Castello di Nymphenburg

A metà del XVII secolo, era già un viaggio arrivare a poco meno di 6 km dalla Residenz di Monaco di Baviera. Era abbastanza lontano per costruire una casa di campagna in cui fuggire dalla capitale durante l’estate. Da qui nasce uno dei palazzi più imponenti della Germania meridionale: il Castello di Nymphenburg. Naturalmente, ci sono due dettagli importanti da tenere a mente. Il primo è che questa “casa di campagna” non era una casa di campagna qualsiasi, ma apparteneva ai principi elettori della Baviera. In secondo luogo, è rimasta tale per secoli – anzi, lo è ancora – e non ha mai smesso di crescere, decorarsi e rinnovarsi… fino a diventare ciò che è oggi. Tanto che si guarda orgogliosamente allo specchio di Versailles, e anche il suo parco non è da meno. Preparatevi a visitare decine di camere da letto, anticamere e sale di gala; a passeggiare in un parco gigantesco con il suo canale e le sue gondole, i suoi padiglioni e persino un “villaggio” per la servitù, o a vedere alcune delle più lussuose carrozze reali. Tutto questo vi aspetta al Palazzo di Nymphenburg e, soprattutto, oggi non dovete passare tutta l’estate per approfittare del viaggio dal centro di Monaco.

Leggi anche: 

Un po’ di storia del Castello di Nymphenburg

Il Schloss Nymphenburg non è nato come il gigantesco edificio con giardino che si vede oggi. Nel 1662 nacque Massimiliano II Immanuel di Baviera e suo padre, l’Elettore Ferdinando Maria, donò alcune terre alla moglie Henrietta Adelaide di Savoia. Nel 1664 iniziò la costruzione di una casa di campagna sul terreno. Massimiliano II Emanuele di Baviera commissionò – o meglio, commissionò ad altri – la conversione della casa di campagna dei suoi genitori in una residenza estiva molto più grande. L’intera corte vi soggiornava durante i mesi estivi. Fu anche responsabile del parco del palazzo, non ancora costruito, progettato in stile barocco da architetti paesaggisti francesi. Per secoli, i sovrani bavaresi continuarono a utilizzare il Castello di Nymphenburg come residenza estiva per sé e per la propria corte, per cui il lusso era sempre presente nelle sue sale. Lusso e stili artistici diversi, dal barocco al rococò al neoclassico. E, naturalmente, non ha mai smesso di crescere in dimensioni. Oggi, nonostante sia aperto al pubblico, il Palazzo di Nymphenburg è ancora la residenza del capo della Casa di Wittelsbach, il principe elettore della Baviera, che esiste ancora oggi.

Leggi anche: Dove mangiare a Monaco di Baviera, ristoranti e birrerie

Cosa visitare al Palazzo di Nymphenburg: i musei, il parco e i palazzi del parco

Quella “poco appariscente” casa di campagna è diventata un gigante di circa 229 ettari, di cui 180 ettari di parco. Non mancano quindi i luoghi da visitare al Castello di Nymphenburg. Dalle sale e stanze del palazzo stesso ai palazzi del giardino, passando per il canale, le scuderie, il lago… Prendetevi il tempo necessario. Per darvi un’idea, l’asse nord-sud – l’intera facciata del palazzo – è lunga 632 metri, più della Reggia di Versailles. Abbiamo trascorso quasi quattro ore e mezza lì, e ci siamo persi un bel po’ di cose…

Il palazzo stesso

Principi elettori, principesse e regine sono nati e morti nelle stanze del Palazzo di Nymphenburg. Qui nacque il famoso Ludwig II di Baviera, del castello di Neuschwanstein: la stanza in cui nacque è visitabile e conserva gli arredi originali. Dipinti, sedie e poltrone, sete alle pareti, affreschi sui soffitti, gallerie che collegano le diverse ali, letti, lampadari, vasi, orologi, tavoli, stemmi, lampade, caminetti… un’esposizione che può essere un po’ opprimente. La prima stanza, tuttavia, è stata quella che ci ha colpito di più. Stiamo parlando della Sala Grande, proprio al centro del palazzo e ridipinta da Massimiliano III Giuseppe di Baviera a metà del XVIII secolo. Certo, non l’ha fatta lui, ma ha incaricato Johann Baptist Zimmerman di dipingere gli stucchi e le dorature delle pareti, le finestre che danno sul giardino e il soffitto con… Flora, la ninfa – ricordate, Nymphenburg – dea dei fiori. Si potrebbe dire che il palazzo non riserva il meglio per ultimo. Da non perdere anche l’originale Galleria delle Bellezze di Re Ludwig I di Baviera. Tra il 1827 e il 1850, il pittore di corte ritrasse donne di tutte le classi sociali – dalla figlia di un calzolaio alla figlia di un re – in 36 tele. La scelta dei modelli si basava sulle preferenze del re. La collezione era aperta al pubblico nella Residenz di Monaco ed era una tappa obbligata della città già nel XIX secolo.

Parco di Nymphenburg

Anche il parco del Palazzo di Nymphenburg è cambiato nel corso dei secoli. I 180 ettari furono creati come giardino barocco sul modello di Versailles per ordine di Massimiliano II Immanuel di Baviera. Non cercatelo, all’inizio del XIX secolo è stato ridisegnato in stile inglese. Non cercate il parco francese, ma sono rimasti un paio di elementi del progetto originale. Due elementi che, a nostro avviso, sono il fiore all’occhiello del parco. Stiamo parlando del Grande Parterre con la fontana di fronte al palazzo – lo vedrete dalla Sala Grande – e del Canal Grande – sì, tutto è “grandioso”. A proposito, se ve la sentite, potete fare un giro lungo il canale su una gondola! Il costo è di 15 euro a persona, 65 euro se si desidera l’intera gondola. Con 180 ettari, non si sarebbero fermati alla sola vegetazione. Nella prima metà del XVIII secolo furono costruiti anche quattro palazzi/padiglioni disposti simmetricamente lungo l’asse del parco. Le prime tre, nell’ordine in cui le abbiamo visitate, furono costruite durante il regno di Massimiliano II Immanuel di Baviera.

La Magdalenenklause

La Magdalenenklause, la cappella della Maddalena, è uno dei primi edifici in Europa ad essere stato progettato come una rovina. Il Romanticismo idealizzava gli edifici in rovina e negli anni Venti del XVII secolo non poteva aspettare che il tempo facesse il suo lavoro, quindi fu progettato come una rovina. All’interno si trovano una cappella in una falsa grotta e gli appartamenti dell’Elettore con una decorazione semplice, anche se sulle pareti si trovano 180 incisioni con motivi religiosi. L’eremo era inteso come luogo di contemplazione religiosa e di penitenza, anche se nel seminterrato c’erano anche una cucina e una pasticceria.

Il pagodenburg

Il Pagodenburg fu il primo padiglione del parco del Palazzo di Nymphenburg: fu costruito tra il 1716 e il 1721. Il nome Pagodenburg deriva dalle piccole figure di divinità cinesi che fanno parte della sua decorazione, figure note come “pagode “. Non solo le divinità cinesi, ma anche le lacche cinesi e i rivestimenti delle stanze al piano superiore ne fanno un esempio di edificio in stile cinese così popolare nell’Europa del primo Settecento. O almeno così abbiamo letto, perché proprio mentre visitavamo il palazzo, il Pagodenburg era chiuso per ristrutturazione.

Il badenburg

Ci siamo persi lo stile cinese nel Pagodenburg, ma siamo riusciti a vederlo nel Badenburg. Era così di moda che furono costruiti due palazzi in questo stile. A Badenburg non mancano sete, lacche e porcellane importate dall’Asia orientale. Osservate bene la decorazione delle pareti con sete cinesi dipinte e i soffitti. Ma la caratteristica più sorprendente del Badenburg è la piscina interna. Sì, all’inizio del XVIII secolo l’Elettore fece costruire una piscina coperta rivestita di piastrelle di Delft. L’acqua arrivava alla piscina attraverso una stazione di pompaggio – la casa verde delle pompe. Raggiungeva la piscina e le fontane del parco dallo stesso punto. Nella seconda metà del XVIII secolo, intorno alla casa delle pompe furono costruite altre case per i servitori del tribunale. Sono stati costruiti come un piccolo villaggio idilliaco nel mezzo di una foresta.

L’Amalienburg

L’Amalienburg, il più sontuoso dei palazzi del parco, era la residenza di caccia di Carlo Alberto di Wittelsbach e Sobieski dedicata alla moglie. È considerato uno dei migliori esempi di rococò tedesco, quindi non dovreste perdervelo. Stucchi, sete dipinte, quadri, lampadari, argenti e ori, camini, grandi sale di gala, piastrelle dipinte… e persino una cucina per Maria Amalia di Baviera. Ma non una cucina qualsiasi, bensì una cucina in stile olandese con decorazioni in stile… cinese. Sì, l’orientale era ancora di moda.

Il museo delle carrozze e la collezione di porcellane

Il Marstallmuseum si trova nelle ex scuderie del Palazzo di Nymphenburg. Uno dei più importanti musei di carrozze di corte, viaggi e cultura equestre del mondo, secondo la brochure, ovviamente. Carrozze dell’incoronazione, slitte di gala, finimenti, immagini storiche… Il Marstallmuseum è qui dal 1952, prima si trovava nella Marstallplatz, vicino alla Residenz di Monaco, dove i cavalli e le carrozze erano conservati in inverno. C’è anche una “galleria delle bellezze” equestri, con i ritratti dei cavalli di Ludovico II di Baviera. Sopra il Marstallmuseum si trova la Collezione Bäuml di porcellane di Nymphenburg. La manifattura di porcellana di Nymphenburg fu fondata nel 1747 e rimase in attività fino agli anni Venti. Dobbiamo confessare che non siamo entrati in nessuno dei due. Abbiamo esaurito il tempo a disposizione per visitare il palazzo, il parco e i padiglioni, e avevamo altre Monaco da visitare.

Palazzo di Nymphenburg: biglietti, prezzi e orari di apertura

Con così tanti spazi, edifici, padiglioni, giardini… è chiaro che bisogna essere preparati per una visita al Palazzo di Nymphenburg. Il complesso è aperto tutti i giorni dell’anno tranne il 1° gennaio, il martedì grasso e il 24, 25 e 31 dicembre. L’orario varia:

  • Il palazzo, il Marstallmuseum e la collezione di porcellane sono aperti tutti i giorni dalle 9 alle 18 dal 1° aprile al 15 ottobre e dalle 10 alle 16 nel resto dell’anno;
  • I padiglioni/palchi del parco sono aperti solo dal 1° aprile al 15 ottobre dalle 9.00 alle 18.00;
  • Il parco è aperto dalle 6.00 alle 18.00 (da gennaio a marzo, novembre e dicembre), dalle 20.00 (aprile e ottobre) e dalle 21.30 (da maggio a settembre).

Anche il biglietto d’ingresso varia a seconda di ciò che si vuole visitare:

  • Per il palazzo: 8 euro;
  • Per il Marstallmuseum e la collezione di porcellane: 6 euro;
  • Per i padiglioni del parco: 5 € per una combinazione di tutti i padiglioni;
  • Il parco è gratuito.
  • Tutte le informazioni sono disponibili sul sito ufficiale del palazzo.

Leggi anche: Dove sciare in Austria, 10 stazioni sciistiche

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento