cibo da strada di Palermo

Il cibo di strada italiano è una parte essenziale della cultura di questo paese, e questo è certamente il caso della città più grande della Sicilia, Palermo. I venditori di cibo da strada Palermo sono presenti nelle strade, nei vicoli e nelle piazze dei numerosi quartieri della città. Ci sono alcune prelibatezze locali servite tramite carretti e bancarelle di gastronomia che incarnano la cultura alimentare palermitana. Pensate agli arancini croccanti, alle panelle & crocche (crocchette di patate fritte) e al famigerato panino con la milza pani ca’ meusa. Tutti questi sostanziosi manicaretti vengono serviti in tutta Palermo e sono tutti deliziosi. Per un dolce pomeriggio, non dimenticate i cannoli, o un gelato serale dopo cena. Assaggiare l’incredibile street food palermitano richiederà tutte le mani che avete a disposizione.

Leggi anche: Cosa mangiare in Sicilia

Il miglior cibo da strada Palermo

1. Pani ca’ meusa. Se digitate cibo da strada palermo su google immagini vedrete decine di fotografie di questo brutto tipo! Sembra un inferno, ha un sapore paradisiaco! Una pentola di ferro larga 31 pollici, chiamata “tiano”, è il luogo in cui il miracolo prende forma. Il fuoco lo riscalda sostenuto dalle pance borbottanti dei siciliani affamati. L’uomo, o meusaro, danza intorno alla pentola mescolando la carne che sta friggendo delicatamente nello strutto (sugna o saimi). Allora… cosa vende il meusaro? Il meusaro vende il pani ca’ meusa. Un panino rotondo e croccante, chiamato vastedda, farcito con polmoni, milza e carcasse di vitello. Prima di finire nel lardo per friggere, la carne viene bollita in acqua salata e asciugata. Un succoso lemone spremuto sulla parte superiore è il tocco finale e gustoso. Questo è ciò che i palermitani chiamano pani ca’ meusa schietto. Schietto sta per single. E se il pani ca’ meusa si sposa? Lo fa e si chiama pani ca’ meusa maritatu. La sua bella moglie è una cucchiaiata di ricotta fresca di pecora! super gnammer! Se chiedeste a un abitante del posto “qual è il tuo cibo di strada preferito a Palermo?”, scommetto che 1 su 2 risponderebbe “pani ca meusa!”.

2. Stighiola. Vero cibo da strada Palermo per veri amanti del cibo di strada. Il cibo di strada di Palermo è molto più vario di quanto i turisti pensino. Il punto è che alcune specialità di strada compaiono solo di notte. I gufi affamati siciliani lo sanno e non vedono l’ora di metterci sopra gli artigli! Ciò che rende speciale la stigghiola è che il suo profumo è buono quanto il suo sapore! La sacca elastica di intestino di vitello viene arrotolata intorno a una parte grassa dello stomaco. Si cuoce sul barbecue per circa 10 minuti, non meno. È gustoso, succoso ma devo dire… anche un po’ gommoso! Infatti, la stigghiola appartiene a quella categoria di alimenti che io chiamo “cibi a masticazione breve”. Deve essere masticata quel tanto che basta per essere deglutita. Più la si tiene in bocca e più i sapori di fondo si fanno sentire e la rendono meno gradevole! Lo street food palermitano è anche questo! Il nome stigghiola deriva dal latino “extiliola” che significa intestino basso dello stomaco. Sì, amici miei, sono migliaia di anni che mangiamo questa roba! Il venditore di stigghiola si chiama “Stigghiolaro”. Vedete come è facile la lingua siciliana? Aggiungete il prefisso -aro a un cibo e avrete il suo venditore! Una curiosità. Gli Stigghiolari strofinano il grasso di vitello sul barbecue per far sì che il fuoco gonfi verso il cielo una celestiale nuvola bianca e odorosa. Funziona.

Leggi anche: Cosa mangiare a Catania, cinque specialità catanesi

3. L’arancina è sicuramente lo street food siciliano più popolare, conosciuto e cucinato in tutto il mondo! Lo troverete ovunque, ma questo ovunque serve più spesso arancine scadenti. Andiamo per gradi! Prima di tutto, che cos’è? Cerchiamo di essere semplici. L’arancina è una polpetta di riso fritta con una croccante crosta di pane. Cosa c’è dentro? Mille anni di evoluzione alimentare siciliana! Carne di vitello tritata, piselli, carota e cipolla… orgasmo puro! Il riso all’interno dovrebbe avere il colore giallo brillante del safron. È così che dovrebbe essere un’arancina come si deve.Tuttavia, la maggior parte dei cuochi aggiunge anche la salsa di pomodoro, che naturalmente è buona anche se non è tradizionale! Dove trovare delle buone arancine? Cercate di evitare i bar popolari o peggio ancora le “arancinerie”. Se vedete decine di arancine allineate sul bancone significa che sono state fritte e tenute sotto il vapore per troppo tempo. Il risultato è che l’arancina sarà molliccia e non croccante come deve essere. Quindi evitate questi posti! Le arancine vanno mangiate nella cosiddetta friggitoria, che normalmente traduco in inglese come fryery negozi di cibo umili a conduzione familiare arredati con un frigorifero, una padella e una mamma. La friggitoria è la corte dello street food palermitano, dove bambini, famiglie e anziani si incontrano per condividere una birra fresca e un po’ di roba fritta.

4. Pannello. Che delizia! Le Panelle fanno felici tutti, golosi e appassionati vegetariani. Frittelle sottili di ceci, facilissime! Facili da cucinare, facili da trovare, facili da mangiare, facili da pronunciare. Le Panelle sono probabilmente lo street food più presente a Palermo. Tradizionalmente cucinate e servite per strada dal panellaro. Le panelle sfamano generazioni di palermitani, dagli studenti in pausa mattutina agli operai edili in pausa pranzo. Trovate il panino con pane e panelle venduto in tuk-tuk sulla spiaggia di Mondello ma anche in ristoranti di lusso, servito come raffinato antipasto arricchito da semi di finocchio selvatico. Un piatto che non può mancare nella vostra lista di street food palermitano. Chiaro?

5. Cazzilli. Vi spiego il significato di cazzilli: cazzilli significa “piccolo pene”! Dovreste vedere la faccia dei nostri buongustai quando le guide gastronomiche lo rivelano! Stiamo parlando di crocchette di patate a forma di pene. Niente di speciale direte voi… in effetti non è niente di mitologico. Tuttavia, la menta fresca mescolata al purè di patate le rende un po’ speciali! Lo street food palermitano è in genere semplicemente cucinato… beh… fritto! Il principio di base dello street food è: cibo semplice ed economico per gente semplice. I cazzilli fanno l’amore nel pane con le panelle. Entrate in una friggitoria e ordinate un “panino misto”. Otterrete un panino morbido condito con semi di sesamo e farcito con strati di frittelle di ceci e crocchette di patate. Se volete fare i veri palermitani… spremete una fetta di limone sulle frittelle e fate un bel viaggio in paradiso! Aspettate un attimo… probabilmente vi sentirete spaesati quando cercherete i cazzilli perché la maggior parte dei palermitani li chiama “crocchè”. Sai… suona più francese ed elegante ma il vero nome della strada sarà sempre… cazzilli! mangiateli e fate l’hashtag #streetfoodpalermo

Leggi anche: Le 15 spiagge più belle della Sicilia

6. Sfincione. Ci sono molte curiosità dietro l’esistenza di questa orgasmica specialità di street food palermitano. Cominciamo dal nome. Sfincione, dall’arabo “Isfinj”, spugna! È interessante sapere che i veri palermitani di strada lo chiamano “spinciuni”, che suona più come il termine latino “spongiam”. Se siete dei linguisti, sentitevi liberi di fare l’amore con questo interessante caso. Oppure fate semplicemente come gli americani della costa orientale: chiamatela pizza siciliana! Ma questa volta sono qui per elencare e descrivere i cibi. Dunque, lo sfincione è una pizza spugnosa condita con una deliziosa salsa di pomodoro e cipolla. Viene precotto al forno centrale di Ragusa, situato proprio dietro la Cattedrale, e infine lavorato nel banco a ruote dello Sfincionaro (ricordate la lezione? sfincione + aro fa il nome del venditore!). Lo sfincionaro abbrustolisce la pizza di spuntatura morbida nella sua griglia a gas mobile e infine genera una pioggia di origano sulla sua sommità. Il risultato è una pizza dalla consistenza morbida, con un delicato sapore di pomodoro e un profumato retrogusto di cipolla. Purtroppo molti turisti si perdono questo street food palermitano perché a prima vista non sembra invitante. Il punto è che deve essere prima abbrustolito e poi avrà un aspetto fantastico e un sapore ancora migliore! Lo sfincione è un altro grande pezzo di street food tradizionale di Palermo. Cosa mangiare a Palermo? Andate a colpo sicuro!

7. Mangia e bevi. Una vera e propria lista di street food palermitano deve includere il delizioso mangia e bevi. Questa specialità di street food siciliano è diventata molto popolare tra gli inglesi da quando l’ho offerta a Rick Stein a Palermo durante il suo programma Long Weekends. Il mangia e bevi è il piatto ideale per gli amanti della carne. Pancetta arrotolata intorno a cipollotti e cotta per circa 5 minuti su un barbecue di strada. È un boccone incluso nei nostri tour notturni di Palermo. La combinazione di carne grassa e cipollotti appetitosi fa venire voglia di mangiarne ancora e di berlo con la birra! Ecco perché questo cibo si chiama mangia e bevi, cioè mangia e bevi! Per favore, fermate il venditore prima che serva il mangia e bevi con forchette di plastica! Usate le vostre belle mani e leccatevi le dita! Il venditore di mangia e bevi è in realtà lo stigghiolaro, colui che fa la stigghiola come core business! Seguite la nuvola bianca!

Leggi anche: Le più belle spiagge di Palermo

8. Crostino. Un’autentica prelibatezza #foodporn! Due fette di pane ripiene di besciamella, prosciutto e mozzarella, immerse nella pastella e fritte in olio di semi di girasole senza pietà! È gustoso, croccante, unto… è tutto ciò che un appassionato foodie come voi deve mangiare prima di lasciare questa terra. Non è facile trovarne uno di buona qualità in giro. Unitevi al nostro tour notturno di street food a Palermo e scoprite dove viene prodotto il migliore! Il crostino dovrebbe appartenere a un’altra categoria di cibo palermitano, la cosiddetta rosticceria. Tuttavia, alcune friggitorie lo friggono insieme a panelle e cazzilli. Il cibo di strada a Palermo è molto vario e sorprendente, a volte troppo pesante per uno stomaco delicato e un palato fine. Per quanto mi riguarda, più pesante è, meglio è. Il crostino è un cibo da provare assolutamente a Palermo. Cercatelo, trovatelo, divoratelo.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento