Londra è una potente miscela di continuità e tradizione

By | Dicembre 18, 2020
Guida turistica Londra

Per una città cosmopolita di 7,7 milioni di persone, Londra è piuttosto campanilistica. Ogni quartiere, ogni angolo di strada, è orgoglioso della propria identità. Il centro di Londra è la Londra condivisa da tutti questi gruppi e anche da quasi 20 milioni di visitatori all’anno. I simboli di Londra – i Beefeaters, i bobbies, i tassisti, gli autobus rossi, lo sfarzo, la famiglia reale, le Houses of Parliament – sono tutti qui, insieme alla borsa, all’aria sporca e al traffico strisciante.

Dopo un primo tour in barca o su un autobus scoperto per orientarsi, il modo migliore per vedere il centro di Londra è a piedi. Sebbene la Greater London si estenda per 610 miglia quadrate (1.580 kmq), l’area centrale è sorprendentemente compatta. Gli escursionisti hanno il tempo di apprezzare l’infinita varietà di dettagli architettonici che traccia il lungo sviluppo della città. Inoltre, è possibile seguire le orme di alcuni dei cittadini più celebri della storia: per aiutare l’immaginazione, le targhe blu mostrano dove un tempo vivevano i grandi, i buoni e i famigerati.

Come visitatore, potresti essere uno del 72% che visita la Torre di Londra o il 92% che si reca a Piccadilly Circus. Ma probabilmente sarai anche uno dei milioni di persone che trovano un piccolo angolo caratteristico di questa straordinaria città di cui essere entusiasta.

Profilo di Londra

Ciò che attrae milioni di visitatori a Londra è una potente miscela di continuità e tradizione, oltre all’eccitazione di non sapere mai cosa troveranno dietro l’angolo.

Guida turistica Londra

Londra come un insieme di villaggi

Henry James ha descritto la capitale come una “gigantesca enciclopedia animata con persone per pagine”. Con tutta la sua varietà e storia, è difficile sapere da dove iniziare come turista, ma l’enfasi di James è buona. Anche se l’immensità di Londra rende difficile abbracciare nel suo insieme e non trovi residenti di lunga data che proclamano i loro sentimenti attraverso adesivi “I heart London”, le persone e la cultura contano tanto quanto gli edifici. Per la maggior parte dei residenti, la città è un insieme di comunità o villaggi, un tempo indipendenti ma da tempo inghiottiti, insieme a gran parte della campagna circostante, dalla metropoli in espansione.

Londra come città internazionale

Londra, si dice a volte, non è rappresentativa del Regno Unito come New York lo è degli Stati Uniti. C’è del vero in questo. Entrambe le città hanno una popolazione sorprendentemente cosmopolita, i loro ristoranti sono diversi quasi quanto i loro immigrati, sono importanti centri della finanza internazionale, sono pionieri delle ultime mode e la loro gamma di negozi e teatri è assurdamente sproporzionata rispetto alle loro dimensioni.

Ma Londra è ombelicamente legata al resto della Gran Bretagna sotto alcuni aspetti cruciali. A differenza di New York, è una capitale, che genera istituzioni governative. È anche una città antica, risalente all’epoca romana. Le forze straniere non l’hanno occupata dall’arrivo dei Normanni nel 1066 e, sebbene sia stata bombardata durante la seconda guerra mondiale, la maggior parte dei suoi edifici iconici è sopravvissuta.

Di conseguenza, trasuda un senso palpabile della storia della nazione. Puoi seguire le orme di Shakespeare, Dickens o Churchill. Puoi viaggiare lungo il Tamigi, come fece Enrico VIII. Puoi visitare la stanza nella Torre di Londra dove Sir Francis Drake visse i suoi ultimi giorni. Puoi bere nei pub dove beveva il dottor Samuel Johnson nel XVIII secolo o puoi sederti nella sala di lettura dove studiò Karl Marx.

Londra in numeri

  • Popolazione: 7,8 milioni
  • Area: 610 miglia quadrate (1.584 kmq)
  • Lingua ufficiale: inglese
  • Lingue parlate: oltre 250
  • Religione di stato: cristianesimo (Chiesa d’Inghilterra)
  • Primo ministro: David Cameron
  • Fuso orario: da fine ottobre a fine marzo è GMT. L’ora legale britannica (BST), da fine marzo a fine ottobre, è GMT + 1
  • Valuta: Pound (sterlina) £
  • Prefisso internazionale: +44
  • Numeri di emergenza: Polizia: 999, Ambulanza: 999, Incendi: 999
  • Spazio aperto: 30 percento
  • Taxi neri: 21.000
  • Pub: 3.800
  • Riserve naturali: 98
  • Mercati: 83
  • Siti del patrimonio mondiale: 4

Luoghi da visitare a Londra

Soho e Covent Garden, con la loro abbondanza di negozi, ristoranti e teatri, sono i due centri gemelli della Londra turistica, ma se fai un passo indietro dai loro centri sovraffollati – Piccadilly Circus, Leicester Square, Oxford Street e Covent Garden Piazza – sei nel cuore chic e vivace del West End.

Per molti, Westminster e St James’s sono il centro di Londra. Tra di loro hanno la più alta concentrazione di edifici iconici – le Houses of Parliament, il Big Ben, l’Abbazia di Westminster, 10 Downing Street, Buckingham Palace, Trafalgar Square – per non parlare delle National Galleries e St James’s Park.

Bloomsbury è meglio conosciuta per le sue connessioni letterarie. Un tempo dimora di Virginia Woolf, EM Forster e delle case editrici britanniche, è ancora un’area culturale fiorente grazie alla presenza dell’University College di Londra e del British Museum. Costituite da terrazze georgiane con bellissime piazze verdi, Bloomsbury e Holborn sono zone piacevolmente tranquille in cui passeggiare.

La City, o Square Mile come è anche conosciuta, si trova nella zona originaria di Londra, ed è ora il quartiere finanziario. In tal modo, la sede centrale di una banca in vetro e acciaio si annida contro chiese e pub secolari. I magazzini e le tipografie della vecchia Clerkenwell sono ora i loft, i bar e le discoteche dei suoi nuovi abitanti alla moda. Appassionati di moda e cacciatori di occasioni affollano a est verso i mercati e le boutique di Spitalfields e Brick Lane.

La South Bank è il lato sud del fiume tra la Torre e i ponti di Westminster. Se hai tempo solo per una fetta di giro turistico di Londra, fallo. Qui nel microcosmo hai il meglio di Londra: cibo fantastico (Borough Market), arte (Tate Modern), teatro (Shakespeare’s Globe and the National), musica (Royal Festival Hall) e architettura (Tower Bridge e London Eye).

Kensington, Chelsea e Knightsbridge sono le parti più tradizionali e meno mutevoli della città. In gran parte residenziali, le piazze tranquille e le case a schiera immacolate sono tasche civili e signorili interrotte dalle eleganti vie dello shopping di Knightsbridge e Kings Road e dal miglio dei musei di Brompton e Exhibition Roads.

Londra non è una città omogenea. È piuttosto un mosaico caotico di villaggi sovrapposti che hanno tutti caratteri distintamente diversi – il boho Notting Hill, il vivace Camden, la facile Islington, il grintoso East End, l’intellettuale Hampstead, la scientifica Greenwich e la verde Richmond – tutti meritano una visita.

Le principali attrazioni di Londra

A colpo d’occhio, tutto ciò che non vorrai perderti, da icone di lunga data come il Tower Bridge e il Big Ben a nuovi interessanti monumenti come la Tate Modern e il London Eye.

Guida turistica Londra

1. Big Ben e le Houses of Parliament

La torre dell’orologio di questo edificio in stile gotico fiammeggiante è un simbolo di Londra. Durante la pausa estiva di agosto e settembre è possibile organizzare visite guidate alle Houses of Parliament.

2. Buckingham Palace

Il momento migliore per vedere il palazzo è durante il cambio della guardia. Se vuoi vedere l’interno, devi programmare la tua visita in modo che coincida con il viaggio annuale della Regina a Balmoral (fine luglio-settembre), quando alcune delle Sale di rappresentanza del palazzo sono aperte per visite guidate.

3. Il London Eye

Per i migliori panorami di Londra, fai un giro sul London Eye a South Bank. La maestosa ruota impiega 30 minuti per girare, lasciando tutto il tempo per scegliere le attrazioni di Londra. In una bella giornata sarai in grado di vedere per 40 km.

4. Trafalgar Square

La piazza più amata di Londra ha fontane da tiro e la Colonna di Nelson ed è dominata dalla National Gallery.

5. Piccadilly Circus

A presiedere questa porta per il West End e la zona dei teatri c’è la famosa statua di Eros.

6. Tate Modern

Per l’arte moderna in un ambiente ispirato, visita questa centrale elettrica trasformata in galleria d’arte sulla South Bank.

7. Cattedrale di St Paul

Costruito dopo il Grande Incendio di Londra del 1666, St Paul’s è l’opera più importante di Christopher Wren.

8. Il British Museum

Questo immenso museo contiene alcuni dei tesori più importanti del mondo dell’antichità.

9. Tower Bridge

Il famoso ponte mobile è un trionfo dell’ingegneria vittoriana.

10. Torre di Londra

Fondata da Guglielmo il Conquistatore, la Torre ha una storia lunga e sanguinosa.

Le migliori zone di Londra

Forse non sorprende per una città tentacolare come questa, Londra può sembrare un insieme di villaggi, o piuttosto un conglomerato di distretti e borghi che hanno identità e storie distinte. Questi vanno dall’elegante e centrale ( Kensington ), al quartiere povero della città (Tower Hamlets), a quelli più suburbani come Wimbledon e Dulwich.

Ciò è dovuto in parte alla vasta diffusione della città; mentre si allontanava dal suo cuore storico, inghiottì le città e i villaggi che si trovavano nel suo entroterra. È anche espresso dal detto che “nessuno è provinciale come un londinese”. A parte la divisione nord-sud (del fiume Tamigi) che ha causato rivalità per tutto il tempo in cui la città esiste, è probabile che ogni abitante sia fieramente orgoglioso del proprio distretto immediato, che sia Chelsea, Brixton, Hackney o Hampstead. Un’ulteriore divisione corre da est a ovest, con le aree più ricche che si trovano a ovest, tradizionalmente per resistere alle industrie inquinanti dell’East End.

Aree di Londra

Westminster e St James’s

Il cuore politico della città si trova tra il parlamento (la sede del governo) e Buckingham Palace (la residenza londinese della regina, il capo dello stato). In mezzo ci sono i ministeri del governo, disposti lungo Whitehall e St James’s Park. Di fronte al Palazzo di Westminster, come sono più propriamente chiamate le Houses of Parliament, si trova l’Abbazia di Westminster, ultima dimora dei “grandi e buoni”. La zona non è neanche priva di cultura; la Grand National Gallery e la Tate Britain si trovano nelle vicinanze.

Soho e Covent Garden

Questi quartieri adiacenti, separati da Charing Cross Road, sono una calamita per i visitatori più giovani e alla moda della capitale. Nessuna delle due aree ha “attrazioni” in quanto tali, ma entrambe hanno una vivace cultura di strada e vita notturna, con un mix di negozi, ristoranti, teatri e bar. Soho è il centro della fiorente scena gay e lesbica di Londra, così come delle sue industrie del sesso e del cinema, mentre Covent Garden, in precedenza il mercato di frutta e verdura di Londra, si è reincarnato come una mecca dello shopping e rimane il cuore di “Theatreland”.

Oxford Street, Mayfair e Marylebone

Lo adori o lo detesti, Oxford Street è il centro della scena dello shopping di Londra e una delle principali attrazioni per i suoi templi al dettaglio. Divide anche le due zone ricche di Mayfair e Marylebone. La prima prende il nome da una fiera che un tempo si teneva qui, ma oggi è un rarefatto bastione dell’esclusivo, le sue strade e piazze georgiane piene di negozi, gallerie e attività commerciali di alto livello. Marylebone è anche intelligente ma con un’aria più rilassata e addomesticata, fino al normale mercato contadino che si tiene nel cuore del suo villaggio.

Kensington e Chelsea

Kensington e Chelsea contengono molte sfumature di lusso. Serious South Kensington è la sede di tre musei leggendari e della Royal Albert Hall, mentre il quartiere dello shopping di Knightsbridge è ricco di ricchezza. A nord si trovano le grandi distese di Hyde Park e Kensington Gardens. L’attraente Chelsea è più residenziale, ma offre anche molte opportunità per flettere la carta di credito, il suo aspetto bohémien ora per lo più consegnato alla storia, anche se rimangono alcuni promemoria insoliti.

Bloomsbury e Holborn

Bloomsbury è delimitata a nord dalla stazione ferroviaria di Euston, St Pancras e King’s Cross, ma questo non è un tipico entroterra delle stazioni. È l’area intellettuale di Londra, sede dei letterati di Bloomsbury degli anni ’30, e ha un sapore spiccatamente culturale e accademico, essendo il sito del British Museum e dell’Università di Londra. Holborn è professionale, la “Londra legale”, che comprende le Inns of Court e la Central Criminal Court, sebbene le strade evocino ancora i fantasmi di Charles Dickens e del dottor Samuel Johnson.

South Bank e Bankside

Il primo ponte sul Tamigi fu costruito dai romani vicino al London Bridge e ai tempi di Shakespeare, l’area di Bankside era il luogo in cui si esibivano opere teatrali senza licenza. Ha mantenuto la sua reputazione di area di vizi e piaceri fino al XIX secolo, ma negli ultimi anni la rigenerazione su larga scala di successo ha sfruttato al massimo il carattere dell’area rendendo la South Bank il parco giochi culturale di Londra, con le principali attrazioni che si estendono su tutte lungo il fiume.

North London

Per secoli, i londinesi del nord hanno preferito consegnare il lato marino della vita a sud del fiume e oggi c’è ancora un leggero senso di superiorità che emana da queste parti. Le graziose ambientazioni collinari di Hampstead e Highgate hanno qualche giustificazione per questo, tuttavia, essendo stati a lungo luoghi popolari in cui vivere e vantando un alto numero di famosi ex residenti, così come un sacco di verde e strade attraenti che conservano il senso dei villaggi una volta lo erano. Più vicino al centro di Londra, Islington è una zona vivace popolare per la sua gamma di opportunità culturali, gastronomiche e di shopping, mentre Camden rimane un centro tipicamente alternativo per i giovani e alla moda.

East London

A lungo associato a povertà, sovraffollamento e sporcizia, East London è stata sotto i riflettori come sede dei Giochi Olimpici del 2012, tenutisi a Stratford. L’East End, sinonimo di cockney, ha anche una storia per essere il primo punto di sosta per gli immigrati e quindi di essere profondamente multiculturale. Orgogliosa del suo patrimonio, l’area conserva un carattere distinto, dove la povertà del centro città, la gentrificazione alla moda, la genuina diversità culturale e artisti sia di tendenza che impoveriti si scontrano. Nei Docklands, sul sito degli ex moli, un tempo così importanti per il commercio britannico, sono stati costruiti grattacieli e affascinanti complessi lungo il fiume.

South London

Le zone residenziali del sud di Londra offrono parchi, gallerie e cultura dei caffè; luoghi che meritano una visita includono le aree molto diverse di Brixton, Clapham, Blackheath e Dulwich, ognuna con le proprie attrazioni distintive. Di ritorno dal fiume, il patrimonio navale e militare di Greenwich e Woolwich è stato preservato e registrato con mostre interattive nei musei. In contrasto con i reperti storici di questa zona, gli ex magazzini che si estendono lungo il fiume si stanno rapidamente trasformando in eleganti complessi di appartamenti; una gita in barca lungo il Tamigi rivela l’entità di questa riqualificazione, sebbene le strade lontane dal fiume rimangano più povere e degradate.

West London

La zona ovest di Londra comprende alcuni degli immobili più attraenti e desiderabili di Londra, in particolare le ville in stucco georgiane nella iper-gentrificata Notting Hill, dove il mercato di Portobello rimane una grande attrazione. Più a sud-ovest, c’è molto da attrarre sia i residenti che i visitatori; i classici giorni fuori includono gite nella splendida vegetazione di Kew Gardens, Barnes Wetland Centre, Richmond Park e Wimbledon Common, e visite a Hampton Court Palace o alle numerose grandi case intorno a Chiswick e Richmond. Queste zone sono nate come ritiri rurali e qualcosa di quell’atmosfera aleggia da queste parti, la Londra più vicina alla campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *