Lago Titicaca

Il lago Titicaca si trova a cavallo tra Perù e Bolivia e non è solo il lago più alto del mondo (3.800 metri), ma deve la sua fama anche alla sua longevità: ha più di un milione di anni. Oggi è uno dei luoghi più turistici tra il Perù e la Bolivia, e probabilmente camminerete insieme a molti stranieri che apprezzano la zona. Tuttavia, soggiornare sul lago e visitare le isole è senza dubbio un’esperienza culturale da non perdere e un grande piacere per i sensi. Quindi, se state seguendo l’itinerario turistico attraverso le terre di Cusco, il lago Titicaca è un luogo obbligatorio da visitare. Sia sul versante boliviano che su quello peruviano, ci sono alcune destinazioni molto interessanti da visitare. Alcuni si trovano sulle rive del lago, altri sul lago stesso. La cosa migliore di visitare il Lago Titicaca è che combina il suo incredibile valore storico e culturale con un paesaggio naturale esotico. Inoltre, potremo osservare un incredibile contrasto tra la sua modernità e altri spazi storici del Lago Titicaca, sia in Bolivia che in Perù. Questo lago andino è quindi una delle principali attrazioni turistiche del Perù e ciò che lo distingue da qualsiasi altro lago del mondo è dovuto in parte all’occupazione delle sue comunità indigene. Se decidete di includere questo magnifico luogo nel vostro itinerario di viaggio, dovete sapere che ci sono diversi modi per visitarlo, quindi ci sono molte opzioni per il vostro itinerario. In questo post vi presenteremo le migliori opzioni.

La leggenda e la storia del lago Titicaca

Il lago Titicaca è stato il teatro dell’inizio del mondo secondo gli Inca. Il mito racconta che Viracocha, dopo aver creato gli esseri umani, rimase deluso da loro quando vide che erano molto avidi e selvaggi. Ecco perché decise di inondare la terra e gli uomini. Tuttavia, ha lasciato due di loro: Manco Capac e Mama Ocllo. Li ha portati con sé quando è emerso dal lago Titicaca, quando ha creato il sole, la luna e le stelle. Poi ha mandato l’uomo e la donna a popolare il mondo. Il lago Titicaca è considerato il luogo di nascita del popolo Inca. In seguito, la tribù degli Uros creò e visse su isole galleggianti per sfuggire all’aggressivo impero Inca in continua espansione. Così sono riusciti magistralmente a creare delle isole con il tessuto resistente delle canne di totora. Così, a partire dagli anni ’90, le comunità indigene hanno aperto le porte ai viaggiatori per offrire loro uno spaccato del loro stile di vita e della loro cultura. È il turismo comunitario che rende il lago Titicaca così popolare e riesce ad attirare ogni giorno così tanti visitatori.

Perché visitare il Lago Titicaca?

Uno dei motivi per cui il lago Titicaca è uno dei luoghi più visitati del Perù è che ospita diverse comunità indigene, principalmente discendenti degli antichi Uro. A questo proposito, i più importanti sono gli Uros sulle isole galleggianti, i parlanti quechua sull’isola di Amantani e i Taquile sull’isola di Taquile. D’altra parte, il lago è considerato il luogo di origine della civiltà Inca, dove il dio creatore, Viracocha, creò la luna, il sole e le stelle delle isole al centro di questo grande lago. Si ritiene inoltre che sia il luogo di nascita del primo re Inca, Manco Capac, figlio del dio Sole. Un antico tempio sull’Isla del Sol è considerato il luogo in cui i fondatori Inca furono inviati per la prima volta sulla terra. Due grandi impronte si trovano anche nel villaggio di Challapampa, sull’isola, e si dice che appartengano a Manco Capac e Mama Ocllo. Anche su altre isole sono stati costruiti templi e santuari in onore delle numerose divinità dell’antico popolo.

Cosa vedere durante una visita al Lago Titicaca?

Leggi anche: Visitare la metropoli perduta di Tiahuanaco, Bolivia

1. Puno, Perù

In pratica, Puno è il punto di partenza naturale per altre destinazioni intorno al lago Titicaca e al Perù meridionale, tra le sempre popolari Cusco e La Paz in Bolivia. Le attrazioni quotidiane di Puno si concentrano sulle chiese storiche della città, come la Cattedrale di Puno, e sulle viste panoramiche della città dai punti panoramici in cima alle colline. Una delle tappe fondamentali è la Plaza de Armas. Intorno si trovano le poche tracce rimaste dell’epoca coloniale, come la Cattedrale in stile barocco meticcio del 1669. Da non perdere anche il Balcón del Conde de Lemos, un balcone coloniale situato in un angolo di una grande casa in cui pernottava il viceré che fondò Puno e che è molto più antico della Cattedrale. Il porto del lago di Puno è una delle prime tappe del tour del lago e delle sue isole. Al porto troverete un gran numero di agenzie che offrono pacchetti di escursioni al lago e alle isole Uros, nonché ai luoghi abitati dalle comunità indigene.

2. Le isole galleggianti di Uros

Queste sono forse le attrazioni più famose del Lago Titicaca, appena fuori dalla sua estremità occidentale. Meglio conosciute come le isole galleggianti del lago Titicaca, queste isole artificiali sono costruite con piante di canne galleggianti legate tra loro. Potreste trovare questa qualità incredibile per la capacità delle isole di rimanere stabili e garantire una base solida per il viaggio, ma la verità è che i residenti indigeni delle isole sono riusciti a farlo.

Visite alle isole galleggianti del Titicaca

Durante il tour delle isole artificiali di Uros, le guide vi mostreranno lo stile di vita degli indigeni, come richiesto dall’ambiente. Una volta arrivati sulle isole, potreste sentire le canne affondare leggermente sotto i vostri piedi, ma non preoccupatevi, è assolutamente sicuro. Se non vi limitate a visitare quest’area per ammirare la sua ingegnosità, potete anche scegliere di fare un giro in barca di canne da un’isola all’altra. Inoltre, gli indigeni della zona approfittano dell’afflusso di visitatori per offrire i loro colorati prodotti artigianali.

È possibile soggiornare sulle isole?

Per quanto possa sembrare incredibile, alcune delle isole galleggianti di Uros comprendono alloggi appositamente progettati per accogliere i visitatori. Tuttavia, questi spazi sono spesso piuttosto semplici, ma offrono comunque un’esperienza unica per connettersi molto di più con lo spirito del luogo.

3. Città costiera di Copacabana, Bolivia

Situata al confine della Bolivia con il Perù, all’estremità orientale del Lago Titicaca, la città costiera di Copacabana. Ciò che distingue questa città di mare dalle altre è la presenza di un piacevole lago, di una spiaggia tranquilla e di molte barche. Inoltre, in alcune zone della città si respira un’atmosfera bohémien insolita per questo tipo di luoghi. Per questo motivo è spesso una delle tappe più interessanti per i viaggiatori che attraversano la Bolivia dal Perù. Ci sono anche numerosi ostelli e ristoranti che servono cucina locale e straniera. Ma il pezzo forte è il Calvario in cima alla collina che domina il lago con una vista incredibile. Associato alla Basilica di Nostra Signora di Copacabana del XVI secolo, il Calvario è coronato da un altare molto importante per la comunità religiosa locale. Sebbene la camminata per raggiungere la cima sia un po’ in salita, una volta raggiunto il sito troverete luoghi piacevoli per riposare e godervi la vista panoramica della città e del lago Titicaca, poiché la collina si trova a un’altitudine di 3.841 metri e il pendio è molto ripido.

4. Isla del Sol, Bolivia

Un’altra delle isole più famose del Perù è l’Isola del Sole, nella laguna del Titicaca. Il suo nome e la sua fama sono dovuti al fatto che gli indigeni credevano che qui fosse nato il Dio Sole. L’isola ospita anche diverse comunità indigene locali e ospita numerosi resti Inca ben conservati. Sull’Isla del Sol è indispensabile visitare i suoi due villaggi situati alle due estremità: Challapampa a nord, Yumani a sud. Per vedere entrambi i villaggi in un giorno, è necessario camminare da un capo all’altro dell’isola. Si tratta di un’attività comune sull’Isola del Sole, che comporta l’attraversamento di un terreno montuoso. Tuttavia, una volta iniziato il trekking, sarà difficile non meravigliarsi dei panorami, considerando che lungo il percorso si incontrano anche le rovine di Chinkana e la Scala Inca di Yumani. L’accesso a quest’isola è possibile solo in traghetto dalla città di Copacabana e dura un giorno. Il nostro consiglio è di passare la notte sull’isola.

Leggi anche: Guatavita e la leggenda di El Dorado

5. Isole Taquile e Amantani, Perù

D’altra parte, l’Isla del Sol è molto simile alle isole del versante peruviano del lago, come l’Isola Taquile e l’Isola Amantani. Tuttavia, se riuscite a vedere la maggior parte di queste isole, avrete sicuramente un’esperienza visiva eccellente. In particolare, l’isola di Amantani è una delle più grandi, situata a 40 km da Puno. Ha circa 4.000 abitanti e 10 comunità. Ci vogliono circa 3 ore per arrivarci in barca. Se decidete di passare la notte su quest’isola altamente raccomandata, potrete contemplare gli splendidi tramonti e ascoltare il suono delle onde. Senza dubbio, un momento come questo vi permetterà di godere di molta pace e di assorbire la serenità del luogo.

6. Sillustani, Perù

Anche se questo sito turistico non si trova esattamente in riva al lago, Sillustani è costituito dalle rovine di un cimitero che esisteva già prima degli Inca. Sillustani si trova vicino al lago Umayo, alla periferia di Puno. Le rovine sono facilmente visibili nonostante siano situate in un paesaggio montano piuttosto rurale. Questo grazie alle torri funerarie rimaste, chiamate chullpas, che si ergono orgogliose tra cumuli di pietre sparse. Non tutte le chullpas sono sopravvissute in uno stato di conservazione ottimale, poiché molte sono crollate o sono state ricostruite negli ultimi anni, e alcune delle torri funerarie presentano ancora sculture di animali accanto ad esse. Se avete intenzione di fermarvi a lungo a Puno, assicuratevi di visitare questo incredibile cimitero pre-Inca.

Come visitare il Titicaca?

Anche se al Porto del Lago di Puno ci sono diverse opzioni per gli escursionisti e i tour di gruppo, è possibile visitare il lago e le isole galleggianti artificiali anche in modo indipendente. Se decidete di optare per quest’ultima soluzione, sappiate che per entrare in ogni isola dovrete pagare un biglietto d’ingresso più o meno 3€. Ogni giorno partono diversi tour dalla riva del lago della durata di circa quattro ore. Anche se lungo la costa sarete avvicinati da diversi venditori per il trasferimento in barca, il nostro consiglio è di acquistare il tour al molo. Se un venditore vi ispira fiducia, assicuratevi di pagare il biglietto quando salite a bordo. Tuttavia, se volete risparmiare un po’ di stress ed essere sicuri di non subire truffe, è meglio optare per un tour con guide esperte e specializzate e includerlo nel vostro itinerario. In caso di tour locale, vi consigliamo di soggiornare a Puno o Copacabana, che sono le due migliori opzioni per visitare la maggior parte delle cose da fare nella zona del Lago Titicaca.

Alcuni consigli per visitare il Lago Titicaca

Come raggiungere Puno dalle principali città? Puno è una delle principali destinazioni turistiche di questo angolo del Perù ed è una tappa fondamentale di molti itinerari, sia attraverso l’aeroporto di Juliaca, che con il treno Peru Rail, il traghetto o l’autobus da varie destinazioni principali.

In aereo: l’aeroporto più vicino è quello della caotica Juliaca, a circa un’ora di macchina da Puno. I voli diretti giornalieri includono Lima e Cusco.
In autobus: si può anche scegliere di viaggiare in autobus da Lima (un giorno di viaggio). Alcune agenzie portano i viaggiatori internazionali in giro per le principali attrazioni del Perù, tra cui Puno.

Per spostarsi tra le isole, una buona opzione è quella di viaggiare in traghetto. Queste partono dal porto alle 6:00 e alle 7:30, al costo di 7,50 dollari (7,43EUR) in ogni direzione. I viaggiatori possono scendere a Uros, Amananti o Taquile. Potete anche prenotare un tour con un’agenzia di viaggi per qualche dollaro in più e sarete trasportati al molo dal vostro hotel. Se siete interessati ad avventurarvi più al largo del lago, potete anche visitare l’isola di Taquile, dove vivono circa 2.000 abitanti di lingua quechua. I tour estesi includono generalmente la visita standard a Uros, oltre a qualche ora a Taquile per visitare il mercato e la piazza principale. In totale, quindi, si prevedono circa sei ore di viaggio in barca per la maggior parte del lago.

Come visitare il lago dalla Bolivia?

Se volete raggiungere Puno dalla Bolivia, potete prendere un autobus da Copacabana, che parte due volte al giorno. È anche possibile prendere un autobus dalla capitale La Paz.

Quando è meglio visitare la Laguna del Titicaca?

Il periodo migliore per visitare Puno è tra maggio e ottobre/novembre, quando le precipitazioni diminuiscono. Tuttavia, consigliamo anche di evitare l’alta stagione di luglio e agosto. Se Puno è incluso nel vostro programma di viaggio per Cusco, nei mesi di gennaio e febbraio la strada è spesso bloccata per manutenzione e il clima è spesso molto freddo (da 3 a 15 gradi Celsius). D’altra parte, se siete interessati al folklore, una visita a questa zona tra il 25 gennaio e l’8 febbraio è una buona idea, poiché in questo periodo si celebra la festa della Candelaria, che è un sito del Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento