Il Colosso di Rodi, un’enorme statua alta 33 metri

Colosso di Rodi

Il Colosso di Rodi, un’enorme statua alta 33 metri

Il Colosso di Rodi era un’enorme statua alta 33 metri, situata nel porto di Rodi, che rendeva omaggio a Helios, il dio del sole greco. Il colosso fu costruito intorno al 280 a.C., quando Rodi era uno dei porti commerciali più importanti del Mediterraneo. La statua è attribuita allo scultore Cares di Lindos, che ne curò la progettazione e la costruzione utilizzando principalmente il bronzo. Purtroppo, la statua non durò a lungo: un terremoto nel 226 a.C. la fece crollare. I suoi pezzi di bronzo rimasero affondati nella baia di Rodi per mille anni, finché non fu possibile recuperarli. Il Colosso di Rodi faceva parte del manoscritto delle 7 meraviglie del mondo antico, di cui solo una è rimasta in piedi (la piramide di Cheope).


Leggi anche: I 10 musei più importanti di Venezia

Caratteristiche del Colosso di Rodi

  • Tipo di monumento: Statua gigante
  • Interesse: Religioso
  • Inaugurazione: 280 A.C.
  • Autore: Cure di Lindos
  • Posizione: Città-stato di Rodi (Grecia attuale)
  • Altezza: 33 metri

Dove si trovava il Colosso di Rodi?

Come suggerisce il nome, si trovava nel porto dell’isola di Rodi, la più grande delle isole greche del Dodecaneso, nel Mediterraneo orientale.
La città di Rodi aveva cinque porti e si trovava in una posizione strategica su quest’isola centrale che facilitava il commercio in tutto il Mediterraneo, soprattutto con lo sviluppo delle civiltà orientali. La posizione esatta del Colosso di Rodi è sconosciuta, ma gli storici ritengono che molto probabilmente si trovasse nel porto principale della città. Vicino al porto sono stati trovati dei blocchi di pietra che si pensa siano la base della statua.

Che aspetto aveva la statua del Colosso di Rodi?

Molti disegni medievali raffigurano la statua con un piede su ciascun lato del porto, in modo tale che le navi passassero sotto di essa per entrare. Gli studi smentiscono questa ipotesi perché la statua avrebbe dovuto essere molto più grande: 33 metri non sono sufficienti per far passare una nave sotto di essa.

Leggi anche: I 10 musei più importanti di Napoli

Storia del Colosso di Rodi

Rodi era un centro commerciale al centro del Mediterraneo durante il periodo ellenistico, dopo Alessandro Magno. La ricchezza dell’isola e la sua posizione strategica lungo le rotte commerciali non passarono inosservate ai governanti stranieri e ben presto furono invidiate e ambite. La città fu assediata nel 305 a.C. da Demetrio, inviato dal padre Antigono, re di Macedonia. Rodi affrontò questa minaccia alleandosi con Tolomeo, nemico di Antigono, per difendersi dalla sua potenza militare navale. Dopo un anno di assedio costante, gli abitanti di Rodi resistettero grazie a un’eccellente infrastruttura difensiva basata su fortificazioni. Alla fine i Macedoni abbandonarono il tentativo di conquistare la ricca isola.

I macedoni lasciarono a Rodi grandi quantità di materiale bellico quando disertarono, tra cui una torre d’assedio di 37 metri. I governanti di Rodi, con un insaziabile spirito commerciale, vendettero il manufatto in una delle loro operazioni commerciali. La città era già ricca e decise di investire il denaro in una gigantesca statua in onore del dio patrono Helios. In questo modo, il Colosso di Rodi ebbe le risorse finanziarie per diventare uno dei progetti architettonici più spettacolari e ambiziosi dell’epoca.

Chi era il dio Helios?

Helios era il dio del sole nell’antica Grecia, discendente dei titani Iperione e Teia. Nell’antica Grecia, gli dei non erano venerati in modo uniforme in tutte le regioni, ma a Rodi era venerato con devozione. Helios era il patrono dell’isola e aveva molti tributi, come la festa di Halieia o i giochi olimpici in suo onore. Il nome Rodi deriva dal nome Rhodos, la donna che partorì sette figli al dio Sole. In seguito Helios divenne strettamente legato al concetto del dio Apollo.

Leggi anche: 12 migliori musei di Amsterdam

Chi ha costruito il Colosso di Rodi?

La persona scelta per progettare, pianificare, scolpire e supervisionare i lavori del Colosso fu lo scultore locale Cares di Lindos. Ha impiegato 12 anni per scolpire la statua colossale, che misura 33 metri. I dettagli della costruzione sono sconosciuti, ma si ipotizza che l’interno fosse fatto di pietra per renderlo stabile e la struttura di ferro ricoperta di pezzi di bronzo. L’immagine del Colosso interferisce con la consueta rappresentazione popolare di Helios. Normalmente Helios era raffigurato mentre trainava un carro del sole, ma i ricercatori sospettano che il Colosso avesse un aspetto molto più “terreno”, sotto forma di un grande soldato che sorvegliava l’ingresso del porto. Si dice spesso che la statua avesse una torcia in una mano, ma potrebbe trattarsi di una confusione, poiché questa descrizione appare metaforicamente in una poesia incisa sulla statua.


Iscrizione sulla statua di Rodi

Per te, Helios, sì, il popolo di Rodi innalzò questo colosso al cielo dopo aver placato l’onda bronzea della guerra, e incoronò il proprio paese con il bottino conquistato al nemico. Non solo sul mare, ma anche sulla terraferma, hanno creato la luce splendente della libertà senza limiti.

Lascia un commento