Park Güell

Sulla parete meridionale del Monte Carmelo, in una tenuta di 17 ettari con vista su Barcelona e sul mare, Park Guell si dispiega come un vero sogno nato dall’immaginazione del geniale architetto catalano Antoni Gaudí. Dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1984, il parco attira ogni anno circa tre milioni di persone che cercano di perdersi in un universo di percorsi ondulati e forme organiche, un mondo onirico dove architettura e natura si fondono. Considerato uno dei massimi esponenti del modernismo catalano, Park Guell Barcelona è un’espressione unica dell’immaginazione straripante di Gaudí, che qui sperimentò uno stile naturalistico e organicista che avrebbe poi trovato il suo culmine nella Sacrada FamiliaCome visitare la Sagrada Família di Antoni Gaudí

Dallo sviluppo del lusso fallito al parco pubblico

Alla fine del XIX secolo, il ricco uomo d’affari catalano Eusebi Güell, che aveva già commissionato a Gaudí diversi progetti, gli chiese il più grande fino ad oggi: uno sviluppo di lusso per le famiglie dell’alta borghesia, una sorta di città giardino in stile britannico che doveva sorgere su un podere di recente acquisizione sulla Montaña Pelada (oggi Monte Carmelo). I lavori, iniziati nel 1900, procedettero rapidamente e intorno al 1907 Güell iniziò a cedere la grande piazza per la celebrazione di eventi pubblici e privati. Tuttavia, allo stesso tempo, divenne chiaro che il progetto sarebbe stato un fallimento commerciale. Il prezzo elevato dei lotti e il fatto che fossero lontani e mal collegati al centro, tra l’altro, facevano sì che pochi acquirenti interessati emergessero. Delle 60 case previste, due furono costruite: una commissionata da un avvocato amico di Güell e un secondo campione in cui Gaudí avrebbe abitato, con il padre e la nipote, tra il 1906 e il 1925. Infine, i lavori sarebbero stati abbandonati dopo l’inizio della prima guerra mondiale, nel 1914. Dopo la morte di Eusebi Güell, nel 1918,il Consiglio Comunale decise di acquistare la fattoria, che sarebbe stata finalmente aperta come parco pubblico nel 1926.

Cosa vedere al Park Guell Barcelona: viaggio attraverso una fantasia modernista

Gaudí era un uomo profondamente cattolico, catalano e amante della mitologia greco-romana classica. In questo senso, Park Guell Barcellona deve essere inteso come un’allegoria simbolica di quello che, per lui, era il più alto dei mondi terreno e spirituale. Il percorso proposto dall’artista propone un’ascesa spirituale alla vetta della montagna – dove nel progetto originario avrebbe dovuto essere costruita una cappella – tartufata con richiami alla cultura classica e una rinascita della nazione catalana, che aveva mostrato la sua forza e urbanistica al mondo all’Esposizione Universale di Barcellona del 1888. L’ingresso monumentale del Parco Guell è concepito come la porta del Paradiso, presieduta da una recinzione in ferro ispirata alle foglie di palma e fiancheggiata da due padiglioni nel più puro stile di Gaudí, con le sue cupole ricoperte di ceramica colorata che spiccano. Le pareti in pietra del recinto sono ricoperte da grandi medaglioni che recitano “Parco” e “Guell”. Sulla spianata di accesso ci attende la grande Scalinata del Drago, fiancheggiata da due muraglie con merlature fantasy.

L’acqua di una fontana scorre lungo la scalinata incanalata attraverso i suoi elementi più rappresentativi: nella parte centrale, lo stemma della Catalogna; in alto, un drago ricoperto di mosaico ceramico, o trencadís, diventata una delle icone del Parque Guell. Arriviamo così alla Sala Hipóstila, uno spazio di 1.500 metri quadrati che sorregge la terrazza superiore grazie a 86 colonne doriche, ricoperte di trencadís alla loro base. Anche le belle volte a tutto sesto del soffitto sono ricoperte con questa tecnica. Lo spazio è stato progettato da Gaudí per ospitare il mercato della fallita urbanizzazione e nasconde una curiosità: le colonne convogliano l’acqua piovana in un serbatoio sotterraneo utilizzato per irrigare il parco. L’acqua in eccesso viene espulsa dalla bocca del famoso drago. Sul soffitto della stanza si trova la Plaza de la Naturaleza, un grande spazio ovale che Gaudí progettò come teatro greco e spazio di incontro della comunità. È delimitato dalla grande panchina ondulata ricoperta di mosaici trencadís , il luogo preferito dai turisti per scattare foto di Barcellona al tramonto.

Parco Guell di Antoni Gaudí
Parco Guell di Antoni Gaudí

Sebbene la maggior parte dei motivi nel collage siano astratti, se guardi da vicino puoi trovare stelle, rose, pesci, granchi, croci, frasi in omaggio alla Vergine Maria e persino la lettera J, l’iniziale del collaboratore di Gaudí che lo eseguì, Josep Maria Jujol. Dalla piazza, un cancello in ferro ci conduce al Pórtico de la Lavandera, un tour di quelli che erano i giardini della Casa Larrard, dove Güell visse durante la costruzione del parco Guell Barcellona fino alla sua morte. È un’altra delle icone del complesso per le sue doppie colonne a forma di palma, che si inclinano verso una parete curva, dando l’impressione di attraversare l’interno di un’onda. Anche se forse il più famoso, questo non è l’unico passaggio o viadotto del Parco Güell. Per salvare la pendenza del terreno e comunicare le diverse parti del parco, Gaudí progettò diversi viadotti, sorretto da colonne inclinate e volte in pietra grezza, visitabile all’esterno dell’area di pagamento del recinto. L’agriturismo è inoltre attraversato da percorsi e scorciatoie pedonali che l’architetto ha ideato per facilitare l’accesso ai terreni.

Due posti ci offrono le migliori viste del Parc Guell Barcelona e dei dintorni. Uno sono i Giardini Austriaci, che occupano gli appezzamenti dove non sono mai state costruite case e devono il loro nome agli alberi donati da quel paese in occasione della mostra di Vienna a Barcellona, tenutasi nel 1977. Il secondo è un promontorio, situato in alto dal parco, detto El Calvario. Questo è il luogo dove Gaudí progettò di costruire una cappella a forma di fiore a sei petali che avrebbe simboleggiato la fine dell’ascensione spirituale. Di fronte al fallimento del progetto, progettò questo semplice monumento, che ricorda un talaiot megalitico, in cui spiccano tre croci; uno di loro, appuntito, indica il cielo.

La Casa-Museo Gaudí

Per chi vuole saperne di più sulla figura del grande artista catalano, nel Park Guell Barcelona è possibile visitare anche la casa dove visse Gaudí tra il 1906 e il 1925, fino a pochi mesi prima della sua tragica morte, investito da un tram il 10 giugno, 1926. Il bel palazzo modernista, progettato dal suo collaboratore Francesc Berenguer, permette di entrare nell’intimità di Gaudí visitando la sua camera da letto e lo studio, oltre a conservare un busto in bronzo e vari oggetti e mobili originali progettati dall’artista.

Suggerimenti per visitare Parc Guell Barcellona

  1. Prenotate i biglietti per Park Guell online o potreste aspettare ore.
  2. Per raggiungere Park Guell dal centro della città, è necessario attendere almeno 50 minuti.
  3. Ricordate: c’è un periodo di tolleranza di 30 minuti per gli orari di ingresso (ad esempio, i biglietti delle 9:00 sono ammessi fino alle 9:30).
  4. Se avete prenotato il biglietto per Park Guell online, dirigetevi verso l’ingresso ovest, che è meno affollato.
  5. Portate con voi un documento d’identità adeguato se intendete usufruire degli sconti di Barcellona (anziani, bambini, ecc.).
  6. Portate scarpe comode se volete arrivare fino in cima.
  7. Visitate Park Guell Barcelona di sera per godere di temperature più confortevoli e di splendide foto al tramonto.
  8. I servizi al Park Guell sono troppo cari e scarsi: portatevi cibo e acqua per un picnic.
  9. L’ombra è scarsa, quindi in estate portate con voi la protezione solare.
  10. Le persone con mobilità limitata dovrebbero arrivare con un taxi di Barcellona o con l’autobus 24 per evitare di camminare in salita.

Leggi anche: Come visitare Casa Batllo di Gaudì

Come raggiungere il Parco Guell

  1. In navetta. A partire dal 1° aprile 2019 la città di Barcellona offre una navetta gratuita di andata e ritorno per i possessori di un biglietto della Zona Monumentale. La navetta parte dalla stazione della metropolitana Alfons X (L4) durante gli orari di apertura di Park Guell. Il viaggio verso Parc Guell dura 10-15 minuti e passa ogni 7 minuti.
  2. Park Güell in metropolitana e autobus. L’autobus 24 da Passeig de Gracia o Placa Catalunya vi porterà direttamente ai cancelli. L’autobus 92 collega Park Guell al mare e alla Sagrada Familia, ma bisogna camminare per dieci minuti. Fermate della metropolitana Lesseps o Vallcarca sulla linea verde L3 (15 minuti a piedi in salita).
  3. Con il Bus Turistic. L’autobus parte a pochi passi dal parco.
  4. Prendere un taxi dovrebbe costare tra i 10,00 e i 15,00 euro da qualsiasi punto del centro.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento