rendono impossibile annoiarsi sia di giorno, con attività acquatiche e gite in barca, sia di notte, con diverse discoteche e pub situati intorno al Paseo Marítimo dove è possibile bere un drink dopo cena in un ristorante come Ombú, Naan Street Food o Arume, che sono alcuni dei nostri ristoranti preferiti per mangiare a Palma.

Anche se riteniamo che un giorno sia sufficiente per conoscere tutte le sue attrazioni, vi consigliamo di dedicare un giorno in più per godervela a vostro piacimento e completare questo elenco di luoghi da vedere a Palma di Maiorca.

2. Valldemossa, una delle cose da vedere a Maiorca

Valldemossa, situata nella catena montuosa di Tramuntana, in una valle circondata da montagne, è uno dei villaggi più belli da visitare a Maiorca. Passeggiare per le sue strade acciottolate vi riporterà all’epoca medievale, mentre visiterete alcuni dei suoi siti imperdibili come la Certosa Reale, i Giardini di Re Juan Carlos e il Palazzo di Re Sancho. Non dimenticate di visitare il Museo Frédéric Chopin, dove il compositore Frédéric Chopin e il suo grande amore, la scrittrice francese George Sand, trascorsero un inverno, e la casa natale di Santa Caterina Tommaso, la santa più amata dai maiorchini.

Dopo aver scoperto tutti i suoi incantevoli angoli, vi consigliamo di assaggiare i deliziosi piatti del ristorante Es Taller e di percorrere la tortuosa strada che porta all’incantevole porto di Valldemossa. Vi assicuriamo che non ve ne pentirete.

3. Coves del Drach

Le Coves del Drach, quattro grandi grotte situate vicino alla città di Porto Cristo, sono un altro dei luoghi più spettacolari e popolari da visitare a Maiorca. Formate dall’erosione dell’acqua piovana nel corso di milioni di anni e collegate tra loro, queste grotte ospitano il Lago Martel, uno dei più grandi laghi sotterranei del mondo, dove ogni giorno si tengono concerti di musica classica.

È anche possibile fare una visita all’interno, osservando stalattiti e stalagmiti, che dura circa un’ora e si conclude con un concerto di 10 minuti e, se si vuole, con una gita in barca sul lago. L’orario di apertura estivo delle grotte è dalle 10.00 alle 17.00 con un massimo di 500 visitatori all’ora, quindi è consigliabile arrivare presto o tardi per evitare di rimanere senza posto o prenotare in anticipo da questa pagina.

Se non avete un’auto, un modo conveniente per visitarle è prenotare questa escursione di mezza giornata da Palma o questa in cui visiterete anche Porto Cristo, con biglietti d’ingresso e prelievo dall’hotel inclusi.

A pochi chilometri da questa grotta si trovano altri due punti di interesse dell’isola: le Grotte di Hams e la Torre Serral dels Falcons, una torre di difesa costruita nel 1577 che serviva a sorvegliare le navi pirata. Se vi piace la speleologia, vi consigliamo di visitare anche le Coves d’Artà, che ospitano una delle stalagmiti più grandi d’Europa e si trovano a mezz’ora di macchina dalle grotte del Drach.

4. Caló des Moro

Situata nel sud-est di Maiorca e nascosta tra le scogliere, si trova Calo des Moró, la spiaggia più famosa di Maiorca. Questa spiaggia incontaminata, lunga 40 metri e circondata da due ripide scogliere, sorprende per le sue calme acque turchesi e per l’affollamento durante i mesi estivi. Inoltre, ha un’area sabbiosa molto limitata e l’accesso è piuttosto complicato in quanto bisogna camminare per mezz’ora dal parcheggio e poi scendere delle scale non adatte a chi soffre di vertigini.

Dopo una nuotata nelle sue acque, consigliamo una passeggiata di 10 minuti fino alla bellissima Cala s’Almunia, un molo scavato dal mare che forma una cala rocciosa e un’altra cala con poca sabbia, perfetta per fare snorkeling nelle sue acque cristalline. Se preferite una spiaggia con un parcheggio a pochi metri dalla sabbia, vi consigliamo di andare a Cala Llombards, situata molto vicino a Caló des Moro.

5. Pollença

Pollença, situata nel nord-est dell’isola e con un bellissimo centro storico, è uno dei villaggi più belli da visitare a Maiorca. Una delle cose migliori da fare in questo villaggio è passeggiare per le sue ripide strade piene di caffè, pasticcerie (dove si vendono le tipiche ensaimadas, come la popolare Ca’n Xim), negozi di artigianato e angoli incantevoli, fino a trovare l’impressionante Plaza Mayor, che ha una chiesa del XVII secolo ed è il luogo dove ogni domenica si tiene uno dei migliori mercati dell’isola.

Un’altra tappa obbligata è quella di salire i 365 gradini per raggiungere El Calvari, da cui si può godere di fantastiche viste panoramiche sulla zona circostante e visitare l’antico Ponte Romano per ricordare il suo passato. Dopo questa visita più culturale, potete recarvi a Puerto de Pollença per fare un tuffo rinfrescante nella sua ampia spiaggia e pranzare in uno dei suoi bar o ristoranti sulla spiaggia.

6. Escursioni nella Serra de Tramuntana, una delle cose da fare a Maiorca

Un’escursione nella Serra de Tramuntana, una lunga e stretta catena montuosa di quasi 90 chilometri, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, è un’altra delle cose da fare assolutamente a Maiorca.

Costellata di graziosi villaggi e case in pietra, calette nascoste tra imponenti scogliere, coltivazioni a terrazze e cime alte oltre 1.000 metri, questa catena montuosa vi lascerà a bocca aperta di fronte a tanta bellezza naturale e culturale.

Tenete presente che nella zona si trovano diversi itinerari, alcuni di poca difficoltà come il sentiero da Esporles all’Ermita de Maristella e altri più impegnativi come l’ascesa al Puig des Teix e la famosa Ruta de Piedra di 280 chilometri da percorrere in 8 tappe.

Se non volete fare escursioni, una buona opzione per conoscere questa catena montuosa è quella di fare un percorso in auto da Andratx passando per il belvedere situato a San Telmo con vista sull’isola di Sa Dragonera (che deve il suo nome alle numerose lucertole che la abitano), e fermandosi nei villaggi e nei punti panoramici della costa nord come la Torre del Verger e il villaggio di Bañalfugar. Se avete più tempo a disposizione, potete raggiungere il Torrent de Pareis con la sua famosa cala Calobra e il faro di Faro de Formentor, di cui parleremo in altri punti.

7. Alcúdia

Alcúdia, situata nel nord-est dell’isola e antica capitale di Maiorca, è un’altra delle nostre città preferite dell’isola. Vale la pena dedicare una mattinata a esplorare le strade acciottolate del centro storico, che vi riporteranno a un’epoca passata, e a visitare i suoi principali punti di interesse, come le mura che circondano la città, la chiesa di Sant Jaume e la Plaza de la Constitución, tra gli altri.

Dopo la visita si può andare al porto di Alcúdia e alla bellissima spiaggia di Muro, che fa parte di S’Albufera, un parco naturale con aree di dune di sabbia e pini. In questa zona balneare si trovano alcuni dei ristoranti più consigliati dove mangiare a Maiorca, come La Ponderosa o Figueret, uno dei nostri preferiti a Maiorca, il cui menu include il merluzzo gratinato con sobrasada e miele, che è il suo piatto forte.

Anche se ogni momento è buono per visitare questa città di Maiorca, ricordate che il martedì e la domenica c’è un mercato molto frequentato.

8. Deià

Deià, arroccato su una montagna della Serra de Tramuntana e affacciato sul Mediterraneo, è uno dei villaggi più affascinanti di Maiorca. Pittoresco e affascinante, questo villaggio è perfetto per godersi la pace e la tranquillità dopo qualche giorno in spiaggia e qualche notte frenetica sull’isola, passeggiando nei suoi dintorni naturali e sedendosi su una delle terrazze della parte vecchia del villaggio, dove si può semplicemente osservare la vita che passa.

Ricordate che una delle sue tappe obbligate è il Camí des Racó, da cui si gode di un’ottima vista sul villaggio e sulle acque cristalline di Cala Deià. Nel villaggio, non dimenticate di visitare il cimitero dove sono sepolti diversi artisti che hanno vissuto nel villaggio negli anni ’60 e ’70, come lo scrittore Robert Graves, e che offre anche una fantastica vista sul mare.

9. Cap de Formentor

Alcuni dei paesaggi più spettacolari di Maiorca si trovano al Cap de Formentor, situato all’estremità di una penisola lunga 20 chilometri. In questo punto, dove i venti e le onde si infrangono violentemente contro le rocce, si possono ammirare scogliere alte più di 300 metri e uno dei migliori tramonti dell’isola. Lungo il percorso, che si snoda su una strada tortuosa, si incontrano anche fantastici punti panoramici come il Mirador d’es Colomer e la Talaia d’albercutx, fino a raggiungere il Faro de Formentor, il suo punto più iconico.

Un’altra delle cose migliori da fare a Maiorca e in questa zona è fare il bagno a Calas Figuera e Formentor, due spiagge incontaminate di sabbia bianca e acque cristalline che sono il complemento perfetto alla vista di questo emblematico faro.

Se non avete un’auto o una moto, un modo comodo per raggiungere questo promontorio è prenotare questa gita in barca o questa escursione, che include Alcudia. Ricordate che in estate l’accesso è vietato ai veicoli propri e può essere raggiunto solo in barca o in autobus.

10. Es Trenc

Se il vostro viaggio è in famiglia o se volete godervi una spiaggia dalle acque turchesi senza dover percorrere diversi chilometri, vi consigliamo di visitare Es Trenc, un’altra delle nostre spiagge preferite da visitare a Maiorca, che vi assicuriamo non vi lascerà indifferenti.

Situata a Las Salinas e con quasi 2 chilometri di sabbia bianca, prima di arrivare al grande parcheggio di Es Trenc passerete davanti alle sue miniere di sale da cui si estrae il suo famoso sale, che potrete acquistare in diversi negozi dell’isola e dove potrete fare una sosta.

Una volta arrivati sulla spiaggia, vi assicuriamo che una delle prime cose che noterete sarà il colore dell’acqua, che ricorda i Caraibi, e che dispone di alcuni servizi, come un ristorante dove potrete mangiare dopo diverse nuotate e sessioni di sole.

11. Fornalutx

Situato tra i più bei villaggi della Spagna, nella valle di Sóller, nel cuore della Sierra de Tramontana, Fornalutx si distingue per la sua rete di strade decorate con fiori e le sue antiche case in pietra.
Dopo aver passeggiato per le sue strade più pittoresche, come Carrer del Metge Mayol, Carrer de l’Esglesia e Carrer de Sant Sebastià, potrete concludere la vostra visita in Plaça de España con un drink o un pasto su una delle sue terrazze.

Se leggete che Formalutx non è altro che case in pietra, è vero. Non vi inganneremo. Ma è proprio questo che rende Fornalutx incredibile: come un villaggio e un gruppo di case possano essere così belli da diventare uno dei luoghi più attraenti dell’isola.

12. Castillo de Capdepera

Il Castello di Capdepera, una fortezza fortificata costruita nel XIV secolo sulla cima del Puig de Capdepera (alto 159 metri), è un altro luogo da visitare a Maiorca. Oltre a sorvegliare il traffico marittimo nel Canale di Minorca, questo castello, dichiarato sito di interesse culturale, ha avuto un ruolo fondamentale nella resa dei musulmani che controllavano Maiorca.

Dopo aver lasciato l’auto nella parte alta del comune di CapdePera e aver salito alcune strade ripide, si arriva in pochi minuti all’ingresso del castello (3 euro), che dà accesso al parco dove si possono vedere la casa del governatore, una chiesa e diversi resti archeologici, anche se la cosa migliore da fare è camminare lungo le mura e godersi la vista della città e dei dintorni.

Sulla strada per Capdepera si può fare una sosta ad Artà, un grazioso villaggio tradizionale di Maiorca dove il turismo non ha avuto un grande impatto e si può fare una passeggiata rilassante.

13. Torrent de Pareis

Un’altra delle cose da fare a Maiorca è percorrere i 14 chilometri e superare gli 800 metri di dislivello della tortuosa strada di Sa Calobra che vi porterà al Torrent de Pareis, un canyon lungo più di 3 chilometri.

Una volta arrivati al parcheggio del Porto di Sa Calobra, bisogna seguire un percorso di poco più di un chilometro che passa attraverso gallerie scavate nella roccia con finestre sul mare fino a raggiungere la famosa cala di Sa Calobra, una piccola spiaggia di ciottoli con acque turchesi.

Se non avete un’auto, potete raggiungerla in autobus o in barca (la nostra opzione preferita) da Puerto de Sóller, mentre i più avventurosi possono completare l’impegnativo percorso a piedi di 4 ore che parte dal villaggio di Escorca e termina in questa cala. È possibile prenotare la barca in anticipo da questa pagina.

14. Sa Foradada

Oltre al faro di Faro de Formentor, il nostro luogo preferito a Maiorca per ammirare il tramonto è Sa Foradada, una penisola nella Sierra de Tramontana che sorprende per l’enorme buco nella roccia. Per arrivare all’estremità della penisola, dovete seguire un facile sentiero di meno di 3 chilometri dal parcheggio di Sa Foradada che vi porterà a un ristorante, a un molo e alla roccia di Sa Foradada.

Nel nostro caso, poiché questo sentiero era chiuso a causa di frane e per evitare il sovraffollamento, abbiamo optato per guardare il tramonto dal punto panoramico di Sa Foradada, che offre una prospettiva unica e dispone anche di un ristorante per un drink e di tavoli, dove è meglio arrivare o prenotare in anticipo se si vuole sedere in prima fila e godersi una delle cose più belle da fare a Maiorca.

15. Sóller

Sóller, famosa per i suoi dintorni punteggiati di aranceti, è uno dei più bei villaggi dell’entroterra da visitare a Maiorca. Oltre a osservare la splendida valle di aranceti, vi consigliamo di passeggiare per le strette vie del centro, dove si mescolano palazzi e case signorili come la Posada de Can Prohom e Can Prunera, fino a raggiungere Plaza de la Constitución, il suo centro nevralgico con la Chiesa di Sant Bartomeu come protagonista. Dopo aver bevuto un drink su una delle terrazze della piazza, potete prendere un vecchio tram elettrico che vi porterà al pittoresco Porto di Sóller, dove potrete mangiare del buon pesce fresco in uno dei suoi ristoranti.

Dopo pranzo, vi consigliamo di visitare la Torre Picada, che offre eccellenti viste panoramiche sulla costa di Maiorca e sul Mar Mediterraneo, e il belvedere di Ses Barques, che offre la migliore vista sul porto.

Il modo più romantico per raggiungere questo villaggio è salire a bordo del treno di legno centenario che parte da Palma, attraversando lo scenario mozzafiato della catena montuosa di Tramuntana, e che è una delle escursioni più quotate dell’isola. È possibile prenotare questa escursione in anticipo da questa pagina.

16. Altre spiagge da vedere a Maiorca

Un’altra delle grandi attrazioni di Maiorca è il gran numero di fantastiche spiagge con sabbia bianca e acque turchesi e cristalline, che non hanno nulla da invidiare a quelle dei Caraibi. Oltre alla loro bellezza, una delle caratteristiche migliori è l’ampia varietà di opzioni, che consente di scegliere tra spiagge familiari con tutti i servizi, piccole calette nascoste tra le scogliere, baie rocciose perfette per lo snorkeling o altre in cui godersi un fantastico tramonto accompagnato da una birra fresca.

Sebbene le opzioni siano infinite, alcune delle migliori spiagge di Maiorca sono Cala Pi, Cala Mondragó, Cala Mitjana (un’altra delle nostre preferite), Cala Agulla, Cala Torta, Cala Mesquida e Cala Varques.

Ricordate che, sebbene la stagione sull’isola sia relativamente lunga, uno degli svantaggi di viaggiare in estate è che le spiagge più famose si riempiono ed è difficile trovare parcheggio se non si arriva presto o se si ha una moto, quindi, come abbiamo detto prima, è molto interessante viaggiare al di fuori di questi mesi se si vuole godere di questi luoghi con un po’ di pace e tranquillità.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento