Taj Mahal

Il Taj Mahal è un enorme mausoleo costruito nel 1632 dall’imperatore Mughal Shah Jahan come tomba della moglie. Questo monumento, che richiese 20 anni per essere completato, è una delle opere più importanti dell’architettura Mughal, che combinava influenze indiane, persiane e islamiche. Dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1983, rimane una delle strutture più celebri al mondo e un simbolo impressionante della cultura e della storia indiana. Ha più che giustificato l’onore di essere una delle sette meraviglie del mondo moderno.

Leggi anche: 12 migliori musei di Praga

Fatti sul Taj Mahal India

  • Tipo di monumento: Tempio musulmano, tomba.
  • Interesse: Culturale, artistico e turistico
  • Inizio della costruzione: 1632 D.C.
  • Costruttore: Ustad Ahmad Lahauri e Ustad Isa
  • Posizione: Agra, India settentrionale.
  • Visitatori annuali: 3 milioni
  • Patrimonio dell’Umanità: Dal 1983 dall’UNESCO
  • Altezza: 73 metri

Dove si trova Taj Mahal?

Questo fantastico monumento, considerato una delle 7 meraviglie del mondo moderno, si trova nell’India settentrionale, vicino alla città di Agra. Il complesso si trova sulla riva meridionale del fiume Yamuna, che all’epoca collegava il palazzo dell’imperatore che ne aveva ordinato la costruzione e il mausoleo.

Che cos’è il Taj Mahal?

Il Taj Mahal è un complesso di mausolei ad Agra, nello stato occidentale dell’Uttar Pradesh, nell’India settentrionale. È considerato il miglior esempio di architettura Mughal (una miscela di stili indiano, persiano e islamico). Il Taj Mahal è anche uno dei monumenti più iconici del mondo, visitato da milioni di turisti ogni anno. Il complesso è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1983.

Per chi fu costruito il Taj Mahal?

Il Taj Mahal fu costruito come tomba per Mumtaz Mahal (“Prescelta del Palazzo”) dal marito, l’imperatore Mughal Shah Jahān (regnante nel 1628-58). Morì di parto nel 1631, dopo essere stata l’inseparabile compagna dell’imperatore fin dal loro matrimonio nel 1612.

Chi era Shan Jahan?

Shan Jahan era un membro della dinastia Mughal che governò la maggior parte dell’India settentrionale dall’inizio del XVI alla metà del XVIII secolo. Salito al potere dopo aver combattuto e sconfitto i suoi fratelli, riuscì a salire al trono di Agra nel 1628.

E chi era sua moglie?

Shan Jahan sposò tre donne, ma Arjumand Banu Begum, nota come Mumtaz Mahal, era la sua moglie preferita. Il matrimonio ebbe luogo nel 1612 e dopo 19 anni, nel 1631, Mumtaz Mahal morì. Durante la sua vita, Mumtaz diede alla luce 14 figli dell’imperatore. Fu la morte della moglie a far scattare la decisione di costruire il complesso del Taj Mahal per ospitare il suo corpo e onorarla, come si può notare il nome del famoso edificio fa riferimento a lei.

Chi ha progettato il Taj Mahal?

L’architetto principale era Ustad Ahmad Lahouri, un indiano di origine persiana. In tutto, per costruire il complesso del mausoleo sono stati impiegati più di 20.000 operai indiani, persiani, europei e ottomani, oltre a 1.000 elefanti.

Storia della costruzione

I progetti del complesso sono stati attribuiti a diversi architetti dell’epoca, anche se il principale architetto fu probabilmente Ustad Aḥmad Lahawrī, un indiano di origine persiana. I cinque elementi principali del complesso – il portale principale, il giardino, lamoschea, il jawāb (letteralmente “risposta”; un edificio speculare alla moschea) e il mausoleo (compresi i quattro minareti) – furono concepiti e progettati come un’entità unitaria secondo i principi della pratica edilizia Moghul, che non consentiva aggiunte o modifiche successive. La costruzione iniziò intorno al 1632. Più di 20.000 operai provenienti dall’India, dalla Persia, dall’Impero Ottomano e dall’Europa furono impiegati per completare il mausoleo stesso entro il 1638-39 circa; gli edifici annessi furono terminati entro il 1643 e i lavori di decorazione continuarono almeno fino al 1647. In totale, la costruzione del complesso di 42 acri (17 ettari) durò 22 anni. Una tradizione racconta che Shah Jahān aveva originariamente intenzione di costruire un altro mausoleo al di là del fiume per ospitare le proprie spoglie. Questa struttura doveva essere costruita in marmo nero e doveva essere collegata con un ponte al Taj Mahal. Tuttavia, nel 1658 fu deposto dal figlio Aurangzeb e fu imprigionato per il resto della sua vita nel Forte di Agra.

Com’è il design del Taj Mahal?

La cupola centrale raggiunge un’altezza di 73 metri ed è circondata da quattro cupole più piccole. Agli angoli del portico si trovano quattro torri o minareti (caratteristici dell’Islam). Il tempio commemorativo è stato costruito in marmo bianco intarsiato con pietre preziose (giada, cristallo, lapislazzuli, ametista e turchese) disposte in vari motivi con una tecnica chiamata Pietra dura. Come è consuetudine nelle moschee islamiche, i versetti del Corano sono stati incisi in calligrafia all’ingresso e in altre sezioni. All’interno dell’edificio, una camera a otto lati in marmo con intagli e pietre ospita la finta tomba di Mumtaz Mahal. Il sarcofago reale con il suo corpo riposava sotto questa stanza, al livello del giardino.

Il resto del complesso del Taj Mahal comprende un cancello principale in pietra rossa e un giardino diviso in diverse sezioni da grandi vasche d’acqua, oltre a una moschea rossa e a un edificio identico alla moschea di fronte. Il progetto deve essere stato accuratamente pianificato e dettagliato, poiché la tradizione Moghul non permetteva di modificare il complesso una volta completato. Al centro si trova il Taj Mahal stesso, costruito in marmo bianco scintillante che sembra cambiare colore a seconda della luce del giorno. La leggenda narra che l’imperatore tagliò le mani agli architetti e ai costruttori del Taj Mahal per assicurarsi che non potessero mai ripetere una costruzione simile.

È vero che doveva essere costruito un secondo Taj Mahal?

Si dice che Shah Jahan avesse intenzione di costruire un secondo grande mausoleo oltre il fiume Yamuna dal Taj Mahal, dove sarebbe stato sepolto lui stesso. L’opera, che doveva essere simmetrica al Taj Mahal ma di colore nero, non fu completata perché il terzo figlio di Mumtaz, Aurangzeb, usurpò il trono del padre quando questi si ammalò nel 1658. Gli ultimi anni dell’imperatore Shah Jahan furono trascorsi agli arresti in una torre del forte di Agra che dominava il Taj Mahal, da dove poteva ammirare la tomba della moglie. Quando la sua vita si concluse nel 1666, Shah Mahal fu sepolto nel Taj Mahal stesso insieme alla moglie.

Cosa accadde dopo la morte dell’imperatore?

Sotto Aurangzeb (1658-1707), l’impero Mughal raggiunse il suo apice. Tuttavia, le sue decisioni contro le religioni diverse da quella musulmana (ad esempio la distruzione dei templi indù) portarono a conflitti interni che fecero crollare la sua dinastia a metà del XVIII secolo. Quando la dinastia Mughal cessò di esistere, il Taj Mahal ne subì le conseguenze e fu abbandonato. Ma alla fine del XIX secolo il viceré indiano-britannico Lord Curzon decise di restaurare questa magnifica meraviglia. Oggi il Taj Mahal riceve 3 milioni di visitatori all’anno. È una delle più grandi attrazioni dell’India e, osiamo dire, del mondo intero. Supponiamo che né l’imperatore Shan Jahan né sua moglie Mumtaz Mahal abbiano mai immaginato che il frutto del loro amore avrebbe suscitato tanta ammirazione, ma non sapremo mai la risposta.

Problemi attuali

Nel corso dei secoli il Taj Mahal è stato soggetto a incuria e degrado. Un importante restauro fu effettuato all’inizio del XX secolo sotto la direzione di Lord Curzon, allora viceré britannico dell’India. Più recentemente, l’inquinamento atmosferico causato dalle emissioni delle fonderie e di altre fabbriche vicine e dai gas di scarico dei veicoli a motore ha danneggiato il mausoleo, in particolare la sua facciata in marmo. Sono state adottate diverse misure per ridurre la minaccia al monumento, tra cui la chiusura di alcune fonderie e l’installazione di apparecchiature per il controllo dell’inquinamento in altre, la creazione di una zona cuscinetto di parco intorno al complesso e il divieto di traffico veicolare nelle vicinanze.

Nel 1998 è stato avviato un programma di restauro e ricerca per il Taj Mahal. Tuttavia, i progressi nel miglioramento delle condizioni ambientali intorno al monumento sono stati lenti. Di tanto in tanto il Taj Mahal è stato soggetto alle dinamiche politiche indiane. Tra il 1984 e il 2004 ne è stata vietata la visione notturna perché si temeva che il monumento potesse diventare un obiettivo dei militanti sikh. Inoltre, è stato sempre più considerato un simbolo culturale indiano. Alcuni gruppi nazionalisti indù hanno cercato di sminuire l’importanza dell’influenza musulmana nello spiegare le origini e il design del Taj Mahal.

Leggi anche: 15 migliori musei di Berlino

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento