Safari in Kenya

Cercate un luogo autentico e vivace per una vacanza diversa? Il Kenya offre pianure calde con grandi insediamenti di specie lussureggianti. Questo Paese non solo offre paesaggi meravigliosi, spiagge e tradizioni tribali, ma il miglior viaggio in Kenya dovrebbe includere anche un safari. Ammirate tutte le cose che potete sperimentare e osate fare un safari in Kenya e Tanzania, un’esperienza indimenticabile.

Connettersi con il lato selvaggio della vita

La scelta di un viaggio nelle pianure africane si adatta perfettamente a tutte le situazioni. Potete condividere un’avventura in famiglia, un’avventura romantica o un’avventura con gli amici. I safari tra Kenya e Tanzania sono ideali per incontrare le specie animali autoctone, godersi la vita all’aria aperta e ammirare paesaggi unici. I famosi tramonti arancioni, gialli e viola in contrasto con il verde della terra e della terracotta sono lo sfondo ideale per le foto. In termini di fauna selvatica, un safari in Kenya vi permetterà di vedere insediamenti di leoni, leopardi, elefanti, rinoceronti, bufali, giraffe e ippopotami. Sia il Kenya che la Tanzania fanno parte della cosiddetta Grande Migrazione. È ancora più consigliabile viaggiare in determinati periodi dell’anno per vedere questo spettacolare movimento del regno animale, che comprende anche gazzelle, iene e zebre. Da un lato, c’è il calore della savana. D’altra parte, potete trascorrere qualche giorno in più esplorando la costa con le sue acque cristalline e le spiagge di sabbia bianca. Non solo potrete vedere la fauna selvatica sulla terraferma, ma anche sott’acqua in un’imponente barriera corallina.

Leggi anche: La Laguna Blu, quello che non puoi perderti durante la tua visita in Islanda

Prezzi dei safari in Kenya

A partire da 2.700 euro è possibile effettuare safari in Kenya da poco più di una settimana a quasi due settimane. Aggiungendo un paio di giorni e aggiungendo altre attrazioni turistiche all’itinerario, potrete godervi le coste dell’Oceano Indiano. A seconda del prezzo del safari e del numero di giorni e località, il pacchetto può costare fino a 7.800 euro. Tuttavia, la maggior parte dei prezzi è compresa tra 3.000 e 4.000 euro. D’altra parte, ci sono anche opzioni più economiche se si organizza il viaggio da soli piuttosto che tramite un’agenzia. In questo caso è possibile trovare diversi tour in Kenya che offrono pacchetti più economici e più brevi. Alcuni viaggiatori scelgono di recarsi direttamente nel Paese e di noleggiare i safari sul posto, nel nostro caso preferiamo prenderli a noleggio perché il safari è uno dei punti salienti del viaggio, nulla può andare storto. Preparate il vostro viaggio e lasciatevi stupire dalle meraviglie naturali del Kenya.

Itinerario Safari Kenya Tanzania

La prima tappa della vostra avventura sarà Nairobi. La capitale ospita l’aeroporto internazionale in cui arriverete e il primo parco da visitare. Dall’aereo potrete ammirare le pianure, le savane, le montagne, i vulcani, le cascate e le grandi concentrazioni d’acqua abitate dagli animali. Ci sono diversi piani e itinerari che si possono fare durante i safari Kenya-Tanzania. Ecco il piano più comune scelto da molti viaggiatori.

1. Nairobi

Il primo giorno potreste essere esausti per il lungo viaggio. È meglio godersi una breve passeggiata o semplicemente passeggiare lungo i grattacieli e i viali di Nairobi. Se ve la sentite, il giorno dopo potete visitare il Museo Karen Blixen, il mercato Maasai o il Palazzo delle Conferenze Kenyatta.

2. Amboseli

Se volete scoprire subito la fauna selvatica, il giorno successivo al vostro arrivo recatevi al Parco Nazionale Amboseli. In questa suggestiva riserva naturale è possibile effettuare un safari con vista sul famoso Monte Kilimanjaro.

3. Monte Kilimangiaro

È qui che il safari keniota si collega a quello tanzaniano. In entrambi i territori è possibile trascorrere la giornata avvistando la fauna selvatica, in parte a piedi e in parte con i familiari fuoristrada. Inoltre, è possibile visitare i crateri vulcanici del bush con escursioni guidate a piedi o in bicicletta. Per godere al massimo di ciò che il parco ha da offrire, è meglio soggiornare in uno dei suoi hotel. In questo modo, una volta terminato il secondo giorno, potrete visitare gli insediamenti di animali acquatici la mattina presto. C’è la possibilità di fare escursioni e trekking sul Kilimanjaro. In questo caso dobbiamo essere prudenti e molto attenti alle nostre condizioni fisiche, poiché questa montagna, con i suoi quasi 6.000 metri di altitudine, è la più alta dell’Africa. Quasi niente!

4. Lago Naivasha

Il lago Naivasha è un punto di sosta popolare. Qui si possono osservare uccelli caratteristici dell’Africa come i fenicotteri rosa e gruppi di ippopotami e rinoceronti che si divertono nell’acqua. Se lo desiderate, potete anche fare un giro in barca al tramonto.

5. Masai Mara

La destinazione successiva è la Riserva Nazionale Masai Mara. Questo è il luogo della Grande Migrazione, uno spostamento di circa due milioni di animali. La riserva è così grande che è meglio dividere il viaggio in almeno due giorni. Da un lato si possono effettuare due fotosafari al giorno per osservare le mandrie e scattare fotografie. Si possono incontrare erbivori come gazzelle, antilopi, giraffe, zebre e bufali e carnivori come leoni, leopardi e iene. Si può anche vedere come si svolge la vita quotidiana di queste specie nei loro bagni di fango, nell’allevamento dei piccoli e nella predazione. D’altra parte, è possibile conoscere parte della cultura del Kenya e della Tanzania nelle tribù che vivono nelle vicinanze. I tratti più caratteristici di queste tribù sono i colori vivaci dei loro abiti e le tradizioni che portano avanti, basate sulla loro vita di guerrieri e pastori nomadi. Un’altra attività a cui potete partecipare è un’esperienza unica al mondo, un safari in Kenya o in Tanzania dall’alto. In mongolfiera è possibile ammirare la distesa della savana e la fauna selvatica all’alba o al tramonto. In entrambi i casi sarete testimoni dei colori più caldi che il continente africano ha da offrire. Per godere ancora di più dell’esperienza, chiedete alla vostra guida la possibilità di consumare la colazione, il pranzo o lo spuntino nei luoghi più suggestivi, per rendere ogni momento ancora più speciale. Ricordate di seguire sempre tutte le istruzioni dell’esperto, tra cui quella di mantenere una certa distanza dagli animali e di non scattare foto o fare rumore in ogni momento.

Leggi anche: Camp Nou, il tempio blaugrana

Safari in Kenya e viaggio in spiaggia

Oltre ai giorni di osservazione della fauna selvatica, il viaggio può includere alcuni giorni sulla costa incontaminata del Kenya. Per farlo, dovrete lasciare il Masai Mara e tornare nella capitale Nairobi per prendere un volo per Mombasa, la seconda città più popolosa del Paese.

1. Mombasa

La nuova destinazione nasconde un villaggio dall’architettura moresca. La caratteristica più evidente del luogo sono le sue spiagge di sabbia bianca, dove è possibile fare un giro in cammello, praticare sport acquatici o fare un giro su una moto d’acqua. Un’altra attrazione della costa è la possibilità di vedere delfini e pescatori in azione. Inoltre, è possibile gustare la cucina tribale, portoghese e araba e acquistare oggetti di artigianato provenienti da queste tre culture.

Forte Jesus, Shri Swaminarayan Mandir e Cattedrale dello Spirito Santo

Dopo aver fatto il bagno nelle numerose spiagge, si possono scoprire gli insediamenti che mostrano il mix di culture del Kenya. Chiedete di visitare il Forte Jesus, un muro costruito dai portoghesi e ampliato dagli arabi. Visitate anche siti religiosi come il tempio indù Swaminaryan e la cattedrale cattolica dello Spirito Santo.

2. Parco nazionale marino e riserva di Watamu

La città costiera ospita il Parco Nazionale Marino di Malindi. Qui è possibile ammirare una barriera corallina e una grande varietà di fauna e flora dell’Oceano Indiano. Qui è possibile fare snorkeling o immersioni se lo si desidera. Nelle vicinanze è possibile visitare il Parco Nazionale Marino di Watamu, con grotte sottomarine e piscine naturali.

3. Rovine di Mnarani

Più a nord di Mombasa si trova la spiaggia di Kilifi. Questo luogo è meno affollato degli altri, ma più si va verso l’interno si trovano le rovine di Mnarani. Si tratta di moschee, tombe e altri resti del processo di colonizzazione del Kenya.

4. Isla de Lamu

Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, l’isola di Lamu offre numerose spiagge e storia. Qui si trova il più antico insediamento swahili dell’Africa orientale e si possono visitare il Lamu Fort, la Moschea di Riyadha e il Santuario degli Asini. Se ve la sentite, potete anche chiedere un giro in asino, un mezzo di trasporto ancora utilizzato sull’isola.

Leggi anche: Il Tempio di Poseidone a Capo Sounion

Altri aspetti da tenere in considerazione

Ricordate di rimanere idratati e di usare la protezione solare durante tutto il viaggio e più volte al giorno. Il clima del Kenya è piuttosto secco e la maggior parte dei giorni il cielo è completamente sereno, quindi il sole può scottarvi. È inoltre opportuno applicare una crema idratante e un repellente per insetti per evitare secchezza e punture indesiderate. Infine, si ricorda che per poter viaggiare è necessario sottoporsi a determinate vaccinazioni per evitare di contrarre malattie durante il viaggio. Tra le vaccinazioni obbligatorie ci sono quelle contro vari tipi di febbre, epatite, morbillo, tetano, difterite e colera. Per questo, è necessario consultare le condizioni di viaggio, perché le vaccinazioni variano a seconda della destinazione africana scelta. Il periodo migliore per lasciarsi abbagliare dalle vaste pianure e dalle spiagge turchesi è l’estate. Tra giugno, luglio e agosto il clima è più fresco, con temperature tra i 22°C e i 27°C rispetto agli oltre 30°C abituali.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento