cupola del Reichstag

Una delle cose da non perdere se si va a Berlino è la visita alla cupola del Reichstag. È gratuito, è semplice e, oltre a trovarsi all’interno dell’edificio del Parlamento tedesco, potrete godere di una vista mozzafiato su tutta la città. Volete sapere come organizzare la vostra visita alla cupola del Reichstag? Questo è il tuo post. Nel post su cosa vedere a Berlino, capitale e città più importante della Germania vi ho già dato un’anteprima di ciò che potete vedere nel Reichstag, ma scaviamo un po’ più a fondo. La cupola del parlamento Berlino è un concentrato di storia ed architettura d’avanguardia che convivono amorevolmente. Ci sono tante cose da vedere al Palazzo del Reichstag e tanti angoli curiosi da scoprire.

La storia del Palazzo del Reichstag

Il Reichstag Berlin è la sede del Parlamento tedesco. Si tratta di un edificio classico, costruito nel 1894 e con molta storia alle spalle. Nei primi anni fu il Parlamento dell’Impero tedesco e, dopo la Prima guerra mondiale, la sede del Parlamento della Repubblica di Weimar. Nel 1933 subì un terribile incendio, di cui non furono mai scoperti i colpevoli, anche se ne beneficiarono chiaramente i nazisti che, di conseguenza, ebbero la scusa perfetta per perseguitare e terrorizzare tutti i loro nemici politici. Hitler era appena stato nominato cancelliere e non era più parsimonioso. Il Parlamento di Berlino fu gravemente danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale, subendo numerosi bombardamenti e attacchi durante la Battaglia di Berlino. Era stato lasciato in uno stato di semi-rovina, nel mezzo di una città divisa in due. Nei primi anni della nuova Germania, la cupola fu demolita e la maggior parte delle decorazioni esterne scomparve. Dopo la costruzione del Muro di Berlino, il Reichstag è rimasto sul lato orientale, quasi accanto al muro. Era frequente vedere persone sui tetti per dare un’occhiata alla parte della città a cui non potevano accedere.

Leggi anche: 21 migliori musei di Berlino

La riforma di Foster

Dopo la riunificazione tedesca, con la caduta del Muro di Berlino, sono state eseguite nuove ristrutturazioni e ricostruzioni in tutta la città. La ristrutturazione dell’edificio del Parlamento tedesco fu oggetto di una gara d’appalto e Norman Foster vinse con un progetto che non aveva nulla a che vedere con quello che vediamo oggi. Le prime idee presentate dall’architetto inglese non si realizzarono e finalmente, nel 1995, fu approvata la Cupola del Reichstag di vetro che oggi possiamo vedere e attraversare. La grande attrattiva di questo progetto è proprio questa. Una cupola di vetro con una scala a chiocciola all’interno che permette una vista a 360º dell’intera città. È anche efficiente dal punto di vista energetico e serve per l’illuminazione e la ventilazione della sala plenaria che possiamo vedere appena sotto. Il cono di specchi al centro della cupola serve a dirigere la luce verso l’interno (e a riflettervi con grazia quando scattate le foto). L’edificio era talmente danneggiato da dover essere completamente ristrutturato, e il progetto non riguarda solo la Cupola Reichstag, anche se è la parte più spettacolare dell’edificio. Sono state create nuove sale, stanze e passaggi, rispettando il più possibile gli elementi originali. Quelli che non è stato possibile salvare sono stati sostituiti con materiali più moderni, rendendo evidente la differenza tra le parti nuove e quelle vecchie. Su alcuni muri sono ancora visibili i graffiti lasciati dai soldati russi quando hanno liberato Berlino.

Come visitare la Cupola del Reichstag

Per visitare la cupola del Reichstag è necessario prenotare un giorno e un orario attraverso il sito web del Reichstag. Non costa nulla, ma senza biglietto o prenotazione non si può entrare. Se non avete prenotato e volete tentare la fortuna, potrebbe esserci ancora qualche ora a disposizione. In questo caso, è meglio recarsi al centro visitatori (proprio dietro l’edificio del Reichstag, accanto al parco) e chiedere. Di solito c’è una lunga coda e non ci sono sempre posti liberi, quindi la cosa migliore da fare è prenotare online. Con la prenotazione dovrete solo passare il controllo di sicurezza. Al momento della prenotazione vi verrà chiesto il vostro nome e documento d’identità e quello dei vostri accompagnatori. Sarete inseriti nella lista e quindi, se non volete, non dovrete portare nulla di stampato. Il vostro documento d’identità è sufficiente. Ricordatevi di arrivare 15 minuti prima dell’orario di prenotazione per passare attraverso lo scanner dell’aeroporto e incontrare il vostro gruppo prima dell’arrivo delle guide.

Visita alla cupola del Reichstag

Una volta superato lo scanner e riunito l’intero gruppo, verrete portati al quarto piano in ascensore. Lì potrete ritirare l’audioguida (gratuita) e un libretto in cui potrete seguire le spiegazioni. Non c’è un limite di tempo per la permanenza al piano superiore, ma così facendo si entra con un gruppo, e si esce con un altro. Quando ci si stanca di scattare foto e di guardare dalla terrazza esterna alla cupola, si può entrare nella cupola. L’audioguida inizia a parlare automaticamente quando si inizia a salire le scale. Vi racconta la storia dell’edificio, la ristrutturazione di Foster e la storia di Berlino, e vi dice cosa potete vedere salendo. La vista sulla città è mozzafiato. Alla fine della rampa vi troverete nel punto più alto del Reichstag, il ponte di osservazione della cupola. Da lì si ha una vista a 360º di Berlino. L’audioguida continua a raccontarvi la città sulla rampa di discesa e nella mostra fotografica alla base della cupola. Ricordate che se volete assistere a una sessione plenaria del Parlamento, potete effettuare la prenotazione sullo stesso sito web. È gratuito. Ci siamo divertiti a scendere e a scattare foto anche all’esterno della cupola, sul tetto dell’edificio. Una volta terminata la visita, basta consegnare l’audioguida e attendere che l’ascensore vi faccia scendere. Se potete, non perdetevi la visita alla cupola del Reichstag. Potrete imparare molto sulla storia di Berlino dalle viscere del suo Parlamento.

Leggi anche: Cosa vedere a Berlino, capitale e città più importante della Germania

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento