Piazza del Campo

Piazza del Campo è il simbolo inconfondibile di Siena, una gemma architettonica che le ha conferito riconoscimenti internazionali. L’UNESCO ha celebrato Siena come un’incarnazione sublime di una città medievale, e al centro di tale riconoscimento giace Piazza del Campo. La sua posizione unica, situata dove un tempo tre antiche città collinari si fondono dolcemente, è la culla dalla quale è sbocciata la moderna comunità di Siena. Questa congiunzione storica ha contribuito a formare un’area che incarna l’essenza dell’unità e della collaborazione.

La Nascita di un Epicentro Sociale: “Il Campo”

Conosciuta affettuosamente come “Il Campo” dai locali, Piazza del Campo a Siena si erge nel punto d’incontro di tre arterie vitali che conducono alla città, diventando così il cuore pulsante di Siena. Questa piazza storica è stata concepita come un terreno neutrale, un palcoscenico dove celebrare sia gli eventi festivi che quelli politici e civili. L’architettura coerente della piazza e degli edifici circostanti non è frutto del caso, ma di una visione ben definita.

Architettura Armoniosa: Una Regolamentazione Saggia

La configurazione architettonica di piazza del palio di Siena non è frutto del caso, ma il risultato di regolamenti comunali stabiliti nel 1297, ancor prima della costruzione di molti palazzi che ora adornano la piazza, inclusi quelli civici. Queste linee guida assicuravano che ogni struttura contribuisse all’estetica complessiva della piazza principale di Siena. L’antica chiesa di San Pietro e Paolo, ad esempio, fu demolita per non conformità a tali regolamenti, evidenziando il rigore nel mantenere un’armonia architettonica. L’interazione armoniosa tra gli edifici e la piazza riflette l’intento degli amministratori successivi di preservare e valorizzare la bellezza e l’identità di Siena.

Risultato di Unione e Visione

Piazza del palio di Siena rappresenta un esemplare blend di storia, comunità e architettura ben ponderata. Essa simboleggia l’evoluzione di Siena da tre comunità collinari separate in una città unificata e fiorente. Questa piazza storica non è solo un tributo alla ricca eredità di Siena, ma anche un’espressione tangibile della saggezza e della visione dei suoi leader passati e presenti, che hanno coltivato una simbiosi tra lo spazio urbano e la comunità che lo abita.

L’Unica Conformazione di Piazza del Campo

Piazza del Campo si distingue grazie alla sua peculiarità architettonica, risplendente in una circonferenza di 333 metri. L’essenza della sua struttura risiede nel pavimento adornato con un disegno di mattoni rossi disposti in maniera tale da ricreare la forma di una coda di pesce, arricchito dalla presenza di 10 righe di travertino bianco. Questa disposizione genera una forma che ricorda quella di una conchiglia, suddivisa in 9 sezioni che sembrano guidare lo sguardo verso l’imponente Palazzo Pubblico, epicentro del governo civico.

Ogni segmento della piazza simboleggia uno dei 9 governatori che hanno guidato la città durante il celebre periodo del “Governo dei Nove”, riconosciuto storicamente come uno dei momenti di maggiore stabilità e tranquillità politica in Italia. La suddivisione in sezioni era anche un omaggio artistico: le pieghe del mantello della Vergine Maria, venerata non solo come Santa Patrona di Siena, ma anche come la “somma governante” della città, venivano rappresentate attraverso questa peculiare disposizione. Sebbene vi sia chi argomenta che l’armonica conformazione della piazza rappresenti in realtà una rappresentazione artistica della valle del Montone.

Un tempo, Siena vantava una popolazione comparabile a quella di Parigi. Tuttavia, la peste portò una drastica diminuzione demografica, relegando la città in una posizione di minor rilievo, lontana dalla sua gloriosa grandezza di un tempo. Piazza del Campo a Siena era stata originariamente ideata come luogo di ritrovo per la cittadinanza, un’arena per ospitare giochi, eventi politici e varie attività comunitarie, motivo per cui le sue dimensioni erano state calcolate per accogliere l’intera popolazione cittadina.

Nonostante non vi siano documenti ufficiali che attestino l’idea che tutte le strade dovessero condurre alla piazza, un fenomeno curioso si osserva attraversando almeno 4 dei sette varchi che permettono l’accesso: l’occhio viene quasi naturalmente guidato verso il Palazzo Pubblico. Gli altri tre varchi, invece, regalano una vista mozzafiato della Torre, arricchendo piazza del palio di Siena con un quadro visivo ricco di storia e maestosità.

Questo cuore pulsante di Siena, continua a essere il fulcro della vita cittadina, testimoniando con la sua struttura la ricca tapezzeria storica e culturale della città. Attraverso la piazza del palio di Siena, il passato glorioso di Siena continua a risuonare nei cuori dei suoi abitanti e dei numerosi visitatori, rappresentando una tappa immancabile per chiunque desideri immergersi nella bellezza e nella storia di questa città unica. Cosa mangiare in Toscana? 27 piatti tipici toscani

Cosa vedere in Piazza del Campo

1. Il Cuore Politico: Palazzo Pubblico

Emergendo come il cuore politico dell’antica Siena, il Palazzo Pubblico si erge maestosamente affacciandosi sulla rinomata Piazza del Campo. Quest’ultima, nei secoli medievali, si animava di cittadini che si radunavano per discutere di affari civili e culturali, fungendo da epicentro della vita comunitaria. Al contrario, Piazza del Mercato, una delle piazze più antiche e prestigiose di Siena edificata ben prima di Piazza del Campo, giace svelata alle spalle del Palazzo. Al suo interno, il Palazzo Pubblico custodisce il Museo Civico, un tesoro di inestimabile valore che celebra l’arte senese attraverso una moltitudine di capolavori.

2. Toccare il Cielo: Torre del Mangia

Dominando la scena, la Torre del Mangia si proietta verso il cielo con i suoi 102 metri di altezza, misurati fino alla punta del suo parafulmine. La sua costruzione, avvenuta tra il 1325 ed il 1348, riflette l’essenza di Siena con i suoi mattoni in cotto, mentre il travertino bianco adorna la sua sommità. Il nome pittoresco della torre risale a Giovanni di Balduccio, noto come ‘il mangiaguadagni’, un individuo la cui passione per il gioco pare consumasse ogni sua ricchezza.

3. Un Tributo Divino: Cappella di Piazza

Nidificata alla base della Torre del Mangia, la Cappella di Piazza sorge come tributo alla Vergine Maria, un’espressione di gratitudine della popolazione di Siena per aver evitato la furia della Peste Nera nel 1348. La struttura vanta un soffitto a volta retto da quattro pilastri adornati con raffigurazioni sacre, opera degli artisti locali dell’epoca. Durante il celebre Palio di Siena, questo sacro luogo accoglie la messa per i fantini, integrando la spiritualità nella tradizione agonistica della città.

4. L’Acqua della Vita: Fonte Gaia

Contrapposta a Palazzo Pubblico e alla Torre del Mangia, la Fonte Gaia rappresenta un simbolo di orgoglio per Siena. Edificata nel 1346, le sue sculture in marmo, oggi riproduzioni dell’opera di Tito Sarrocchi, omaggiano il lavoro originale di Jacopo della Quercia del 1409, conservato nel museo dello Spedale di Santa Maria della Scala. Con i suoi tunnel sotterranei che si snodano per oltre 30 km, la Fonte Gaia assicura un flusso vitale d’acqua al cuore pulsante della città, rendendo Piazza del Campo a Siena un connubio di arte, storia e funzionalità quotidiana.

La Tradizione Vivente: Il Palio di Siena

Piazza del Campo rappresenta l’epicentro delle tradizioni senesi, ospitando annualmente l’eccezionale Palio di Siena, una manifestazione che vede la partecipazione attiva dei vari rioni della città, ciascuno con la propria identità vibrante e unica, ereditata dall’epoca medievale. Questa piazza, che si trasforma in un palcoscenico di fervore e competizione, è nota anche come “la piazza del palio di Siena”.

Data e Significato: Un Conflitto Amichevole tra Quartieri

Il Palio si svolge rigorosamente in due giornate simboliche, il 2 luglio e il 16 agosto, date che vedono Piazza del Campo a Siena trasformarsi in un crogiolo di colori, emozioni e sfide tra i quartieri. Durante queste giornate, Siena si immerge completamente nello spirito del Palio, con abitanti e visitatori che condividono l’entusiasmo e la passione per questa tradizione radicata.

Un’Esperienza Unica: La Corsa del Palio

La corsa del Palio è unica in ogni suo aspetto, dal significato storico-culturale alla modalità di esecuzione. La vittoria è destinata al cavallo che riesce a completare per primo i tre giri regolamentari attorno alla piazza principale di Siena, indipendentemente dalla presenza o meno del cavaliere sulla schiena. Questo elemento aggiunge un’ulteriore sfumatura di imprevedibilità ed eccitazione all’evento, rendendo ogni edizione del Palio un capitolo memorabile nella lunga storia di Siena.

Un’Impronta Medievale: Colori e Atmosfera

La natura medievale del Palio si riflette vividamente nei colori sgargianti e nei simboli dei diversi quartieri, che rivestono una parte significativa dell’identità culturale della città. L’atmosfera che si respira in Piazza del Campo durante il Palio è un tuffo nel passato, un modo per la comunità senese di onorare e perpetuare le sue radici storiche, celebrando allo stesso tempo una rivalità amichevole e costruttiva. Le migliori cose da fare in Toscana

Guida Pratica: Esplora Piazza del Campo a Siena

Scopri come vivere al meglio l’esperienza della visita in uno dei cuori pulsanti della città di Siena. Qui sotto troverai una serie di domande frequenti con relative risposte che ti aiuteranno a pianificare la tua visita.

  1. Dove si trova Piazza del Campo? Piazza del Campo è situata nel cuore del centro storico di Siena, facilmente raggiungibile a piedi da altre attrazioni cittadine.
  2. Qual è il costo di ingresso a Piazza del Campo? L’accesso a Piazza del Campo è gratuito. Tuttavia, le visite a edifici specifici attorno alla piazza possono avere un costo.
  3. Quali sono gli orari di apertura? La piazza è accessibile al pubblico 24 ore su 24. Gli orari di apertura degli edifici circostanti possono variare.
  4. Cosa posso vedere e fare in Piazza del Campo? Piazza del Campo è famosa per la sua architettura unica e per essere la sede del Palio di Siena. Puoi goderti un caffè in uno dei molti bar, visitare il Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia, o semplicemente rilassarti e ammirare la bellezza della piazza.
  5. Posso prenotare un tour guidato? Sì, ci sono molti tour guidati disponibili che offrono una panoramica dettagliata della storia e dell’architettura della piazza e degli edifici circostanti.
  6. Dove posso parcheggiare la mia auto? Essendo una zona pedonale, non è possibile parcheggiare direttamente in piazza. Ci sono però parcheggi nelle vicinanze da cui raggiungere la piazza a piedi.
  7. Sono ammessi animali in Piazza del Campo? Sì, gli animali sono ammessi in Piazza del Campo, ma devono essere tenuti al guinzaglio.
  8. Dove posso mangiare vicino a Piazza del Campo? Ci sono molti ristoranti e caffè attorno alla piazza dove puoi gustare la cucina locale.
  9. Ci sono servizi igienici pubblici disponibili? Sì, ci sono servizi igienici pubblici nelle vicinanze della piazza.
  10. Quale è il periodo migliore per visitare Piazza del Campo? La primavera e l’autunno sono considerati i periodi migliori per visitare grazie al clima mite. Durante l’estate, la piazza può essere molto affollata, specialmente durante il Palio di Siena. 7 escursioni e attività da prenotare a Siena.

Questa guida pratica ti fornirà le informazioni di base per organizzare la tua visita a Piazza del Campo, un’esperienza che ti immergerà nella storia e nella cultura di Siena. Scopri le meraviglie di Siena

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento