I giardini pensili di Babilonia

Babilonia era la più grande città del vasto impero babilonese. Fondata più di 4.000 anni fa come piccolo porto sul fiume Eufrate, le rovine della città si trovano nell’attuale Iraq. Babilonia divenne una delle città più potenti del mondo antico sotto il governo di Hammurabi. Secoli dopo, una nuova stirpe di re fondò un impero neobabilonese che si estendeva dal Golfo Persico al Mar Mediterraneo. Durante questo periodo, Babilonia divenne una città dalla splendida architettura, tra cui i Giardini pensili di Babilonia, la Porta di Ishtar e la Torre di Babele.

Dove si trova Babilonia?

La città di Babilonia si trovava a circa 50 miglia a sud di Baghdad, lungo il fiume Eufrate, nell’attuale Iraq. Fu fondata intorno al 2300 a.C. dall’antico popolo di lingua accadica della Mesopotamia meridionale. Babilonia divenne una grande potenza militare sotto il re amorreo Hammurabi, che regnò dal 1792 al 1750 a.C. Dopo aver conquistato le città-stato vicine, Hammurabi portò gran parte della Mesopotamia meridionale e centrale sotto il dominio babilonese unificato, creando un impero chiamato Babilonia.

Hammurabi trasformò Babilonia in una città ricca, potente e influente. Creò uno dei primi e più completi codici legali scritti del mondo. Conosciuto come Codice di Hammurabi, aiutò Babilonia a superare le altre città della regione. Babilonia, tuttavia, ebbe vita breve. L’impero si disgregò dopo la morte di Hammurabi e tornò a essere un piccolo regno per diversi secoli.

Impero neobabilonese

Una nuova linea di re fondò l’Impero neobabilonese, che durò dal 626 a.C. al 539 a.C. L’Impero neobabilonese divenne lo Stato più potente del mondo dopo aver sconfitto gli Assiri a Ninive nel 612 a.C. L’Impero neobabilonese visse un periodo di rinascita culturale nel Vicino Oriente. I babilonesi costruirono molti edifici belli e sontuosi e conservarono statue e opere d’arte del precedente impero babilonese durante il regno del re Nabucodonosor II.

Caduta di Babilonia

L’impero neobabilonese, come la precedente Babilonia, ebbe vita breve. Nel 539 a.C., meno di un secolo dopo la sua fondazione, il leggendario re persiano Ciro il Grande conquistò Babilonia. La caduta di Babilonia fu completa quando l’impero passò sotto il controllo persiano.

Babilonia nella storia ebraica

Dopo la conquista babilonese del Regno di Giuda nel VI secolo a.C., Nabucodonosor II portò via migliaia di ebrei dalla città di Gerusalemme e li tenne prigionieri a Babilonia per più di mezzo secolo. Molti giudei tornarono a Gerusalemme dopo la caduta dell’Impero neobabilonese sotto le forze persiane di Ciro il Grande. Alcuni rimasero e la comunità ebraica vi fiorì per oltre 2.000 anni. Molti si trasferirono nel nuovo Stato ebraico di Israele negli anni Cinquanta.

Torre di Babele

La città di Babilonia compare nelle Scritture ebraiche e cristiane. Le scritture cristiane ritraggono Babilonia come una città malvagia. Le Scritture ebraiche raccontano la storia dell’esilio babilonese e ritraggono Nabucodonosor come un rapitore.

La storia della Torre di Babele è una delle più famose testimonianze di Babilonia nella Bibbia. Secondo il racconto dell’Antico Testamento, gli uomini cercarono di costruire una torre per raggiungere il cielo. Quando Dio se ne accorse, distrusse la torre e disperse l’umanità sulla Terra, facendo parlare molte lingue in modo che non potessero più capirsi.

Alcuni studiosi ritengono che la leggendaria Torre di Babele possa essere stata ispirata da un tempio ziggurat realmente esistente, costruito per onorare Marduk, il dio patrono di Babilonia.

Le mura di Babilonia

L’arte e l’architettura fiorirono in tutto l’impero babilonese, soprattutto nella capitale Babilonia, famosa anche per le sue mura impenetrabili. Hammurabi per primo circondò la città di mura. Nabucodonosor II fortificò ulteriormente la città con tre anelli di mura alte 40 piedi.

Lo storico greco Erodoto scrisse che le mura di Babilonia erano così spesse che vi si svolgevano corse di carri. La città all’interno delle mura occupava un’area di 200 miglia quadrate, all’incirca la dimensione dell’odierna Chicago.

Nabucodonosor II costruì tre grandi palazzi, ciascuno sontuosamente decorato con piastrelle smaltate blu e gialle. Costruì anche una serie di santuari, il più grande dei quali, chiamato Esagil, era dedicato a Marduk. Il santuario era alto 280 piedi, quasi la dimensione di un edificio per uffici di 26 piani.

Giardini pensili di Babilonia

I Giardini Pensili di Babilonia, un colossale labirinto di alberi terrazzati, arbusti, fiori e cascate artificiali, sono una delle sette meraviglie del mondo antico. Eppure gli archeologi hanno trovato poche prove dei giardini. Non è chiaro dove fossero situati o se siano mai esistiti. Alcuni ricercatori hanno scoperto prove che suggeriscono l’esistenza dei giardini pensili, ma non a Babilonia: potrebbero infatti essere stati situati nella città di Ninive, nell’alta Mesopotamia.

Le caratteristiche dei Giardini Pensili di Babilonia

Poiché i giardini erano una caratteristica fondamentale del mondo classico, diversi scrittori, geografi e filosofi dell’antichità romana e greca hanno scritto di famosi giardini greci antichi, in particolare dei giardini pensili di Babilonia. Hanno scritto del perché sono stati costruiti, cosa c’era, perché si chiamano giardini pensili di Babilonia, quando sono stati costruiti, cosa c’era, come sono stati costruiti, le dimensioni e anche perché si chiamano giardini pensili di Babilonia. Vennero anche descritte le fonti d’acqua e il modo in cui erano stati irrigati.

I Giardini Pensili erano uno dei siti più impressionanti di Babilonia. Secondo gli storici greci, fin dall’antichità, i Giardini Pensili sono stati descritti da Strabone e Filone di Bisanzio, che, a partire da fonti greche del I secolo a.C., scrissero: “È costituito da terrazze a volta, innalzate l’una sull’altra e poggianti su pilastri a forma di cubo. Questi sono cavi e riempiti di terra per permettere di piantare alberi di grandi dimensioni. I pilastri, le volte e le terrazze sono costruiti in mattoni cotti e asfalto”. “Il Giardino è quadrangolare e ogni lato è lungo quattro pletore. È costituito da volte ad arco che poggiano su fondamenta cubiche a scacchiera. La salita ai tetti a terrazza più alti avviene tramite una scala…”.

Perché costruire i Giardini Pensili di Babilonia

Perché sono stati costruiti o per chi sono stati costruiti? Si pensa dovessero essere un regalo per una moglie nostalgica, innamorata delle piante e dei giardini della sua terra. Il re Nabucodonosor creò i giardini come segno di stima per la moglie e per compiacerla, perché la terra da cui proveniva era verde, aspra e montuosa (i Medi) e lei trovava deprimente il terreno piatto e cotto dal sole della Mesopotamia.

Amyitis, figlia del re dei Medi, fu data in sposa a Nabucodonosor per creare un’alleanza tra le nazioni. I giardini probabilmente non erano realmente “appesi” nel senso di sospesi a cavi o corde, ma si trovavano su tetti alti, dando l’illusione di essere sospesi. Il nome deriva da una traduzione inesatta della parola greca kremastos o della parola latina pensilis, che non significa solo “appeso”, ma “sporgente”. È stato suggerito che le piante che riempivano il giardino pensile avevano viti così lunghe da coprire le pareti dell’edificio.

Porta di Ishtar

L’ingresso principale alla città di Babilonia era chiamato Porta di Ishtar. Il portale era decorato con mattoni smaltati di colore blu brillante, ornati da immagini di tori, draghi e leoni. La Porta di Ishtar dava accesso alla grande Via Processionale della città, un corridoio decorato di mezzo chilometro usato nei rituali religiosi per celebrare il nuovo anno. Nell’antica Babilonia, il nuovo anno iniziava con l’equinozio di primavera e segnava l’inizio della stagione agricola. Gli archeologi tedeschi hanno scavato i resti della porta all’inizio del XX secolo e l’hanno ricostruita nel Museo di Pergamo di Berlino utilizzando i mattoni originali.

Babilonia oggi

Sotto Saddam Hussein, il governo iracheno ha scavato le rovine di Babilonia e ha cercato di ricostruire alcune caratteristiche dell’antica città, tra cui uno dei palazzi di Nabucodonosor. Dopo l’invasione dell’Iraq nel 2003, le forze statunitensi hanno costruito una base militare sulle rovine di Babilonia. L’agenzia delle Nazioni Unite per il patrimonio culturale, l’UNESCO, ha riferito che la base ha provocato “gravi danni” al sito archeologico. Il sito è stato riaperto ai turisti nel 2009.

Se ti piacciono i templi e la loro storia, fermati sul blog e leggi l’articolo: Scopri la Valle dei Templi: Un Viaggio nella Storia Antica di Agrigento, Sicilia!

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Articoli correlati

Lascia un commento