Grotte Cango, viaggio al centro della terra in Sudafrica

Grotte Cango

Grotte Cango, viaggio al centro della terra in Sudafrica

Le Cango Caves hanno qualcosa di speciale. La sensazione di trovarsi in giganteschi capolavori della natura in grado di rivaleggiare – e vincere – con qualsiasi cattedrale, per quanto gotica, è unica. Le loro centinaia di migliaia di anni le collocano sulla Terra prima dell’arrivo dell’umanità, ricordandoci che siamo solo ospiti dell’ultimo minuto su questo pianeta. E, a meno che non lo uccidiamo, saranno qui anche dopo che ce ne saremo andati. 🤷‍♂️ Tutto ciò che le riguarda incute timore. Il silenzio, rotto solo dai nostri passi e dalle parole della guida. L’oscurità, che mostra tutta la sua potenza. Gli ampi spazi, in contrasto con la loro ristrettezza in alcuni punti. Preparatevi a rintanarvi nelle grotte Cango!


Leggi anche: Cosa vedere a Treviri colonia romana fin dal I secolo d.C.

Un po’ di storia sulle Grotte Cango

Sebbene siano state trovate prove che le grotte Cango fossero abitate durante l’età della pietra, la loro riscoperta è avvenuta solo alla fine del XVIII secolo, per la precisione nel 1780. Un contadino locale, Jacobus Van Zyl, trovò l’ingresso mentre cercava alcuni animali smarriti. L’ingresso dava accesso a una camera grande come un campo da calcio – sì, la misura universale delle dimensioni – che porta il suo nome. Non pensate che il turismo sia una cosa recente… subito dopo la loro scoperta sono diventate un’attrazione. Tanto che all’inizio del XIX secolo è stato necessario emanare delle leggi per proteggerle. I 5 dollari – al cambio odierno circa 500 R, circa 33,50 € – che si pagavano per accedere in quegli anni sembrano essere serviti come “giustificazione” per asportare parti di stalattiti e stalagmiti e portarle come souvenir o per incidere nomi sulla pietra. Solo alla fine del XIX secolo le grotte Cango erano frequentate da guide a tempo pieno. Il primo fu Johnnie van Wassenaar, dal 1891 al 1934. Fu lui a scoprire la maggior parte delle camere di quello che oggi è conosciuto come Cango I, l’unica parte visitabile. Successivamente, nel 1972 e nel 1975, sono stati scoperti nuovi sistemi camerali, chiamati rispettivamente Cango II e Cango III. I 775 metri iniziali scavati nella roccia calcarea sono “cresciuti” fino a più di 5 chilometri e ci sono ancora aree da esplorare.

Leggi anche: Valle Sacra degli Incas, conosciamo la cultura e la storia degli antichi Inca

Visita alle Grotte Cango: tour del patrimonio e dell’avventura

Secondo la guida, le grotte di Cango sono le uniche grotte turistiche in Africa che offrono un tour normale, Heritage Tour, di facile difficoltà, e un tour d’avventura, Adventure Tour. Entrambi mostrano le camere principali di Cango I, ma il Tour Avventura offre anche l’esperienza di scoprire nuovi passaggi e stretti accessi ad altre parti della grotta. In effetti, l’Adventure Tour è l’Heritage Tour più una mezz’ora in più di “speleologia”. Non siamo speleologi, né troppo avventurosi, ma abbiamo deciso di provare il circuito dell’avventura. Abbiamo lasciato le nostre cose in un armadietto all’ingresso e, con la sola macchina fotografica, siamo partiti verso il centro della terra. Il fatto di non dover indossare caschi, tute o altri dispositivi di sicurezza ci ha fatto pensare che non sarebbe stato così “avventuroso” come prometteva il nome… Ci siamo illusi.

Le Grotte di Cango non nascondono nulla. La visita inizia in quell’enorme camera grande come un campo da calcio scoperta da Jacobus Van Zyl, la Sala Van Zyl. Quando ci si riprende dallo shock, si cominciano a capire i nomi che la guida dà alle diverse formazioni, come “la guglia di Cleopatra” o “il pulpito della grande cattedrale”. I nomi altisonanti non finiscono qui. Nella sala successiva, la Sala di Botha, si trovano la “torre pendente di Pisa” – che, secondo la guida, ha circa 500.000 anni -, la “Madonna con Bambino”, la “presentazione nel tempio”, la “tenda”, il “salice piangente pietrificato”… E da lì si accede alla sala del trono, nel caso mancasse qualcosa. La Camera dell’Arcobaleno, la Camera degli Sposi, la Camera delle Fate e la Sala del Tamburo sono le tappe successive del tour. Al di là dei nomi altisonanti, le formazioni sono una meraviglia. Sipari di roccia, cascate di stalattiti, colonne gigantesche… non saprete da che parte guardare.

L’estensione del tour avventura

Non diremo che il Tour Avventura è stato troppo complicato, ma bisogna tenere conto che in Sudafrica la sicurezza è un’opzione. Insomma, le questioni di sicurezza sono lasciate alla discrezione del turista e le compagnie si coprono le spalle con un pezzo di carta in cui spiegano che qualsiasi cosa vi accada dipende da voi… Lo abbiamo sperimentato con lo squalo, con i safari e, più tardi, quel giorno, con gli struzzi. Dalla sala del tamburo, più di 200 gradini conducono nelle profondità e nell’avventura. La grande sala, il vicolo della lombaggine – una stanza con un soffitto alto 1,2 metri -, le miniere di Re Salomone, il camino del diavolo – con un tubo stretto che ci ha già tolto un po’ di gioia -, la bara… Confessiamo che anche noi non l’abbiamo trovato impressionante, a parte l’accesso a luoghi di difficile accesso. Non c’erano telecamere così appariscenti come quelle che avevamo visto nella parte “facile” della visita. Quando siamo arrivati alla cucina del diavolo e abbiamo trovato un tubo largo circa 45 centimetri e lungo quasi tre metri in salita, abbiamo deciso che anche lì non ci era sfuggito nulla… Sì, ci siamo arresi e non siamo arrivati all’ultima stanza – subito dopo – con il nome della cassetta delle lettere del diavolo e alta 27 centimetri. Prima che pensiate che abbiamo rovinato la visita all’intero gruppo, non è così. Abbiamo parlato con la guida che ci ha detto che, poco prima della Cucina del Diavolo, c’era una scappatoia – come le scorciatoie dell’IKEA – che portava all’uscita saltando le ultime due “prove di Ercole”.

Leggi anche: Cosa vedere alla Domus Aurea di Roma

Informazioni pratiche: indirizzo, orari di apertura, prezzi…

Le grotte di Cango si trovano a 29 km da Oudtshoorn, la città da cui dipendono. Il nome deriva dalla loro posizione all’inizio della Valle del Cango. Aperto tutti i giorni dell’anno tranne il 25 dicembre. Il biglietto d’ingresso costa R110 – poco meno di 7,50 euro – per il tour normale e R165 – circa 11 euro – per il tour avventura. La durata è di 60 minuti per il tour normale e di 60 più 30 per il tour avventura. Le visite sono in inglese, anche se sono disponibili altre lingue. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale delle grotte.

Lascia un commento