Delfi

Situato tra due enormi rocce del monte Parnaso, il santuario panellenico di Delfi era dedicato ad Apollo, dio della luce, della conoscenza e dell’armonia. Testimonianze dell’importanza del sito risalgono al periodo miceneo (1600-1100 aC). Tuttavia, lo sviluppo del santuario e dell’oracolo iniziò durante l’VIII secolo e nel VI secolo la loro influenza politica e religiosa crebbe in modo significativo su tutta la Grecia.

Il luogo era considerato dai Greci l’ombelico della terra: secondo il mito, Zeus liberò due aquile dai confini del mondo per trovarne il centro, e gli uccelli sacri si incontrarono a Delfi. Oggi il sito è uno dei più importanti siti archeologici del paese, attirando ogni anno un elevato numero di visitatori.

Leggi anche: Una guida all’isola di Delos, in Grecia

Guida di Delfi, Grecia

Mitologia di Delfi

Molto prima che Delfi fosse proclamata l’ombelico della terra e, secondo il mito popolare, un giorno Apollo lasciò il Monte Olimpo per distruggere Python, un mostruoso serpente che custodiva il santuario della dea Terra.

Questo mito può essere simbolicamente inteso come l’eliminazione di tutti gli istinti antichi e primitivi alla luce della coscienza e della ragione umana. In seguito all’omicidio, Apollo si esiliò affinché potesse essere purificato, per poi tornare a Delfi travestito da delfino, alla guida di una nave piena di marinai cretesi.

In seguito quei marinai costruirono un tempio in onore di Apollo, diventando suoi sacerdoti. Apollo ha così dichiarato il protettore del sito, mentre Zeus lanciò una massiccia pietra proprio nel punto in cui fu ucciso Pitone.

Storia di Delfi

L’influenza che il santuario di Delfi ebbe nel mondo antico fu immensa. La prova di ciò sono le varie offerte di re, dinasti, città-stato e importanti personaggi storici che hanno offerto preziosi doni al santuario, con la speranza che questi ottenessero il favore del dio.

L’influenza del santuario arrivò fino alla Battriana, in seguito alle conquiste di Alessandro in Asia. Il saccheggio di Delfi da parte dell’imperatore romano Nerone e di Costantino e il trasporto di spoglie da essa a Roma e Costantinopoli ne avevano ulteriormente esteso l’influenza artistica.

Prima di prendere qualsiasi decisione politica importante, i Greci chiedevano la consultazione dell’Oracolo, mentre era consuetudine che nessuna colonia fosse fondata intorno al Mediterraneo senza il consenso del santuario.

Per oltre un millennio Delfi è stata indissolubilmente legata al destino di tutta la Grecia fino a quando l’ascesa del cristianesimo ha messo a tacere per sempre la Pizia. Nel 394 d.C., l’imperatore Teodosio I bandì ogni culto e santuario pagano nell’impero.

Archeologia di Delfi

Il sito fu brevemente scavato per la prima volta nel 1880 da Bernard Haussoullier per conto della Scuola francese di Atene. La maggior parte delle rovine che sopravvivono oggi risalgono al periodo più intenso di attività nel sito nel VI secolo a.C.

Tra questi c’è il tempio di Apollo, il teatro, lo stadio, il santuario di Atena Pronaia con la tholos, la sorgente di Kastalia e diversi tesori. Il museo archeologico in loco contiene anche numerosi importanti reperti greci provenienti dagli scavi nella zona.

Prima di entrare a Delfi, bisognava lavarsi nelle acque della sorgente sacra di Castalia, per purificarsi prima di cercare l’oracolo. Avvicinandosi al santuario, si può vedere il temenos di Atena Pronaia, che letteralmente significa Atena davanti al tempio di Apollo.

Leggi anche: Tempio di Atena Nike: dedicato alla dea della vittoria

All’interno dei confini di questo santuario si trova la famosa tholos di Delfi, capolavoro dell’antica architettura greca del IV secolo aC. Questo tipo di strutture circolari si vedono anche ad Olimpia ed Epidauro, e di solito erano dedicate al culto di eroi o divinità ctonie.

Salendo la collina, la Via Sacra conduceva al monumentale tempio di Apollo, la costruzione più importante della zona. Questo era un tempio dorico, completato nel 330 aC, durante il regno di Alessandro Magno, ed era l’ultimo di una successione di sei templi costruiti sul sito in onore di Apollo.

All’interno dell’adyton del tempio, una stanza chiusa separata sul retro, Pizia, l’oracolo sacerdotessa di Apollo, sedeva su un treppiede. Per prepararsi alla comunione con il dio, prima fece un bagno, masticò delle foglie di alloro e inalò il fumo che probabilmente era prodotto bruciando alcune potenti piante allucinogene insieme al metano.

Fu quindi in grado di pronunciare le sue profezie mentre era in stato di trance, mentre i sacerdoti cercavano di interpretare i suoi dubbi messaggi. Questi messaggi venivano consegnati solo durante l’estate, la primavera e l’autunno, poiché si credeva che durante l’inverno Apollo emigrò nel Nord Europa, dove trascorse del tempo con la leggendaria tribù degli Iperborei.

Attorno al tempio principale furono eretti diversi tesori, edifici che ospitavano gli ex voto di ogni città-stato al santuario. I tesori dei Sifni e degli Ateniesi erano i più importanti.

Il tesoro sifno era anche la struttura più antica della Grecia continentale interamente costruita in marmo, e aveva un portico sostenuto non da colonne ma da statue di Korai, come l’Eretteo dell’Acropoli ateniese. Gli Ateniesi costruirono il proprio tesoro dopo la vittoria a Maratona nel 490 a.C. contro le forze invasori persiane.

Sulla parte alta del colle fu eretto nel 400 aC il teatro di Delfi. La sua capienza è stimata in 5000 spettatori e conserva tutte le caratteristiche architettoniche tipiche dei teatri della Tardo Classica Greca, mentre al suo interno si svolgevano anche le gare musicali e drammatiche dei Giochi Pitici.

Sopra il teatro, un sentiero conduce allo stadio, dove si svolgevano le gare atletiche dei Giochi Pitici. Lo stadio acquisì la sua forma definitiva durante il V secolo aC e poteva contenere 7000 spettatori.

Infine, il museo di Delfi conserva ed espone sculture, statue e altri importanti manufatti, come l’Auriga di Delfi, una delle più belle statue in bronzo mai realizzate in Grecia.

Leggi anche: Il sito archeologico di Akrotiri

Come raggiungere il sito archeologico di Delfi da Atene

Puoi facilmente raggiungere Delfi da Atene in auto, autobus (ktel) o con una visita guidata. Il viaggio per Delfi dura circa 2 ore e 15 minuti. Se scegli di andare a Delfi in autobus (ktel) puoi controllare gli orari qui. Il viaggio dura circa 3 ore. Infine, puoi prenotare un viaggio guidato da Atene.

Biglietti e orari di apertura del sito archeologico di Delfi

Biglietti:

Intero: 12€,  Ridotto: 6€ (include l’ingresso al sito archeologico e al museo).

Giornate ad ingresso gratuito:

6 marzo
18 aprile 
18 maggio
L’ultimo fine settimana di settembre ogni anno
28 ottobre
Ogni prima domenica dal 1 novembre al 31 marzo

Orari di apertura:

Estate: tutti i giorni: 8.00-20.00 (ultimo ingresso 19.40)

Museo: mercoledì-lunedì 8.00-20.00 (ultimo ingresso 19.40)
martedì 10.00-17.00 (ultimo ingresso 16.40)

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento