sciare in Italia

Quando pensi di sciare in Europa, potresti pensare prima alla Svizzera, poi all’Austria e alla Francia. Ma dove sciare in Italia? Le migliori stazioni sciistiche italiane si dividono in due gruppi principali. Il primo è quello della Valle d’Aosta e dintorni, a est del Monte Bianco. Una delle cinque regioni semi-autonome italiane, si trova a ridosso della più imponente delle Alpi e, ovunque si scii qui, il senso di stupore è assicurato. Le valli precipitano, le cime piramidali si innalzano e l’infrastruttura sciistica è molto meno sviluppata di quella francese. Se vi siete mai chiesti come fossero le Alpi prima del boom dello sci, qui ne avrete un’idea. La seconda grande concentrazione di eccellenza in Italia è nelle Dolomiti. Qui la scena sciistica è molto diversa: più sviluppata, più adatta agli intermedi e benedetta da alcuni dei migliori cibi e vini delle Alpi. Anche il paesaggio è spettacolare. Le cittadelle di roccia a cima piatta delle Dolomiti non hanno nulla da invidiare a nessun’altra vacanza sulla neve in Europa e non vi stancherete mai di guardarle. In ogni caso, aspettatevi di essere affascinati dalla gente del posto. Dopotutto, questa è l’Italia.

Dove sciare in Italia

1. Sciare a Cervinia. Ideale per principianti e intermedi in gite di inizio o fine stagione

Situata a 2.050 m di altitudine, Cervinia è uno dei villaggi più alti delle Alpi e ha piste che raggiungono i 3.480 m di altitudine. Se si attraversa il confine svizzero e si raggiunge la vicina Zermatt, si può arrivare ancora più in alto, oltre i 3.800 metri. Il risultato? Un luogo di sci in Italia sicuro e innevato, reso magnifico dall’imponente picco del Monte Cervino, detto anche Cervino. Certo, in caso di bufera di neve può essere un luogo desolato e spazzato dal vento, con raffiche che spazzano via la neve dalla sua vasta conca d’alta quota. Ma quando c’è il sole, canterete il coro dell’Alleluia, soprattutto se siete il tipo di sciatore di livello medio che ama le piste lunghe e ondulate, classificate rosse, e che ha il budget necessario per un pranzo fuori orario. Il grazioso e rustico Chalet Etoile è il ristorante di montagna più frequentato di Cervinia, e ce ne sono molti altri a Zermatt. In paese c’è un’apprezzabile combinazione di B&B economici, tre stelle ragionevoli e hotel di lusso chic e di carattere. Il mix di stili architettonici è francamente caotico. Ma se questo vi disturba, guardate in alto. Poche stazioni sciistiche sono in grado di eguagliare l’impatto visivo del suo ambiente montano.

2. Sciare a Courmayeur. Meglio per i weekend lunghi

A Courmayeur non si scia abbastanza per un’intera settimana, a meno che non siate venuti per affrontare il suo fuoripista di livello mondiale e classificato come esperto. Ma per una fuga veloce nel fine settimana, è quasi perfetta. A soli 90 minuti di auto da Ginevra, è il tipo di stazione sciistica che vi farà pizzicare continuamente, per essere sicuri di non sognare. “Era solo ieri che ero seduto in ufficio?”, vi chiederete, mentre scendete lungo una delle piste della sua area sciistica tascabile. “Sto mangiando pasta italiana fatta in casa sul fianco delle Alpi?”, vi chiederete nel ristorante di montagna Chateau Branlant, mentre ricordate il panino di venerdì alla vostra scrivania. Il momento più bello è quello in cui si scorge per la prima volta il versante italiano del Monte Bianco, inondato di luce solare. Non si tratta di una località in cui si scia e si esce, ma questo significa almeno che a valle si trova un vero e proprio villaggio tradizionale. La Via Roma in particolare è una delizia, fiancheggiata da gastronomie, ristoranti e bar che richiamano l’atmosfera irresistibilmente italiana sulle piste.

3. Sciare ad Alagna. Ideale per gli esperti del fuoripista e per gli sciatori esperti che vogliono unirsi alle loro file

Non ci sono molte stazioni sciistiche come Alagna. Al termine della profonda e sinuosa Valsesia, si trova sotto l’imponente massiccio del Monterosa e fa solo un gesto simbolico verso le vacanze sciistiche tradizionali. Gli impianti di risalita servono solo dieci piste. Ma è proprio così che piace al suo fan club, irsuto e volitivo. Lo ski in iIalia fuori pista è l’attività principale e l’immensa mole del Monterosa (la seconda cima più alta delle Alpi) è la grande attrazione. Tuttavia, per sciare in Italia non è necessario essere la star di 100 clip su YouTube. Qui c’è un sacco di terreno più facile, su cui gli sciatori di pista nera sicuri e atletici possono passare alla neve fresca, a patto che abbiano assunto un istruttore qualificato che mostri loro come e dove fare le curve. Per gli sciatori di questo livello è perfettamente possibile provare anche l’eliski.

4. Sciare a Champoluc. Ideale per le vacanze in famiglia

Champoluc è collegato allo stesso impianto di risalita del Monterosa di Alagna, ma è più morbido e adatto alle famiglie. Situato in una valle tortuosa e boscosa, sembra ancora un villaggio vero e proprio, con una vita che va oltre lo sci. Ha anche un’interessante storia francofona, grazie alla sua collocazione nella regione della Valle d’Aosta. Nel corso dei secoli ha fatto parte, di tanto in tanto, della Francia. Detto questo, negli ultimi anni è diventata un bastione delle vacanze sulla neve per famiglie britanniche: e anche se Ski-2, la società che ha creato il collegamento, ha purtroppo chiuso i battenti, gli incantevoli hotel a prezzi medi che ospitavano i suoi clienti sono rimasti. Così come la rapida cabinovia che porta alle tranquille piste per bambini di Crest, dove grandi e piccini possono imparare a fare le curve parallele. Oltre a ciò, una rete di piste piuttosto scarna si snoda attraverso una vasta e spettacolare distesa di montagne. Per gli standard moderni, Champoluc è sorprendentemente sottosviluppata, ma di conseguenza non ha mai attirato le folle che si ammassano nei comprensori di classe A al di là del confine francese. Se vi piacciono le piste vuote, è qui che dovete venire.

5. Sciare a Livigno. Il meglio per lo sci e lo snowboard freestyle

Per anni, l’Italia non è stata una destinazione privilegiata per lo sci freestyle. Ma questa tendenza è stata drasticamente invertita, come vi renderete conto non appena vedrete il Mottolino Snowpark sul versante orientale dell’area sciistica di Livigno. Qui, al di sopra di un alto e remoto passo di montagna, un team di cinque shaper si occupa della manutenzione di circa 60 strutture, dai rail per principianti ai tre imponenti salti aperti solo agli esperti. Altri kicker, rail e pareti piramidali si trovano a valle, al Beach, nel settore Carosello: insieme, i due parchi contribuiscono ad alimentare l’atmosfera giovane, divertente e senza pretese del resort. Non c’è da stupirsi, quindi, se Livigno ospiterà gli eventi di freestyle alle Olimpiadi invernali del 2026.

6. Sciare a Madonna di Campiglio. Meglio per l’ osservazione della gente, la passeggiata e le piste nere

Aiutata da una lunga collaborazione con Fiat e Ferrari, Madonna di Campiglio ha un sapore di lusso e decisamente italiano. La sensazione migliore si ha durante la passeggiata serale, quando si passeggia per Piazza Righi e si entra e si esce dai suoi scintillanti caffè e bar. Non è certo questo il momento di fare Jagerbomb e ballare con gli scarponi da sci. Dirigetevi invece verso l’enoteca Ferrari Spazio Bollicine. Qui un’altra famiglia Ferrari presenta il suo Trentodoc Spumante, uno spumante metodo classico locale dal sapore ricco e pieno che si affianca all’irresistibile frizzantezza. Forse non darete più importanza allo champagne. Ma in questo luogo c’è molto di più che un’immagine pretenziosa. Situata sotto una propaggine occidentale delle Dolomiti, Madonna di Campiglio è un’area innevata in cui si può sciare con spirito, grazie a scenari drammatici e ad alcune piste di una ripidezza mozzafiato. Non tutto è ripido, naturalmente. Nel settore alto di Groste si possono fare delle belle discese in alta quota. Ma non si può negare il fascino della discesa in montagna delle sue tre piste alberate : Amazzonia, la Schumacher Streif e il Canale Miramonti. Per tutti coloro il cui colore preferito sulla mappa delle piste è il nero, questa è una stazione sciistica imperdibile.

7. Sciare a Canazei. Il meglio per gli intermedi atletici e per i paesaggi da capogiro

Per quanto sogniamo di galleggiare su campi di neve fresca o di sciare all’indietro su un half-pipe, la maggior parte di noi è molto più felice di percorrere piste intermedie accuratamente preparate. Le Dolomiti hanno questo tipo di terreno in abbondanza. Le pareti rocciose a strapiombo e le imponenti guglie di roccia dominano ogni panorama, ma le piste si snodano su dolci pascoli alpini e sono servite da impianti di risalita veloci e moderni. Il fulcro naturale della zona è il circuito del Sella Ronda, che circonda il massiccio del Sella a forma di lastra. Da esso si diramano, come i raggi di una ruota, diverse valli, per un totale di circa 500 km di piste collegate tra loro (e molte altre, se siete disposti a salire su un autobus). La stragrande maggioranza di queste piste è stabile, ampia e in grado di aumentare l’ego. Canazei è un’ottima base per gli sportivi intermedi che desiderano esplorare il più possibile questo terreno. Certo, non è una destinazione ski-in, ski-out (andate a Corvara se è una priorità), ma i suoi hotel hanno un buon rapporto qualità-prezzo rispetto al versante settentrionale delle Alpi e il suo innevamento non è secondo a nessuno. Quindi, anche se Madre Natura non riesce a mantenere le promesse, c’è sempre un sacco di neve.

8. Sciare a Corvara. Ideale per intermedi e gastronomi

Se vi piace la Sella Ronda (vedi Canazei) ma temete di non essere all’altezza di sciare in Italia, puntate su Corvara in Alta Badia. Insieme a Canazei, in Val di Fassa, e a Selva, in Val Gardena, è la terza grande località italiana che fa da contorno al circuito. Ma offre anche un rapido accesso alle piste più dolci dell’altopiano di Pralongia, condiviso con San Cassiano. Potete quindi iniziare la vostra vacanza da qui, riscaldando le vostre gambe da sciatore. Inoltre, le lezioni private di sci nella stazione sono la metà del prezzo delle lezioni individuali in alcune località francesi di alto livello: è quindi un’ottima occasione per affinare la vostra tecnica. Poi, nel corso della settimana, potrete cimentarvi nel tour, tenendo presente che il percorso antiorario è un po’ più facile. E se decidete di non essere pronti, che importa? Potrete tirarvi su con un altro pranzo sensazionale presso il Club Moritzino o il Col Alt, sull’altopiano.

9. Sciare a San Cassiano. Il meglio per lo sci facile, il buon vino e i lunghi pranzi

Come si dice a San Cassiano: “Se la lasce je bona”. E se vi sembra una frase mai sentita, è perché non lo è affatto. La lingua è il ladino, l’antica lingua dell’Alta Badia e di gran parte delle Dolomiti, e descrive una versione della bella vita che mescola le tradizioni locali con un pizzico di italianità, un po’ di attenzione tirolese ai dettagli e una ricca dispensa di ingredienti. Frutti di mare dell’Adriatico, frutta e verdura della Pianura Padana, selvaggina e funghi di montagna: tutto questo è presente nei menu di San Cassiano, innaffiato dagli eccellenti vini della Valle dell’Adige. Se si aggiungono il magnifico scenario dolomitico e il clima insolitamente soleggiato, si ottiene un parco giochi lussuoso e ospitale. Anche lo sci è piuttosto sontuoso. Le piste locali sono per lo più ampie e dolci, ondulate sull’altopiano di Pralongia e costellate di ristoranti di montagna. Certo, anche qui ci sono prove più severe: in particolare il pendio a picco della pista di Coppa del Mondo della Gran Risa. Ma con diversi hotel eleganti e ben gestiti che vi aspettano a valle (oltre al St Hubertus , premiato con tre stelle Michelin ), questo è soprattutto il posto giusto per una vacanza rilassante e a tutto tondo.

10. Cortina d’Ampezzo. Ideale per i principianti e gli amanti della moda

Cortina vi offre le Dolomiti con il quadrante alzato. È più italiana, più disinvolta e anche più interessata alla dolce vita rispetto ai suoi vicini. Con le sue scogliere colorate di rosa e le sue torri di roccia, non è mai meno di una delizia per gli occhi, mentre la sua lunga permanenza ai vertici della moda italiana l’ha resa ricca di hotel, ristoranti e boutique chic. L’imminente ruolo di ospite principale delle Olimpiadi invernali del 2026 porterà sicuramente nuovi investimenti. Si tenga presente, tuttavia, che molti dei suoi fan vengono per fare shopping e socializzare piuttosto che per sciare, e durante i fine settimana e le vacanze italiane non si può fare a meno di pensare che la passeggiata serale sia l’evento principale, piuttosto che la prima seggiovia o funivia della giornata. Tuttavia, questo lascia le piste beatamente sottoutilizzate. Ci sono alcune piste memorabili: in particolare la formidabile nera di Forcella Rossa e le ampie discese intermedie di Cinque Torri, che fanno aumentare l’ego. Ma sono piuttosto frammentate. I principianti, invece, non avranno di che lamentarsi. Con una vasta area di piste facili appena a ovest della città su cui esercitarsi, vi aspetta una prima settimana di neve entusiasmante.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento