Cosa vedere a Epidauro e perché è un must per le famiglie

In una posizione tranquilla, vicino alla città di Ligourio, sulla penisola dell’Argolide, si trova l’antica città di Epidauro. Nell’antica Epidauro, gli archeologi hanno scoperto monumenti significativi che indicano che il luogo era dedicato al dio-fisico e padre della medicina, Asclepio. I monumenti includono il famoso teatro antico di Epidauro, che persone da tutto il mondo vengono a visitare, e il complesso del Santuario di Asclepio. Le prove suggeriscono che la medicina è stata praticata qui per migliaia di anni. Epidauro non era solo il più famoso centro di cura dell’antichità, ma anche un luogo di culto con templi dedicati a numerose divinità greche e romane. Inoltre, ogni 4 anni si tenevano gli “Asclepieia”, come i Giochi Olimpici di Olimpia. Esploriamo l’antica Epidauro e i suoi monumenti attraverso la mitologia, la storia e le caratteristiche culturali.

Leggi anche: Il Partenone: un tempio consacrato al protettore di Atene

Storia dell’antica Epidauro

Il tranquillo entroterra di Epidauro, con le sue sorgenti minerali e il clima mite, era conosciuto fin dall’epoca micenea (XVI secolo a.C.). A quel tempo l’area era dedicata agli dei e agli spiriti della guarigione. Nell’VIII secolo a.C., qui fu costruito un tempio dedicato al dio Apollo di Meleatas, che possedeva capacità curative. Poiché Asclepio è considerato il figlio di Apollo di Meleata, nel VI secolo a.C. fu costruito un santuario del “dio” guaritore Asclepio. A partire dal VI secolo, Asclepio era il dio più importante venerato a Epidauro. La sua fama era così grande che persone da tutta la Grecia venivano qui per offrire doni al dio e per curare le loro malattie. Nel IV e III secolo a.C., il santuario e centro di guarigione di Asclepio era così famoso e ricco che vennero costruiti altri edifici per ospitare ancora più persone. Inoltre, nel IV secolo iniziarono anche i Giochi di Asclepieia. Furono costruiti uno stadio, una palestra, il famoso teatro di Epidauro e altri edifici. In epoca romana, l’Asclepeion di Epidauro fu ristrutturato per assumere l’aspetto di una ricca città romana, con un maggior numero di edifici. Alla fine, fu gradualmente abbandonato nel V secolo d.C. poiché la religione ufficiale era il cristianesimo e quindi era considerato un luogo pagano.

La persona mitologica di Asclepio

La gente credeva che Asclepio avesse trovato la cura per tutte le malattie. Pertanto, i malati di tutta la Grecia si recavano al suo santuario per essere guariti. Questo santuario non era l’unico in Grecia, ma era il più famoso. I malati trascorrevano la notte all’Abaton, dove, secondo il mito, morivano per una notte e incontravano Asclepio, che avrebbe detto loro come curare la malattia. Inoltre, il maestro di Alessandro Magno era il filosofo Aristotele, anch’egli nipote di Asclepio.

Il dottor Ippocrate

Ippocrate, il cosiddetto “padre della medicina occidentale”, era il medico più famoso di Asclepio. Lo conosciamo anche per il “Giuramento di Ippocrate”, il giuramento ufficiale che i medici fanno quando si laureano. Si tratta del discorso sacro che Ippocrate tenne agli dei della salute. Il testo parla dei compiti che i medici devono svolgere nell’Asclepeion.

Leggi anche: Tempio di Atena Nike: dedicato alla dea della vittoria

Cosa vedere a Epidauro

1. Epidauro e i suoi monumenti. A Epidauro ci sono ancora resti di edifici antichi che stupiranno voi e la vostra famiglia. È uno dei siti archeologici più completi al mondo. Grazie all’antico viaggiatore e geografo greco Pausania, conosciamo dettagli su edifici non più visibili. Il Santuario di Asclepio era un complesso di edifici che conteneva numerose strutture per i visitatori. È dedicato all’omonimo dio della guarigione. Tra le strutture del complesso c’erano:

  • Abaton o Katagogio: dove dormono i malati come parte del rituale
  • Loutra e le sorgenti minerali per il bagno
  • Tholos: edificio circolare utilizzato per il culto di Asclepio.
  • Altare di Asclepio
  • Un edificio quadrato adibito a ristorante
  • Una pensione con 160 camere
  • Stadio: impianto sportivo per gli Asclepieia, ospitati ogni 4 anni a Epidauro.
  • Tempio della dea Artemide, che era la dea della caccia
  • Un altro tempio di Asclepio: con una statua di Asclepio in avorio
  • L’antico teatro di Epidauro
  • Odeion: che è un teatro più piccolo

Tutti questi edifici dimostrano l’importanza del sito storico e il motivo per cui il Santuario di Asclepio è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

2. Teatro antico di Epidauro. È l’edificio più famoso visitato da persone di tutto il mondo. È anche il teatro antico meglio conservato del mondo antico. Ancora oggi ha la migliore acustica. Al giorno d’oggi, qui si tengono ancora spettacoli teatrali. Fu costruito dall’architetto Polykleitos nel IV secolo a.C… Il teatro può ospitare più di 13.000 spettatori. Era dedicato ad Asclepio. Tuttavia, non veniva utilizzato solo per le esibizioni. I terapeuti di Asclepio credevano nella guarigione del corpo e della mente. Per questo usavano il teatro e l’Odeon come parte del processo di guarigione. Credevano che l’anima potesse essere parte della guarigione. Pertanto, il teatro veniva utilizzato anche per scopi terapeutici e religiosi. La prima rappresentazione nel teatro di Epidauro fu messa in scena non prima del 1938. Più di un secolo dopo i primi scavi. L’opera era la famosa “Elettra” di Sofoklis.

3. Giochi di asclepieia. Nel 480 a.C. iniziarono le feste degli Asclepieia. Secondo il mito, i due figli di Asclepio la fondarono in onore del padre. Gli Asclepieia si svolgevano ogni 4 anni e comprendevano gare sportive e musicali. I giochi degli Asclepieia erano simili ai Giochi Olimpici, che facevano parte dei Giochi Panellenici in Grecia. Le gare e i festeggiamenti duravano 7 giorni durante l’estate. Sappiamo che iniziavano 9 giorni dopo le Isthmia (dedicate a Poseidone nelle Isthmia). Gli sport comprendevano il pentathlon (corsa, salto in lungo, lancio del disco, lancio del giavellotto e lotta) e le corse dei carri, come nei Giochi Olimpici. C’erano anche competizioni musicali e teatrali.

4. L’antica Epidauro nella mitologia greca. Epidauro ha un lungo passato mitologico associato a dei ed eroi, mortali e immortali. Secondo il mito, Asclepio era figlio di uno degli dei greci, il dio Apollo di Meleatas, e della mortale Koronis. Koronis era la nipote di Malos, l’ex re di Epidauro. Asclepio era inizialmente mortale, ma possedeva poteri di guarigione che alla fine lo resero un dio. Sul sito si trova il tempio di Asclepio e di Apollo Meleatas. Quando Apollo seppe da Artemide che Koronis avrebbe sposato un mortale, prese Asclepio e lo affidò al mitico centauro Cheiron perché lo crescesse. Cheirone era una creatura molto robusta che insegnò ad Asclepio tutto ciò che riguardava la medicina. Al suo fianco, Asclepio aveva anche la dea Atena, che gli donò il sangue della mitica creatura Medusa. Con questo sangue, Asclepio riportò in vita due eroi. Zeus si arrabbiò a tal punto da colpirlo con un fulmine e ucciderlo. Nel santuario si trova anche il tempio di Artemide. Artemide era la dea della caccia, ma in un’altra versione, come qui, Artemide Ecate è la dea che possedeva la conoscenza delle erbe medicinali e velenose.

Le Muse erano venerate anche a Epidauro, in un raro piccolo tempio aperto che oggi non è più visibile. Le Muse avevano 9 anni ed erano figlie di Zeus. Erano dee della musica, delle arti e del teatro. Erano anche solite suonare con il dio Apollo. A causa delle rappresentazioni teatrali e musicali che si svolgevano a Epidauro, è comprensibile che siano state associate al santuario. Asclepio era venerato anche nell’antico mondo romano. Troviamo templi a lui dedicati in Asia Minore, nella Grecia orientale e gradualmente in tutta la Grecia. Tutte queste relazioni mitologiche fanno capire che Epidauro e il santuario erano strettamente legati alla mitologia.

5. Il Museo archeologico di Asclepion a Epidauro. Dopo che voi e la vostra famiglia avrete esplorato il sito, è il momento di visitare il Museo Archeologico di Epidauro. Il museo si trova sul terreno tra il teatro antico e il Tempio di Asclepio. Come molti altri musei della Grecia, il museo di Epidauro è stato costruito all’inizio del XX secolo per ospitare gli straordinari reperti e tesori del santuario. Il museo è stato inaugurato nel 1909, diventando così uno dei più antichi musei archeologici della Grecia. È un museo piccolo ma molto ben organizzato, composto da due sale lunghe e strette e da una piccola area esterna con iscrizioni antiche. È un classico esempio del concetto museologico del XX secolo, con numerosi reperti in un’unica sala. Gli oggetti esposti vanno dal periodo arcaico a quello romano. Ospita parti architettoniche dei templi di Asclepio e Artemide e degli edifici circostanti, tra cui piedistalli, colonne e parti di altari dedicati agli antichi dei. Inoltre, offerte greche e romane come sculture, vasellame e ceramiche. Forse i reperti più significativi e rari sono le attrezzature mediche. Alcuni dei reperti si trovano al Museo Archeologico Nazionale di Atene.

6. Scavi archeologici nel sito dell’antica Epidauro. I primi scavi iniziarono alla fine del XIX secolo (1881) ad opera della Società Archeologica Greca. Gli scavi durarono più di 40 anni. Il principale archeologo fu Panagis Kavadias. All’epoca l’antica Epidauro era densamente boscosa e talvolta persino inaccessibile. Per questo motivo è stato necessario un grande lavoro, che ha richiesto molti anni. Dopo molti anni di duro lavoro, il teatro quasi inaccessibile è stato portato alla luce. P. Kavadias aveva già detto in passato che la comunità locale era parte integrante degli scavi, avendo persino messo a disposizione del servizio archeologico il proprio terreno. Secondo Kavadias, la Società Archeologica Greca ha cercato di restaurare il teatro e altri monumenti, ma a causa della Seconda Guerra Mondiale e della Guerra Civile Greca, il processo è stato ripetutamente interrotto. Da allora sono stati eseguiti numerosi lavori di restauro degli edifici e dei reperti, che continuano tuttora. Gli archeologi hanno ora una buona visione d’insieme di come era strutturata l’area e del ruolo che ogni edificio svolgeva nell’antichità.

7. Tour per famiglie nell’antica Epidauro. Il sito di Epidauro è uno dei luoghi più popolari da visitare in Grecia. Combina la bellezza naturale di un’antica area sacra e la lunga storia che si rivela davanti a voi. Persone da tutto il mondo vengono qui per comprendere l’antica cultura greca e ammirare gli edifici che portano con sé una storia particolare. Il teatro di Epidauro è il più famoso tra gli edifici grazie alle sue condizioni quasi perfette e all’incredibile acustica ancora oggi. Per questo motivo ogni estate si tengono ancora spettacoli. Le famiglie amano questa destinazione non solo in estate, ma tutto l’anno. Qui voi e la vostra famiglia potrete passeggiare tra gli alberi che circondano il santuario e scoprire le sue rovine. Ogni giorno si svolgono in loco diversi tour con guide turistiche professionali e autorizzate. Epidauro con altre destinazioni vicine in una gita di un giorno o anche come parte di un tour di più giorni. Potete anche scegliere tra tour privati o semi-privati. La maggior parte dei tour parte da Atene, Nauplia o Corinto.

Leggi anche: Mare in Grecia, le spiagge e le isole più belle

Cosa visitare vicino a Epidauro

L’antica Epidauro si trova in una delle zone più belle della Grecia, il Peloponneso. Il Peloponneso ha una lunga storia che si perde nella mitologia. Qui si trovano altre città antiche straordinarie e uniche. Voi e la vostra famiglia sarete entusiasti di poter visitare altri luoghi che hanno avuto un ruolo importante nell’antichità e che non sono lontani da Epidauro.

  1. L’antica Corinto e il Canale di Corinto: L’antica Corinto era considerata una delle città più ricche dell’antica Grecia. Fu un centro commerciale per molti secoli. Vi si venerava Apollo fin dal VII secolo a.C… Altri monumenti di questo sito includono l’Acrocorinto (Acropoli di Corinto), il mercato, il Ginnasio e un altro Asklepieion. Distanza: 74 km da Epidauro
  2. Micene: La storia di Micene inizia nel XIX secolo a.C. Era una ricca città militare che ha dato il nome a un’intera civiltà! Il luogo è famoso per le sue mura ciclopiche e per il tesoro di Atreo. All’ingresso, scoprirete anche la Porta dei Leoni che orna le mura della città. Distanza: 46 km da Epidauro
  3. Nauplia: è uno dei luoghi più belli e romantici della Grecia continentale che si affaccia sul mare. Nauplia offre l’opportunità di conoscere una città medievale con l’imponente Fortezza Palamid, la Fortezza Bourtzi e i piccoli vicoli e piazze. Distanza: 27 km da Epidauro
  4. Nemea: Nel sito archeologico di Nemea, scoprirete il Santuario di Zeus, costruito nel VI secolo. Nel sito potrete anche esplorare le strutture sportive che risalgono ai Giochi Nemei, uno dei Giochi Panellenici. I Giochi di Nemea erano uno degli eventi sportivi più importanti come i Giochi Olimpici. Distanza: 64 km da Epidauro

Come raggiungere l’antica Epidauro

Il modo migliore per visitare l’antica Epidauro è fare una gita di un giorno con una guida turistica autorizzata. Ci sono numerosi tour che si possono fare a seconda del punto di partenza. Il punto di partenza più comune è Atene. Atene dista 148 km dall’antica Epidauro. Se preferite visitare il sito archeologico in privato con la vostra famiglia, potete prendere un taxi da qualsiasi località o anche noleggiare un’auto. Questo è probabilmente il modo più veloce.

Quanto tempo ci vuole per visitare l’antica Epidauro?

L’antica Epidauro è un sito archeologico con numerose cose da vedere ed esplorare. Si consiglia di trascorrere da 1 a 2 ore nell’area esterna, dove si trovano il Santuario di Asclepio e il Teatro Antico. Potete dedicare altri 30 minuti alla visita del Museo Archeologico di Epidauro, che si trova all’interno del sito. Lo troverete tra il Santuario di Asclepio e il Teatro Antico.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento