Roque Nublo

A 1.813 metri sul livello del mare si trova il Roque Nublo, un’immensa roccia vulcanica alta 80 metri che era un luogo di culto degli antichi aborigeni. È noto che l’isola di Gran Canaria si è formata 14,5 milioni di anni fa da un vulcano. Tre grandi eruzioni, con periodi di inattività ed erosione nel mezzo, furono responsabili del brusco rilievo che appare oggi dalle vette alla costa.

primi coloni di Gran Canaria, berberi provenienti dal nord Africa, si stabilirono in luoghi alti e basarono la loro economia sulla coltivazione dei cereali. Si ritiene che il suo successo agricolo sia dovuto alla conoscenza accurata delle stagioni e dei cambiamenti del calendario, resa possibile dall’osservazione del sole, delle stelle e della luna. 

Quella che oggi è conosciuta come astronomia, in passato era considerata magia e persino confusa con la religione. Gli aborigeni si radunavano intorno a luoghi sacri (noti come almogarenes) per celebrare rituali e adorare il dio Acorán, noto anche come “El Celestial”. 

Uno di questi luoghi di culto era il Roque Nublo. Forse la sua forma capricciosa e l’elevazione sul livello del mare hanno funzionato a suo favore, o forse la sua buona posizione per osservare i lunasti di Roque Bentayga ha funzionato. Un fenomeno astronomico che si verifica una volta ogni 18,6 anni in cui la luna piena si trova nella sua posizione più meridionale nella sfera celeste.

Approfondimenti:

Parco Rurale del Roque Nublo e altitudine del Roque

Roque Nublo è il terzo luogo più alto di Gran Canaria, dietro Morro de la Agujereada e Pico de las Nieves, e si trova nel centro geografico dell’isola, nel comune di Tejeda. Nel 1987 è stata dichiarata Area Naturale, e nel 1994 Parco Rurale, divenendo così un simbolo delle Canarie. 

Il paesaggio che circonda questo gigante di pietra, che sembra essere stato preso da un altro pianeta, è ricco di pini, ginestre e tajinastes, che quando compaiono i loro fiori rossi, offrono uno spettacolo unico.

Nelle giornate di sole, i raggi del sole filtrano attraverso le pinete, donando al bosco un’atmosfera calda e piacevole. Nel cielo, alcuni si libra Guirre o gheppio quasi statici in aria, accarezzati dalle dolci commerciali venti (venti miti che mantengono il buon clima dell’arcipelago tutto l’anno). 

Per vedere le nuvole, non devi guardare in alto, ma sotto i piedi. Grazie ai venti, le nuvole si dirigono verso i pendii della montagna, creando un mare di nuvole calmo e soffice che ricorda lo zucchero filato. Sopra i 1.500 metri di quota si può godere di questo paesaggio, che al tramonto diventa, se possibile, ancora più bello con i toni dorati e le prime ombre notturne.

Sulla strada per Roque Nublo a Gran Canaria

Se fai delle escursioni, il percorso per arrivare al Roque Nublo inizia sulla stessa strada generale, lasciando l’auto nel parcheggio La Goleta e percorrendo a piedi circa 3 chilometri (andata e ritorno). 

Il sentiero è segnalato con cartelli e la difficoltà non è elevata, quindi si può fare con bambini e anziani. Si organizzano escursioni anche notturne per osservare il cielo stellato. 

Lungo il percorso, oltre alle viste spettacolari sulla caldera di Tejeda e sul pozzo Nieves, si trova la curiosa Roque del Fraile, una formazione rocciosa che sembra protendersi verso la valle, indossando un saio con cappuccio. Un altro elemento naturale che inganna l’occhio è il Roque de la Rana, fedele compagno di Roque Nublo, e la cui posizione ricorda una rana seduta su una ninfea che guarda la roccia vicina.

Il sentiero si snoda tra pinete, antiche colate laviche e colonne di pietra fino a raggiungere la vetta, dove il paesaggio si apre splendidamente e generoso ad accogliere i visitatori. Molti considerano le viste panoramiche da questo luogo le migliori dell’intera isola, con il Monte Teide in lontananza e l’Oceano Atlantico nel mezzo. 

L’aria fresca e pulita di montagna aiuta a riprendere fiato mentre gli occhi si meravigliano attraverso valli, anfratti e piccoli paesi disseminati tra le montagne. Senza dubbio, vale la pena salire e scoprire uno dei luoghi più speciali dell’isola.

In questa zona della caldera di Tejeda si trova anche il Roque de Bentayga, ultimo baluardo dei Popoli indigeni delle Canarie prima della conquista da parte del Regno di Castiglia, la cui lotta durò quasi un secolo. Sull’isola di Gran Canaria c’erano due guanartemes (re): Bentejuí e Tenesor. 

Il primo ha combattuto fino alla fine contro l’invasione dell’esercito reale, guidando la città dalla roccia al burrone di Tirajana, dove alla fine si è gettato nel vuoto invece di arrendersi. Il secondo, dopo essere stato catturato e portato davanti ai Re Cattolici, tornò nell’isola alleato con il nemico, sotto il soprannome di Fernando de Guanarteme, e con l’intenzione che la sua vecchia città si arrendesse. Per molti era un traditore, che oggi continua a suscitare polemiche, e per altri era un pacificatore che voleva impedire il massacro del suo popolo.

Non sorprende che l’antico monolite abbia affascinato migliaia di persone, tra cui molti musicisti, pittori e scrittori. Miguel de Unamuno definì il paesaggio di Roque Nublo “una tempesta pietrificata” e il cantante Néstor Álamo, che compose Sombra del Nublo (oggi inno di Gran Canaria) nel 1936, lo definì “pietra lunare”, “altare di la mia amata terra” e “anima di fuoco e lava in riva al mare”. Parole che risuonano come un’eco del passato, profondamente radicate nel cuore dei suoi abitanti.

Consigli per visitare il Roque Nublo

Il Roque Nublo è una tappa obbligata a Gran Canaria, quindi dovresti includerlo nel tuo programma di vacanza. Se viaggi in famiglia e i bambini sono molto piccoli, lo sconsigliamo, se sono più grandi puoi scegliere il percorso breve, che è lungo 1,5 chilometri solo andata e altrettanti ritorno. 

Idealmente, dovresti lasciare la tua auto nel parcheggio La Degollada de la Goleta. Sebbene sembri un percorso semplice, può volerci quasi un’ora per raggiungere la roccia e mezz’ora per tornare. Vacci piano, scatta foto dei panorami e goditi l’immagine di Roque Nublo e di altre rocce, delineate contro il cielo.

Il momento migliore per visitarla è la mattina o al tramonto (che è meraviglioso) dato che a mezzogiorno, in estate, in questo luogo fa caldo. Nel caso in cui effettui la visita in inverno avrai bisogno di vestiti caldi, poiché essendo molto alto farà abbastanza freddo. E, naturalmente, tenete in valigia gli scarponi da trekking visto che il terreno è accidentato e roccioso.

Approfondimenti:

Due città vicine

Sulla strada a zigzag (GC-60) che porta vicino al punto di partenza del percorso escursionistico che porta a Roque Nublo, vedrai che ci sono piccoli centri abitati, ma nessuno è bello come la città di Tejeda. Questo è uno dei borghi più belli di Gran Canaria, sia per la sua posizione tra pieghe montuose, sia per il suo profilo ricco di case bianche con tegole che contrastano con il paesaggio. 

Non hai bisogno di molto tempo per vederlo, quindi goditelo con calma. Entra nella chiesa di Nuestra Señora del Socorro e osserva i suoi punti panoramici per vedere Roque Bentayga e Roque Nublo.

A 20 chilometri di distanza (lungo la GC-60 e GC-210) un altro dei paesi che vale la pena inserire nell’agenda è Artenara da dove si possono ammirare splendidi panorami sul Roque Nublo. È anche stretto tra le montagne e ha punti di vista incredibili (dell’Angolo, dei Poeti, della Cilla, della Torre di Guardia…) e una scultura del Sacro Cuore che presiede il tutto. 

Alcuni luoghi e monumenti che attirano l’attenzione sono la chiesa di San Matías, l’eremo della Virgen de la Cueva, il Museo Etnografico Casas Cueva e il Monumento Unamuno nell’omonimo belvedere.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento