Porto Venere

Porto Venere è una località della Riviera Ligure nota per il suo pittoresco porto fiancheggiato da case dai colori sgargianti e per la Chiesa di San Pietro, arroccata ai margini del promontorio roccioso. Strette strade medievali conducono su per la collina fino a un castello. La via principale, a cui si accede dall’antica porta cittadina, è fiancheggiata da negozi. Nelle vicinanze si trova la Grotta di Byron, in una zona rocciosa che porta al mare dove il poeta Byron era solito nuotare. La città, insieme alle vicine Cinque Terre, è uno dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO del Nord Italia. Di solito è meno affollata dei paesi delle Cinque Terre.

Leggi anche: Manarola, più piccolo dei cinque paesi delle Cinque Terre

Dove si trova Porto Venere

Porto Venere (a volte lo vedrai scritto come Portovenere) si trova su una penisola rocciosa nel Golfo dei Poeti, un’area del Golfo della Spezia un tempo popolare tra scrittori come Byron, Shelley e DH Lawrence. Si trova dall’altra parte della baia rispetto a Lerici e a sud-est delle Cinque Terre, nella regione Liguria. Vedi Porto Venere e i paesi vicini sulla nostra mappa e guida della Riviera Ligure.

Storia di Porto Venere

L’area è stata occupata sin da prima dell’era romana. La Chiesa di San Pietro si trova su un sito che si crede fosse un tempio di Venere, Venere in italiano, da cui Porto Venere (o Portovenere) prende il nome. Il paese fu roccaforte dei Genovesi in epoca medievale e fu fortificato a difesa di Pisa. Una battaglia con gli Aragonesi nel 1494 segnò la fine dell’importanza di Porto Venere. All’inizio del XIX secolo era una destinazione popolare per i poeti romantici inglesi. Infatti, nel 1822, Percy Bysshe Shelley annegò dopo che la sua barca fu colta da un’improvvisa tempesta nel vicino Golfo della Spezia.

Leggi anche: Monterosso al Mare: la guida completa

Cosa vedere a Porto Venere

Chiesa di San Pietro: Arroccata su uno sperone roccioso, la Chiesa di San Pietro ebbe origine nel VI secolo. Nel XIII secolo furono aggiunti un campanile e un’estensione in stile gotico con fasce di pietra bianca e nera. La loggetta romanica ha archi che incorniciano la costa e la chiesa è circondata da fortificazioni. Dal sentiero che porta al castello si ha una bella vista sulla chiesa.

Chiesa di San Lorenzo: La Chiesa di San Lorenzo fu edificata nel XII secolo e presenta una facciata romanica. I danni causati dal fuoco dei cannoni, il peggiore nel 1494, fecero ricostruire più volte la chiesa e il campanile. La pala d’altare marmorea del XV secolo custodisce un piccolo dipinto della Madonna Bianca. Secondo la leggenda, l’immagine fu portata qui nel 1204 dal mare e fu miracolosamente trasformata nella sua forma attuale il 17 agosto 1399. Il miracolo si celebra ogni 17 agosto con una fiaccolata.

Fortezza di Porto Venere – Castello dei Doria: Costruito dai Genovesi tra il XII e il XVII secolo, il Castello dei Doria domina il paese. Ci sono anche diverse torri sopravvissute sulla collina. È una bella passeggiata fino al castello e la collina offre splendidi panorami sulla Chiesa di San Pietro e sul mare.

Centro Medioevale di Porto Venere: Si accede al borgo medievale attraverso l’antica porta della città con sopra un’iscrizione latina del 1113. Via Capellini, la stretta via principale, è fiancheggiata da negozi e ristoranti. Passerelle a volta, dette capitoli, e scale salgono sul colle. Auto e camion non possono circolare qui.

Porto di Porto Venere: La passeggiata lungo il porto è una zona pedonale. Il lungomare è fiancheggiato da alte case colorate, ristoranti di pesce e bar. Pescherecci, barche da escursione e barche private punteggiano l’acqua. Dall’altro lato della punta si trova la Grotta di Byron, un’area rocciosa dove Byron veniva a nuotare. Ci sono diversi luoghi rocciosi dove è possibile fare il bagno ma non spiagge sabbiose. Per nuotare e prendere il sole, la maggior parte delle persone si dirige verso l’isola Palmaria.

Isole: ci sono tre isole interessanti appena oltre lo stretto. Le isole furono un tempo colonizzate dai monaci benedettini e ora fanno parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. I battelli da escursione da Porto Venere effettuano gite intorno alle isole.

  • Palmaria è l’isola più grande e ha belle spiagge. È raggiungibile in traghetto o taxi in barca da Portovenere e qui ferma anche il traghetto da La Spezia. Il clou dell’isola è la Grotta Azzurra, accessibile solo dal mare. Un’altra interessante grotta, la Grotta dei Colombi, è raggiungibile tramite un difficile sentiero escursionistico. Qui sono stati trovati reperti del periodo mesolitico.
  • Tino è ormai zona militare aperta ai visitatori il 13 settembre per la festa di San Venerio. Tino custodisce i resti dell’abbazia di San Venerio dell’XI secolo.
  • Il Tinetto è poco più di uno scoglio ed è anche zona militare. Ospita un monastero del VI secolo.

Leggi anche: Vernazza: la guida completa

Come arrivare a Porto Venere

Non esiste un servizio ferroviario per Porto Venere, quindi il modo più semplice per arrivarci è in traghetto dalle Cinque Terre, Lerici o La Spezia (una città sulla linea ferroviaria principale che corre lungo la costa italiana). I traghetti partono frequentemente dal 1 aprile. C’è una strada stretta e tortuosa dall’autostrada A12, ma il parcheggio è difficile in estate. C’è anche un servizio di autobus da La Spezia.

Dove alloggiare a Porto Venere

  • Il Grand Hotel Portovenere è un albergo 5 stelle in un ex convento del 17° secolo sul lungomare nel centro del paese.
  • Il Royal Sporting Hotel, è una struttura a 4 stelle sul lungomare appena fuori città e dispone di una piscina e di un ristorante.
  • Un’opzione economica in città è l’ostello, Ostello Porto Venere.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento