Parco nazionale di Komodo

Il Parco Nazionale di Komodo è un arcipelago appartenente all’Indonesia. Si trova nella parte centro-meridionale della grande nazione insulare, in una formazione chiamata Isole della Sonda minori. L’isola si trova tra l’isola di Flores e l’isola di Sumbawa e copre una superficie di 390 chilometri quadrati. È nota per essere l’unico luogo al mondo in cui si trovano i draghi di Komodo, una specie di rettile identificata come la lucertola più grande del mondo, con dimensioni che vanno dai 2-3 metri e un peso di circa 70 chili. L’isola è stata nominata Parco Nazionale di Komodo per proteggere questa specie, che è in grave pericolo di estinzione. Per conservare questo luogo e la sua fauna, nel 1991 l’UNESCO lo ha dichiarato Patrimonio Naturale dell’Umanità. Il turismo nella zona si è sviluppato molto di più dal 2011, quando, dopo una votazione mondiale, è stata nominata una delle Sette Meraviglie Naturali del Mondo.

Questo territorio fa parte del cosiddetto Anello di Fuoco del Pacifico, una cintura in cui le placche tettoniche sono in movimento. Inoltre, in quest’area è presente un’intensa attività vulcanica. Infatti, l’isola di Komodo, come molte delle isole vicine, è il prodotto dell’attività vulcanica della zona. Nonostante le piccole dimensioni dell’isola principale, Komodo ha un clima diverso, a seconda della zona e del periodo dell’anno. Le sue coste hanno un clima molto secco con piogge occasionali e abbondanti, mentre gli altipiani sono coperti da foreste semi-tropicali con umidità costante. In termini demografici, questo territorio ha una media di 2000 abitanti. Le persone che vivono in quest’area sono comunità che abitano l’isola da molti anni. La tribù più popolare dell’isola di Komodo è quella degli Ata Modo, che vanta una ricca cultura. Secondo le leggende indonesiane, gli appartenenti a questa tribù indigena possono parlare con i draghi di Komodo.

Leggi anche: Le cascate di Iguazu, Argentina, una delle sette meraviglie naturali del mondo

Flora e fauna

Il drago di Komodo non è l’unica cosa sorprendente di quest’isola. Qui convergono infatti l’Oceano Pacifico e l’Oceano Indiano, per cui la biodiversità marina che vi converge è davvero notevole. L’isola di Komodo fa parte del cosiddetto Triangolo dei Coralli, dove si trovano almeno tre quarti delle specie di corallo conosciute fino ad oggi. In questo spazio, che ospita questi coralli, convergono molte altre specie: cetacei, pesci, tartarughe e altro ancora. Questo lo rende un vero e proprio tesoro naturale in mezzo al mare. Inoltre, grazie alla convergenza di acque e specie nell’area in cui si trova l’isola di Komodo, si produce una grande quantità di plancton che, a sua volta, attrae grandi mammiferi come balene e squali.

Turismo dell’isola di Komodo

Il Parco Nazionale di Komodo, essendo un luogo unico al mondo per la fauna e la flora che lo caratterizzano, ha avuto un importante boom turistico. Ancora di più quando è stata nominata una delle Sette Meraviglie. È un paradiso per gli amanti della natura e per chi apprezza le esperienze uniche. Sebbene il turismo sia un’attività chiave per l’area, l’interesse prioritario è la conservazione del sito e la protezione dei draghi di Komodo. Infatti, il Parco Nazionale di Komodo ha rischiato di essere chiuso a causa di un furto di oltre 40 draghi di Komodo nel 2019. Questi animali vengono venduti al mercato nero per circa 30 mila euro. Tuttavia, questa decisione è stata riconsiderata poco dopo. Per favorire la sopravvivenza e la riproduzione dei draghi di Komodo, le autorità organizzeranno nuove aree turistiche sull’isola, limiteranno il numero di visitatori e rafforzeranno il lavoro delle forze di sicurezza sull’isola. Tutto ciò significa che c’è ancora più interesse a conoscere questo luogo unico al mondo e, allo stesso tempo, invita a essere adeguatamente organizzati per godersi l’esperienza.

Quali luoghi visitare sull’isola di Komodo?

1. Drago di Komodo. Anche se è vero che l’Indonesia è un luogo molto turistico per la sua cultura, la sua gastronomia e i suoi paesaggi, il drago di Komodo è l’attrazione turistica più rappresentativa di questo luogo. Questi animali endemici si trovano in tutto il Parco Nazionale di Komodo, dove l’isola di Komodo è l’attrazione principale, ma anche le isole Rinca e Padar si trovano nel parco. Queste lucertole giganti si trovano solo nel Parco nazionale di Komodo, principalmente sull’isola di Komodo. Nonostante sia la zona in cui si trovano, non è così facile vederli. Questi animali tendono a mimetizzarsi e cercano sempre l’ombra, quindi è importante trovare una guida che vi conduca (è vietato senza e anche sconsigliato, un morso di drago può essere letale). Vale la pena percorrere questi itinerari, perché i draghi sono l’attrazione principale della visita e non si trovano in nessun’altra parte del mondo.

2. Punto Manta. Si tratta di un luogo imperdibile vicino all’isola di Komodo. Quest’area è ideale per le immersioni e lo snorkeling, poiché è possibile nuotare accanto a mante lunghe fino a 2 metri. La fauna marina di questo luogo è magnifica, poiché è un luogo in cui c’è una grande quantità di plancton e, quindi, una diversità di specie che si riuniscono per nutrirsi. Le immersioni a Manta Point saranno una delle esperienze più emozionanti di sempre. Inoltre, grazie alla limpidezza di queste acque, sarà possibile godere di una vista incredibile della flora e della fauna delle profondità marine.

3. Pink beach. È una spiaggia ideale per godersi la sabbia speciale e il sole. Il suo nome è dovuto al fatto che, grazie ai coralli che si trovano nelle sue acque, crea l’effetto che la sabbia sia rosa. Si tratta di una spiaggia unica a suo modo, quindi è una tappa obbligata di una visita all’Isola di Komodo.

4. Kanawa. È una piccola isola vicina all’isola di Komodo. L’estensione di questo territorio è piuttosto limitata, ma è compensata dalla bellezza che accumula. Quest’isola è circondata da sabbia bianca, acque cristalline di un blu intenso e una grande varietà di fauna marina che può essere osservata molto facilmente. È senza dubbio una delle isole da visitare in questa zona.

5. Playa Tukohbele. Si tratta di una spiaggia con un mare di un blu molto intenso e allo stesso tempo cristallino; anche su queste coste si possono ammirare sabbie bianche, molti coralli e una diversità di specie marine. Le immersioni sono altamente consigliate in quest’area, poiché è possibile osservare un’intensa biodiversità. Un luogo ideale per chi ama la natura e le esperienze intense.

6. Seraya. Le spiagge di queste isole sono appartate, quindi se volete godervi una giornata di relax al sole e di solitudine, questa è una delle opzioni da considerare. Quest’isola non si trova sull’isola di Komodo, ma è vicina e merita una visita.

Leggi anche: Visitiamo il Tempio di Zeus Olimpio di Atene

Come raggiungere l’isola di Komodo?

1. In aereo. Sebbene l’isola di Komodo sia remota, lo sviluppo del turismo ha reso il viaggio verso l’isola facile e parte dell’avventura di conoscere questo luogo. Il modo migliore per raggiungere l’isola di Komodo è l’aereo e il mare. La maggior parte dei turisti sceglie questa opzione perché è la più rapida. A tal fine, volare all’aeroporto di Labuan Bajo, la città più vicina alla meraviglia. Una volta lì, sarà facile trovare un tour che vi porterà a visitare Komodo. Ce ne sono di tutti i tipi e di tutte le durate, e troverete sicuramente quello più adatto a voi. Trattandosi di un’area protetta, non è possibile visitarla da soli.

2. Per mare. Il viaggio in mare sarà un po’ lungo, da 2 a 5 giorni a seconda del punto di partenza. Tuttavia, l’esperienza del viaggio è meravigliosa grazie alle numerose meraviglie naturali che potrete ammirare lungo il percorso. Esistono diverse opzioni di crociera, alcune più lussuose e confortevoli, altre più semplici ed economiche. Partono da diverse località dell’Indonesia, come Bali, Lombok, Gili, ecc.

Raccomandazioni per visitare l’Isola di Komodo

Visitare l’isola di Komodo è un’esperienza a sé stante, e per trarne il massimo è necessario pianificare il viaggio e tenere conto dei seguenti consigli:

  • Vedere i draghi di Komodo è davvero unico; tuttavia, è estremamente importante non avvicinarsi troppo a loro e non disturbarli.
  • Questi animali sono unici al mondo, ma è molto importante tenere presente che in un atteggiamento di attacco possono essere molto pericolosi.
  • Il viaggio verso l’isola di Komodo è piuttosto lungo ed è essenzialmente un’esperienza selvaggia, quindi è essenziale indossare abbigliamento e calzature adeguate.
  • La zona è tropicale, fa molto caldo.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento