Grande Muraglia cinese

La Grande Muraglia cinese è senza dubbio uno dei più grandi progetti di costruzione mai intrapresi e portati a termine dall’umanità. Questo monumento eretto nell’antica Cina è in realtà costituito da numerose mura, alcune delle quali corrono parallele tra loro. La muraglia attraversa principalmente la Cina settentrionale e la Mongolia meridionale. Per la sua imponenza, la sua complessità e le sue incredibili dimensioni, questo incredibile monumento è stato nominato una delle 7 meraviglie del mondo moderno. La Grande Muraglia è il frutto degli sforzi di milioni di lavoratori dei vari imperi e dinastie che regnavano nell’antica Cina. Il suo sviluppo è stato costante per 3.000 anni ed è un chiaro esempio della persistenza del popolo cinese.

Caratteristiche della Grande Muraglia cinese

  • Tipo di monumento: Muro, fortificazione
  • Interesse: Culturale, militare e turistico
  • Inizio della costruzione: VII secolo a.C.
  • Costruttori: Molti stati e dinastie.
  • Posizione: Cina settentrionale
  • Visitatori annuali: 9 milioni
  • Patrimonio dell’Umanità: Dal 1987 dall’UNESCO
  • Estensione: 21 Km.

Dove si trova la Grande Muraglia cinese?

È difficile localizzare esattamente il muro sulla mappa a causa delle sue dimensioni. Si estende attraverso la Cina settentrionale da est a ovest. La mappa seguente mostra la posizione delle diverse sezioni delle mura e il periodo in cui sono state costruite.

Grande Muraglia cinese

Perché è stata costruita la Grande Muraglia cinese?

La Grande Muraglia cinese fu costruita per proteggere la Cina dai nemici e dagli invasori provenienti dal Nord, in particolare dai Mongoli. I mongoli erano un gruppo tribale che compiva regolarmente incursioni in Cina. Nonostante la muraglia, alla fine i mongoli conquistarono la Cina. La Muraglia impediva inoltre ai cittadini cinesi di lasciare la Cina. In realtà, la Cina non è l’unico Paese nella storia ad aver costruito mura lungo i propri confini. Atene, l’Impero Romano, la Danimarca e la Corea lo hanno fatto tutti in un certo periodo del passato. Il Vallo di Adriano nel nord dell’Inghilterra, costruito “per separare i Romani dai barbari”, si estendeva per 117 chilometri da Wallsend-on-Tyne a est a Bowness-on-Solway a ovest. Tutte le mura furono costruite a scopo di difesa militare e la Grande Muraglia cinese non fece eccezione.

Quanto è lunga la Grande Muraglia cinese?

La Grande Muraglia è lunga circa 21.000 chilometri. Diverse dinastie e stati indipendenti sono stati coinvolti nella costruzione della muraglia, ma la parte più lunga e meglio conservata risale alla dinastia Ming e copre circa 8.850 km. Si estende dalla provincia sudorientale di Liaoning alla provincia di Gansu. Questa magnifica opera architettonica attraversa tutti i tipi di terreno. Attraversa tutto, da creste e catene montuose, montagne e colline a lunghe pianure e praterie. Un quarto della Grande Muraglia cinese sfrutta le circostanze naturali per bloccare il passaggio, ma i restanti tre quarti sono vere e proprie costruzioni, per lo più mura, anche se in alcuni tratti ci sono fossati e cunicoli (molto sporadicamente). Anche se oggi molti chilometri di mura non esistono più o sono in rovina, la Grande Muraglia cinese rimane una delle più grandi conquiste dell’umanità. Per questo motivo è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1987.

Quando è stata costruita la Grande Muraglia cinese?

Gran parte del sistema di fortificazione risale al VII-IV secolo a.C… Nel III secolo a.C. Shihuangdi, primo imperatore della Cina unita sotto il regno della dinastia Qin, decise di riunire una serie di mura precedentemente isolate sotto un’unica fortificazione difensiva. Tradizionalmente, l’estremità orientale del muro era considerata il passo di Shanhai, nella provincia orientale di Hebei, lungo la costa del Golfo di Chihli. La lunghezza dell’area principale del Vallo era di circa 6.700 chilometri. In tempi moderni, le indagini aeree e satellitari hanno dimostrato che il Muro si estendeva ancora di più.

Quanto tempo è stato necessario per costruire la Grande Muraglia cinese?

Oltre 2.500 anni. Ci sono voluti più di 2.500 anni per terminare la costruzione della Grande Muraglia cinese. La muraglia non è stata costruita in un solo periodo di tempo, ma con lo sforzo congiunto di molti Stati e dinastie della storia.

Quanto tempo fa è stata realizzata la Grande Muraglia cinese?

2.700 anni fa. Quando fu costruita la Muraglia cinese? Già nel periodo delle Primavere e degli Autunni (770-476 a.C.), lo Stato di Chu iniziò a costruire la prima muraglia per proteggersi dagli invasori di altri Stati, circa 2.700 anni fa. In seguito si unirono allo sforzo anche gli Stati Qi, Yan, Wei, Zhao e Qin. Dopo aver sconfitto altri Stati e aver istituito la prima dinastia unificata della Cina, la dinastia Qin (221 – 207 a.C.), l’imperatore Qin Shihuang ordinò di collegare le mura separate, dando vita alla Grande Muraglia cinese continua. Era circa 2.200 anni fa. Durante le dinastie successive, la muraglia fu ampliata, riparata o modificata. La dinastia Han (202 a.C. – 220 d.C.) e la dinastia Ming (1368 – 1644 d.C.) sono due periodi in cui la Grande Muraglia fu costruita o restaurata in modo massiccio. Le sezioni più conosciute e visitate, tra cui Badaling, Mutianyu, Simatai e Jinshanling, furono costruite durante la dinastia Ming.

Come è nata la Grande Muraglia cinese?

La Grande Muraglia si è sviluppata unendo sotto un’unica fortezza le varie fortificazioni e castelli dei regni cinesi indipendenti. Per diversi secoli, questi singoli regni non si erano ancora uniti in un’unica Cina ed erano sempre in allerta per difendersi dai regni vicini e da eventuali invasioni o saccheggi da parte dei barbari. Questi edifici facilitarono la creazione della grande muraglia (relativamente parlando, la complessità era comunque enorme). Quando la Cina fu unita sotto un unico regno, il tracciato e parti della Grande Muraglia esistevano già.

Quanto tempo fa è stata realizzata la Grande Muraglia cinese? - 2.700 anni fa Quando fu costruita la Muraglia cinese? Già nel periodo delle Primavere e degli Autunni (770-476 a.C.), lo Stato di Chu iniziò a costruire la prima muraglia per proteggersi dagli invasori di altri Stati, circa 2.700 anni fa. In seguito si unirono allo sforzo anche gli Stati Qi, Yan, Wei, Zhao e Qin. Ming Great Wall Grande Muraglia di Badaling Dopo aver sconfitto altri Stati e aver istituito la prima dinastia unificata della Cina, la dinastia Qin (221 - 207 a.C.), l'imperatore Qin Shihuang ordinò di collegare le mura separate, dando vita alla Grande Muraglia cinese continua. Era circa 2.200 anni fa. Durante le dinastie successive, la muraglia fu ampliata, riparata o modificata. La dinastia Han (202 a.C. - 220 d.C.) e la dinastia Ming (1368 - 1644 d.C.) sono due periodi in cui la Grande Muraglia fu costruita o restaurata in modo massiccio. Le sezioni più conosciute e visitate, tra cui Badaling, Mutianyu, Simatai e Jinshanling, furono costruite durante la dinastia Ming.

Storia della Grande Muraglia cinese

In questo periodo, tra il VII e il II secolo a.C., la Cina non era un’unica nazione. La Cina non era un’unica nazione, ma era composta da diverse dinastie che regnavano in diversi imperi e competevano tra loro per il controllo del territorio.

1. Il regno di Chu. Intorno al VII secolo a.C., il regno di Chu iniziò a costruire una struttura difensiva progettata per essere duratura. Conosciuta come “Muraglia quadrata”, questa fortificazione si trovava a nord della capitale del regno. Tra il VI e il IV secolo a.C. altri Stati decisero di optare per misure difensive simili. Nella parte meridionale dello Stato di Qi, venne gradualmente costruita una grande muraglia, sfruttando le caratteristiche naturali del terreno per fortificarla, come fiumi e montagne.

2. Lo stato del Qi. Il muro dell’impero Qi fu costruito in gran parte con terra e pietre e terminava con il Mar Giallo. Dopo i numerosi miglioramenti apportati dall’imperatore Shang Yang tra il 400 e il 350 a.C., lo Stato di Qin divenne la più grande potenza politica e militare dei sette Stati della regione. Lo Stato fu spesso saccheggiato dalle popolazioni nomadi del nord (Loufan e Donghu), che costrinsero Qin a costruire un’altra cinta muraria nel nord del suo territorio, attraverso la catena montuosa del Liupan e fino al Fiume Giallo.

3. Lo stato di Zhongshan. Nello Stato di Zhongshan fu costruita una rete di mura per impedire l’invasione degli Stati Zhao e Qin da sud-ovest. Nello Stato di Wei esistevano due linee difensive: l’Hexi a ovest del fiume e il muro dello Henan a sud. Il muro di Hexi era una fortificazione contro lo Stato Qin e le tribù nomadi provenienti da ovest. Questo muro fu poi esteso fino a raggiungere il territorio dell’attuale Mongolia.

4. Lo Stato Zheng eresse anche delle mura difensive che furono poi ricostruite dall’impero Han perché conquistate.

5. Lo Stato Zhao completò un muro meridionale e un muro settentrionale. Le mura meridionali furono costruite soprattutto per difendersi dallo Stato Wei.

6. Lo stato di Yan. Nello Stato di Yan furono costruite due linee difensive distinte, il Muro del Nord e il Muro di Yishui. La ragione di queste mura era quella di difendere il regno dall’invasione di popoli nomadi come i Donghu, i Linhu e i Loufan. Era anche importante per difendersi dallo Stato Qi a sud. Il Vallo di Yishui iniziava a sud-ovest della città di Yi, la capitale, e terminava a sud di Wen’y. Gli Yan furono gli ultimi a costruire un muro durante il periodo in cui i clan formavano stati indipendenti che si combattevano tra loro; questo muro attraversava le montagne e il fiume Liao fino alla città di Xiangping.

Cina unificata

1. La dinastia Qin. Nel 221 a.C. Shihuangdi, il primo imperatore Qin, completò l’annessione di Qi e unificò così la Cina. A questo punto l’imperatore decise di eliminare alcune fortificazioni, che costituivano solo un impedimento in mezzo al territorio unito, ostacolando soprattutto i trasporti. D’altra parte, fu presa l’iniziativa di unire le mura di Qin, Yan e Zhao contro le incursioni dei nomadi Xiongnu, dando vita alla cosiddetta muraglia dei diecimila Li (unità di misura dell’epoca), che nel 214 a.C. equivaleva a circa 5.000 chilometri. Questo gigantesco muro perimetrale ha richiesto l’impegno di migliaia di operai e coscritti, anche dell’esercito, per dieci anni. Con la morte dell’imperatore, la dinastia Qin cadde nell’oblio e questo muro si trasformò gradualmente in rovina per mancanza di manutenzione.

2. La dinastia Han. Durante il regno dell’imperatore Han Wudi (141-87 a.C.), il muro fu rafforzato nell’ambito di una campagna generale contro gli Xiongnu. A partire da questo periodo, la Grande Muraglia subì una sorta di cambiamento di concetto, passando dall’essere esclusivamente un mezzo di controllo a un mezzo di espansione. Ha contribuito allo sfruttamento dei terreni agricoli della Cina settentrionale e occidentale e alla crescita della via commerciale nota come Via della Seta. Nel 121 a.C. iniziò il progetto ventennale del muro di Hexi o muro laterale tra Yongdeng (attuale Gansu) a est e il lago Lop Nur (attuale Xinjiang) a ovest. Secondo i documenti epistolari ritrovati, questa muraglia doveva contenere un faro ogni 2,5 km, una torre di guardia ogni 5 km, un forte ogni 15 km e un castello fortificato ogni 50 km. Un fantastico esempio della meticolosa organizzazione e pianificazione del popolo cinese di oltre duemila anni fa. La grande espansione della Grande Muraglia cinese avvenne durante il periodo Dong Han (25-220 d.C.). Sotto la corona di Liu Xiu, nel 38 d.C., quattro tratti di mura a sud del muro di Hexi furono riabilitati e ampliati per centralizzare il commercio.

3. La dinastia Wei. Durante la dinastia Wei del Nord (386 – 535 d.C.) la Grande Muraglia cinese fu ampliata e potenziata per fermare gli attacchi delle tribù settentrionali di Giovanni-Juan e Khitan. Una parte del muro fu costruita a sud (nell’attuale Hebeyui, in Mongolia) e a ovest, per circa 1.000 km. Durante il governo di Taiwudi (423-452), la grande muraglia fu integrata con un muro di terra intorno alla capitale. Una parte del muro era collegata alla parte orientale del muro circolare intorno a Datong. Quando la capitale fu spostata a Ye, parti del muro furono costruite anche in questa provincia, lo Shanxi.

4. La dinastia Qi. Per rafforzare i confini contro gli invasori provenienti da ovest, la dinastia Qi (550-577 d.C.) intraprese diverse iniziative di macro-costruzione per rafforzare il lungo muro esistente. Nel 552 d.C. la costruzione di gran parte delle mura a nord-ovest coinvolse 1,8 milioni di operai addetti alla costruzione, riparazione e manutenzione. Questa parte della muraglia è vicina alle attuali Pechino e Datong. Queste non furono le uniche opere realizzate da questa dinastia; furono realizzate molte altre opere minori. In totale, si stima che questa dinastia sia stata coinvolta nella costruzione e nella riparazione di circa 1500 km di mura cinesi, oltre che della struttura urbana necessaria alla loro manutenzione (città, cittadine e insediamenti militari). Nel 579, per prevenire le invasioni del regno Bei Zhou da parte dei Tujue (un gruppo di turchi orientali) e dei Khitan, l’imperatore Jing avviò un massiccio programma di ricostruzione delle aree delle mura situate nell’ex regno Bei Qi, a partire da Yanmen a ovest fino a Jieshi a est.

5. La dinastia Sui. Durante la dinastia Sui (581-618 d.C.) la Grande Muraglia fu riparata e migliorata sette volte nel tentativo di difendere il Paese dagli attacchi dei Turchi Tujue.

6. La dinastia Tang. La dinastia Tang (618-907 d.C.) successe ai Sui, che avevano avuto un breve dominio, per affermarsi per 300 anni. Questa prolungata stabilità politica ha permesso alla Cina di rafforzarsi militarmente. Sconfissero i Tujue ed espansero geograficamente il loro impero e la Grande Muraglia cinese perse la sua importanza strategica.

7. La dinastia Song. Durante la dinastia Song (960-1279 d.C.), i regni Liao (907-1125 d.C.) e Jin (1115-1234 d.C.) nel nord erano un pericolo costante. Il popolo cinese fu costretto a fare un passo indietro e a ritirarsi all’interno delle mura costruite in precedenza dai Qin e dagli Han. I rivali Liao e Jin riuscirono a prendere il controllo di parti del muro, costringendo i Song a ritirarsi ulteriormente. Quando i Song si spostarono a sud non fecero più in tempo a riparare le parti di muro in quell’area.

8. La dinastia Jin. Una volta consolidatisi come dinastia regnante (1115 d.C.), i Jin investirono nuovamente sforzi e risorse nel restauro della Grande Muraglia nella parte della Muraglia Wushu e del Forte Jinyuan. Questa si estendeva verso ovest da Wulanhada, attraversava i monti Hailatu e dopo diverse svolte terminava al fiume Nuanshui. La seconda linea era la nuova Muraglia Mingchang, chiamata anche Muraglia interna Jin o Fossa Jin, che fu costruita a sud della vecchia muraglia. Iniziava a ovest con un’ansa dello Huang He e terminava al fiume Sungari (Songhua).

9. Dinastia Yuan (Mongoli). Durante la dinastia Yuan (1206-1368 d.C.), i mongoli controllavano tutta la Cina, oltre ad altre zone dell’Asia e a parti dell’Europa. Come struttura difensiva, la Grande Muraglia era di scarsa importanza per loro, tuttavia alcuni forti e aree chiave furono riparati e presidiati per controllare il commercio e limitare la minaccia di ribellione da parte dei cinesi.

Quanto tempo fa è stata realizzata la Grande Muraglia cinese? - 2.700 anni fa Quando fu costruita la Muraglia cinese? Già nel periodo delle Primavere e degli Autunni (770-476 a.C.), lo Stato di Chu iniziò a costruire la prima muraglia per proteggersi dagli invasori di altri Stati, circa 2.700 anni fa. In seguito si unirono allo sforzo anche gli Stati Qi, Yan, Wei, Zhao e Qin. Ming Great Wall Grande Muraglia di Badaling Dopo aver sconfitto altri Stati e aver istituito la prima dinastia unificata della Cina, la dinastia Qin (221 - 207 a.C.), l'imperatore Qin Shihuang ordinò di collegare le mura separate, dando vita alla Grande Muraglia cinese continua. Era circa 2.200 anni fa. Durante le dinastie successive, la muraglia fu ampliata, riparata o modificata. La dinastia Han (202 a.C. - 220 d.C.) e la dinastia Ming (1368 - 1644 d.C.) sono due periodi in cui la Grande Muraglia fu costruita o restaurata in modo massiccio. Le sezioni più conosciute e visitate, tra cui Badaling, Mutianyu, Simatai e Jinshanling, furono costruite durante la dinastia Ming.

Leggi anche: Le cascate di Iguazu, Argentina, una delle sette meraviglie naturali del mondo

La Muraglia Cinese, ancora oggi in piedi

Gran parte della Grande Muraglia cinese che possiamo visitare oggi è stata costruita o rinforzata a partire dal 1300 d.C.

1. La dinastia Ming. Dopo che la Cina fu riconquistata dai mongoli, ci si preoccupò costantemente di proteggerla da ulteriori invasioni. Gli imperatori della dinastia Ming (1368-1644) la mantennero e la rafforzarono senza indugio. La maggior parte delle riparazioni ha riguardato le mura di Qi e Wei. L’imperatore Hongzhi (1487-1505 d.C.) fu l’autore di gran parte della muraglia cinese che è rimasta in uno stato accettabile. A partire da ovest del passo Juyong, questa parte delle mura fu divisa in sezioni meridionali e settentrionali, denominate rispettivamente Mura interne ed esterne. Lungo queste mura si trovano siti strategici, fortezze, torri e porte per vari scopi. Tre di queste porte, quelle più vicine a Pechino (Juyong, Daoma e Zijing) erano chiamate le Tre Porte Interne. Più lontano c’erano le porte di Yanmen, Ningwu e Piantou, chiamate le tre porte esterne. Questo secondo gruppo era altamente protetto, in quanto rappresentava la prima linea di difesa contro l’assedio della capitale dello Stato.

2. La dinastia Qing. Con la dinastia Qing (1644-1912 d.C.) le strategie difensive cambiarono. Furono compiuti sforzi per raggiungere la pace con i vicini Stati mongoli e tibetani. Furono compiuti grandi progressi politici, garantendo alla popolazione la sicurezza di svolgere i propri affari quotidiani. Questa strategia ebbe molto successo, così la Grande Muraglia perse la sua utilità e cadde nell’oblio, andando gradualmente in rovina.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento