Cosa vedere a Budapest: Guida turistica

By | Novembre 25, 2023
Cosa vedere a Budapest

Quando si pianifica un viaggio nella magica capitale ungherese, la lista delle attrazioni principali è interminabile, ma per aiutarti a decidere cosa vedere a Budapest, è imprescindibile leggere una guida che ti aiuti a scoprire le sue meraviglie. Proprio come la capitale francese, questo luogo affascinante possiede un fiume maestoso che divide la città, offrendo scorci memorabili con castelli e magnifici edifici. Si potrebbe pensare alla somiglianza con Montmartre quando si osserva una collina da cui ammirare la vastità di Budapest. Tuttavia, sarebbe riduttivo limitarsi a confrontarla con Parigi: Budapest vanta una personalità unica e distintiva, forgiata dalla sua storia e tradizione. La peculiare conformazione della città è dovuta all’unione di tre diverse località: Buda, Pest e Óbuda. Queste antiche città sono connesse tra loro dallo storico Ponte delle Catene e da altre sette strutture, costituiscono i punti più affascinanti e fotografati della metropoli.


Per approfondire aspetti pratici come valuta, sicurezza, assistenza sanitaria e contatti utili, è consigliato consultare la sezione dedicata alle informazioni su Budapest. Se hai intenzione di trascorrere un weekend o una breve pausa nella capitale ungherese, tre giorni potrebbero essere sufficienti per immergerti nel suo patrimonio storico e culturale. Dal fascino dell’antica Budapest romana alle testimonianze medievali, come il Castello, senza dimenticare una piacevole giornata sulle rive del Danubio o un viaggio nel passato attraverso le stazioni della metro, testimoni del tempo trascorso. Cosa vedere a Roma: 20 attrazioni imperdibili

1. Il Misterioso Quartiere di Buda

Buda, antica e regale, rappresenta le fondamenta storiche su cui si sviluppa la magnifica Budapest. Quando gli assedi mongoli iniziavano a minacciare la vicina Pest, gli abitanti si rifugiarono in questa zona fortificata, dandole vita. Si sviluppò, quindi, una metropoli di straordinaria bellezza, che poteva tranquillamente competere con città eminenti come Praga e Vienna.

Tuttavia, le vicende storiche non si fermarono. I turchi, avidi conquistatori, misero piede a Buda nel 1541 e ne presero il controllo per un secolo e mezzo. Questa dominazione mutò il volto della città: le storiche chiese furono trasformate in moschee, e maestosi minareti e bagni turchi punteggiavano il panorama. Fu solo nel 1686, dopo lunghi giorni di assidui bombardamenti, che gli austriaci riuscirono a riconquistarla. Tuttavia, dello splendore antico, poche tracce rimasero, e Buda dovette rinascere dalle proprie ceneri, cercando di conservare la sua essenza.

Nonostante le avversità, come la devastazione del 1945, oggi Buda si presenta con una dignità ineguagliabile. È qui che si possono ammirare gioielli architettonici come il Palazzo Reale e la Chiesa di Mattia. Dalla sua altura, offre angolazioni panoramiche che raccontano storie d’altri tempi.

Orari e costo dei biglietti del Palazzo Reale di Budapest

  • Orari di apertura: L’accogliente corte del Castello ti invita in qualsiasi momento. Per la Galleria Nazionale, il periodo ideale va da martedì a domenica, dalle 10 alle 18, con chiusura della biglietteria alle 17. Ricorda: il lunedì è giorno di riposo.
  • Costi: Mentre il Castello e i giardini ti accolgono gratuitamente, i musei richiedono un piccolo contributo di 3200 fiorini (circa 8 €), ma con la Budapest Card, il tuo ingresso è assicurato.
  • Come raggiungere questo luogo storico? È semplicemente posizionato nell’area elevata di Buda. Puoi optare per la pittoresca funicolare che parte dal Ponte delle Catene, oppure viaggiare con gli autobus 16, 16A e 116 da piazza Moszkva. Se ti senti avventuroso, potresti anche decidere di salire a piedi, sia attraverso le scalinate del Ponte delle Catene sia lungo il percorso accanto alla funicolare, per un costo di 1200 fiorini, operativa dalle 7.30 alle 22.

2. La Maestosa Chiesa di Mattia

Al centro del pittoresco quartiere di Buda, si erge verso il cielo la Chiesa di Mattia con le sue guglie gotiche distintive. Questa eccelsa struttura fu originariamente edificata su desiderio del re Bèla IV nel XIII secolo. Conosciuta all’epoca come la Chiesa di Nostra Signora, in omaggio alla Vergine Maria, l’edificio sacro venne successivamente ribattezzato in onore del re ungherese Mattia Corvino. Questo sovrano illuminato, oltre a commissionarne la ristrutturazione nel tardo Quattrocento, scelse questo luogo sacro per celebrare entrambe le sue unioni matrimoniali. Un particolare distintivo è lo stemma reale, raffigurante un corvo, adornato sulla facciata della torre.

Nel corso dei secoli, la chiesa ha subito diverse modifiche e arricchimenti. Durante l’occupazione turca (1541-1686), essa venne trasformata in moschea, testimoniando l’interessante fusione culturale.

Verso la fine del XIX secolo, precisamente nel 1896, iniziarono i lavori di rinnovamento sotto la guida dell’architetto Frigyes Schulek. Grazie a quest’ultimo, la chiesa recuperò l’aspetto gotico originale, conforme ai desideri dell’imperatore d’Austria, Francesco Giuseppe I. La Chiesa di Mattia ha poi subito ulteriori restauri postumi alla Seconda Guerra Mondiale, un periodo di venti anni che l’ha vista tornare al suo antico splendore.

  • Informazioni Utili per la Visita alla Chiesa di Mattia Orari di apertura: La programmazione delle visite è organizzata attorno agli orari delle funzioni religiose, con intervalli dedicati alle messe. Per dettagli sugli orari, si consiglia di consultare il sito ufficiale della chiesa (disponibile in inglese). Biglietto intero: Il costo è di 1600 HUF, equivalente a circa 7€.
  • Come Raggiungerla: Opzioni di trasporto includono il bus (linee 16, 16A, 116) o una passeggiata dalla riva del Danubio. Dalla Piazza Adam Clark è possibile prendere la funicolare del Castello (200 HUF) o, da Palota Ut, l’ascensore che conduce al Castello.

3. Visitiamo il Castello di Buda

Il Castello di Buda, riconosciuto anche come Palazzo Reale, si erge maestosamente. Sorgendo nel pittoresco e incantevole quartiere Buda, che con Pest forma il nome di questa illustre città, il Castello offre un panorama dominante sulla stessa. La sua storia si intreccia profondamente con le vicende della capitale ungherese. Originariamente concepito come baluardo difensivo nel periodo medievale, il palazzo subì una metamorfosi nel Rinascimento sotto l’egida di Mattia Corvino, diventando un esemplare capolavoro architettonico. Tuttavia, la sua maestosità fu offuscata dai turchi che lo distrussero, prima che gli Asburgo lo resuscitassero in una versione neobarocca. Durante conflitti armati, subì ulteriori danni, ma i lavori di restauro hanno rivelato una fusione armoniosa di stili e lineamenti vari. Per sette secoli, è stato la dimora dei monarchi ungheresi. Oggi, si trasforma in un epicentro di cultura, ospitando musei e enti culturali, e vanta il titolo di Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO.

Informazioni pratiche:

  • Orari: La corte del Castello è sempre accessibile al pubblico. La Galleria Nazionale è aperta dal martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 18:00, con chiusura anticipata della biglietteria alle 17:00. Riposo settimanale il lunedì.
  • Costo: Accesso gratuito al Castello e ai suoi giardini. Ingresso a pagamento per i musei (3200 fiorini, approssimativamente 8 €) ma incluso nella Budapest Card.
  • Come arrivare: Posizionato in alto a Buda. Trasporti disponibili tramite la funicolare che inizia il suo viaggio dal Ponte delle Catene, oppure gli autobus 16, 16A e 116 dalla piazza Moszkva. Chi preferisce una camminata può utilizzare le scale dal Ponte delle Catene o la strada vicino alla funicolare.

4. Il vivace Quartiere Pest

Mentre Buda rappresenta la dimensione storica e aristocratica di Budapest, Pest simboleggia la vitalità contemporanea della città. Dinamica e pulsante, Pest rappresenta l’opposto della serenità di Buda, che si concentra intorno al Castello. Anche se Pest non vanta grandi musei, si distingue per la sua vivacità creativa, evidenziata dalle botteghe di stilisti emergenti e artisti avanguardisti. Tra le cose da vedere a Budapest in questa zona spiccano il Palazzo del Parlamento, il Duomo di Santo Stefano, la Grande Sinagoga e il Museo Etnografico. Inoltre, per gli appassionati di shopping, il Viale Andrássy offre numerose occasioni. Una menzione speciale va alla Casa del Terrore, testimone silente delle atrocità compiute sia dai nazisti che dai comunisti.

5. Scoperta della Basilica di Santo Stefano

La Basilica di Santo Stefano, emblema centrale di Budapest, è un omaggio al primo sovrano cristiano d’Ungheria. È il luogo sacro più imponente della capitale e ha la capacità di ospitare quasi ottomila visitatori. Questo monumento sorge nel cuore del quartiere di Pest. Come esempio concreto del suo valore storico, la costruzione dell’edificio durò svariati decenni: a partire dal 1851 fino al 1905, quando venne infine inaugurata. Questa lunga attesa è legata a diverse circostanze, tra cui la rivolta indipendentista del 1848-49, che mise in pausa le operazioni, e tragici eventi come la morte dei suoi architetti e il crollo della cupola nel 1868 a seguito di una tempesta. Tali incidenti comportarono una ricostruzione da zero.

Come raggiungere il luogo: A piedi attraverso il vibrante centro di Pest. Opzioni di trasporto pubblico includono la metro (linea rossa stazione Kossuth Lajos tér), il tram (linea 2) o l’autobus (linea 15).


6. Il misterioso Quartiere Obuda

Se vi state chiedendo cosa visitare a Budapest al di là dei percorsi tradizionali, esplorate Obuda, un angolo meno noto rispetto a Buda e Pest. Questo quartiere ha radici antichissime, tracciate fino al 35 a.C., quando i Romani fondarono Aquincum, fulcro della Pannonia. Da un semplice accampamento, divenne presto una città fiorente con 30.000 abitanti. Gli scavi mostrano la magnificenza di questo luogo con resti di edifici, il foro, le terme e un tempio dedicato a Mitra.

7. L’imperdibile Museo di Belle Arti

Per chi è appassionato di arte contemporanea e desidera sapere cosa vedere a Budapest, il Palazzo delle Arti offre esibizioni d’avanguardia e opere innovative di artisti ungheresi e internazionali. Un autentico gioiello nascosto nell’Europa orientale, il Museo di Belle Arti è una testimonianza vivente dell’arte mondiale. Questo museo non ha nulla da invidiare a colossi come il Prado o il Louvre. Le sue sale ospitano un insieme eclettico e vasto, dalla civiltà greco-romana alla contemporanea. Tra gli artisti spiccano nomi come Raffaello, Tiziano e Picasso.

  • Informazioni pratiche sul Museo di Belle Arti: Orari: aperto dal martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 18:00. Chiuso il lunedì. Costo: 3200 fiorini, circa 9 euro. Incluso nella Budapest Card.
  • Come raggiungere il luogo: Situato in Piazza degli Eroi (Hősök tere). Opzioni di trasporto pubblico sono la metro M1, diversi autobus e filobus che fermano a Hősök tere.

8. Il Memento Park: Una visione del comunismo a Budapest

A differenza di molte capitali dell’Est che hanno demolito le loro statue post-comuniste, Budapest ha preservato queste testimonianze, convertendole in un luogo di memoria. Qui, figure emblematiche come Marx e Lenin, insieme a soldati dell’ex URSS, sono state raggruppate in uno spazio espositivo chiamato Memento Park. Oltre alle statue, per chi è affascinato dal periodo della Guerra Fredda, c’è la possibilità di acquistare souvenir vintage, come spillette e magliette. Un’esposizione dettagliata illustra inoltre la formazione di una spia durante quell’era.


  • Orari e Tariffe del Memento Park: Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00 (Maggio-Ottobre) e dalle 10:00 alle 16:00 (Novembre-Aprile). Costo d’ingresso: 2200 fiorini (circa 6€). Accessibile con la Budapest Card.
  • Come arrivare: Bus diretti dal centro, con partenza da Deák tér.

9. Bagni termali: L’esperienza termale di Budapest

Budapest ha ereditato dalla passione romana per le terme una vasta gamma di bagni termali. Molti resti delle antiche terme romane possono essere osservati in vari posti, in particolare in Óbuda. Immersi nella tradizione termale, i visitatori possono rilassarsi in vasche alimentate da 70 milioni di litri d’acqua al giorno.

10. La Grande Sinagoga: Testimonianza della presenza ebraica

Per chi si chiede cosa vedere a Budapest, la Grande Sinagoga è un luogo di significativa importanza storica e culturale. Questo maestoso edificio, il più grande d’Europa, situato nel cuore del ghetto ebraico, può ospitare fino a 3000 persone. All’interno del complesso si trova “L’Albero della Vita”, un commovente tributo agli ebrei periti durante la Seconda Guerra Mondiale. La visita può essere arricchita dal Museo e l’Archivio Ebraico e dal “Tempio degli Eroi”.

  • Orari e Tariffe della Grande Sinagoga: Apertura variabile in base al periodo e alle funzioni religiose. Ingresso: 5000 fiorini (circa 14€) con accesso anche al museo e all’archivio.
  • Come arrivare: Fermata metro M2, Astoria.

11. L’Isola di Margherita: Un’oasi di verde nel cuore del Danubio

Mentre molti viaggiatori spesso si dimenticano dell’Isola di Margherita, una vera gemma nel centro del Danubio, facilmente raggiungibile attraverso il suo suggestivo ponte. Immaginatevi pedalare lungo sentieri immersi in giardini lussureggianti, fermarsi per un po’ di relax presso le terme e godersi il ritmo tranquillo del luogo.


In realtà, un tempo l’isola era divisa in tre: l’isola Balneare, quella dei Pittori e quella delle Lepri. Fu solo alla fine del XIX secolo che queste parti furono unite, dando vita all’Isola di Margherita, denominata in onore della principessa Margherita. Al giorno d’oggi, è uno dei posti da visitare a Budapest per chi cerca un momento di pace o un tuffo nelle famose piscine termali di Palatinus.

12. Il Palazzo del Parlamento: Simbolo Maestoso di Budapest

Nel corso delle tue ricerche su cosa vedere a Budapest, non dimenticare la Casa del Parlamento, un capolavoro neogotico che non solo rappresenta la democrazia ungherese ma è anche uno dei più imponenti edifici parlamentari al mondo. Dominando la riva del Danubio, questa struttura gotica, ispirata al Parlamento di Londra e al Duomo di Colonia, rappresenta un’opera architettonica maestosa. Al suo interno, la commistione di stili barocco e rinascimentale la rende ancora più imponente. Oltre alla sua grandiosa facciata, si estende su una superficie di quasi 18.000 metri quadrati.

Per quanto riguarda la pratica, ecco alcune informazioni utili:

  • Indirizzo: Quartiere Pest, riva del Danubio.
  • Come arrivare: La posizione centrale permette un facile accesso attraverso vari mezzi, inclusa la metro, il tram, il bus e i trolleybus.
  • Orari di apertura e costo: È aperto quasi tutto l’anno, con alcune eccezioni durante le festività.

13. Il Ponte delle Catene e la Funicolare: Storia e Leggende

Il Ponte delle Catene rappresenta un altro capolavoro architettonico e storico. Collegando Buda e Pest, racconta storie di tempi antichi, di leggende e di ingegneria. Una delle leggende riguarda i leoni scolpiti che, secondo alcuni, mancano della lingua, portando a credere che l’ingegnere si fosse suicidato per questo errore. Ma, osservando attentamente, la lingua c’è! Dopo aver attraversato il ponte, non perdere l’opportunità di prendere la funicolare storica che conduce al Castello e al Palazzo Reale.

Linee guida per visitare Budapest

Budapest, un’affascinante metropoli sulle rive del Danubio, ha tanto da offrire ai suoi visitatori. Molti potrebbero pensare immediatamente ai soliti luoghi turistici. Ma la città pullula di angoli nascosti, di gemme meno conosciute che meritano una visita.

Ad esempio, la celebre Vaci Utca, cuore pulsante della movida budapestina, è una tappa quasi obbligata per chi visita la città. Ma non fermatevi solo qui. Immaginate Vaci Utca come la punta dell’iceberg: sotto, una miriade di esperienze autentiche vi aspettano. Analogamente, non si potrebbe dire di aver visitato l’Italia senza vedere Roma, ma ci sono tante altre bellezze nascoste come le Cinque Terre o Matera.

Un avvertimento però è d’obbligo: come in molte grandi città, ci sono truffe mirate ai turisti. Ad esempio, in passato, alcune donne si avvicinavano ai turisti maschi invitandoli in locali, dove poi venivano presentati conti esorbitanti. Fortunatamente, tale pratica sta diminuendo, ma la prudenza non è mai troppa. L’importante è rimanere vigili, evitare di abbassare la guardia con estranei e, soprattutto, godersi tutto ciò che Budapest ha da offrire.

Infine, è essenziale evitare stereotipi e pregiudizi. Come in ogni nazione, generalizzare o formulare idee preconcette su un intero popolo basandosi su poche esperienze non è né corretto né costruttivo. Approcciate Budapest con una mente aperta, pronti a immergervi in una cultura ricca e affascinante, e scoprirete una città che ha molto più da offrire di quanto si potesse immaginare.

Cosa mangiare a Budapest

Budapest, con le sue strade storiche e le sue architetture mozzafiato, rappresenta un must per chi ama viaggiare. Oltre alla sua cucina deliziosa e tradizionale, la capitale ungherese offre un’infinita varietà piatti tipici. La cucina ungherese è conosciuta per i suoi sapori ricchi, speziati e abbondanti piatti. Assaporare la tradizionale cucina ceca nei ristoranti storici del centro città rappresenta un’autentica cosa da fare a Praga per i buongustai. Ecco un breve riassunto dei piatti tipici:

  1. Gulyás (Goulash): Probabilmente il piatto ungherese più famoso, il goulash è uno stufato speziato di manzo, generalmente cotto con cipolle, peperoni, pomodori e paprika, servito spesso con pane o gnocchi di patate.
  2. Pörkölt: Un altro tipo di stufato che utilizza carne tagliata a cubetti, cipolle e paprika. A differenza del goulash, è più concentrato e meno brodoso.
  3. Halászlé (Zuppa di pesce ungherese): Una zuppa piccante a base di pesci d’acqua dolce, prevalentemente carpa o storione, cotta con abbondante paprika.
  4. Töltött káposzta (Cavolo ripieno): Foglie di cavolo farcite con un impasto di carne e riso, poi bollite in un brodo ricco di paprika e servite con panna acida.
  5. Lángos: Una sorta di pane fritto, spesso guarnito con aglio, panna acida, formaggio grattugiato o altri condimenti.
  6. Kürtőskalács (Chimney cake): Un dolce tradizionale cotto su un bastone, rotolato nello zucchero e spesso coperto con ingredienti come noci tritate o cannella.
  7. Dobos torta: Una torta stratificata con strati sottili di pan di Spagna e cioccolato, famosa per la sua crosta di caramello in cima.

Questi piatti riflettono l’influenza storica della cucina ottomana, austriaca e slava, oltre all’uso diffuso di ingredienti locali come la paprika, le cipolle e le carni d’acqua dolce e di terra. La cucina ungherese è spesso accompagnata da vini locali robusti e liquori come il Palinka. Gli appassionati di gastronomia avranno l’imbarazzo della scelta tra le cose da fare a Praga, con tour culinari che offrono un assaggio autentico della cucina ceca.

Dove dormire a Budapest

Riguardo al soggiorno, Budapest si è affermata come una delle mete predilette dai viaggiatori europei, non solo per la sua bellezza, ma anche per la vasta gamma di opzioni di alloggio. Dall’hotel di lusso al B&B accogliente, ci sono soluzioni per ogni esigenza e budget. Se stai cercando un luogo centrale dove soggiornare, avrai la comodità di spostarti facilmente e di vivere la città anche nelle ore serali, pur considerando che potrebbe avere un impatto leggermente maggiore sul budget. In ogni caso, con un po’ di ricerca, troverai l’opzione migliore per te, garantendo un’esperienza indimenticabile in una delle città più affascinanti d’Europa.

FAQ: Cosa vedere a Budapest: Le attrazioni imperdibili

  1. Qual è il monumento più famoso di Budapest?
    • Il Parlamento di Budapest è sicuramente uno dei monumenti più iconici e imponenti della città. Situato sulle rive del Danubio, questo edificio neogotico vanta una struttura imponente e dettagli architettonici affascinanti.
  2. Dove posso trovare le migliori terme a Budapest?
    • Budapest è famosa per le sue terme. Le terme Széchenyi e le terme Gellért sono tra le più popolari e storiche. Entrambe offrono acque termali rilassanti e varie piscine all’interno.
  3. C’è qualche luogo panoramico da non perdere?
    • Assolutamente sì! Il Bastione dei Pescatori offre una vista mozzafiato sulla città e sul Parlamento. Si trova sul lato di Buda della città, sulla collina del castello.
  4. Vorrei visitare un museo, quale mi consigliate?
    • Il Museo Nazionale Ungherese è una scelta eccellente per chi è interessato alla storia e alla cultura ungherese. Se sei un appassionato d’arte, il Museo delle Belle Arti ospita una vasta collezione di opere d’arte europee.
  5. Ci sono zone verdi o parchi da esplorare?
    • Il Parco della Città (Városliget) è un’ampia area verde dove troverete il Castello di Vajdahunyad, lo Zoo di Budapest e il Lago Città, che in inverno diventa una pista di pattinaggio.
  6. Vorrei fare una passeggiata lungo il fiume, dove dovrei andare?
    • La Passeggiata sul Danubio offre una vista spettacolare sui principali monumenti di Budapest. Potete iniziare dalla Piazza Roosevelt, passando davanti al Parlamento e proseguendo verso il Ponte delle Catene.
  7. Ci sono chiese o cattedrali che meritano una visita?
    • La Basilica di Santo Stefano è la chiesa più grande di Budapest e un esempio brillante di architettura neoclassica. All’interno si può anche salire alla cupola per avere una vista panoramica sulla città.
  8. Quali sono i migliori mercati o zone commerciali?
    • Il Mercato Centrale è un luogo affascinante non solo per fare shopping, ma anche per immergersi nell’atmosfera locale. Per gli amanti dello shopping di lusso, l’Andrássy Út ospita numerosi negozi di marca.
  9. Desidero conoscere la storia ebraica di Budapest. Dove dovrei andare?
    • Il Quartiere Ebraico è ricco di storia. Il Museo Ebraico e la Grande Sinagoga sono luoghi fondamentali per approfondire la storia e la cultura ebraica di Budapest.
  10. Ci sono festival o eventi locali che dovrei considerare durante la mia visita?
  • Budapest ospita numerosi eventi durante l’anno, tra cui il Festival Sziget in estate, il Festival del Film di Budapest e il Mercato di Natale in inverno. Si consiglia di controllare il calendario degli eventi locali durante la pianificazione del viaggio.

Le famiglie troveranno molte cose divertenti da fare a Praga, dai parchi tematici educativi agli zoo avventurosi, garantendo divertimento per tutte le età. Speriamo che questa FAQ ti sia stata utile per programmare il tuo viaggio a Budapest. Buon viaggio! Cosa vedere a Budapest in 3 giorni: il meglio della capitale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *