Ikaria

Se stai cercando un’isola greca dell’Egeo unica e diversa con una natura lussureggiante, una ricca cultura e bellissime spiagge, allora non puoi perderti Ikaria. Ikaria è considerata una delle isole più verdeggianti dell’Egeo ed è menzionata come il luogo in cui la popolazione ha la più alta longevità al mondo insieme ad altre tre località. Se stai cercando di rilassarti e ringiovanire, allora Ikaria è dove devi andare. Questa guida ti aiuterà a ottenere il massimo da una vacanza davvero unica e a goderti tutto ciò che Ikaria ha da offrire!

Leggi anche: Cosa fare e vedere a Syros

Dove si trova Ikaria?

Ikaria si trova nell’Egeo orientale, a sole 30 miglia al largo della costa della Turchia e a circa 10 miglia dall’isola di Samos. È una delle più grandi isole dell’Egeo e una delle più lussureggianti e verdi in termini di bellezza naturale: foreste ombrose, ruscelli e insenature, cascate e valli compongono un ambiente unico che si integra perfettamente con lo stile architettonico generale dell’isola. Il clima di Ikaria è mediterraneo, il che significa estati calde e secche e inverni relativamente miti e umidi. Le temperature salgono fino a 35 gradi Celsius durante l’estate, con ondate di calore che toccano i 40 gradi. Le temperature invernali scendono a circa 5 gradi, con ondate di freddo che scendono a 0. La stagione migliore per visitare Ikaria è l’estate, da metà maggio a fine settembre. In genere non c’è troppa folla a Ikaria, ma se vuoi assicurarti di goderti l’isola nella sua forma più autentica mantenendo l’accesso a tutti i servizi estivi, allora prenota per settembre.

Come arrivare a Ikaria?

Ci sono due opzioni per andare a Ikaria: aria o mare. Puoi prendere un traghetto per Ikaria direttamente dal porto del Pireo di Atene. Se opti per questo, assicurati di prenotare una cabina poiché il viaggio dura 11 ore! Ci sono più collegamenti in traghetto per Ikaria da varie isole delle Cicladi, come Syros e Mykonos. C’è anche un traghetto da Chios. Se ti trovi nel nord della Grecia, puoi anche prendere un traghetto dal porto di Kavala a Ikaria, ma il viaggio dura circa 16 ore. Se vuoi risparmiare sui tempi di viaggio, dovresti optare per l’aereo. Ikaria ha un aeroporto nazionale e riceve voli da Atene e Salonicco. Il volo dura circa un’ora, quindi vale il prezzo del biglietto.

Storia di Ikaria

Ikaria prende il nome dal mito di Icaro. Secondo la leggenda, dopo che il padre di Icaro, Dedalo, costruì il labirinto per il re Minosse di Creta, il re non volle lasciarlo andare poiché ne conosceva i segreti. Il re pensava anche di poter usare Dedalo per ulteriori invenzioni o lavori di costruzione. Per questo lo rinchiuse in un’alta torre senza porte insieme al figlio Icaro. Per scappare, Daedalus creò ali fatte di legno, piume e cera. Ne fece un paio per sé e per suo figlio e gli ordinò di non volare troppo basso, per evitare di bagnare le piume, o troppo alto per evitare che il sole sciogliesse la cera. Sfortunatamente, quando si misero in volo, Icarus volò troppo vicino al sole. I raggi del sole sciolsero la cera e il ragazzo precipitò vicino all’isola di Ikaria, che porta il suo nome. Ikaria è stata abitata fin dal Neolitico, da tribù proto-elleniche chiamate Pelasgi. L’isola aveva un lato sacro con vari templi, il più importante dei quali era quello di Artemide, patrono dei marittimi, tra le altre cose.

Durante il medioevo e dopo i bizantini, i genovesi regnarono su Ikaria. I metodi difensivi dell’isola contro la pirateria influirono notevolmente sullo stile architettonico delle case dell’epoca (case basse in pietra con tetto in pietra progettate per diffondere il fumo dal camino in modo che la casa non fosse facilmente individuata da intrusi). I Cavalieri Templari controllarono Ikaria fino al 14° secolo, quando gli Ottomani presero il controllo dell’isola. Il dominio ottomano sull’isola fu debole fino al 1912, quando Ikaria fu aggiunta al moderno stato greco. Durante la seconda guerra mondiale, Ikaria ha pagato un pesante tributo nella lotta contro i nazisti durante l’occupazione. È servita anche come luogo di esilio per dissidenti e comunisti negli anni del dopoguerra. Questo, insieme all’inclinazione a sinistra degli Ikariotes, fece guadagnare all’isola il soprannome di “Roccia Rossa” o “Isola Rossa”. L’isola rimase piuttosto povera fino a diventare un’attrazione turistica negli anni ’60 in poi.

Leggi anche: Guida turistica dell’isola di Patmos, Grecia

Cose da vedere e da fare a Ikaria Island

Visita i villaggi e le città di Ikaria

  1. Aghios Kirikos è la Chora di Ikaria. Fondata circa 300 anni fa, la città è la più grande dell’isola. Ha un’architettura bellissima e iconica che è un mix di stile isolano e neoclassico con fiori che sbocciano sui balconi e sentieri stretti e panoramici. Aghios Kirikos ha anche il porto principale dell’isola e lì si trovano molti ottimi locali.
  2. Armenista. Il piccolo villaggio di soli 70 abitanti è fondamentalmente un dipinto che prende vita. Costiera, pittoresca, con belle case colorate e una bella chiesa, si trova a circa 50 km a nord di Chora di Ikarias, Aghios Kirikos. Armenistis ha alcune delle spiagge più belle dell’isola e sebbene sia popolare tra i turisti, è riuscita a rimanere autentica.
  3. Evdilos. 38 km a ovest di Aghios Kirikos troverai il bellissimo villaggio di Evdilos. Costruito a metà del 19° secolo quando i pirati cessarono di essere un rischio, questo villaggio era il precedente Chora di Ikaria, prima di Aghios Kirikos. Troverai iconiche case con piastrelle cremisi con splendidi colori, acque color smeraldo che lambiscono il porto e una natura bellissima e rigogliosa che abbraccia lo stile neoclassico degli edifici.
  4. Cristo Rachon. Questo paese è anche conosciuto come il paese che non dorme mai! Situato all’interno di una foresta lussureggiante e verdeggiante e con un’architettura in pietra tradizionale molto particolare e iconica, Christos Rachon ha un programma particolare: durante il giorno, tutto è chiuso e gli abitanti del villaggio tendono a rilassarsi o dormire. È solo durante e dopo il tramonto che il villaggio inizia a svegliarsi, con la notte che si trasforma in giorno poiché tutte le attività, compresi i negozi, vanno a gonfie vele! Cerca il panificio senza il fornaio (è fuori a pescare), dove puoi semplicemente prendere la pagnotta e lasciare i soldi al suo posto. Le porte si chiudono solo quando non c’è più pane!
  5. Akamatra. A soli 5 km da Evdilos, costruito su un pendio verdeggiante, lussureggiante di alberi e natura, si trova il villaggio di Akamatra. Il nome significa “pigro” ed è stato dato al paese perché sulla sua piazza si adagiano tutti i “pigri” e gli anziani. Il paese risale almeno al XV secolo, e al centro della sua piazza regna una quercia di 500 anni.

Visita i castelli di Ikaria

  1. Fortezza di Drakano: questo è uno degli esempi meglio conservati di antiche torri di avvistamento fortificate. Risalente al periodo ellenistico, la fortezza di Drakano era usata per sorvegliare il mare tra Ikaria e Samos. Era in uso dal tempo di Alessandro Magno fino ai tempi moderni! Fu distrutta nel 19° secolo. Visita per un ottimo punto panoramico e un raro pezzo di storia!
  2. Castello di Koskina: questo castello bizantino risale al 10° secolo dC ed è stato costruito per proteggere gli abitanti dagli attacchi dei pirati. Camminare fino in cima per raggiungerlo può essere faticoso. Tuttavia, sarai ricompensato dalla vista mozzafiato dell’Egeo e dell’isola, nonché dalla bellissima chiesa di Aghios Georgios Dorganas, che è straordinariamente ben conservata.

Leggi anche: Cose da fare e vedere a Corfù, oltre che andare al mare

Visita i siti archeologici di Ikaria

  1. Tempio di Artemide: questo santuario è uno dei più antichi dedicato alla dea della caccia, dei marinai e degli animali selvatici. Situato a Nas, in una baia naturale che fu probabilmente il primo luogo utilizzato dagli abitanti per le comunicazioni e il commercio con l’Asia Minore, le rovine del tempio offrono uno sguardo nel passato accanto a una splendida spiaggia sabbiosa.
  2. Odeon bizantino: vicino al villaggio di Kampos a nord dell’isola troverai l’Odeon bizantino. Il teatro fu costruito nel I° secolo a.c. e chiamato Odeon romano. Goditi i resti di quella che era una bellissima struttura, attualmente immersa in una vegetazione lussureggiante ma ancora maestosa.
  3. Il Monumento Menhir: Vicino all’aeroporto, nella zona di Faros, troverai il misterioso monumento antico fatto di particolari menhir. Molte sono le speculazioni sulla funzione di questo antico sito, da luogo di sepoltura a luogo di culto.
  4. Terme Romane: Non troppo lontano da Aghios Kirikos, troverete i resti delle Terme Romane dell’antica città di Therma. Alcuni muri sono ancora in piedi. Segui il sentiero che lo costeggia per trovare la vicina grotta dove Ikariotes nascondeva i beni per i momenti di bisogno.

Visita i musei dell’isola di Ikaria

  1. Museo Archeologico di Ikaria: Ospitato in una bella e iconica casa neoclassica che era la vecchia scuola superiore della città ad Aghios Kirikos, troverai il Museo Archeologico di Ikaria. L’edificio in sé è un gioiello da godere. All’interno potrai anche ammirare raccolte di reperti del periodo arcaico e classico dell’isola.
  2. Museo Archeologico di Kampos: i reperti e gli oggetti esposti in questo minuscolo museo provengono tutti dal sito dell’antica Oenoe (l’area generale di Kampos) sulla collina di Aghia Irini. Assicurati di visitare le imponenti tombe e il sarcofago di marmo della tarda antichità, che è riccamente decorato con intagli.
  3. Musei del folclore di Ikar: nel villaggio di Vrakades, troverai l’interessante museo del folclore. Al suo interno, vedrai mostre della storia medievale e moderna di Ikaria, dagli oggetti di uso quotidiano agli strumenti per la fabbricazione di corde e tessuti fino a documenti unici del breve periodo nel 19° secolo, quando Ikaria era uno Stato libero prima di unirsi alla Grecia.

Leggi anche: Un giorno a Mykonos, l’itinerario perfetto

Visita i monasteri di Ikaria

  1. Monastero di Teoktisti. Verso il nord di Ikaria, vicino al villaggio di Pigi, attraverserai una rigogliosa pineta per trovare il monastero di Theoktisti. È stato probabilmente fondato alla fine del XIV o all’inizio del XV secolo ed è stato attivo fino agli anni ’80. Visita la chiesa con gli splendidi affreschi e l’ornata iconostasi, e non perdere la visita alla piccola cappella di Theoskepasti, dove la leggenda narra che furono ritrovate le spoglie del santo da cui il monastero prende il nome. È praticamente all’interno di una grotta e devi chinarti per camminarci dentro e ammirare la sua bellissima iconostasi.
  2. Monastero di Mounte (Evaggelismos). Vicino al villaggio di Kastanies e circondato dalla natura lussureggiante, troverai il monastero di Mounte, dedicato all’Annunciazione. Fu costruito nel 1460 e la leggenda narra che un bambino ikarico ebbe una visione della Vergine Maria su dove doveva essere costruito il monastero. Visitalo per gli splendidi affreschi, l’iconostasi bella e dettagliata e la sua storia di servizio come ospedale durante la guerra civile greca.

Le spiagge di Ikaria

  1. Nas: la spiaggia di Nas è una delle spiagge più belle dell’isola. Situata a 55 km a nord di Aghios Kirikos, Nas è in realtà una piccola splendida baia con sabbia setosa e acque turchesi. Appena oltre la spiaggia, scoprirai persino una bella cascata e un ruscello all’interno della foresta, quindi rendila una giornata di relax e avventura allo stesso tempo!
  2. Seychelles: la spiaggia delle Seychelles è incredibilmente bella con acque color smeraldo e imponenti formazioni rocciose. La spiaggia è di un bianco brillante e di ciottoli, e i colori ti fanno dimenticare che sei nell’Egeo. La spiaggia delle Seychelles si trova 20 km a sud-ovest di Aghios Kirikos.
  3. Messakti: vicino al villaggio di Armenistis troverai la bellissima spiaggia di Messakti. Non è solo una spiaggia con splendide acque blu. Ha due ruscelli che convergono sulla spiaggia e formano incantevoli lagune. Queste lagune sono d’acqua dolce! Messakti è una spiaggia organizzata e in alcuni punti sono disponibili alcuni servizi extra.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento