Castello di Edimburgo: la fortezza più caratteristica della Scozia

350 milioni di anni fa un’eruzione vulcanica creò una montagna sul terreno dove molti anni dopo si sarebbe formata la città di Edimburgo, in Scozia. Una popolazione si sarebbe insediata lì millenni dopo, sfruttando la cima e il versante orientale della montagna. Di questo gruppo non si sa molto, se non come li chiamarono i Romani quando li incontrarono, Votadini. I rapporti tra questi popoli e i Romani risalgono al I secolo, quando il generale Gneo Iulius Agricola compì una campagna di esplorazione intorno all’anno 82 e furono avviati rapporti commerciali. A partire dall’anno 142, pochi chilometri più a nord, fu costruito il Vallo Antonino, la frontiera più settentrionale dell’Impero Romano. Questo passo rese Alauna (come i Romani chiamavano questa montagna) in parte romana, anche se in modo molto effimero. Otto anni dopo la costruzione del muro, i Romani si sarebbero ritirati verso il Vallo di Adriano, poiché si trattava di una zona di conflitto costosa da controllare. Si ipotizza che all’epoca una torre di guardia in pietra chiamata broch (molto tipica di quella zona) si trovasse sopra Alauna, accanto a un insediamento o a delle case. Questa potrebbe essere una base per l’attuale ubicazione del castello e per lo sviluppo di Edimburgo sulla collina, oggi nota come Castle Rock. Ma per parlare della nascita del castello dobbiamo tornare indietro di qualche secolo.

Leggi anche: I 10 musei più importanti di Venezia

La storia del Castello di Edimburgo

Edimburgo castello durante il medioevo. A partire dal Medioevo, la formazione di una fortificazione è stata menzionata nella leggenda già nel VII secolo nel poema gallese Y Gododdin. Ma se davvero esistono prove dell’inizio di un recinto fortificato, è nell’XI secolo che si parla per la prima volta del Castillo de las Damas. Il primo edificio conosciuto è la Cappella di Santa Margherita, costruita durante il regno di Davide I (1124-1153) come tributo alla madre, nominata santa da Innocenzo IV. Oggi è considerato l’edificio più antico sopravvissuto in città e contiene alcune vetrate di ottima fattura che, sebbene di piccole dimensioni, mostrano immagini di santi eleganti e ben colorate. Sono stati creati da Douglas Strachan nel 1922.

Questo edificio, situato in cima a Castle Rock, a 130 metri sul livello del mare, è l’unico edificio superstite di questo periodo all’interno del castello. Questo perché nel 1314 il re Roberto il Bruto (Roberto I) avrebbe distrutto tutti gli edifici del castello tranne la cappella, perché era dedicata a una figura santa che aveva vissuto lì. Sul letto di morte avrebbe chiesto che venisse restaurata e curata, facendole guadagnare lo status di Cappella Reale per molti anni. Tenendo presente questo fatto, possiamo capire che tutte le altre strutture sono successive e le tratteremo cronologicamente in forma sintetica. Sapendo questo, il primo spazio di cui parleremo è il Palazzo Reale, che si è evoluto nel corso di un processo di quasi un secolo e mezzo.

Il Castello di Edimburgo periodo moderno. L’edificio fu costruito tra i regni di Giacomo IV (1488-1513) e Giacomo VI (per il quale fu ristrutturato nel 1617). All’estrema destra si trova la Sala Grande, anch’essa costruita alla fine del XV secolo. Questa sala, che ha un proprio edificio contenitore, ha avuto diversi usi nel corso dei secoli. In origine era utilizzato come sala per le assemblee reali. Nel 1650, il generale inglese Oliver Crownwell confiscò il castello e trasformò la sala in una caserma per ospitare le sue truppe. Questa sarà la sua realtà fino al 1799, quando fu costruita la Nuova Caserma e questo spazio divenne un ospedale militare fino alla fine del XIX secolo. In seguito, Hippolyte Blanc realizzò un restauro medievalista che gli conferisce l’aspetto attuale, venendo nuovamente utilizzato per cerimonie e persino come set per la BBC.

Dietro il Palazzo Reale e visibile dall’attuale ingresso, si trova il Muro della Mezza Luna, costruito tra il 1573 e il 1588. In passato in quest’area si trovava un edificio del XIV secolo chiamato Torre di Davide, che era collegato al Palazzo, ma che fu distrutto durante la Guerra Civile Mariana (1568-1573). Questo muro, con la sua linea di cannoni, fungeva da barriera antincendio per la cinta e contemporaneamente veniva costruita la Porta di Portcullis (1571-1584), che guadagnava sempre più terreno sulla collina. In seguito, tra il 1689 e il 1695, il muro fu ampliato per collegarsi a questo ingresso. Il castello cominciava già ad acquisire la complessità che vanta oggi e, con l’inizio del XVIII secolo, un altro pezzo fu aggiunto alla Plaza de la Corona. Questo edificio del 1708 era noto come Queen Anne Building e serviva come alloggio per il personale del castello.

Questa funzione durò fino al 1923, quando fu utilizzata come complemento dell’edificio che avrebbe racchiuso la piazza, di cui parleremo più avanti. Più tardi, nel corso del secolo, fu costruita la Casa del Governatore (1742), che ospitava il direttore del castello, il Maestro d’arme e il responsabile del negozio di forniture. Queste tre figure erano le più importanti del Castello di Edimburgo, a parte le apparizioni occasionali del monarca. Dobbiamo capire che dal Trattato di unificazione del 1706, Scozia e Inghilterra furono unite per creare il Regno Unito e quindi non c’erano più monarchi specifici per la nazione scozzese. Per questo motivo, la corte reale avrebbe avuto sede nella città di Londra.

Il castello accresceva le sue funzioni militari e allo stesso tempo creava un piccolo villaggio all’interno per le truppe e i funzionari che vi risiedevano. Ad esempio, la Ammunition House o Store dietro la Governor’s House fu costruita tra il 1747 e il 1749 come posto di rifornimento per la milizia. Dal 1927, questo spazio è stato adibito a Museo Nazionale della Guerra, che racconta la storia militare della Scozia negli ultimi 400 anni. Di fronte a questo museo si trova l’Ospedale del Castello e alla sua destra un gruppo di capannoni. Per chiudere il secolo, nel 1799 fu costruita la già citata Caserma Nuova, che dava un tetto a 600 soldati. Oggi è sede del Royal Regiment of Scotland e del Royal Scots Dragoon Museum.

Castello di Edimburgo orari

  • Orario: Museo Nazionale della Guerra: dalle 9:45 alle 17:45. Museo dei Dragoni Reali Scozzesi: dalle 9:30 alle 17:15 (da aprile a settembre) e dalle 9:30 alle 16:15 (da ottobre a marzo).
  • Prezzo: Museo Nazionale della Guerra e Museo dei Dragoni Reali Scozzesi: gratuito con accesso al Castello.
  • Contatti: Museo Nazionale della Guerra: Telefono: 0300 123 6789. Web: nms.ac.uk/war. Direzione: Castle, Castlehill, Edinburgh EH1 2NG, Reino Unido (vedi Google Maps) Museo dei Dragoni Reali Scozzesi: Telefono: +441 31 310 51 38. Web: scotsdg.org.uk/. Indirizzo: Edimburgo EH1 2YT, Regno Unito (vedi Google Maps).

Leggi anche: I 10 musei più importanti di Napoli

Castello Edimburgo periodo contemporaneo

Se c’è un’opera nella storia del castello che apre le porte a un nuovo periodo, è la creazione della Spianata tra il 1753 e il 1845. Il castello era perfettamente collegato al Palazzo di Holyrood (che per secoli sarebbe stato il palazzo dei re di Scozia) attraverso il famoso Royal Mile. È stato costruito in due fasi, il che ha facilitato notevolmente l’accesso al pubblico e il suo successivo status di attrazione turistica. Ma gli alloggi militari furono aumentati anche con la creazione della Prigione Militare nel 1842, che doveva essere situata a sinistra della Caserma Nuova. Questi furono ampliati quattro decenni dopo e caddero in disuso nel 1923, quando le guarnigioni dei soldati furono trasferite in altre caserme.

Ma un altro elemento da tenere in considerazione è che nel XIX secolo si è assistito a un revival dell’estetica medievale, in particolare dello stile gotico. L’architetto Hippolyte Blanc seguì questa tendenza e completò la Porta Portcullis con una torre superiore dedicata al nono conte di Argyll, giustiziato nel 1685. Questo conte protestante subì questo destino perché si rifiutò di sottomettersi alla volontà cattolica del re. La Torre di Argyle fu costruita tra il 1886 e il 1887 in stile neogotico scozzese, in armonia con il portale costruito tre secoli prima. E proprio alla fine di questo ampliamento, nel 1888, fu realizzata l’ultima opera di questo secolo, la Gatehouse. Questo gli avrebbe dato l’aspetto definitivo che oggi possiamo vedere dalla spianata.

Per l’ultima sezione degna di nota, facciamo un salto indietro al XX secolo e torniamo nella parte superiore del castello. All’ingresso di Crown Square, sul lato destro di Foog Gate, si trovava l’edificio che avrebbe racchiuso definitivamente questo spazio. Lo Scottish National War Memorial fu eretto tra il 1923 e il 1927, rispettando l’estetica dei tre edifici storici su cui si affaccia. Il suo scopo è quello di onorare tutte le vittime scozzesi di qualsiasi guerra dopo il 1914. Simbolicamente, questo monumento apre un dialogo tra il mondo militare che ha abitato il castello per tanti anni e la gente comune scozzese, che può stabilire un legame emotivo attraverso le persone a loro vicine.

Attività e tradizioni

Il Castello di Edimburgo è da molti anni il monumento più visitato della Scozia, con una media di 2 milioni di visitatori all’anno. Oltre alle attività museali sopra menzionate, dal Queen Anne’s Building vengono allestiti eventi per ricreare scene di guerra o di combattimento con attori specializzati. Un’altra usanza si ripete ogni giorno all’una (tranne la domenica, il venerdì santo e il giorno di Natale), ovvero la One o’Clock Gun. Lo sparo di questo cannone è una tradizione dal 1861 per scandire il tempo delle navi nei porti di Leith e del Firth of Fourth. Per assistere a questa tradizione, andate a destra dei capannoni in fondo alla salita di Portcullis Gate.

Un altro evento legato al castello è l’imponente Royal Edinburgh Military Tattoo, una parata militare che si tiene in agosto. I reggimenti militari suonano cornamuse e tamburi e invitano altre truppe da tutto il mondo a unirsi a loro. Il momento più solenne della serata è quando un soldato suona un pezzo di musica pibroch al flauto in onore dei suoi compagni caduti in guerra. Infine, brani tradizionali scozzesi vengono suonati dalle orchestre per chiudere in bellezza la celebrazione. L’evento attira normalmente 100 milioni di spettatori e viene trasmesso in 30 paesi del mondo.

Leggi anche: 12 migliori musei di Praga

Come raggiungere il Castello di Edimburgo

L’aeroporto più vicino alla città è l’aeroporto di Edimburgo, che è molto vicino al centro città ed è ben collegato ad esso. Usciti dall’aeroporto, a pochi metri da Jubilee Rd si trova la stazione del tram, che prenderemo. Da qui, seguire il percorso fino alla fermata di Princess Street. Quando arriviamo, sulla destra troviamo The Mound Street, che notiamo perché all’angolo si trova la Royal Scottish Gallery. Lo saliremo, con un percorso che presenta alcune curve fino a raggiungere la fine del Royal Mile, dove vedremo la spianata del Castello.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Articoli correlati

Lascia un commento