Tempio di Zeus Olimpio

La città di Atene, dalla corona viola, conta migliaia di anni e porta sulle spalle un mondo di storia e cultura, due elementi che sono evidenti negli affascinanti siti archeologici che dominano i punti più centrali della città. Uno di questi siti archeologici è il Tempio di Zeus Olimpio, uno dei resti più significativi dell’antichità che decora il centro della città e può essere ammirato da lontano sia dagli abitanti che dai visitatori che passeggiano per le strade della capitale greca. Ma cosa vedrete se vi avvicinerete al Tempio di Zeus Olimpio?

La posizione

Il Tempio di Zeus Olimpio si trova a circa 500 m a sud-est dell’Acropoli e del Museo dell’Acropoli e a circa 700 m a sud del centro di Atene, Piazza Syntagma. Fu costruito per essere il più grande tempio dell’antica Grecia e riuscì nel suo intento. Essendo il più grande tempio degli anni ellenistici e dell’impero romano, la sua costruzione iniziò nel VI secolo a.C., precisamente nel 515 a.C., ad opera del nipote di Pisistrato, Pisistrato il Giovane.

Leggi anche: Nel Palazzo di Cnosso per svelare i misteri minoici

La costruzione del Tempio di Zeus Olimpio

Secondo Aristotele, Pisistrato decise di costruire il famoso Tempio di Zeus Olimpio seguendo la ben nota tattica di molti altri tiranni, che cercavano di compiacere le folle e guadagnare popolarità per evitare che i cittadini si ribellassero al duro governo. Secondo una teoria contraddittoria, sostenuta dall’antico viaggiatore greco Pausania, il Tempio di Zeus Olimpio fu fondato da Deucalione, antenato dei Greci, per onorare Zeus Olimpico, che lo aveva salvato da un’inondazione. Quando la tirannia di Pisistrato fu rovesciata, il progetto fu dimezzato, ma era già stata raccolta un’enorme quantità di materiale da costruzione. Parte di questo materiale fu utilizzato 30 più tardi per la costruzione del Muro di Temistocle. Molti tentarono di continuare l’erezione del tempio. 300 anni dopo, nel 174 a.C., Antioco IV, eminente re di Siria, cercò di continuare l’opera di Pisistrato utilizzando come architetto l’imperatore romano Cossuzio. Anche in questo caso, però, il tempio rimase senza tetto e senza frontoni. Alla fine, però, il Tempio di Zeus Olimpio fu completato nel 132 d.C. dall’imperatore Adriano, che giunse ad Atene nel 124 d.C., divenne cittadino ateniese e apportò grandi benefici alla città.

Il Tempio di Zeus dell’Olimpo

L’imperatore romano Adriano costruì la nota porta che prese il suo nome, oggi chiamata Arco di Adriano, vicino al muro che separava la nuova dall’antica città di Atene dell’epoca. Nella sua forma definitiva, il Tempio di Zeus Olimpio è realizzato in marmo pentelico. Il ritmo dell’Arco di Adriano è corinzio. La sua lunghezza supera i 100 metri e la sua larghezza si estende per 40 metri. Per quanto riguarda le famose colonne di Adriano, alcune delle quali sono praticamente l’unica cosa sopravvissuta oggi, il totale era di 104. Erano alti 17 metri e avevano un diametro di 2,6 metri, mentre ognuno pesava 364 tonnellate!

Il Tempio di Zeus Olimpio fu costruito a imitazione dei templi di Artemide a Efeso e di Heraion a Samo. Il tempio di Adriano e l’area circostante erano decorati con statue di Adriano, degli dei e delle personificazioni delle province romane. Inoltre, gli ateniesi costruirono un’enorme statua di Adriano dietro l’edificio per onorare la generosità di Adriano. Una statua altrettanto imponente, questa volta del dio greco Zeus, fu collocata all’interno del Tempio di Zeus Olimpio. La leggenda narra che per questa grande statua Adriano abbia utilizzato la crisoelefantina, un materiale che anche all’epoca era considerato superato, imitando la statua di Atena di Fidia nel tempio del Partenone, per attirare l’attenzione sia sul tempio che su di sé.

Il Tempio di Zeus dell’Olimpo

La maggior parte delle informazioni riguardanti i dintorni e l’interno del Tempio di Zeus Olimpio ci sono giunte attraverso i libri di Pausania, che descrive il tempio come era nel II secolo con le seguenti parole: Davanti all’ingresso, dico, si trovano statue di Adriano, due di pietra tasiana, due egiziane. Davanti ai pilastri ci sono statue di bronzo che gli ateniesi chiamano “colonie”. L’intera circonferenza dei recinti è di circa quattro stati, ed è piena di statue; all’interno dei recinti ci sono antichità: uno Zeus olimpico di bronzo, un tempio di Crono e di Rea, e un recinto di Gaia (Terra) chiamato Olimpiade. Ci sono anche statue in marmo frigio di persiani che sostengono un tripode di bronzo; sia le figure che il tripode meritano di essere visti”.

Leggi anche: Cosa vedere a Epidauro e perché è un must per le famiglie

Il crollo della più grande impresa dell’imperatore romano Adriano

A partire dal 500 d.C., il tempio cominciò a crollare gradualmente e le colonne corinzie iniziarono a cadere. Al contrario, il tempio forniva materiali per la costruzione o la ristrutturazione delle case e delle chiese dell’Atene medievale. È interessante notare che sappiamo esattamente cosa è successo a una delle colonne del Tempio di Zeus Olimpio, poiché è stato scritto su una delle quindici colonne superstiti. L’iscrizione recita “il 27 aprile 1759 abbatté la colonna”, con il soggetto della frase che si riferisce al governatore turco di Atene, Mustapha Agha Tzistarakis. Quest’ultimo avrebbe riutilizzato il marmo della colonna per realizzare l’intonaco della moschea di Tzistarakis, che oggi adorna la vivace piazza Monastiraki. Fino all’inizio del XIX secolo, solo 16 delle colonne corinzie del tempio rimasero in piedi, ma una terribile tempesta nel 1852 fece cadere la sedicesima colonna, che rimane nello stesso punto in cui è caduta oggi.

Lo scavo che ha riportato alla luce il mondo antico

Il tempio fu scavato dalla stessa persona che ebbe un ruolo importante nel restauro del Partenone, Francis Penrose della British School di Atene, nel 1889-1896. Fu ulteriormente scavata nel 1922 da archeologi greci e tedeschi. In particolare dall’archeologo tedesco Gabriel Welter e negli anni ’60 da un gruppo di archeologi greci guidati da Ioannes Travlos. Grazie alla sua posizione centrale, il Tempio di Zeus Olimpio si trova a pochi passi dalla maggior parte dei punti di riferimento di Atene. È vicino al sito archeologico dell’Acropoli e al Museo dell’Acropoli, alla centrale Piazza Syntagma, allo storico Stadio Panathenaic e ai Giardini Nazionali. Inoltre, si trova a pochi passi dall’Agorà antica e dall’Agorà romana, siti antichi che non possono mancare nel vostro itinerario di Atene.

Le vostre domande

  1. Cosa è successo al colossale Tempio di Zeus dell’Olimpo? Nel 267 d.C., un’invasione barbarica mise a rischio il tempio, che cadde in disuso. Ovviamente, non fu riparato o rovinato per sempre.
  2. A cosa serviva il Tempio di Zeus dell’Olimpo? Il Tempio di Zeus dell’Olimpo fu utilizzato come antico santuario per onorare il padre di tutti gli dei dell’Olimpo, il dio capo Zeus. Era utilizzato come luogo di culto, mentre le sue dimensioni imponenti, che superavano quelle degli altri siti antichi, catturavano l’attenzione del mondo antico.
  3. Il Tempio di Zeus dell’Olimpo è ancora in piedi? Il tempio ha sofferto nel corso dei secoli, ma gran parte del suo contenuto è stato utilizzato per realizzare altre costruzioni, tanto che oggi rimangono solo 15 delle colonne sul sito del Tempio di Zeus dell’Olimpo.
  4. L’ingresso al Tempio di Zeus dell’Olimpo è gratuito? L’ingresso al Tempio di Zeus dell’Olimpo non è gratuito. Gli ospiti devono acquistare i biglietti, che costano circa 10 euro per il biglietto intero per adulti, mentre sono disponibili prezzi ridotti per bambini piccoli, studenti e anziani.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento