sciare ad Aprica

Quando pensi di sciare in Italia, potresti pensare prima a Bardonecchia, poi Antagnod e per finire Andalo. Oggi presi dalla curiosità parleremo di dove sciare ad Aprica (e cosa fare e vedere)? Aprica è una località di villeggiatura piuttosto grande e consolidata, situata su un enorme altopiano della Valtellina, tra le province di Sondrio e Brescia. La campagna circostante è un parco nazionale protetto dalla legge e le case dei villaggi sono decorate con pittoreschi murales che raffigurano la natura e le tradizioni locali. L’area sciistica di medie dimensioni sul versante sud orobico della valle, con piste esposte a nord-est, è adatta a principianti e intermedi che hanno a disposizione un’area di 1,5 km di larghezza sul lato del paese servita da una selezione di impianti di risalita paralleli in superficie. Tuttavia, le piste salgono fino a 2270 m, oltre 1000 m sopra il fondovalle, dando accesso a un terreno superiore per sciatori e snowboarder più esperti. La locale Riserva Naturale di Pian di Gembro offre splendidi panorami e scenari accessibili con gli sci da fondo e le racchette da neve. Ecco quindi i posti più belli per sciare ad Aprica, in ordine sparso e cosa fare e vedere.

Leggi anche: I migliori posti per sciare in Italia

I migliori posti per sciare ad Aprica

Eccellenti piste da sci per i principianti, che hanno a disposizione un’area di 1,5 km sul lato del villaggio servita da una buona gamma di impianti di risalita. Al cuore dell’area sciistica di Aprica si accede con la telecabina o la seggiovia che dal centro del paese sale fino a Malga Palaboine. Da qui una serie di piste facili e intermedie scendono attraverso gli alberi fino al paese. In alternativa, una serie di seggiovie e seggiovie di superficie portano gli sciatori in cima agli impianti di risalita a Dosso Paso, per accedere a campi di neve aperti e più ripidi al di sopra della linea degli alberi. Le piste che scendono sono classificate rosse e nere, compresa la pista nera Benedetti, lunga 2,3 km, che scende per un intero chilometro verticale fino al villaggio. L’altra via d’accesso principale all’area sciistica è la cabinovia Magnolta, che parte dal lato occidentale del paese.

Da qui si accede alle blu e alle rosse servite da una seggiovia e da due skilift in cima, ma l’unica via di discesa, oltre alla telecabina, è l’altra nera del comprensorio, la Inferiore, lunga due chilometri. Una nuova pista, la Superpanoramica, è popolare tra gli sciatori alle prime armi e scende per oltre sei chilometri da 2000 m fino al paese. Circa l’80% delle piste è innevato. L’area sciistica Baradello 2000 è stata migliorata per la stagione 2005 con una nuova seggiovia e l’aggiunta di cinque nuove piste di tutte le categorie. Quest’area, insieme al Palabione e alla Magnolta, sono tutte collegate. Si può anche scegliere di fare un’escursione giornaliera in località più grandi della zona, come Bormio, Livigno e St Moritz. Lo sci di fondo è molto diffuso in Valtellina, con lunghi percorsi attraverso il parco nazionale e circuiti in quota nella zona.

Cosa fare e vedere ad Aprica

Oggi Aprica offre una vasta gamma di attività disponibili tutto l’anno e si è costruita una solida reputazione come base per escursioni a piedi, con gli sci, a cavallo o in motoslitta, di giorno o di notte, con molte cose da fare anche nella località stessa, dove c’è una buona scelta di bar, ristoranti e una vivace scena organizzata di après ski. Questo elenco di cosa vedere ad Aprica vi aiuterà a organizzare il vostro itinerario in questo splendido comprensorio sciistico ricco di piste da sci e paesaggi mozzafiato. Ad Aprica ci sono poche strutture speciali per le famiglie. La scuola di sci accetta i bambini dai cinque anni in su, ma non possono essere inseriti in classi speciali per bambini. La località offre comunque buone strutture per le famiglie, con un’area sciistica accogliente, strutture fuori pista, tra cui la piscina pubblica, e un’ottima ristorazione a base di pizza e pasta, i piatti preferiti dalle famiglie di tutto il mondo!

In città ci sono 20 pizzerie e ristoranti, la maggior parte dei quali serve una selezione di prodotti italiani di base – pasta, pizza e spaghetti a prezzi ragionevoli. Provate i “pizzaoccheri” locali, che combinano cavoli, patate e pasta. Da non perdere anche i piatti a base di farina nera di grano saraceno. Attenzione però a non mangiare troppo, perché un proverbio locale prevede che quando il vino locale e il grano saraceno finiranno “l’e scia la fin del M Unt”. Altri prodotti sono la bresaola, un salume tipico, e i formaggi locali. L’apres ski è incentrato su una serie di bar dell’hotel e si può provare a pattinare sul ghiaccio, andare al cinema o alla piscina coperta. Assicuratevi di assaggiare il vino valtellinese locale nei bar del centro.

Leggi anche: I migliori posti per sciare in Austria

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento