Parco Archeologico della Valle dei Templi in Sicilia: la guida completa

By | Giugno 27, 2022
Valle dei Templi

Il Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, lo troviamo sempre al primo posto nelle cose fa fare e vedere in Sicilia. Uno dei siti archeologici più importanti del Mediterraneo, la Valle dei Templi è notevole per la sua lunga storia, la sua importanza nel mondo antico e la sua testimonianza dell’influenza e dell’ampiezza dell’antica Grecia. La Valle dei Templi è Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 1997 e i visitatori per la prima volta in Sicilia dovrebbero assolutamente fare una sosta qui. Ecco tutto quello che c’è da sapere per visitare questo incredibile sito archeologico, oggi operativo come Parco Archeologico della Valle dei Templi.


Leggi anche: Come visitare la Valle dei Re in Egitto

Storia della Valle dei Templi di Agrigento

Agrigento (Akragas in greco) fu fondata dai Greci nel VI secolo a.C. Quello che era iniziato come un avamposto minore divenne presto una delle città più importanti del Mediterraneo. Per secoli Agrigento e altre città greche in Sicilia si trovarono nel fuoco incrociato delle frequenti guerre regionali tra Siracusa, Corinto e Cartagine. Durante le guerre puniche del III e II secolo aC, Agrigento fu il premio ricercato sia dai Cartaginesi che dai Romani. Nel I secolo d.C. e con l’ascesa dell’Impero Romano, divenne ancora una volta un prosperoso centro commerciale. Nel corso dei secoli si susseguirono conquiste bizantine, arabe e normanne, con frequenti saccheggi della città di Agrigento. La moderna città di Agrigento contiene un misto di architettura medievale, bizantina e più recente, con la maggior parte dei resti della città vecchia sepolti sotto. Ma la vera attrazione di Agrigento si trova appena fuori dalla città vecchia. La Valle dei Templi è un vasto campo di templi in rovina che parlano dell’importanza dell’antica Akragas durante il culmine della sua fase greca. I resti di quei sette templi, così come altre sezioni del sito di 3.212 acri, sono tra i siti più iconici di tutta l’Italia.

Cosa vedere e fare nella Valle dei Templi

Ci sono sette rovine di templi nella valle (che in realtà non è una valle, ma un altopiano), in vari stati di conservazione. Tutti furono costruiti in stile dorico, tra il 510 – 430 aC I meglio conservati e più spesso fotografati sono:

  • Tempio della Concordia: Con le sue sei possenti colonne e il frontone rialzato, il Tempio della Concordia è il meglio conservato del parco. Durante l’alto medioevo fu trasformata in chiesa, motivo per cui rimase in uno stato di conservazione relativamente elevato. Davanti al tempio si trova una statua contemporanea di Icaro, dell’artista polacco Igor Mitoraj.
  • Tempio di Giunone: Vicino all’ingresso orientale del parco, il Tempio di Giunone, un tempo molto simile nel disegno al Tempio della Concordia, fu distrutto dai Cartaginesi. I segni del suo incendio sono ancora visibili all’interno del tempio.
  • Tempio di Ercole: rimangono solo otto colonne in piedi da questo tempio un tempo possente, il più antico del sito.
  • Tempio di Zeus Olimpio: parte di un vasto campo olimpico, il Tempio di Zeus Olimpio era un tempo sorretto da colonne a forma di atlanti, o giganti in forma umana.
  • Tempio di Castore e Polluce: Un angolo parzialmente ricostruito con solo quattro colonne è tutto ciò che resta di questo tempio, chiamato anche Tempio dei Dioscuri.
  • Tempio di Efesto: l’impronta di questo tempio del V secolo, costruito sulle fondamenta di uno ancora più antico, suggerisce che un tempo fosse uno dei più importanti della valle.
  • Tempio di Esculapio: separato dal resto del complesso sacro, questo tempio dedicato al dio greco della medicina era probabilmente un luogo di pellegrinaggio per i malati.

Altri siti del parco archeologico della Valle dei Templi includono:

  • Museo Archeologico Pietro Griffo. Accessibile tramite un biglietto combinato, il museo ospita numerosi reperti provenienti da oltre un secolo di scavi nella Valle dei Templi, tra cui statue, vasi antichi e sarcofagi.
  • Tomba di Theron: questa tomba a torre dal nome errato si trova vicino all’area della necropoli.
  • Necropoli Giambertoni e Necropoli Paleocristiana. Entrambi questi cimiteri sono composti da tombe a torace e nicchie scolpite che un tempo contenevano urne funerarie.
  • Giardino della Kolymbetra. Accessibile tramite un biglietto combinato, questo luogo verdeggiante presenta ulivi millenari, formazioni rocciose e camere scavate nella roccia e un piccolo ruscello.
  • Resti delle antiche mura cittadine. Queste mura un tempo formidabili furono distrutte dai Cartaginesi e da altri invasori successivi, oltre a una serie di terremoti che devastarono ulteriormente l’intera valle.

Leggi anche: Guida turistica di Rodi, Grecia

Come arrivare

  • In auto: La Valle dei Templi si trova vicino alla costa sud-occidentale della Sicilia, a circa 81 miglia (130 chilometri) in auto da Palermo, 108 miglia (174 chilometri) da Trapani e 99 miglia (160 chilometri) da Catania. E’ raggiungibile in auto tramite diverse autostrade regionali che la collegano ad Agrigento.
  • In treno: i treni dalla stazione di Palermo Centrale effettuano corse più volte al giorno, con un tempo di percorrenza di due ore. Da Catania Centrale, è un viaggio minimo di cinque ore con almeno due cambi di treno. Dalla stazione nel centro di Agrigento, sono 3 chilometri a piedi dall’ingresso del parco, oppure prendi l’autobus n. 2 per Fermata Tempio di Giunone.

Dove alloggiare

Le tre stelle Villa San Marco e Villa Athena cinque stelle si trovano entrambe all’interno del parco archeologico ed entrambe dispongono di piscina. Villa Athena dispone di ristorante e spa, mentre San Marco offre servizio di B&B. Decine di hotel di tutte le classi si trovano nella città di Agrigento. Ci sono hotel fronte mare a sud e ad ovest della Valle dei Templi, sulla strada costiera SS115.

Suggerimenti per la visita e informazioni generali

  • Meteo: da metà giugno all’inizio di settembre, la Sicilia è estremamente calda: le temperature diurne possono superare i 37 gradi C (100 gradi F). Cerca di evitare la Valle nella parte più calda della giornata e porta un cappello per il sole, crema solare, occhiali da sole e una bottiglia d’acqua. Ci sono fontane d’acqua in tutto il parco.
  • A piedi: per esplorare tutti i luoghi d’interesse del parco, dovrai camminare per 4-5 chilometri (da 2,5 a 3,1 miglia). Per 3 euro, un bus navetta elettrico ti porterà da un ingresso all’altro del parco. Il parco offre gratuitamente sedie a rotelle elettriche, su prenotazione, a persone con mobilità ridotta.
  • Ingressi: Attualmente ci sono due ingressi aperti al parco archeologico. Se vuoi solo vedere i templi principali, dirigiti all’ingresso del Tempio di Hera Lacinia (Giunone).
  • Strutture: C’è una caffetteria nel parco, così come librerie a entrambi i cancelli principali.
  • Biglietti: Ci sono tre diversi tipi di biglietto per la Valle. Puoi acquistare un biglietto solo per la Valle dei Templi, una combinazione che include la Valle e il Giardino della Kolymbethra, oppure una combinazione che include la Valle e l’accesso al museo archeologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.