cosa mangiare a santorini

Dopo essere atterrati a Santorini, molto probabilmente avrete fame, quindi dirigetevi verso la taverna più vicina. Se vi state chiedendo cosa mangiare a Santorini, ecco un elenco di cibi tradizionali locali da assaporare quando visitate l’isola. E non dimenticate di innaffiare il tutto con un bicchiere (o due) di vino Assyrtiko, una varietà locale. Quando si va in vacanza è sempre molto gratificante provare cose nuove. Ma a volte vogliamo semplicemente mangiare un piatto che conosciamo e amiamo. Per fortuna, a Santorini potrete gustare la migliore moussaka che abbiate mai assaggiato. È uno dei piatti greci più tipici del Mediterraneo. A Santorini questa famosa ricetta raggiunge la perfezione assoluta: melanzane, ragù, formaggio grattugiato e una deliziosa besciamella. Se volete provare una versione aggiornata di questo piatto tipico greco, optate per i ristoranti dell’isola che preparano la moussaka condita con erbe aromatiche locali come timo, menta e origano. Se non avete mangiato il kebab, non potete dire di aver assaggiato il cibo della Grecia. Kebab e souvlaki sono i capisaldi della cucina greca e sono assolutamente da provare per tutti coloro che amano la carne, sia che la si mangi al ristorante sia che la si mangi in una bancarella di street food.

Leggi anche: Santorini con i bambini: Guida alle vacanze in famiglia

Cosa mangiare a Santorini

Ci sono due parole che stuzzicano l’appetito solo a pronunciarle, e queste parole sono “cibo greco”. Sull’isola di Santorini troverete cibi greci così deliziosi che non potrete fare a meno di assaggiarne un altro. Che vogliate provare la cucina greca tradizionale o lo street food greco, Santorini, famosa in tutto il mondo per le sue spiagge di sabbia nera, è la destinazione perfetta. In questo articolo parleremo di cosa mangiare a Santorini, così saprete esattamente cosa ordinare quando vi recherete sull’isola.

1. Fava. La Fava è probabilmente il piatto più famoso di Santorini e, sebbene il nome possa far pensare alle fave, si tratta in realtà di una purea di piselli gialli. Il piatto cremoso viene solitamente servito caldo con olio d’oliva e limone e talvolta condito con cipolle o capperi tritati. Per molti è il comfort food per eccellenza, perfetto come pasto principale o contorno sano.

2. Ntomatokeftedes (frittelle di pomodoro). L’isola è la patria di una varietà specifica di pomodori, i cosiddetti pomodori di Santorini, che hanno le dimensioni di una ciliegia. Dolci e di colore rosso intenso, sono al centro del piatto ntomatokeftedes (o frittelle di pomodoro). Un antipasto vegetariano fritto in olio d’oliva caldo, che comprende anche peperoni e cipolle, menta e altre erbe aromatiche in una pastella spessa. Non mancate di provarli la prossima volta che visiterete l’isola.

3. Melanzana bianca. Il suolo vulcanico dell’isola è un terreno perfetto per un altro prodotto raro: la melanzana bianca. È una varietà unica che ha meno semi della sua controparte viola, e in più ha un sapore dolce. Molti piatti tipici di Santorini a base di questo ortaggio, come la purea di melanzane bianche, sono disponibili in diversi ristoranti. Non perdete l’occasione di provarlo.

4. Kopania. La kopania è un dolce antico di Santorini, preparato con polvere d’orzo e mescolato con uva sultanina e semi di sesamo. L’impasto viene arrotolato in palline e cosparso di semi di sesamo tostati. Esempio di cucina povera al suo meglio, queste palline di sesamo sono deliziose.

5. Melitinia. Dolce tradizionale che si trova nel periodo pasquale, la melitinia è una deliziosa torta dolce a base di formaggio mizithra fresco, zucchero e polvere di mastiha . Sebbene negli ultimi decenni i panettieri di talento abbiano imparato a preparare questi piccoli dolci, anche le pasticcerie tradizionali dell’isola li preparano.

6. Apochti. L’ apochti è un altro cibo tradizionale di Santorini. La lonza di maiale viene salata e poi messa nell’aceto prima di essere asciugata all’aria. In seguito, si strofina sulla carne una miscela di pepe e cannella, prima di lasciarla riposare per sei ore. Una volta indurita, la carne è pronta per essere utilizzata in diverse ricette.

7. Clorotyri. Prodotto in quantità limitate, il chlorotyri è un formaggio locale che si trova solo sull’isola. Leggermente amaro e cremoso, questo formaggio bianco è prodotto con latte di capra. Utilizzatela come spalmata sul pane o mescolatela all’insalata Santorini, una variante locale dell’insalata greca, che comprende anche pomodori ciliegini locali.

8. Capperi. I capperi risalgono all’antichità e a Santorini si trovano praticamente ovunque. I boccioli commestibili che non si aprono vengono raccolti e poi essiccati al sole finché non si induriscono e diventano leggermente gialli. Vengono poi reidratate prima dell’uso e di solito vengono aggiunte alle salse o per condire vari piatti, tra cui le fave o anche le insalate.

Piatti di pesce

Santorini prepara i piatti di pesce fresco più appetitosi della Grecia. Se vi piacciono i frutti di mare, qui potrete gustarli appena pescati. Sedetevi e rilassatevi in una taverna sul mare e assaggiate il delizioso pesce fresco pescato il giorno stesso. I piatti tipici greci a base di pesce includono polpo alla griglia, calamari, cozze fresche in umido, orate e gamberi grandi e saporiti. Un altro piatto popolare dell’isola è la sardela. Sebbene assomigli alle sardine, ha un sapore diverso e molto particolare.

Piatti vegetariani e vegani

Sebbene la carne e il pesce greci siano deliziosi, nella cucina tradizionale greca non mancano gli ottimi piatti vegetariani. Il tipico mezze greco descrive la moltitudine di cibi di Santorini che possono essere gustati anche da chi non mangia carne. Si tratta di piatti a base di verdure coltivate localmente, come peperoni, pomodori e melanzane, che vengono poi farciti con riso ed erbe aromatiche, ottenendo un pasto straordinariamente gustoso. Uno dei piatti greci più popolari è la spanakopita, una torta a base di spinaci e formaggio feta. Troverete questo piatto nei menu di tutti i ristoranti, nei caffè, al mercato e in ogni bancarella di street food tradizionale greco. Anche i vegani potranno godere di piatti di Santorini affascinanti come il domatokeftedes, una ricetta tradizionale greca a base di frittelle di menta e pomodoro, incredibilmente purificante e rinfrescante per il palato.

Insalate

Cosa sarebbe una guida gastronomica greca senza una sezione speciale dedicata alle insalate greche? Le insalate greche sono un piatto iconico, incredibilmente gustoso ovunque, ma ancora più memorabile se gustato in una taverna in riva al mare mentre si guarda il tramonto. Per chi non conosce la ricetta di questo piatto greco, l’insalata consiste in una generosa porzione di lattuga, pomodori, cetrioli e olive. Per finire, tutti gli ingredienti vengono conditi con olio d’oliva, erbe e formaggio feta fresco. È una ricetta che pochi altri possono eguagliare.

Bancarelle di cibo di strada

Le bancarelle di street food greco di Santorini sono favolose. In Piazza Fira si trovano numerosi stand gastronomici molto economici e Nick The Grill vi farà venire l’acquolina in bocca. Sulle spiagge dell’isola ci sono anche molti locali che vendono cibo di strada. Le spiagge di Kamari e Perissa, in particolare, offrono deliziose bancarelle di street food.

Dolci e dessert

Se siete amanti dei dolci, sarete felici a Santorini. Come altre isole greche, Santorini è famosa per la produzione del proprio miele. Il suo meraviglioso miele ha un sapore particolare grazie alla varietà di piante selvatiche, erbe e fiori di cui si nutrono le api dell’isola. I dessert includono cibi tipici di Santorini come la baklava, la torta di noci e il kataifi. Quest’ultimo è un tesoro locale, un dolce soffice e morbido avvolto da mandorle tritate, cosparso di zucchero e cannella e sormontato da una grande pallina di gelato.

Leggi anche: Santorini, le spiagge più belle

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento