Bahamas dai casinò sfarzosi alle spiagge di sabbia bianca

By | Dicembre 19, 2020

L’esperienza della maggior parte dei visitatori delle Bahamas si concentra sui due porti principali: Nassau, la capitale nazionale, sull’isola di New Providence, e Freeport, a Grand Bahama. Le due isole sono davvero in contrasto fra di loro, ma entrambe offrono qualcosa per i visitatori di breve e lungo soggiorno, dall’architettura coloniale ai casinò sfarzosi, dalle spiagge di sabbia bianca alle opportunità di incontrare i delfini.

New Providence e Nassau

New Providence, con una circonferenza di circa 20 miglia (32 km) e una larghezza di 8 miglia (13 km), ospita quasi un quarto di milione di residenti. Nassau si trova sulla costa settentrionale dell’isola, a circa 180 miglia nautiche a sud-est di Miami e, per molte persone, questo hub commerciale sono le Bahamas.

Grand Bahama e Freeport

Nassau è sicuramente la città più suggestiva di Freeport a Grand Bahama, la seconda città della nazione, creata nel 1955; ma quest’ultimo è un punto di partenza per un’isola che ha molto da offrire.

Grand Bahama, che è tre volte più grande di New Providence, si trova all’estremità settentrionale della catena delle Bahamas e ha poco più di 50.000 residenti. L’enfasi qui è sull’aria aperta: dalle passeggiate nella natura alle avventure ecologiche a tutti gli effetti, dalle grotte calcaree ai lussureggianti giardini esotici, tutti disponibili in tour organizzati.

L’industria delle navi da crociera

A ovest del centro di Freeport, il Lucayan Harbour Cruise Facility (ex Freeport Harbour Cruise Facility) copre 1.630 acri (668 ettari) e può ospitare le più grandi navi da crociera del mondo. Gli enormi terminal hanno tutto ciò che i crocieristi possono desiderare. L’area ha un design paesaggistico tropicale e racchiude un enorme centro e mercato di vendita al dettaglio e intrattenimento in stile bahamiano, dove iniziano la maggior parte delle escursioni standard organizzate dalle compagnie di crociera.

L'industria delle crociere è grande alle Bahamas

Luoghi da visitare alle Bahamas

Nassau (Isola Nuova Providence)

Oltre gli edifici pubblici del XIX secolo (appena fuori Bay Street) e immediatamente a sud di questi uffici governativi si trovano l’edificio della Corte Suprema e la pittoresca biblioteca pubblica ottagonale di Nassau su Shirley Street, costruita nel 1797 come prigione, che contiene, tra le altre cose, un piccola collezione di manufatti amerindi in una delle celle. La biblioteca si trova all’angolo di Parliament Street, dove vedrai alcuni deliziosi edifici storici, per lo più risalenti alla metà del XIX secolo. Tra questi spiccano il Jacaranda, con ampie verande a graticcio, e le persiane verdi, ora un vivace ristorante.

Non lontano si trova la chiesa presbiteriana di Sant’Andrea, conosciuta come The Kirk, un edificio piacevole e accogliente; la Chiesa metodista della Trinità; e la Cattedrale di Christ Church, con una bella vetrata sopra l’altare. Oltrepassare George Arch e si arriva a Government House (Blue Hill Road e Duke Street), un edificio rosa e bianco che è stata la residenza ufficiale del Governatore Generale dal 1801.

Museo dei Pirati di Nassau

www.pirates-of-nassau.com

In questo intrigante museo interattivo, di fronte alla cattedrale di Nassau, i visitatori salgono a bordo di una replica a grandezza naturale della nave pirata Revenge ed entrano nel mondo dei pirati assetati di sangue. Sei incoraggiato a “camminare in mezzo a loro mentre mangiano, bevono, dormono, giocano d’azzardo, complottano e saccheggiano” e, nel frattempo, apprendi la storia delle Bahamas e alcuni dei famigerati personaggi bucanieri del mondo. Un pub pirata serve pranzo e cena e accanto ad esso “Plunder!”, Un negozio di articoli da regalo a tema pirata, ti tenta nel fare acquisti.

Isola paradisiaca

A Prince George Wharf, i traghetti aspettano per portare i passeggeri a Paradise Island, attraverso il porto di Nassau. Questa isola turistica (precedentemente e meno affascinante conosciuta come Hog Island) è davvero un posto molto alla moda. Tra i suoi piaceri costosi ci sono l’Atlantis Resort; l’Hurricane Hole, un paradiso per yacht di lusso; lo Yoga Retreat; un chiostro gotico del XIV secolo, portato dalla Francia e ricostruito pietra su pietra; i giardini di Versailles, che circondano l’esclusivo Ocean Club Hotel; e il campo da golf da campionato a 18 buche Ocean Club. C’è anche una sottile mezzaluna di sabbia bianca chiamata Paradise Beach.

Grand Turk

Trovandosi alla fine della catena delle Bahamas, le Turks e Caicos sono piatte, coralline, con spiagge di sabbia bianca. Cockburn Town su Grand Turk è la capitale di questo territorio britannico d’oltremare, con attraenti edifici coloniali e un museo che espone scoperte archeologiche locali. È un villaggio sobrio, anche se ci sono diversi hotel e ristoranti che si rivolgono ai turisti che vengono principalmente per le superbe immersioni subacquee offerte qui.

Freeport (Grand Bahama)

L’International Bazaar, nel centro della città, ha un sacco di merce a buon mercato ma è un buon posto per macchine fotografiche e attrezzature fotografiche, e l’outlet Colombian Emeralds ha una vasta selezione di gioielli. Ad est del bazar, il mercato della paglia offre un po’ di colore locale, mentre dall’altra parte il Royal Oasis Golf Resort and Casino ha una spettacolare piscina “spiaggia” di acqua dolce da 1 milione di galloni con scivoli, una cascata, swim-up bar e due campi da golf.

Altri due campi da golf fanno parte del complesso turistico sulla spiaggia di Our Lucaya, a est di Freeport, vicino alla splendida spiaggia bianca di Lucayan. Il Port Lucaya Marina and Yacht Club, una serie di canali artificiali, comprende un enorme bacino per yacht. La cosa più divertente è quella di Port Lucaya, che pullula di attività intorno al mercato centrale, con negozi che vendono artigianato locale, boutique alla moda, ristoranti e spettacoli dal vivo.

Rand Nature Center (Grand Bahama)

www.bnt.bs

C’è un’affascinante escursione da fare al Rand Nature Center, a nord di Freeport. Gestito dal Bahamas National Trust, questo parco nazionale di 100 acri (40 ettari) ha alcuni interessanti percorsi naturalistici, uno stormo di fenicotteri dell’India occidentale (l’uccello nazionale delle Bahamas) e guide ben informate per parlarti di tutto.

Parco nazionale Lucayan (Grand Bahama)

Guidati da guide locali esperte, esplora le grotte che formano uno dei più grandi sistemi di grotte sottomarine al mondo. Il parco ha un vasto sistema di percorsi a forma di otto che ti portano in due grotte, in una delle quali sono stati scoperti reperti e ossa relativi ai primi abitanti dell’isola, i lucayani amerindi. In superficie, il parco di 16 ettari ha sentieri attraverso foreste ricche di vegetazione tropicale – cedri e alberi di mogano – e lagune di mangrovie che ospitano una ricchezza di avifauna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *