Curiosità storiche e come visitare la città sotterranea di Napoli

By | Marzo 23, 2021
napoli sotterranea

Una delle visite più incredibili che puoi fare durante il tuo giro turistico a Napoli è visitare la città sotterranea. Inoltre, visitare Napoli sotterranea è fondamentale per conoscere e approfondire la storia di questa speciale città del sud Italia. Ma che cos’è Napoli Sotterranea?


Storia di Napoli Sotterranea

È un impressionante labirinto di gallerie e tunnel che attraversano le metropolitane della storica città di Napoli, in particolare, i quartieri spagnoli. Di seguito trovi 6 fatti chiave e curiosità per conoscere la sua storia.

Gallerie per la conservazione dell’acqua a Napoli

La Napoli sotterranea risale all’anno 470 a.C., quando i Greci che abitavano la zona ebbero la necessità di creare serbatoi sotterranei per l’immagazzinamento dell’acqua, iniziarono a creare grandi cisterne sotterranee. I romani ampliarono l’acquedotto interno, in modo che le gallerie d’acqua fossero collegate con gallerie e il loro stoccaggio fosse regolamentato.

Materiale per costruire gli edifici di Napoli

La geologia del tufo o tufo vulcanico, un materiale molto leggero e poroso, ha facilitato l’estrazione dei materiali, che sono stati utilizzati anche per costruire gli edifici della città di Neapolis. Con l’arrivo a Napoli di Carlo I d’Angiò, nel 1266, si accentuò l’estrazione del tufo vulcanico per la costruzione di edifici in città.

E alla fine del Seicento, per limitare la crescita disordinata di Napoli, fu vietata l’introduzione in città di materiali da costruzione. Ciò portò i napoletani ad intensificare il processo, da un lato, di estrazione del tufo vulcanico dal sottosuolo, e dall’altro, la contemporanea espansione dei depositi idrici.

Fine utilizzo dei serbatoi d’acqua sotterranei

Infine, nel 1885, dopo una grave epidemia di colera, si decise di smettere di utilizzare le cisterne sotterranee di Napoli. A quel punto, la città aveva già un incredibile labirinto di gallerie e tunnel sotterranei, a cui si accedeva da lunghi pozzi che scendevano da ciascuna delle case nei quartieri spagnoli di Napoli.

Rifugi di Napoli nella seconda guerra mondiale

napoli sotterranea

La Napoli sotterranea ebbe in seguito un altro importante utilizzo. Durante la seconda guerra mondiale, la Napoli sotterranea divenne un grande rifugio per difendersi dai bombardamenti della città. Ufficialmente sono stati ufficializzati 436 rifugi con le attrezzature necessarie in modo che fino a 200.000 persone potessero rimanere in essi durante i bombardamenti.


Uso della Napoli sotterranea come discarica

Dopo la guerra, e per la mancanza di mezzi di trasporto a Napoli, la città sotterranea iniziò ad essere utilizzata come discarica, tanto che i pozzi e i depositi iniziarono a crollare.

Recupero della Napoli sotterranea

A seguito dell’inizio dei lavori di costruzione della Metropolitana di Napoli negli anni ’60, e dopo varie alluvioni, è iniziato un graduale processo di recupero della città sotterranea.

Questo recupero permette oggi, visitando Napoli, di partecipare a un incredibile tour guidato delle gallerie e dei cunicoli della storica città sotterranea.

Cosa vedere nella visita guidata di Napoli Sotterranea

Durante il nostro viaggio a Napoli ci siamo iscritti alla visita guidata realizzata dall’Associazione Culturale Napoli e la città sotterranea .

Per partecipare a questa  visita guidata della Napoli sotterranea, non è necessario prenotare in anticipo, basta trovarsi all’orario di partenza nella centralissima piazza Trieste e Trento, adiacente alla grande Piazza del Plebiscito.

L’incontro con la guida avviene davanti al Caffè Gambrinus, uno dei più famosi di Napoli.

Per accedere alla  città sotterranea di Napoli, insieme a tutto il gruppo di visitatori bisogna entrare nel labirintico Quartieri Spagnoli, risalendo una delle sue strade fino a raggiungere la porta di un locale.

In questa è la scala dalla quale si scende a circa 50 metri sotto il livello del suolo, fino a raggiungere un ampio ballatoio.


In questa galleria sotterranea è dove tutti i visitatori si siedono per ascoltare una prima introduzione alla Napoli sotterranea da parte della guida.

Date le caratteristiche della visita, poco importa che il gruppo sia molto numeroso (saremmo circa 40 persone …), in quanto non ci sono problemi ad ascoltare le spiegazioni.

Peccato che queste siano solo in italiano “napoletano“, il che rende difficile comprendere tutti i dettagli delle spiegazioni di cui sopra.

La guida è molto espressiva e “autentica“, e le sue spiegazioni sono integrate da molte battute, che nella maggior parte dei casi è triste non capire.

Per il tour delle diverse gallerie della città sotterranea di Napoli è necessario indossare abiti comodi, in quanto una grande attrazione della visita è il dover attraversare tre tratti di cunicoli molto, molto, molto stretti, che servivano per il passaggio dell’acqua tra le diverse gallerie.

Si noti inoltre che la temperatura ambiente nella  Napoli sotterranea è piuttosto fresca, anche se è estate.

Se soffri di claustrofobia, non è certamente consigliabile attraversare questi tunnel stretti. Le gallerie e le stanze, ovviamente, sono molto spaziose.


Per il tuo viaggio in questa città del sud Italia, e oltre alla possibile visita alla città sotterranea, qui hai informazioni su cosa fare e vedere a Napoli.

Anche se sei chiatto (grasso) non riuscirai a passare, ma non preoccuparti, la guida ti accompagnerà per altri itinerari alternativi.

Finalmente, dopo un’ora di visita, è il momento di salire un’altra scalinata per apparire, a sorpresa, nel cortile di una casa nella zona bassa dei Quartieri Spagnoli, molto vicino alla caffetteria dove inizialmente abbiamo incontrato la guida.

Insomma, una visita molto curiosa e consigliata …

Orari visita Napoli Sotterranea

Gli orari per visitare la Napoli Sotterranea sono, in condizioni normali, tutto l’anno, dal lunedì al venerdì, alle 10, 12 e 16:30; sabato, alle 10, 12, 16:30 e 18 ore; e la domenica e i giorni festivi, alle ore 10, 11, 12, 16:30 e 18.

Il  biglietto d’ingresso per la visita guidata della Napoli Sotterranea  è di 10 euro a persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.