cose da fare a Sofia

La Bulgaria offre molti luoghi meravigliosi da visitare, dalle spiagge sul Mar Nero alle località sciistiche di montagna. Tuttavia, la capitale della nazione, Sofia, è difficile da battere in termini di storia e cultura. Sebbene presenti alcuni dei tratti di grinta e caos tipici delle grandi città balcaniche, non si può negare quanto ci sia da vedere e da fare in questa eccitante destinazione. Oggi parleremo delle migliori cose da fare a Sofia, in Bulgaria, oltre a dare un’occhiata a come visitare al meglio la città, a quali sono le principali attrazioni di Sofia e a cosa non dovete assolutamente perdere.

Le migliori cose da fare a Sofia, Bulgaria

Per capirla meglio, è necessario avere una conoscenza di base della storia di Sofia (e della Bulgaria). La patrona di Sofia è Santa Sofia, e la troverete in tutto il suo splendore sullo stemma della città. Il posto migliore per vederla è all’esterno del Sofia Hotel Balkan, ma potrete vedere la sua statua anche da diversi punti della città. Da non perdere le rovine romane di Sofia (sono visitabili gratuitamente). E naturalmente, dato che la Bulgaria è stata governata dai comunisti dal 1946 al 1990, non può mancare l’architettura comunista, presente soprattutto nel centro di Sofia, dove si trovano i Grandi Magazzini Centrali TZUM di Sofia, l’Ufficio del Presidente e la Casa del Partito Comunista, tutti costruiti nell’era socialista del dopoguerra. Probabilmente l’edificio più bello è la Galleria d’Arte Nazionale, che ricorda vagamente una vecchia stazione ferroviaria. A pari merito con la fotogenia della Galleria d’Arte si trovano le Terme Minerali Centrali di Sofia, uno splendido edificio bianco e giallo che combina elementi di design bulgari, bizantini e ortodossi orientali, inaugurato nel 1913 e chiuso nel 1986.È possibile provare l’acqua minerale delle sorgenti pubbliche sul lato dell’edificio, dal sapore un po’ strano e dall’odore un po’ sulfureo, ma d’altronde Sofia è nota per i suoi bagni minerali fin dalXVI secolo. Ecco la vostra introduzione: vogliamo tuffarci ed esplorare Sofia insieme?

Leggi anche: Cosa vedere a Budapest in 3 giorni: il meglio della capitale Ungheria

Visita all’Opera di Sofia

L’Opera Nazionale di Sofia, inaugurata nel 1890, è il più antico e prestigioso teatro d’opera della Bulgaria. Sono passati 50 anni da quel giorno d’autunno del 1953 a Sofia, quando è stata ufficialmente inaugurata la nuova Opera Nazionale, situata nella Casa Monumentale della BZNS [Unione Agraria di Bulgaria], chiamata “Alexander Stambolijsky” dal nome del suo popolare leader.Alcuni dei più famosi cantanti d’opera del mondo, tra cui Nicolai Ghiaurov, Ghena Dimitrova, Nicola Guselev e Anna Tomova-Sintova, hanno iniziato la loro carriera sul palcoscenico di Sofia. Se siete appassionati di opera, vi aspetta una bella sorpresa: i biglietti costano circa 40 leva.

1. Scattate una foto fuori dal Palazzo Presidenziale di Sofia. L’ufficio del Presidente si trova al numero 2 di Dondukov Blvd nell’edificio della Presidenza. L’edificio è imponente e, sebbene il cambio della guardia non sia così elaborato come in altre capitali europee, vale comunque la pena vederlo. Ogni ora, 5 minuti prima dell’ora, ha luogo la procedura, che consente di combinare facilmente la visita di Sofia con una rapida visita fotografica al Palazzo Presidenziale. Nel corso dei secoli, le funzioni di capo dello Stato in Bulgaria sono state svolte da un monarca, da un Consiglio di Reggenza e, successivamente, da organi collegiali come il Presidium dell’Assemblea Nazionale e il Consiglio di Stato nel corso della storia dello Stato bulgaro moderno. Il Presidente della Repubblica è un’istituzione relativamente nuova, entrata in vigore nel 1991, ed è stata associata alla transizione democratica della Bulgaria e alla riorganizzazione delle istituzioni avvenuta nell’ambito di tale transizione.

2. Vedere il Palazzo di Giustizia di Sofia. Il Palazzo di Giustizia di Sofia, noto anche come Palazzo di Giustizia, è una struttura di Sofia che ospita tutti i tribunali della città. Il Palazzo di Giustizia fu iniziato nel 1929 e completato nel 1940. La Banca Nazionale Bulgara negli anni ’30 e il Largo negli anni ’50 furono le prime strutture della città ad essere costruite in questo rigoroso stile monumentale. Nikola Lazarov progettò il piano architettonico iniziale, poi ridisegnato da Pencho Koychev. Il palazzo di giustizia è costruito in pietra calcarea bianca e presenta un cornicione prominente all’ultimo piano; sulla facciata sono presenti cinque grandi cancelli e 12 colonne. Il palazzo di giustizia ha uno stile eclettico, che combina diversi temi classici, tra cui il quarto piano senza balaustre e decorazioni in stile romano e bizantino su porte, finestre e mensole. Questo è un luogo di ritrovo molto frequentato, e potrebbe sorprendervi vedere quante persone “gironzolano” qui. Alcuni anni fa si sedevano sulle scale di fronte al Palazzo di Giustizia, ma ora una nuova recinzione lo vieta per consentire alle persone che lavorano e visitano il palazzo di avere un migliore accesso all’edificio.

3. Visitare le rovine romane di Sofia. Intorno al 29 a.C., i Romani arrivarono a Sofia. Serdica era il nome dato all’insediamento costruito intorno alle sorgenti minerali calde (o Serdika). Nel III secolo Serdica era cresciuta di importanza grazie alla sua posizione strategica sulla Via Militaris, un’importante strada di collegamento tra l’Impero d’Oriente e quello d’Occidente. Con la crescita della città, furono costruiti molti nuovi edifici. L’imperatore Costantino vi abitò e si dice che abbia detto: “Serdica è la mia Roma”. La più importante rovina romana è il complesso di Serdica, che si estende per 9.000 metri quadrati nella capitale bulgara e che è stato paragonato a Roma. Quest’area è stata scoperta solo nel 2010, quando è stata costruita la stazione della metropolitana di Serdika! La città romana principale era piccola e murata, con aree di sepoltura e un anfiteatro alla periferia. La maggior parte di ciò che si vede oggi si trova all’interno dell’area murata originale, anche se le mura stesse sono in gran parte scomparse. Oggi si può camminare intorno alle fondamenta di edifici antichi, 8 strade (originali) e una basilica cristiana che sono state conservate. La pavimentazione della strada, risalente a 2000 anni fa, si è conservata quasi completamente.

4. Vedere il Teatro Nazionale Ivan Vazov. Il Teatro Nazionale, intitolato al poeta bulgaro Ivan Vazov, è una delle strutture più belle di Sofia. Egli è considerato uno dei padri della poesia rivoluzionaria bulgara, insieme a Hristo Botev, per cui l’onore di avere il Teatro Nazionale intitolato a lui è ben meritato. Anche se non potrete assistere a uno spettacolo a causa della scarsa conoscenza della lingua bulgara, apprezzerete la bella facciata e la vivace piazza antistante il teatro. Il Teatro Nazionale Ivan Vazov, il teatro più importante della città, è un altro importante punto di riferimento nel vasto panorama di Sofia. Il teatro, inaugurato nel 1904, ha ospitato spettacoli e una scuola di teatro fino al 1943, quando è stato gravemente danneggiato dai bombardamenti su Sofia durante la Seconda Guerra Mondiale. Il Teatro Nazionale è un edificio iconico di Sofia e compare anche su alcune banconote bulgare.

5. Esplorate i musei di Sofia. A Sofia ci sono quasi 30 musei in cui è possibile vedere la maggior parte dei tesori nazionali della Bulgaria e conoscere gli alti e bassi del Paese. Ecco un elenco dei migliori musei da visitare a Sofia se avete poco tempo a disposizione.

  1. Museo storico di Sofia. Il Museo di Storia Nazionale è uno dei musei storici più grandi e completi della penisola balcanica e ospita oltre 700.000 monumenti culturali che ripercorrono la storia delle terre bulgare da 8.000 anni fa ai giorni nostri. Solo il 10% di questi inestimabili manufatti e monumenti sono esposti nelle sale del museo. Il Museo di Storia Nazionale di Sofia è stato fondato nel 1973 e la sua prima mostra si è tenuta nell’edificio del Tribunale di Sofia nel 1984 per commemorare il 1300° anniversario della Bulgaria come Stato. Dal 2000, il museo è ospitato nell’ex edificio della residenza governativa n. 1 nel quartiere Boyana di Sofia. Questo museo vi condurrà in un viaggio attraverso la storia della capitale della Bulgaria. È possibile salire su un tram di inizio secolo, vedere una carrozza del re e visitare un’abitazione neolitica. È inoltre possibile esplorare album fotografici interattivi che ritraggono la moda del passato e le strutture più importanti.
  2. Museo Archeologico Nazionale di Sofia. Dovreste venire qui solo per l’edificio: è magnifico! L’Istituto Nazionale e il Museo di Archeologia (Istituto Nazionale di Archeologia con Museo dell’Accademia delle Scienze Bulgara) è dedicato alla cultura delle tribù e dei popoli che hanno abitato l’attuale Bulgaria dall’antichità al XVIII secolo. Il museo è un museo archeologico ospitato nell’ex moschea ottomana, nell’edificio più grande e più antico di Sofia. Il Museo archeologico ospita reperti preistorici risalenti al periodo compreso tra il 1.600.000 a.C. e il 1.600 a.C., nonché inventari di tombe e altri tesori risalenti alla tarda età del bronzo e alla tarda antichità, oltre a reperti dell’antica Tracia, della Grecia e di Roma risalenti al tardo Medioevo.
  3. Museo della Piana Rossa di Sofia. Entrare nel Red Flat è come fare un salto indietro nel tempo, nella Bulgaria comunista degli anni ’80. Il museo è stato progettato per farvi conoscere la vita bulgara durante la Guerra Fredda. Il Red Flat è come visitare la casa di una normale famiglia bulgara. Scoprirete come vivevano, mangiavano, bevevano, lavoravano e giocavano. È divertente!
  4. Museo di storia militare, Sofia. Il Museo di Storia Militare di Sofia è stato fondato nel 1916 e ha accumulato quasi un milione di pezzi di storia militare bulgara ed europea negli ultimi 100 anni. L’esposizione è divisa in tre sezioni: all’aperto, permanente e varia e si afferma come uno dei migliori musei militari del mondo. All’esterno sono esposti 250 pezzi di artiglieria militare, aviazione ed equipaggiamento navale, compresi missili e lanciamissili. Le collezioni permanenti comprendono uniformi, guerre balcaniche, russo-turche, prima e seconda guerra mondiale, nonché foto, documenti e stampe relative a tutti questi eventi.
  5. La Galleria Nazionale di Bulgaria a Sofia. La Galleria Nazionale, inaugurata nel 1948 e che ospita oltre 41.000 dipinti, sculture, opere grafiche, decorative e contemporanee, è il più grande museo d’arte della Bulgaria. Ospita la collezione più completa di arte cristiana delle terre bulgare (IV-XIX secolo), oltre a esemplari di arte europea (XV-XIX secolo) e opere uniche provenienti da Asia, Africa e America.

6. Cattedrale Alexander Nevsky. È una delle più grandi cattedrali ortodosse del mondo, costruita in stile neobizantino. Per una serie di motivi, la cattedrale è in cima alla lista delle cose da vedere per ogni visitatore. Il primo è la sua enorme dimensione: ha una capacità di 10.000 persone! All’interno, inoltre, la cupola e i campanili sono rivestiti d’oro, il che la fa brillare sia di giorno che di notte. Ospita inoltre incredibili opere d’arte e trasuda lusso allo stato puro, con i più raffinati marmi italiani utilizzati persino per le pareti. La cattedrale è dedicata ai soldati russi morti durante la guerra russo-turca del 1877-8.

Leggi anche: Le 6 nazioni più belle d’Europa

7. San Nicola il Miracoloso – la Chiesa russa di Sofia. Percorrendo la via “Tsar Osvoboditel” si possono ammirare le splendide cupole dorate della cosiddetta “chiesa più bella di Sofia”, la cui cupola alta, circondata da quattro cupole più piccole, tutte d’oro, si armonizza perfettamente con il tetto verde di maioliche della chiesa. La chiesa russa, nota anche come San Nicola il Miracoloso, fu costruita tra il 1912 e il 1914. Questa straordinaria struttura bianca e verde fu progettata dall’architetto russo Preobrajenski e costruita da operai russi, alcuni dei quali avevano già lavorato alla Cattedrale Alexander Nevsky. L’esterno della chiesa di San Nicola il Miracoloso è molto più attraente dell’interno, che è piccolo e poco luminoso. Gli affreschi, tuttavia, meritano di essere visti. Gli affreschi sono stati dipinti nello stile della scuola delle icone di Novgorod. La cripta, situata a sinistra dell’ingresso principale, è più popolare della chiesa stessa. Qui è sepolto l’ex vescovo Serafin, morto nel 1950. Gli abitanti del luogo lasciano messaggi scritti a mano in una cassetta a destra della tomba. Serafin non è mai stato canonizzato, ma è venerato come un santo che si dice esaudisca desideri e preghiere.

8. La Basilica di Santa Sofia. La Chiesa di Santa Sofia si trova nel centro di Sofia. La chiesa era originariamente dedicata alla saggezza di Dio, proprio come la sua omonima, Santa Sofia a Istanbul. È una delle chiese più antiche di Sofia e la sua storia si intreccia con quella della città. È la chiesa che ha dato il nome alla città ed è molto vicina alla Cattedrale Nevskij. Questa chiesa è molto semplice rispetto alla cattedrale. Su questo sito si sono succedute cinque chiese, tutte distrutte dalle forze di invasione. L’attuale basilica, con le sue due torri orientali e una torre-cupola, fu costruita a metà del VI secolo durante il regno dell’imperatore bizantino Giustiniano (527-565).

9. La chiesa della Rotonda di San Giorgio, Sofia. La Chiesa di San Giorgio (o отонда “вети еоpи” – Rotonda “Sveti Georgi” in bulgaro) è una rotonda in mattoni rossi ed è ritenuta la struttura più antica di Sofia.Attorno alla chiesa paleocristiana si trovano le rovine di edifici romani, tra cui edifici pubblici con pavimenti a ipocausto e una basilica, oltre a una strada. La chiesa è nota per i magnifici affreschi all’interno della cupola centrale, oltre che per l’eccellente conservazione architettonica. In totale si contano cinque strati di affreschi, il più antico dei quali risale al VI secolo e il più recente al XIV. Durante il periodo ottomano, quando la chiesa fu trasformata in moschea, gli affreschi furono coperti. Oggi la Rotonda è circondata dalla Presidenza bulgara, dal Ministero dell’Istruzione e dal lussuoso Sofia Hotel Balkan.

10. Moschea Bania Bashi, Sofia. Un tempo a Sofia c’erano 70 moschee, ma solo la Moschea Banya Bashi è ancora in funzione. Progettata nel 1576 da Mimar Sinan, il più grande di tutti gli architetti ottomani, autore anche della Moschea del Sultano Selim a Edirne e della Moschea Blu di Istanbul, questa bella moschea è un tipico monumento architettonico ottomano che dà colore al centro di Sofia. Il nome Banya Bashi deriva dalla vicina Tsentralnata Banya, che significa “molti bagni” (Bagni Centrali). La parola bulgara per indicare un bagno è “banya”. L’esterno non è particolarmente impressionante, ma l’interno è mozzafiato. Il mihrab e la parete orientale sono ricoperti di piastrelle color acquamarina con calligrafie che citano testi del Corano e una grande piastrella con l’immagine della Kaaba, la moschea della Mecca a cui tutti i musulmani devono recarsi in pellegrinaggio almeno una volta nella vita. Il soffitto a cupola, che è stato riportato al suo design originale dopo la caduta del comunismo, è una caratteristica della moschea. È anche ornato da una splendida calligrafia. La cupola misura 15 metri di diametro e la struttura è l’unico esempio rimasto in Bulgaria di tetto a cupola su base cubica. Accanto si trovano le rovine di un hammam. L’ingresso alla moschea di Banya Bashi non è a pagamento perché non è ufficialmente aperta come attrazione turistica. Al di fuori degli orari di preghiera, i visitatori, comprese le donne, sono i benvenuti se vestiti in modo modesto. Ricordatevi di togliere le scarpe prima di entrare. È possibile scattare foto all’interno della moschea, ma è meglio chiedere prima perché qualcuno potrebbe essere in preghiera al momento della visita.

11. Sinagoga di Sofia. La Sinagoga centrale di Sofia è giustamente considerata l’orgoglio dell’ebraismo bulgaro. Per quasi un secolo è stata il simbolo della comunità ebraica bulgara. È la seconda sinagoga sefardita (spagnola-ebraica) più popolosa d’Europa. La Sinagoga Centrale, l’unico luogo di culto ebraico di Sofia, si trova lungo la via Ekzarch Josif, proprio accanto alla Sala del Mercato Centrale, ed è nota anche come Halite. La sinagoga è stata progettata dall’architetto austriaco Gruenanger tra il 1905 e il 1909 come replica più piccola della sinagoga sefardita di Vienna (distrutta durante la seconda guerra mondiale). Il vanto della Bulgaria è che, sebbene oggi vivano meno di 10.000 ebrei, nessuno è stato deportato durante l’Olocausto. La sinagoga si trova nella “Piazza della Tolleranza”. La moschea “Banya Bashi” si trova a soli 60 metri, la cattedrale cattolica di San Giuseppe a 300 metri e la chiesa ortodossa di Santa Nedelya a 500 metri. Sofia è un ottimo esempio per il resto del mondo di come tutte le principali religioni possano coesistere e tollerarsi a vicenda.

12. Chiesa di Boyana, Sofia. La Chiesa di Boyana, nota anche come Chiesa di San Nicola e San Panteleimon, si trova a sud-ovest di Sofia, in Bulgaria. La chiesa, nota per i suoi affreschi medievali, è un monumento culturale protetto dall’UNESCO ed è stata iscritta nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità nel 1979. Viene spesso visitata durante una gita di un giorno al Monastero di Rila, ma è anche possibile prendere gli autobus n. 64, n. 107 e il minibus n. 21 dal centro di Sofia per visitarla. Leggete qui tutte le informazioni sul Monastero di Rila. La struttura della chiesa di Boyana può essere suddivisa in diverse fasi. La chiesa antica è una piccola chiesa a croce costruita tra il X e l’XI secolo. Nel XII secolo fu ristrutturata. Nel XIII secolo furono aggiunti alla facciata occidentale della chiesa vecchia un nartece e una piccola cappella al piano superiore. A metà del XIX secolo fu costruita un’anticamera a due piani dedicata a San Nicola e a San Panteleimon. La chiesa di Boyana è rimasta in piedi fino al 1954. Gli affreschi risalgono al 1259 e riflettono le tradizioni della Scuola di pittura di Tarnovo del XIII secolo.

Leggi anche: Visita al Monastero di Troyan (Bulgaria)

Godetevi il giardino della città a Sofia

Il più antico e centrale giardino pubblico di Sofia è il Giardino della Città (in bulgaro: Gradska gradina). Si trova tra la Galleria Nazionale, il Teatro Nazionale Ivan Vazov, la Galleria d’Arte della città di Sofia e il Parlamento bulgaro. Il Giardino della Città non è solo un luogo di ritrovo popolare, ma anche uno dei ritrovi preferiti dai giocatori di scacchi dilettanti. Qui si trova anche la famosa fontana con una donna danzante.

Scalare una montagna a Sofia – Visitare il Monte Vitosha

Il monte Vitosha, con la sua cima più alta Cherni Vrah (2290 m), è la quarta montagna più alta della Bulgaria e si trova vicino a Sofia. Quasi ogni punto della città ha una vista sul monte ed è facile arrivarci. Vitosha è il più antico parco nazionale dei Balcani. È noto per i suoi Zlatnite Mostove, la cui traduzione diretta è “Ponti d’oro”, che in realtà sono fiumi di pietra (enormi massi di pietra). Qui si trova anche Duhlata, la grotta più lunga della Bulgaria (17,5 km). Qui si scia da gennaio a marzo. Vitosha è una delle quattro stazioni sciistiche della Bulgaria – Bansko è la più grande, ci sono anche Pamporovo e Borovets. Ci sono diverse opzioni di trasporto pubblico per raggiungere il Monte Vitosha da Sofia, a seconda della vostra destinazione. La maggior parte delle volte dovrete prendere la metropolitana e poi l’autobus (o l’autobus e poi la cabinovia). Prendere l’autobus per la cabinovia Simeonovski e poi l’ascensore per il rifugio Aleko è il metodo più popolare per accedere alla montagna. Da qui si possono scalare Cherni Vrah, Kamen Del e altre cime.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento