Cosa vedere a Forlì

Forlì è un comune romagnolo, noto anche come Cittadone, che per molto tempo è stata la città più popolosa della regione. Si trova in una posizione strategica che permette di visitare altri comuni interessanti della provincia di Forlì-Cesena, sia sul mare della Riviera che tra le prime colline dell’Appennino. Ma ci sono anche altri motivi per cui vale la pena visitare Forlì, tra cui la sua deliziosa cucina. Qui si possono gustare molte specialità tipiche della Romagna, come la piadina, i cappelletti e le lasagne al forno, oltre al pregiato vino Sangiovese. Se state pianificando un viaggio anche solo per un week-end, ecco una guida su cosa vedere, dove mangiare e cosa fare la sera a Forlì e dintorni.

Cosa vedere a Forlì, 10 posti imperdibili

Cosa vedere a Forlì? Ci sono molte attrazioni che vale la pena visitare, come il Museo Civico Archeologico, che ospita una vasta collezione di reperti archeologici, e il Palazzo Comunale, una magnifica struttura rinascimentale che si trova nel cuore della città. Il centro storico di Forlì è anche ricco di chiese e basiliche, come la Chiesa di San Mercuriale, un importante luogo di culto della città.

Ma Forlì offre molto di più. Se siete amanti della natura, potete visitare il Parco Urbano Franco Agosto, un’oasi verde nel cuore della città. Potete anche fare una passeggiata sulla via degli Dei, un percorso che collega Bologna a Firenze e che attraversa la bellissima campagna dell’Appennino.

Se siete interessati alla storia, non perdete la Rocca di Ravaldino, una fortezza del XV secolo che ha giocato un ruolo importante durante la signoria dei Malatesta. E per una giornata al mare, potete raggiungere la Riviera romagnola in meno di un’ora di auto.

Cosa visitare a Forlì e dintorni? Ci sono molti altri comuni interessanti da visitare nella provincia di Forlì-Cesena. Ad esempio, potete visitare Cesena, una città medievale famosa per la Biblioteca Malatestiana, considerata la prima biblioteca pubblica d’Europa.

Anche la città di Bertinoro, situata su una collina, è una meta ideale per gli amanti del vino, con molte cantine che offrono degustazioni di vini locali. Infine, non perdetevi la splendida cittadina di Castrocaro Terme e Terra del Sole, famosa per le sue acque termali e le sue antiche rovine romane.

Per quanto riguarda la cucina, Forlì offre molte opzioni per mangiare bene. Ci sono molti ristoranti che servono piatti tipici della Romagna, come la piadina e le lasagne al forno. Ma potete anche trovare ristoranti di cucina internazionale e street food. Se siete alla ricerca di una serata divertente, potete provare uno dei numerosi bar e locali notturni presenti in città.

In conclusione, Forlì è una meta ideale per una breve vacanza o un week-end, grazie alla sua posizione strategica, alla sua cultura, alla sua cucina e alle sue numerose attrazioni. Ci sono molte cose da vedere e fare, sia nella città stessa che nei dintorni. Quindi, se state cercando una meta interessante e poco conosciuta in Italia, Forlì potrebbe essere la scelta giusta.

Inoltre, se vi piace la natura e lo sport, ci sono molte attività all’aria aperta da fare, come trekking, mountain bike e arrampicata. Inoltre, Forlì e dintorni offrono molte opportunità per gli appassionati di arte e cultura, con numerosi musei e gallerie d’arte da visitare.

Infine, se state cercando una vacanza all’insegna del relax, potete godere delle numerose terme e dei centri benessere presenti nella zona. Inoltre, Forlì offre molte opzioni di shopping, con negozi di moda e artigianato locale.

In conclusione, se state cercando una meta interessante e poco conosciuta in Italia, Forlì potrebbe essere la scelta giusta per voi. Con la sua posizione strategica, la sua cultura, la sua cucina e le sue numerose attrazioni, Forlì offre molte opportunità per trascorrere un week-end o una breve vacanza all’insegna della scoperta e del divertimento.

Piazza Aurelio Saffi

Piazza Saffi rappresenta il cuore della città e si trova al centro dei quattro corsi principali. Al suo centro è possibile ammirare la statua di Aurelio Saffi, un importante personaggio politico del Risorgimento Italiano. Questa piazza è circondata da alcuni dei palazzi più prestigiosi di Forlì e con i suoi 87 metri di larghezza è una delle piazze più grandi d’Italia.

Il nome della piazza è stato modificato più volte nel corso degli anni. In passato era conosciuta come Piazza Maggiore fino all’Unità d’Italia, successivamente fu dedicata a Vittorio Emanuele II e ad Aurelio Saffi con l’inaugurazione del monumento a lui dedicato. Durante la Seconda Guerra Mondiale, per un breve lasso di tempo, la piazza fu denominata anche Saint Andrew Square.

La piazza è situata nel cuore del centro storico di Forlì e può essere raggiunta a piedi percorrendo Corso Giuseppe Mazzini per 5 minuti. Se deciderai di visitare questa piazza, avrai l’opportunità di ammirare alcuni dei luoghi più prestigiosi della città di Forlì e dintorni.

Abbazia di San Mercuriale

Il luogo più famoso e conosciuto di Forlì è l’Abbazia di San Mercuriale, che si trova nella piazza centrale della città, chiamata Piazza Aurelio Saffi. Questo edificio è considerato uno dei simboli più importanti dell’intera regione Emilia-Romagna. Accanto all’abbazia ci sono il campanile e il relativo chiostro. Il Chiostro di San Mercuriale è una grande area aperta al centro e circondata da corridoi coperti. Questi corridoi portano ai principali luoghi del convento.

Quando fu costruito, il campanile era considerato uno dei monumenti più belli del Regno d’Italia. Fu addirittura usato come modello per la costruzione di altri campanili in Italia, sia in Romagna che altrove, come il famoso Campanile di San Marco a Venezia.

Durante la celebrazione della Madonna del Fuoco del 4 febbraio, è possibile visitare il Campanile di San Mercuriale e salire i suoi 273 gradini (l’accesso è aperto dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 16:00 alle 18:00).

Per raggiungere l’abbazia, bisogna andare in Piazza Aurelio Saffi e poi seguire Corso Giuseppe Mazzini a piedi per circa 5 minuti. L’abbazia è aperta dalle 7:30 alle 19:00 e l’ingresso è gratuito.

In sintesi, se ti stai chiedendo cosa visitare a Forlì e dintorni, l’Abbazia di San Mercuriale, con il suo campanile e il chiostro, è un’attrazione imperdibile che rappresenta una parte importante della storia e dell’architettura della regione. E se sei fortunato, potresti persino avere la possibilità di salire in cima al campanile durante la celebrazione della Madonna del Fuoco del 4 febbraio!

Cattedrale di Santa Croce

Il Duomo di Forlì, conosciuto anche come Cattedrale di Santa Croce, è un luogo di culto situato nella Piazza del Duomo ed è la sede del vescovo della diocesi di Forlì-Bertinoro. All’interno della cattedrale, è possibile ammirare la xilografia della Madonna del Fuoco, che rappresenta la patrona della diocesi. Inoltre, sotto l’arco di sostegno della cupola, si trova la tomba di Carlo Cignani, un famoso pittore originario di Bologna.

La cattedrale è ricca di opere d’arte meravigliose e vale sicuramente una visita durante il soggiorno a Forlì e dintorni. Per raggiungerla, è possibile recarsi in Piazza Ordelaffi, che si trova a soli 400 metri (5 minuti a piedi) dalla vicina Piazza Aurelio Saffi. In alternativa, è possibile seguire le indicazioni stradali.

La visita alla Cattedrale di Santa Croce è gratuita e gli orari di apertura sono dalle 6:30 alle 12:00 e dalle 16:00 alle 19:00. Se stai pianificando cosa vedere a Forlì e dintorni, non perderti questa importante attrazione turistica, che ti offrirà una panoramica sulla cultura e sull’arte locale.

Musei di San Domenico

Il complesso dei Musei di San Domenico a Forlì è formato da una chiesa, che purtroppo ha perso il tetto e la facciata meridionale, e da due chiostri, uno dei quali è completamente chiuso mentre l’altro è aperto su un lato. Dopo un periodo di abbandono, un importante progetto di restauro ha riportato alla luce le strutture e ora i Musei di San Domenico sono la sede della Pinacoteca e dei musei civici.

Nella Pinacoteca sono presenti numerose opere artistiche che valgono la pena di essere ammirate. Nell’area espositiva dell’ala destra sono mostrati i dipinti più antichi, che vanno dal Trittico con Storie della Vergine e Santi del cosiddetto Maestro di Forlì, fino al Corteo dei Magi del misterioso “Augustinus”, passando per il monumento sepolcrale del Beato Marcolino di Antonio Rossellino e la grande Crocefissione di Marco Palmezzano. Nell’ala sinistra sono collocate le opere di Baldassarre Carrari, Nicolò Rondinelli, Francesco Zaganelli e la pittura rinascimentale romagnola, tra molte altre.

Infine, nella sala finale è possibile ammirare la Fiasca con fiori, una delle nature morte più significative del Seicento, mentre nella sala ovale si può ammirare l’Ebe, celebre opera di Antonio Canova.

Se siete interessati a visitare questi musei a Forlì, potete raggiungerli facilmente a piedi da Piazza Aurelio Saffi in soli 5 minuti, essendo situati in Piazza Guido da Montefeltro, 12. Gli orari di apertura sono dal martedì al venerdì dalle 9:30 alle 19:00, mentre il sabato, la domenica e i giorni festivi dalle 9:30 alle 20:00. La biglietteria chiude un’ora prima della chiusura dei musei. Il costo del biglietto è di €5,00 per l’ingresso intero e €3,00 per il ridotto.

Se cercate cosa vedere a Forlì e dintorni, la Pinacoteca dei Musei di San Domenico è sicuramente una meta da non perdere se siete appassionati di arte e cultura.

Parco Urbano Franco Agosto

Il parco urbano più grande di Forlì, dedicato al primo sindaco della città liberata, si estende su 26 ettari ed è un luogo ideale da visitare a Forlì e dintorni per trascorrere momenti di relax e svago. Il parco ha diversi ingressi, ma i principali sono situati in Via Fiume Montone e in Viale dell’Appennino. Inoltre, è possibile raggiungerlo anche da Piazza Saffi utilizzando un divertente trenino turistico nei pomeriggi feriali alle 16:15, 17:10 e 18:05, oppure in bicicletta seguendo il percorso ciclabile che dal centro conduce direttamente in questo grande polmone verde.

Il territorio del parco è molto vasto e variegato. Una delle caratteristiche più interessanti è la cosiddetta “collina dei conigli”, un luogo sopraelevato da cui è possibile contare decine di tane di conigli liberi e indisturbati. Il parco è anche abitato da una grande varietà di altri animali, come cigni e anatre.

Il parco è dotato di numerosi punti di ristoro, campi da calcetto, pallavolo, basket e giochi per bambini, il che lo rende perfetto per trascorrere momenti di svago e divertimento. Inoltre, la vegetazione rigogliosa del parco crea una splendida cornice verde durante le stagioni della primavera e dell’estate, e un’esplosione di colori durante l’autunno.

Per raggiungere il parco, si può prendere il trenino turistico da Piazza Aurelio Saffi e arrivarci in 20 minuti, oppure si può utilizzare il bus linea 2 fino alla fermata Giardini (il costo del biglietto è di €1,30). Il parco è aperto dalle 7:30 alle 21:00 ed è possibile visitarlo gratuitamente.

In conclusione, se siete alla ricerca di cosa vedere a Forlì, il parco urbano dedicato al primo sindaco della città liberata è sicuramente un luogo da visitare per trascorrere momenti di relax, svago e divertimento immersi nella natura.

Rocca di Ravaldino

La fortezza di Ravaldino è un’antica cittadella medievale che nel corso dei secoli ha subito molte modifiche. Durante il Medioevo, la fortezza era una posizione strategica per difendere la città. Nel XV secolo, fu costruito il complesso che possiamo ancora ammirare oggi.

In passato, la struttura era costituita da corpi separati e circondata da un complesso sistema di fossati, ponti e mura. Al giorno d’oggi, la Rocca di Ravaldino è stata trasformata in una sede espositiva dove vengono organizzate mostre e concerti all’aperto. Inoltre, un’ampia area della fortezza è stata dedicata alle carceri cittadine.

Se desideri visitare la fortezza, è possibile raggiungerla facilmente a piedi partendo da Piazza Aurelio Saffi (a circa 1 km di distanza e 13 minuti di cammino) lungo la Via Giovanni dalle Bande Nere. Tieni presente che è possibile visitare solo il giardino esterno, il cortile interno e le sale espositive in occasione di mostre temporanee. Puoi trovare ulteriori informazioni sugli orari di apertura consultando il sito ufficiale della Rocca di Ravaldino.

Se stai cercando cosa vedere a Forlì, la Rocca di Ravaldino è sicuramente uno dei luoghi che ti consiglio di visitare. E se hai più tempo a disposizione e vuoi scoprire cosa vedere a Forlì e dintorni, ti suggerisco di continuare a esplorare la città, scoprendone i suoi tesori artistici e culturali.

Palazzo Romagnoli

Il Palazzo Romagnoli-Reggiani è un edificio situato a Forlì, in Emilia-Romagna, e prende il nome dalla famiglia Romagnoli che si trasferì in città nel 1806. L’edificio fu in seguito utilizzato dall’Esercito come sede del distretto militare della Provincia di Forlì per la visita medica di leva.

Oggi, il palazzo ospita le Collezioni civiche del Novecento e rappresenta una delle principali attrazioni da vedere a Forlì e dintorni. Al piano terra è possibile ammirare la Collezione Verzocchi in una esposizione permanente, mentre al primo piano si trova una selezione di opere di Morandi della Donazione Righini. Inoltre, sono presenti le sculture di Wildt legate alla figura di Raniero Paulucci de Calboli e “La grande Romagna”.

Per visitare il Palazzo Romagnoli-Reggiani, è possibile raggiungerlo facilmente a piedi da Piazza Aurelio Saffi (550 m, 7 min) in Via Cesare Albicini 12. Gli orari di apertura sono dal martedì al venerdì dalle 9:30 alle 19:00, mentre il sabato, la domenica e i festivi dalle 9:30 alle 20:00. La biglietteria chiude un’ora prima della chiusura del palazzo. Il costo del biglietto intero è di €5,00, mentre quello ridotto è di €3,00.

In sintesi, il Palazzo Romagnoli-Reggiani è un importante luogo da visitare a Forlì, in cui è possibile ammirare le Collezioni civiche del Novecento. Grazie alla sua posizione centrale, è facilmente raggiungibile a piedi da Piazza Aurelio Saffi, e gli orari di apertura lo rendono un’opzione ideale per una visita durante il fine settimana o durante le festività.

Bertinoro

Se visitare Forlì non vi basta e volete allontanarvi per scoprirne i dintorni, allora potete raggiungere Bertinoro. Si tratta di un magico borgo medievale situato tra le prime colline romagnole, a 25 minuti circa di macchina da Forlì, e sorge sulla cima del Monte Cesubeo. 11 borghi della Toscana da visitare

L’atmosfera che si respira in questo paese è serena e lenta, la Porta San Romano è quella che accoglie chi arriva da Forlì. Bertinoro non avrà molte attrazioni da offrire ma merita la visita se ci si trova nella zona, è definito da molti “il balcone della Romagna” per la sua posizione panoramica. Il monumento di cui vanno più fieri i cittadini è la cosiddetta Colonna dell’Ospitalità, il vero nome è Colonna degli Anelli, che testimonia l’indole ospitale dei bertinoresi.

Il Borgo dista 25 minuti in auto percorrendo la SS9 (Ottieni indicazioni), ma si può raggiungere anche con i mezzi. Dalla stazione di Forlì, prendere la linea 92 dei bus della Start Romagna fino a Forlimpopoli, poi cambiare con la 121 fino a Bertinoro (€2,10),

Cesena

Forlì-Cesena è la provincia capoluogo in cui si trova una città di grande interesse storico e culturale: Forlì. Questa città è immersa in un territorio pieno di bellezze artistiche ed è situata vicino alla Riviera romagnola. La città è vivace e popolata, sempre animata da eventi culturali e con un passato storico prezioso. Inoltre, Forlì si trova a metà strada tra le colline romagnole e il mare, circondata da città come Ravenna, Cesenatico, Bertinoro e Cervia, offrendo un’ampia scelta di cosa vedere a Forlì e dintorni.

Nella città di Cesena, situata a soli 30 minuti di auto da Forlì e raggiungibile anche in treno in appena 12 minuti al costo di €2,20, si possono ammirare chiese e palazzi di grande interesse storico e artistico. Fra i principali monumenti del centro storico di Cesena si annoverano l’Abbazia di Santa Maria del Monte, la Cattedrale di San Giovanni Battista e il Palazzo Ghini, mentre antiche mura e porte intatte lo delimitano.

Nonostante ciò, il simbolo più rappresentativo della città è la Rocca Malatestiana, che un tempo fungeva da fortezza difensiva ma che oggi si distingue come una delle più grandi dell’intera regione romagnola. La Rocca Malatestiana comprende due torri, note come Maschio e Femmina, all’interno delle quali sono ospitati il Museo di storia dell’agricoltura e l’esposizione permanente di ceramiche malatestiane.

In conclusione, visitare Forlì e Cesena significa immergersi in un patrimonio storico e culturale di grande valore. Tra cosa vedere a Forlì e dintorni, Cesena rappresenta una tappa imprescindibile.

Forlimpopoli

Forlimpopoli, una località situata strategicamente lungo la Via Emilia che collega montagna, pianura e mare, è un luogo incantevole da visitare a Forlì e dintorni. A causa della somiglianza dei nomi, è stata chiamata “Forlì piccolo” in relazione alla città più grande di Forlì.

È una tappa obbligata per i turisti e gli amanti dell’architettura che si fermano qui per ammirare l’imponente Rocca Albornoziana, che domina la piazza principale. La Rocca Albornoziana è un simbolo iconico di Forlimpopoli, oggi ospita il municipio e nei suoi sotterranei si trovano le sale del Museo Civico che custodiscono reperti paleolitici, romani e medievali. I turisti possono apprezzare la bellezza dell’architettura e godere di una vista mozzafiato dalla sommità della Rocca.

Inoltre, Forlimpopoli è famosa per la Segavecchia, uno dei carnevali più importanti e longevi della Romagna. Questa festa attrae turisti da tutto il mondo che vogliono partecipare alle celebrazioni e godere della tradizione locale. La Segavecchia è un’esperienza unica e coinvolgente per tutti i visitatori che vogliono scoprire la cultura e la storia di questa affascinante località.

Forlimpopoli si trova a soli 17 minuti di auto da Forlì e può essere raggiunta anche con il bus 92 della Start Romagna in partenza dalla Stazione di Forlì al costo di €2,10. In sintesi, Forlimpopoli è una località che vale la pena visitare a Forlì e dintorni, sia per la bellezza del paesaggio che per la sua ricca storia e tradizione culturale. Se vi state chiedendo cosa vedere a Forlì, la Rocca Albornoziana e la Segavecchia sono assolutamente da non perdere.

Cosa vedere a Forlì in un giorno

Se volete visitare Forlì e dintorni, ci sono diverse attrazioni turistiche che non potete perdere. Iniziate la vostra giornata facendo colazione al bar Saffi 25, situato nel centro di Piazza Aurelio Saffi, una delle piazze più grandi d’Italia. Dopo la colazione, potete visitare l’Abbazia di San Mercuriale e la Cattedrale di Santa Croce, due importanti edifici della città che si trovano a breve distanza l’uno dall’altro. Passeggiando per le strade del centro storico, raggiungete i Musei di San Domenico, dove potrete ammirare la Pinacoteca e i musei civici.

Dopo una mattinata intensa, potete fermarvi per pranzo all’Osteria Don Abbondio, appena fuori città. Nel pomeriggio, vi consigliamo di fare tappa alla Rocca di Ravaldino, situata in Via Caterina Sforza, a soli 10 minuti a piedi dal centro storico. Qui potrete visitare il giardino esterno, il cortile interno e alcune sale in occasione di mostre temporanee. Se la Rocca è chiusa o non ci sono eventi in programma, potete visitare il Palazzo Romagnoli, che ospita le collezioni civiche del Novecento.

Per un’esperienza unica, potete prendere un trenino turistico che parte da Piazza Aurelio Saffi alle 16:15, 17:10 o 18:05 e arriva al Parco Urbano Franco Agosto. Qui potrete ammirare numerose meraviglie naturali, tra cui la famosa “collina dei conigli”. Per tornare nel centro storico di Forlì, potete prendere il bus linea 2, che costa €1,30.

Infine, per concludere la vostra giornata in bellezza, non perdetevi l’opportunità di assaggiare i piatti tipici romagnoli all’Osteria del Mercato. Con queste attrazioni da visitare, non avrete certo il tempo di annoiarvi. Quindi, se vi state chiedendo cosa vedere a Forlì e dintorni, ecco una lista di cose da fare che vi terranno impegnati per tutta la giornata.

Dove mangiare a Forlì

Se stai pianificando di visitare Forlì e dintorni, ci sono molte opzioni di ristoranti che offrono prelibatezze locali a prezzi accessibili.

Tra questi, l’Osteria del Mercato, situata in Piazza Camillo Benso Conte di Cavour, 24, offre un menu romagnolo tradizionale e dolci artigianali, il tutto in un’atmosfera familiare. Il prezzo medio a persona è di €35,00.

L’Osteria Don Abbondio, situata in Piazza Guido da Montefeltro, 16, è un’alternativa altrettanto gustosa, con specialità locali e un’ampia scelta di vini serviti in un ambiente accogliente con arredi in legno e scritte sui muri. Il prezzo medio a persona qui è di €40,00.

Se stai cercando una trattoria con un tocco creativo, la Trattoria Petito in Viale Filippo Corridoni, 14, potrebbe fare al caso tuo. Qui, puoi gustare piatti tipici rivisitati in un ambiente moderno e intimo, a un prezzo medio di €25,00 a persona.

Se invece vuoi provare una cucina romagnola autentica, l’Osteria Nascosta in Via Edmondo de Amicis, 1, potrebbe essere la scelta giusta. Questo locale è piccolo ma intimo ed accogliente, e utilizza ingredienti di ottima qualità per creare piatti tipici con un tocco di originalità. Il prezzo medio a persona qui è di €20,00.

Infine, se preferisci una cucina italiana più tradizionale, il Ristorante Da Vinci in Corso Armando Diaz, 15, offre piatti della tradizione con un tocco di modernità. Il prezzo medio a persona qui è di €30,00.

In sintesi, se sei alla ricerca di ottimi ristoranti da visitare a Forlì e dintorni, questi cinque luoghi sono sicuramente da considerare, ognuno con la propria offerta gastronomica unica e prezzi accessibili.

Cosa fare la sera a Forlì: zone della movida e migliori locali

Se stai cercando di trascorrere una serata a Forlì e dintorni, c’è una vasta gamma di opzioni tra cui scegliere, tra locali e bar aperti fino a tarda notte, dove puoi gustare ottimi cocktail in compagnia. Le strade principali del centro storico sono il luogo di incontro per giovani e meno giovani, sia per chi cerca divertimento che per chi vuole solo godersi una birra con gli amici. Ecco qui di seguito cinque locali che potresti visitare:

Il Controsenso Club è una discoteca locale, molto popolare tra i giovani e gli amanti della musica house. Qui potrai ballare e divertirti tutta la notte. Il club si trova in Via dei Filergiti, 30, e puoi trovare tutte le informazioni sulla loro pagina Facebook.

Naima è un grande locale situato fuori dal centro storico di Forlì, che offre serate di musica dal vivo e spettacoli. Si trova in Via Somalia, 2, e puoi trovare maggiori informazioni sulla loro pagina Facebook.

Oltremodo Birreria è un pub che rimane aperto fino a tarda notte, situato in una delle strade principali della città. Qui potrai gustare birre, cocktail e shot scontati. Il pub si trova in Corso Giuseppe Garibaldi, 56, e puoi trovare maggiori informazioni sulla loro pagina Facebook.

Il Diagonal Loft Club è un pub con terrazza, che offre musica dal vivo e un’ampia scelta di birre e cocktail. Si trova in Viale Livio Salinatore, 101, e puoi trovare maggiori informazioni sulla loro pagina Facebook.

Infine, l’Ottantadue Music Club è un ristorante con cocktail bar e musica dal vivo. Si trova in Corso Giuseppe Garibaldi, 82, e puoi trovare maggiori informazioni sulla loro pagina Facebook.

In breve, se vuoi visitare Forlì e stai cercando un posto dove trascorrere una serata divertente, questi locali sono sicuramente da prendere in considerazione. Ogni locale ha la propria offerta e atmosfera unica, quindi non ti resta che scegliere quello che meglio soddisfa le tue preferenze e i tuoi gusti.

Di Barbaro Antonietta

Amo tanto viaggiare, per questo ho deciso di parlare delle mie esperienze e di condividerle qui con voi. Amo tanto, ma proprio tanto il sole, il mare e i cani. Se vi piacciono i miei articoli me lo lasciate un messaggino?

Lascia un commento