Cosa fare e vedere a Las Salinas Ibiza

By | Dicembre 31, 2022
las salinas ibiza

Las Salinas Ibiza (o Ses Salines) costituisce uno degli spazi naturali più preziosi di Ibiza. Un ambiente protetto sotto la figura di un parco naturale, che copre una parte terrestre e una parte marittima molto ampia. In entrambi vivono centinaia di specie, tra cui la Posidonia, un tipo di pianta acquatica molto importante, dovuto alla sua funzione fondamentale di rigeneratrice dei fondali marini. Inoltre, questa zona continua ad essere un centro economico di una certa importanza, perché nelle saline sopravvissute al passare del tempo si continua a produrre il sale, che è uno dei prodotti naturali più apprezzati di Ibiza. E non dobbiamo perdere di vista il fatto che in questa zona della costa di Ibiza ci sono due delle spiagge più spettacolari dell’isola. E tutto questo, a due passi dal capoluogo dell’isola.


Ecco un inventario delle migliori cose da vedere a Las Salinas Ibiza. Ora diventerò il vostro timoniere elencandovi cosa visitare a Las Salinas Ibiza, il nostro itinerario si concentrerà sui punti di riferimento più importanti e sulle attrazioni più importanti da non perdere. Ecco un elenco di cosa vedere a Las Salinas Ibiza. Spiagge incontaminate di sabbia bianca, calette appartate, scintillanti saline e pinete in riva al mare sono solo alcune delle cose da vedere nel Parco Naturale di Ses Salines di Ibiza e Formentera, un tesoro culturale, ecologico e paesaggistico che merita di essere visto almeno una volta nella vita. Non sorprenderà nessuno se diciamo che le Isole Baleari hanno quasi tutto, compresi i luoghi in cui si può praticare l’ecoturismo, come nel caso della già citata area naturale, dichiarata Patrimonio dell’Umanità e protetta come Parco Naturale dal 2001. Oggi scopriremo in profondità tutte le meraviglie di questo ambiente spettacolare.

Las salinas Ibiza, il paradiso delle Isole Baleari

Le saline di Ibiza (ses salines in catalano) sono uno degli spazi naturali più preziosi da vedere nelle Isole Baleari. Un ambiente protetto di grande valore ecologico sotto la figura di un parco naturale, che ha una parte terrestre e una parte marittima molto più ampia. Il Parque Natural de Ses Salines è costituito da oltre 3.000 ettari di terra e 13.000 ettari di mare che coprono la parte meridionale di Ibiza e la parte settentrionale di Formentera, compresi gli isolotti dello stretto di Es Freus. In entrambe le parti del parco vivono centinaia di specie, tra le quali spicca la Posidonia, considerata la creatura vivente più longeva del mondo. Questa pianta marina (non è un’alga come molti potrebbero pensare) è il vero gioiello del parco. Oltre a fungere da rifugio per una moltitudine di creature acquatiche, svolge un ruolo importante nella rigenerazione dell’acqua, ossigenandola e filtrandola. È il vero responsabile della straordinaria qualità dell’acqua delle spiagge di Ibiza e Formentera.

Oltre alle sue acque, la ricca biodiversità del Parque Natural de Ses Salines è evidente anche sulla terraferma, dove le incredibili spiagge di dune e le scogliere costiere di pini verdi deliziano i bagnanti. A Formentera il paesaggio è costituito principalmente da sistemi di dune e paludi, mentre a Ibiza la diversità del paesaggio è maggiore, con saline, montagne e bellissime spiagge sabbiose. Inoltre, Ses Salines, come suggerisce il nome, continua a essere un centro economico di una certa importanza grazie alle sue miniere di sale. Per secoli questa è stata l’industria più importante dell’isola di Ibiza, poiché il sale era un elemento vitale per la conservazione dei prodotti. Queste saline sono sopravvissute al passare del tempo e oggi continuano a produrre il sale di Ibiza, uno dei più prestigiosi e apprezzati.

Ricchezze del Parco Naturale di Ses Salines Ibiza

Il Parco Naturale Salinas è uno dei migliori esempi della ricchezza degli ecosistemi mediterranei. In totale, insieme alla zona di riserva, occupa uno spazio protetto di quasi 17.000 ettari, di cui circa 14.000 marini. In altre parole, copre sia la parte di Las Salinas a Ibiza che quella di Formentera e il braccio marittimo che separa le due isole (le Pitiusas). E’ uno spazio fondamentale per il riposo e la nidificazione di tutti i tipi di uccelli. Tra questi, i fenicotteri, il cavaliere d’Italia, il gabbiano corvino e la berta delle Baleari. Inoltre, e come abbiamo già accennato, è un rifugio inestimabile per la Posidonia, una pianta che cresce sotto forma di prati sottomarini e che gli scienziati considerano il più grande essere vivente del pianeta. A terra, il Parco Naturale delle Salinas ospita altre specie animali uniche come la lucertola Pitiusas (endemica di Ibiza e Formentera), il moscardino e diverse specie di coleotteri e lumache autoctone.

Platja de Ses Salines o spiaggia di Las Salinas Ibiza

Le migliori spiagge di Playa de las Salinas (Ses Salines) non sono seconde a nessuno. Infatti, Playa de las Salinas (Ses Salines) ospita alcune delle migliori spiagge della Spagna! Con la loro sabbia dorata e le acque cristalline, le spiagge di Ses Salines rubano il cuore dei turisti. In questo post vi parliamo delle spiagge di Ses Salines, in modo che possiate goderne appieno. La spiaggia di Ses Salines (o Las Salinas) è, senza esagerare, una delle più spettacolari del Mediterraneo. Si tratta di una stretta striscia di sabbia lunga 1,5 chilometri e larga 25-30 metri, fiancheggiata da una fascia di vegetazione costiera, dove sono protagonisti ginepri e pini. Forse è per questo che è anche una delle spiagge più frequentate di Ibiza durante l’estate. Si possono trovare tre beach bar situati accanto, sempre con musica a tutto volume, con amache e un’offerta completa di cibo, cocktail e drink di ogni genere. In questo periodo è normale che yacht e barche a vela attracchino davanti a questa spiaggia, occupata dalle tante celebrità che frequentano l’isola.

Senza dubbio, Ses Salines non ha nulla da invidiare alle spiagge dei Caraibi. Non appena vi metterete piede scoprirete che stiamo parlando di una delle migliori spiagge del Mar Mediterraneo. La sabbia è bianca e fine e l’acqua è incredibilmente limpida e pulita. Consiglio sempre di osservare la direzione delle onde prima di andare in questa o in qualsiasi altra spiaggia. In una giornata con un forte vento da sud, Las Salinas è una spiaggia da evitare. A Ses Salines sono state installate passerelle in legno per facilitare l’accesso dei bagnanti dal parcheggio alla spiaggia. Fino all’inizio del XXI secolo, era molto comune che le famiglie trascorressero la giornata sulla spiaggia e approfittassero dell’ombra delle pinete tra le dune per pranzare. Tuttavia, la forte pressione dei visitatori e la necessità di preservare le dune e la vegetazione dell’area, in particolare ginepri e pini, ha portato alla chiusura dell’intera area. Un atto necessario per garantire la sopravvivenza di questa spiaggia nelle migliori condizioni.

La spiaggia più popolare di Ibiza

Anche se non è la spiaggia più lunga dell’isola, Las Salinas è forse la più famosa. Io stesso la considero una delle visite essenziali, anche se devo ammettere che la sua stessa fama è all’origine della sua punizione. È frequente che Ses Salines sia frequentata da bagnanti, troppi visitatori, che sminuiscono l’attrattiva del luogo. Nei mesi di alta stagione è davvero difficile trovare un posto per stendere l’asciugamano. Un altro punto da tenere presente è l’accesso a Ses Salines. C’è un servizio di autobus per la spiaggia e se desideriamo andarci con il nostro veicolo, abbiamo la possibilità di parcheggiare in uno dei parcheggi a pagamento. Sulla spiaggia si trovano altri servizi, tra cui quattro bar-ristoranti a prezzi medio-alti. Come curiosità, questa caletta è scelta da molti volti noti che vengono a Ibiza ogni anno e che potrete facilmente trovare sull’amaca accanto a voi.

Questi bar sulla spiaggia sono Beso Beach, Malibu, Jockey Club e Sa Trinxa. Davanti a ogni ristorante ci sono delle sedie a sdraio dove, se lo si desidera, è possibile consumare un pasto o un drink. Non posso raccomandare nessuno di loro perché non li ho mai visitati. Il loro listino prezzi è spaventoso, quindi la maggior parte degli ibicensi si gode Ses Salines portandosi da casa l’ombrellone, la borsa frigo, il panino e la tortilla de patatas. Dalla sabbia, dovreste essere in grado di vedere la sagoma della bella Formentera all’orizzonte. Tuttavia, l’alta concentrazione di barche e yacht di fronte a Las Salinas impedisce spesso di vedere l’orizzonte. I “problemi” di essere la spiaggia più conosciuta di Ibiza.

Es Cavallet, la spiaggia per nudisti e gay

Accanto alla spiaggia di Ses Salines si trova la spiaggia di Es Cavallet, che è, senza dubbio, una delle migliori spiagge per nudisti delle Isole Baleari. Da tempo è anche considerata una delle mecche gay del Mediterraneo, grazie soprattutto all’opera di normalizzazione di Chiringay. Cioè, il bar sulla spiaggia. In totale, questa fascia costiera a base di sabbia finissima, ha un’estensione di poco più di un chilometro, con una larghezza compresa tra i 30 e i 40 metri. Uno dei suoi inconvenienti è che i venti che provengono dal mare trascinano i resti delle praterie di Posidonia, ricoprendo spesso di sabbia buona parte della superficie.

Es Codolar, un santuario tranquillo

È paradossale che la spiaggia più lunga della zona di Las Salinas di Ibiza sia così poco frequentata dai bagnanti. C’è una spiegazione per questo: i suoi poco più di tre chilometri di lunghezza sono coperti da massi ( codols in catalano), che rendono molto difficile l’accesso al mare. Certo, una volta superata quella barriera (con l’ausilio delle apposite calzature), non resta che immergersi in alcune delle acque più pulite e trasparenti dell’intera isola e godersi il Mediterraneo in tutta la sua bellezza. Da questa spiaggia si può anche godere di una delle migliori viste sulle lagune artificiali che compongono Las Salinas de Ibiza. Ed è uno dei luoghi più popolari per osservare gli aerei, poiché questa spiaggia si trova vicino alla pista di decollo e atterraggio dell’aeroporto dell’isola.

Come arrivare al Parco Naturale di Ses Salines?

Il Parco Naturale di Ses Salines è uno spazio naturale condiviso tra le isole di Ibiza e Formentera. Vi consigliamo di prendere un volo per l’isola di Ibiza e, dall’aeroporto stesso (situato a pochi chilometri), di noleggiare un’auto per scoprire l’isola. Dalla capitale di Ibiza basta percorrere pochi chilometri lungo le strade E-20 e EI-900. È anche possibile arrivarci in autobus, prendendo la linea L-11 dalla stazione fino alle vicinanze della spiaggia di Las Salinas.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *